In concerto: romanzo di un giovane per i giovani

Pubblicato il 24 marzo 2016 da redazione

concorso2

Giulio Greco in Italia è per i suoi interventi sulla storia della rivista «Atelier», dal momento che ha dedicato a tale argomento la tesi di laurea, e per diversi lavori sulla poesia contemporanea. Pochi sanno, però, che il giovane coltiva diverse passioni, tra le quali il cinema, il teatro, lo sport, la scrittura e… Lascio questi puntini di sospensione per stuzzicare la curiosità di chi intende affrontare la lettura di un divertentissimo, quanto profondo, romanzo dal significativo titolo In concerto.

Un primo elemento positivo della pubblicazione, che va posto in luce, è la coerenza. Non è un pregio di secondo piano, per il fatto che anche romanzi celebrati, come La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, si presentano in modo assai disorganico con personaggi privi di aggancio con la trama fondamentale.

La coerenza (da cohaereo, essere organicamente unito) è rintracciabile fin dal titolo, aperto a significati plurimi, che in primo luogo riprende il Leitmotif del Concerto per flauto e arpa di Mozart nello scandire alcuni momenti importanti della narrazione e che si apre a una ricerca di valore sentimentale e morale che riguarda il rapporto del protagonista, Andrea, con se stesso, con gli amici e con Asia, la ragazza di cui è innamorato e che studia arpa al Conservatorio.

La parola “concerto”, che etimologicamente deriva da concertare, gareggiare, lottare, comporta, infatti, la tensione di elementi discordanti che alla fine trovano una concorde armonia.

La coerenza si gusta anche nell’intreccio che si snoda in otto giorni durante i quali il protagonista vive una serie di esperienze che culminano nello Spannung dell’ultimo incontro con la ragazza amata. Personaggi, situazioni, incontri casuali («Non c’è nulla di casuale» afferma un personaggio) concorrono a definire un pianeta sconosciuto alla maggior parte degli adulti, il mondo giovanile.

Chi presta attenzione a questa “galassia” non può non accorgersi che il mondo negli ultimi trent’anni è cambiato a tal punto che tra le generazioni si è frapposto un vero e proprio abisso.

Il romanzo testimonia appunto che il rapporto generazionale oggi più che mai è diventato estremamente complicato, come si nota durante i dialoghi di Andrea con la madre. Questa cerca di inculcare nel figlio l’ideale della vita tranquilla, fondata sul lavoro fisso e sull’indipendenza, mentre quello insegue il sogno di una precaria occupazione come bartender.

Questo non significa che gli unici legami siano improntati alla conflittualità, tutt’altro; il protagonista allaccia rapporti profondi con persone anziane, con Michel, in primo luogo, il suo maestro nell’arte della preparazione dei cocktail, sempre presente nella sua vita con il ricordo dei suoi insegnamenti, poi con il taxista mussulmano, con la pittrice belga, esperienza di vita fondamentali per la maturazione personale del protagonista.

I due requisiti fondamentali di questo mondo sono l’amicizia e l’amore. Pierre, Fred, il fratello Bernard e Arrigo, di vent’anni più anziano, riempiono la sua vita con i loro problemi e con la condivisione di passione e di ideali. Sincero e affascinante è questo sentimento che lega Andrea a loro e lo aiuta a vivere in pienezza, perché può fidarsi degli amici come di se stesso.

E poi l’amore… quante donne? Asia, Samantha, Paola, Isa, Charlotte… italiane, tedesche, francesi: Andrea è ammalato di sesso al punto di riconoscere la sua vulnerabilità, temuta e desiderata nello stesso tempo, vissuta con passione e con leggerezza, percepita come soddisfazione di continue conquiste e come scacco di fronte a sentimenti più profondi.

Il rapporto con il mondo femminile domina completamente l’interiorità del protagonista, proiettato, per così dire, all’interno di una sola dimensione. A volte ne è protagonista, a volte è succube, sempre “incasinato” nel fronteggiare situazioni complicate tra l’uno e l’altro rapporto, che danno vita a scene gustosissime, tracciate con ironica leggerezza.

Ma ci si limita al sesso? La giovinezza va spesa unicamente nella soddisfazione fisica? Esiste unicamente la gioia di una conquista provvisoria? Le ragazze non mirano ad altro che a vivere un momento di intimità con un bel ragazzo? Il mondo giovanile non si apre a una dimensione diversa?

