Allerta Usa sui viaggi, rischio nuovi attacchi in Ue

Pubblicato il 23 marzo 2016 da redazione

A banner for the victims of the bombings reads " I am Brussels" at the Place de la Bourse in the center of Brussels, Wednesday, March 23, 2016. (ANSA/AP Photo/Martin Meissner)

A banner for the victims of the bombings reads ” I am Brussels” at the Place de la Bourse in the center of Brussels, Wednesday, March 23, 2016. (ANSA/AP Photo/Martin Meissner)

WASHINGTON. – Sale la tensione in Usa dopo gli attentati Isis a Bruxelles, con un ‘travel alert’ del Dipartimento di Stato americano che avvisa i cittadini statunitensi dei “rischi di viaggiare in tutta Europa”, almeno sino al 20 giugno, per la minaccia di altri attacchi “a breve termine”, in particolare in eventi sportivi, siti turistici, ristoranti e mezzi di trasporto. L’invito, di buon senso, è quello di essere vigili nei luoghi pubblici, evitare i posti affollati ed avere una cautela speciale durante le feste religiose (domenica è Pasqua, ndr) e i grandi eventi.

Ma, mentre spuntano falsi allarmi (agli aeroporti di Denver e Atlanta) e si allunga la lista di feriti (una dozzina) e scomparsi americani (numero ancora imprecisato), cresce anche il dilemma del presidente Barack Obama: il presidente vuole evitare un maggior impegno in Medio Oriente ma fatica a rassicurare un’opinione pubblica sempre più inquieta sullo sfondo di una crescente pressione anche elettorale, in particolare da parte dei repubblicani, con Ted Cruz che propone di rafforzare il controllo nei quartieri musulmani, appoggiato subito dal frontrunner Donald Trump, favorevole anche al bando temporaneo delle persone di fede islamica negli Usa.

Obama è costretto a intervenire ancora durante la sua visita a Buenos Aires, come a Cuba, dove si è dovuto difendere dalle accuse di Trump e Cruz di non aver interrotto il viaggio per tornare in patria a coordinare la risposta americana. Dopo aver offerto assistenza a Bruxelles nelle indagini, il presidente ha ribadito la sua volontà di distruggere l’Isis ed “eliminare la piaga di questo terrorismo barbarico”: “E’ la mia top priority, e quella dell’intelligence, dell’esercito e dei diplomatici americani”, ha assicurato a fianco del presidente argentino Mauricio Macri.

“Il mondo si deve unire nel combattere il terrorismo, gli Usa possono sconfiggere l’Isis e lo faranno”, ha promesso, sottolineando la necessità anche di bloccare i canali di finanziamento al Califfato. “Perseguiremo l’Isis aggressivamente finché non sarà rimosso da Siria e Iraq e alla fine distrutto”, ha proseguito. “Non c’è una questione nella mia agenda più importante se non la sconfitta del gruppo di miliziani che ha colpito l’Europa, la questione è come farlo in un modo intelligente, efficace”, ha aggiunto, ricordando anche “i molti musulmani che esprimono la loro fede in modo diverso da quello che vuole questo gruppo”.

Per questo ha bocciato l’incendiaria proposta lanciata a New York da Cruz, che aveva accusato il sindaco Bill de Blasio di aver tolto i programmi di sorveglianza nei quartieri islamici della città: “è sbagliata”, “è contraria ai valori americani”, “è controproducente” nella lotta al terrorismo. Pure De Blasio e il capo della polizia della Grande Mela Bill Bratton hanno reagito duramente, chiedendo se “anche i nostri circa mille agenti musulmani sono una minaccia”.

Ma la comunità musulmana americana e le associazioni per i diritti umani sono sempre più preoccupate per l’escalation di proposte contro gli islamici. Obama sta cercando di disinnescare questa miccia, anche con la sua recente, prima visita ad una moschea in America. L’onda lunga degli attacchi a Bruxelles lo costringe tuttavia a riflettere ulteriormente sulla sua prudente linea ‘low profile’ e non pesantemente interventista in un Medio Oriente sempre meno rilevante per gli interessi americani e che gli appare “corrotto”, con leader “inaffidabili” o “scrocconi”, come ha confessato a The Atlantic.

Per ora Obama, come confida una fonte della Casa Bianca al Wp, ha rinunciato a lanciare un’offensiva a Raqqa e a Mosul, le roccaforti Isis in Siria e Iraq, nel timore di lasciare poi un ennesimo vuoto. Ma se non cambierà idea, la sfida più grande per lui sarà quella di trovare il tono giusto per rassicurare il popolo americano, predicando risolutezza e nello stesso tempo moderazione nella più divisiva campagna presidenziale americana.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora