Confermata la morte dell’italiana Patricia Rizzo

Pubblicato il 25 marzo 2016 da redazione

Patricia Rizzo, da FB

Patricia Rizzo, da FB

BRUXELLES. – Patricia Rizzo è morta. Dopo giorni di attesa e ricerca angosciosa, è stato il cugino Massimo Leonora ad annunciarlo su Facebook. “Purtroppo Patricia non è più con noi”, ha scritto a fianco di una foto insieme. L’avvenuta identificazione della salma della connazionale, uccisa dal kamikaze alla stazione metro di Maelbeek, è stata confermata anche dalla Farnesina. Nata in Belgio, ma originaria di Calascibetta, in provincia di Enna, Patricia era sposata e mamma di un bimbo, e lavorava come funzionaria di un’agenzia europea, la Erc, che si occupa di ricerca.

Riconosciuta tra le vittime di martedì anche Jennifer Scintu, una ragazza tedesca di origini italiane di 29 anni, un altro nome del triste elenco che lentamente si allunga giorno dopo giorno. Nata e cresciuta in Germania, ma di origine sarde, tornava spesso ad Ales, un piccolo paese dell’Oristanese di cui erano originari i nonni.

Al momento dell’esplosione era al check-in del volo Delta per New York, assieme al marito Alex Waetzmann, ora ricoverato in gravi condizioni in un ospedale di Bruxelles. Di lei, non s’è saputo più nulla, sino a quando la Polizia di Aquisgrana, città dove risiedeva, ne ha confermato il decesso. E in effetti, in questi primi giorni concitati, visto che le autorità belghe evitano di fornire dati ufficiali, sono i Paesi di origine a comunicare uno dopo l’altro i nomi delle vittime.

La foto di Jennifer, sorridente, per giorni è stata postata nella pagina Fb creata proprio per fornire notizie sulle persone scomparse, il luogo dove si sta ricomponendo il triste puzzle di chi ha avuto la cattiva sorte di trovarsi nel posto sbagliato, nel momento sbagliato.

Un destino tragico che unisce sinora persone di dieci nazionalità: oltre a quelle di Patricia, di Jennifer e delle tre vittime già registrate ieri – due belghe e una peruviana – si sono aggiunte nelle scorse ore tre olandesi, un cinese, un britannico, una marocchina, un francese e due americani. David Dixon, inglese, è stato riconosciuto grazie a un calco dentale. Aveva mandato un sms rassicurante dopo le esplosioni all’aeroporto ma ha incontrato la morte nella metro, a Maelbeek, andando a lavorare nel suo ufficio di programmatore.

Era belga Bart Migom, 21 anni, studente di marketing, che si stava imbarcando per raggiungere Emily, la sua ragazza, a New York: “Mi ha inviato un messaggino appena sceso dal trenino per arrivare all’aeroporto, poi di lui non ho saputo più nulla”, ha raccontato alla Cnn. Anche lui riconosciuto grazie al Dna. Di passaporto olandese, ma liberiana di nascita, Elita Weah, 41 anni, stava andando a Boston, per i funerali del secondo marito della madre.

Lascia tre figli piccoli, Loubna Lafquiri, belga-marocchina, insegnante di educazione fisica alla scuola musulmana a Schaerbeek, la stessa zona dove vivevano i suoi carnefici. Stavano tornando a casa, a New York, due fratelli olandesi, Alexander e Sascha Pinczowski, poco più che ventenni. Niente da fare neanche per Andrè Adam, diplomatico franco-belga, 79 anni, ex ambasciatore del Belgio in Zaire negli anni ’90 e dopo in Algeria, quindi ambasciatore a Washington e infine rappresentante presso l’Onu.

C’è anche una vittima cinese: è Frank Deng, 24 anni, di passaggio da Zaventem verso la Slovenia. Infine, il caso degli americani, di cui non si sa molto, se non che almeno due dovrebbero essere stati riconosciuti. Manca l’ufficialità ma si pensa siano Justin e Stephanie Shults.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

07:15Pakistan: treno merci contro autocisterna, due morti

ISLAMABAD - Almeno due persone sono morte ed altre 10 sono rimaste ferite ieri sera in Pakistan quando un'autocisterna per il trasporto di carburante si e' bloccata sui binari di un passaggio a livello incustodito nella provincia di Punjab poco prima che sopraggiungesse un treno merci. La tv DawnNews ha indicato che l'incidente e' avvenuto nel distretto di Sheikhupura ed ha coinvolto un convoglio partito da Lahore e diretto a Karachi.

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

Archivio Ultima ora