E la capacità del narratore si rivela proprio nella “complessità”, nella rappresentazione a tutto tondo dei personaggi, tutti ben delineati con tratti che rimangono impressi nella mente: la madre “rompicoglioni”, il vicepreside gay che ospita Fred e Andrea, che si recano nella sua scuola per un lavoro, la pittrice belga, al cui vernissage partecipa il protagonista, il maresciallo dei carabinieri che riceve la sua testimonianza per un fatto increscioso capitato all’amico Pierre, come pure Marcello, il compagno della madre, che dimostra un’insospettata capacità di comprensione, le diverse ragazze, dall’appassionata, all’assetata di sesso, dalla sentimentale alla “sanguisuga”.

Colpisce il lettore il dinamismo con cui l’autore narra le vicende, attraverso le quali assistiamo a trasformazioni, a crescite, a rivelazioni, proprio come accade nella vita. Non ci troviamo di fronte a “manichini”, predefiniti come nella commedia dell’arte, i quali devono “incarnare” un’idea per costruire una vicenda o per diventare attori di un contrasto che confeziona l’intreccio.

I personaggi sono immersi profondamente nella realtà, a volte dominatori, a volte dominati, non “vinti” dal destino, a volte vincitori, a volte sconfitti, non sempre trionfatori come nei film. Anche l’irresistibile protagonista conosce momenti di sconforto, di disorientamento, di solitudine. Ma il tratto che lo contraddistingue è la sua capacità di lottare: è convinto che sempre esiste una soluzione, occorre ingegnarsi a trovarla, come accade nella difficile conquista del suo amore, Asia.

La vicenda si irraggia dalla provincia di Novara, a Verbania, ad Alessandria, a Como, a Parigi in un turbinio di occorrenze che tengono il lettore con il fiato sospeso, teso verso un finale inaspettato non solo per la soluzione, ma soprattutto per l’atmosfera…

In modo appropriato si può parlare di Bildunsgroman, perché l’amore, forse il vero protagonista, costituisce lo strumento attraverso il quale Andrea, donnaiolo impenitente, scopre in sé una realtà più autentica, quella del sentimento profondo che coinvolge la totalità del rapporto con la donna.

Lo stile, pur improntato alla chiarezza, alla trasparenza e alla comunicazione, riprende il linguaggio giovanile senza cadere in una acritica mimesi. I dialoghi, anche nel lessico, sanno caratterizzare i personaggi, come avviene durante il colloquio con la pittrice belga o durante la catechesi familiare della madre del protagonista.

Raffinati, poi, sono i passi improntati al sesso: qui l’autore sa coinvolgere il lettore senza cadere nella pornografia, per mezzo di una grazia e di un sottile umorismo con cui riscatta la passione.

Non si può, inoltre, dimenticare un aspetto singolare: Andrea non si limita a raccontare le vicende, ma ama esprimere finissime valutazioni, spesso potenziate da citazioni letterarie. Vezzo? No senz’altro. Anche in questo caso egli allarga la sua Weltanschauung all’esperienza della bellezza sia essa incarnata nella sensualità di un corpo femminile sia essa colta nel tramonto sul lago di Como sia essa fonte di meditazione e di comprensione dell’inestricabile flusso dell’esistenza.

E che non sia inutile sfoggio di cultura, lo si può vedere anche dalla premessa, in cui l’autore ha voluto tracciare in modo estremamente sintetico la sua concezione filosofica della vita, ritratta nella metafora del “concerto”: tout se tien, direbbero i francesi.

Nell’attuale panorama della narrativa italiana, un romanzo fresco, dinamico, accattivante e coinvolgente come questo di Giulio Greco potrebbe rappresentare una diversa modalità di scrittura, capace di unire vita e arte, leggerezza e profondità, riflessione e dinamismo, come avviene nei migliori film… Non dimentichiamo, infatti, che l’autore lavora nel settore dello spettacolo e che è protagonista del film On air. Storia di un successo, dedicato alla carriera radiofonica di Marco Mazzoli, l’indiscusso protagonista dello Zoo di Radio105.

Si sa, come esistono giovani privi di iniziativa, di cultura e di entusiasmo, così esistono giovani intraprendenti, riflessivi e culturalmente ben equipaggiati, che non permettono di cadere nel pessimismo a riguardo del futuro.

Giuliano Ladolfi

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora