Allerta Usa sui viaggi, rischio nuovi attacchi in Ue

Pubblicato il 23 marzo 2016 da redazione

A banner for the victims of the bombings reads " I am Brussels" at the Place de la Bourse in the center of Brussels, Wednesday, March 23, 2016. (ANSA/AP Photo/Martin Meissner)

A banner for the victims of the bombings reads ” I am Brussels” at the Place de la Bourse in the center of Brussels, Wednesday, March 23, 2016. (ANSA/AP Photo/Martin Meissner)

WASHINGTON. – Sale la tensione in Usa dopo gli attentati Isis a Bruxelles, con un ‘travel alert’ del Dipartimento di Stato americano che avvisa i cittadini statunitensi dei “rischi di viaggiare in tutta Europa”, almeno sino al 20 giugno, per la minaccia di altri attacchi “a breve termine”, in particolare in eventi sportivi, siti turistici, ristoranti e mezzi di trasporto. L’invito, di buon senso, è quello di essere vigili nei luoghi pubblici, evitare i posti affollati ed avere una cautela speciale durante le feste religiose (domenica è Pasqua, ndr) e i grandi eventi.

Ma, mentre spuntano falsi allarmi (agli aeroporti di Denver e Atlanta) e si allunga la lista di feriti (una dozzina) e scomparsi americani (numero ancora imprecisato), cresce anche il dilemma del presidente Barack Obama: il presidente vuole evitare un maggior impegno in Medio Oriente ma fatica a rassicurare un’opinione pubblica sempre più inquieta sullo sfondo di una crescente pressione anche elettorale, in particolare da parte dei repubblicani, con Ted Cruz che propone di rafforzare il controllo nei quartieri musulmani, appoggiato subito dal frontrunner Donald Trump, favorevole anche al bando temporaneo delle persone di fede islamica negli Usa.

Obama è costretto a intervenire ancora durante la sua visita a Buenos Aires, come a Cuba, dove si è dovuto difendere dalle accuse di Trump e Cruz di non aver interrotto il viaggio per tornare in patria a coordinare la risposta americana. Dopo aver offerto assistenza a Bruxelles nelle indagini, il presidente ha ribadito la sua volontà di distruggere l’Isis ed “eliminare la piaga di questo terrorismo barbarico”: “E’ la mia top priority, e quella dell’intelligence, dell’esercito e dei diplomatici americani”, ha assicurato a fianco del presidente argentino Mauricio Macri.

“Il mondo si deve unire nel combattere il terrorismo, gli Usa possono sconfiggere l’Isis e lo faranno”, ha promesso, sottolineando la necessità anche di bloccare i canali di finanziamento al Califfato. “Perseguiremo l’Isis aggressivamente finché non sarà rimosso da Siria e Iraq e alla fine distrutto”, ha proseguito. “Non c’è una questione nella mia agenda più importante se non la sconfitta del gruppo di miliziani che ha colpito l’Europa, la questione è come farlo in un modo intelligente, efficace”, ha aggiunto, ricordando anche “i molti musulmani che esprimono la loro fede in modo diverso da quello che vuole questo gruppo”.

Per questo ha bocciato l’incendiaria proposta lanciata a New York da Cruz, che aveva accusato il sindaco Bill de Blasio di aver tolto i programmi di sorveglianza nei quartieri islamici della città: “è sbagliata”, “è contraria ai valori americani”, “è controproducente” nella lotta al terrorismo. Pure De Blasio e il capo della polizia della Grande Mela Bill Bratton hanno reagito duramente, chiedendo se “anche i nostri circa mille agenti musulmani sono una minaccia”.

Ma la comunità musulmana americana e le associazioni per i diritti umani sono sempre più preoccupate per l’escalation di proposte contro gli islamici. Obama sta cercando di disinnescare questa miccia, anche con la sua recente, prima visita ad una moschea in America. L’onda lunga degli attacchi a Bruxelles lo costringe tuttavia a riflettere ulteriormente sulla sua prudente linea ‘low profile’ e non pesantemente interventista in un Medio Oriente sempre meno rilevante per gli interessi americani e che gli appare “corrotto”, con leader “inaffidabili” o “scrocconi”, come ha confessato a The Atlantic.

Per ora Obama, come confida una fonte della Casa Bianca al Wp, ha rinunciato a lanciare un’offensiva a Raqqa e a Mosul, le roccaforti Isis in Siria e Iraq, nel timore di lasciare poi un ennesimo vuoto. Ma se non cambierà idea, la sfida più grande per lui sarà quella di trovare il tono giusto per rassicurare il popolo americano, predicando risolutezza e nello stesso tempo moderazione nella più divisiva campagna presidenziale americana.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

21:54Calcio: Inter-Bologna, Gabigol esordio da titolare

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Gabigol per la prima volta titolare contro il Bologna in Coppa Italia. Il giovane attaccante brasiliano partirà dal primo minuto, al fianco di Joao Mario e Eder, con Palacio unica punta. Una chance importante per Barbosa che finora e' stato utilizzato solo nei minuti finali di tre partite di campionato. Una gestione che ha sollevato molte polemiche, soprattutto da parte dell'agente che aveva anche ipotizzato il trasferimento in prestito del giocatore. Gabigol, costato quasi 30 milioni di euro, questa sera negli ottavi di Coppa Italia avrà quindi la possibilità di dimostrare il suo valore. Torna anche Medel, che formera' la coppia di centrali con Murillo. Terzini D'Ambrosio e Ansaldi, mentre a centrocampo confermati Gagliardini e Kondogbia. In porta c'e' Carrizo al posto di Handanovic.

Archivio Ultima ora