Confermata la morte dell’italiana Patricia Rizzo

Pubblicato il 25 marzo 2016 da redazione

Patricia Rizzo, da FB

Patricia Rizzo, da FB

BRUXELLES. – Patricia Rizzo è morta. Dopo giorni di attesa e ricerca angosciosa, è stato il cugino Massimo Leonora ad annunciarlo su Facebook. “Purtroppo Patricia non è più con noi”, ha scritto a fianco di una foto insieme. L’avvenuta identificazione della salma della connazionale, uccisa dal kamikaze alla stazione metro di Maelbeek, è stata confermata anche dalla Farnesina. Nata in Belgio, ma originaria di Calascibetta, in provincia di Enna, Patricia era sposata e mamma di un bimbo, e lavorava come funzionaria di un’agenzia europea, la Erc, che si occupa di ricerca.

Riconosciuta tra le vittime di martedì anche Jennifer Scintu, una ragazza tedesca di origini italiane di 29 anni, un altro nome del triste elenco che lentamente si allunga giorno dopo giorno. Nata e cresciuta in Germania, ma di origine sarde, tornava spesso ad Ales, un piccolo paese dell’Oristanese di cui erano originari i nonni.

Al momento dell’esplosione era al check-in del volo Delta per New York, assieme al marito Alex Waetzmann, ora ricoverato in gravi condizioni in un ospedale di Bruxelles. Di lei, non s’è saputo più nulla, sino a quando la Polizia di Aquisgrana, città dove risiedeva, ne ha confermato il decesso. E in effetti, in questi primi giorni concitati, visto che le autorità belghe evitano di fornire dati ufficiali, sono i Paesi di origine a comunicare uno dopo l’altro i nomi delle vittime.

La foto di Jennifer, sorridente, per giorni è stata postata nella pagina Fb creata proprio per fornire notizie sulle persone scomparse, il luogo dove si sta ricomponendo il triste puzzle di chi ha avuto la cattiva sorte di trovarsi nel posto sbagliato, nel momento sbagliato.

Un destino tragico che unisce sinora persone di dieci nazionalità: oltre a quelle di Patricia, di Jennifer e delle tre vittime già registrate ieri – due belghe e una peruviana – si sono aggiunte nelle scorse ore tre olandesi, un cinese, un britannico, una marocchina, un francese e due americani. David Dixon, inglese, è stato riconosciuto grazie a un calco dentale. Aveva mandato un sms rassicurante dopo le esplosioni all’aeroporto ma ha incontrato la morte nella metro, a Maelbeek, andando a lavorare nel suo ufficio di programmatore.

Era belga Bart Migom, 21 anni, studente di marketing, che si stava imbarcando per raggiungere Emily, la sua ragazza, a New York: “Mi ha inviato un messaggino appena sceso dal trenino per arrivare all’aeroporto, poi di lui non ho saputo più nulla”, ha raccontato alla Cnn. Anche lui riconosciuto grazie al Dna. Di passaporto olandese, ma liberiana di nascita, Elita Weah, 41 anni, stava andando a Boston, per i funerali del secondo marito della madre.

Lascia tre figli piccoli, Loubna Lafquiri, belga-marocchina, insegnante di educazione fisica alla scuola musulmana a Schaerbeek, la stessa zona dove vivevano i suoi carnefici. Stavano tornando a casa, a New York, due fratelli olandesi, Alexander e Sascha Pinczowski, poco più che ventenni. Niente da fare neanche per Andrè Adam, diplomatico franco-belga, 79 anni, ex ambasciatore del Belgio in Zaire negli anni ’90 e dopo in Algeria, quindi ambasciatore a Washington e infine rappresentante presso l’Onu.

C’è anche una vittima cinese: è Frank Deng, 24 anni, di passaggio da Zaventem verso la Slovenia. Infine, il caso degli americani, di cui non si sa molto, se non che almeno due dovrebbero essere stati riconosciuti. Manca l’ufficialità ma si pensa siano Justin e Stephanie Shults.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

17:12Corea Sud: processo Park, ex presidente in aula con manette

(ANSA) - PECHINO, 23 MAG - L'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye è comparsa dinanzi alla Corte centrale distrettuale di Seul nel processo a suo carico dove deve rispondere di 18 capi d'accusa, tra cui corruzione, abuso di potere e divulgazione di segreti di stato, in aumento sui 13 contestati che portarono al suo arresto a fine marzo, appena due settimane dopo il via libera all'impeachment convalidato dalla Corte costituzionale. Park è giunta in aula, scortata dalla polizia e con le manette ai polsi, indossando la divisa blu carceraria su cui si leggeva chiaramente il numero 503. "La mia posizione è la stessa espressa dal mio avvocato", ha detto l'ex presidente, 65 anni, prendendo la parola dopo che il suo difensore aveva respinto gli addebiti che includono i 59 miliardi di won (circa 52 milioni di dollari) promessi o ricevuti dalle grandi aziende del Paese.

17:10Manchester: massima attenzione a ‘grandi eventi’ Roma

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Massima attenzione ai grandi eventi in programma nei prossimi giorni a Roma dopo l'attentato a Manchester. Sensibilizzata la sicurezza che già da tempo è ai "massimi livelli" per l'allerta terrorismo. Tra gli eventi a grande partecipazione il concerto Mtv Awards sabato sera a piazza del Popolo; domenica Roma-Genova all'Olimpico, con il saluto dei giallorossi al capitano Francesco Totti, in campo per l'ultima volta; le cerimonie del 2 giugno e un evento per la Pentecoste al Circo Massimo a cui parteciperà il Papa.

17:09Hayden: espiantati gli organi

(ANSA) - RIMINI, 23 MAG - Rispettando la volontà dello stesso pilota, i familiari di Nicky Hayden hanno acconsentito all'espianto degli organi per la donazione. Una volta restituita la salma partiranno per gli Stati Uniti. In queste ore stanno ultimando le pratiche per il rimpatrio, per il quale non è stata ancora fissata una data. Il desiderio dei familiari è di rientrare al più presto. La camera ardente non verrà allestita. Intanto prosegue l'indagine sull'incidente costato la vita al pilota. La procura ha conferito l'incarico ai consulenti che dovranno fare una perizia.

17:00++ Venezuela: sale a 5 il numero di morti ieri a Barinas ++

(ANSA) - CARACAS, 23 MAG - Un quinto giovane venezuelano è stato ucciso ieri durante le proteste antigovernative nello stato di Barinas, portando così a 57 il numero di persone morte dall'inizio delle manifestazioni contro Nicolas Maduro. Lo ha reso noto su Twitter il deputato oppositore Freddy Superlano.

16:53Calcio: morto Stefano Farina, designatore arbitri serie B

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' morto a Genova Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B. Farina aveva 54 anni ed aveva diretto 236 partite in serie A, oltre a due supercoppe italiane e la supercoppa europea del 2006. Lascia la moglie e un figlio. Farina era malato da tempo ma, per tutelarne la privacy così come richiesto dalla sua famiglia, non era trapelato nulla. Arbitro della sezione di Novi Ligure dal dicembre del 1979, Farina aveva debuttato in serie A nel gennaio 1995 e aveva diretto anche 117 partite di serie B. Osservatore Uefa, è stato rappresentante degli arbitri in attività e Responsabile della CAN D e della CAN PRO. Il presidente dell'AIA Marcello Nicchi ed il vice Narciso Pisacreta anche a nome dei 35.000 arbitri italiani - si legge in una nota dell'Aia - esprimono alla famiglia di Stefano Farina profondo cordoglio e vicinanza.

16:49Giro: Dumoulin perde terreno da big

(ANSA) - BORMIO (SONDRIO), 23 MAG - Colpo di scena a 32 chilometri e mezzo dall'arrivo della 16/a tappa del 100/o Giro d'Italia. La maglia rosa Tom Dumoulin è stato costretto a fermarsi per un problema intestinale, si è portato fuori dalla carreggiata per un problema fisiologico - forse dovuto a una cattiva alimentazione - e poi è risalito in sella, rimediando comunque diversi secondi di ritardo da Quintana, Pinot, Nibali e gli altri big. Un 'contrattempo' che potrebbe costringerlo a perdere la leadership.

16:47Francia:Macron riceve sindacati per spiegare riforma lavoro

(ANSA) - PARIGI, 23 MAG - Riforma ad alto rischio per Emmanuel Macron. Il presidente della Francia riceve oggi all'Eliseo i leader delle organizzazioni sindacali e imprenditoriali per illustrare la nuova riforma del codice del lavoro che il governo intende adottare per sbloccare l'economia del Paese. A poche settimane dalla sua elezione all'Eliseo e a meno di un mese dalle elezioni politiche di giugno il capo dello Stato intende accelerare la procedura della riforma anche "per dimostrare di essere in grado di "mantenere le proprie promesse ed inviare un 'segnale forte' ai connazionali", scrive Le Figaro, parlando di "guerra lampo". Obiettivo della riforma è rilanciare l'occupazione e attribuire più flessibilità alle imprese.

Archivio Ultima ora