Buon compleanno Vespa, 70 anni e sempre in viaggio

Pubblicato il 26 marzo 2016 da redazione

uff.stampa

uff.stampa

PONTEDERA (PISA). – 70 anni e sempre in viaggio. E’ la Vespa, che contribuì a rimettere in moto l’Italia uscita dalla guerra ma che poi, fabbricata dall’India al Brasile, diventò simbolo di libertà e fenomeno di costume, leggenda vivente dell’ingegno e del design italico, copiata in mille modi ed esposta al Moma di New York. E campionessa di vendite, con oltre 18 milioni di di esemplari venduti dappertutto.

Il suo compleanno sarà a breve, il 23 aprile: quel giorno del 1946 fu depositato a Firenze il brevetto per una “motocicletta a complesso razionale di organi ed elementi con telaio combinato con parafanghi e cofano ricoprenti tutta la parte meccanica”.

Era lo scooter destinato a diventare il più famoso al mondo, nato dall’intuito di Enrico Piaggio, che voleva riconvertire l’azienda di aeroplani di famiglia, e dal genio di Corradino D’Ascanio, ingegnere aeronautico che non amava la motocicletta: insieme al disegnatore Mario D’Este, ne progettò una, l’Mp6, che ne avesse le prestazioni ma con la “popolarità della bici e l’eleganza e la comodità dell’automobile”.

Eliminò la catena – sporcava -, optò per una scocca portante a presa diretta, mise il cambio sul manubrio per una guida più agevole, creò una sospensione a pantografo mutuata dai carrelli degli aerei per facilitare il cambio gomma.

A battezzarla ci pensò Piaggio: la forma ampia ma dal ‘vitino’ stretto gli sembrò una vespa. Il primo modello uscito dallo stabilimento di Pontedera, che non ha mai smesso di fabbricarla, fu la Vespa 98cc. Duemila esemplari la prima produzione del ’46, più che quadruplicati l’anno dopo quando esce la 125, ‘non una motocicletta – recita la pubblicità – ma piuttosto una piccola vettura a due ruote’, un milione a 10 anni dal debutto.

I vespisti ‘dilagano’, anche fuori confine: nel 1950 parte la produzione in Germania, nel 1953 sono diecimila le stazioni di servizio nel mondo e i Vespa club, ideati dallo stesso Piaggio, contano 50.000 iscritti (oggi sono 60.000), mentre nel 1951 alla Giornata italiana della Vespa sono in 20.000.

‘Per il vostro lavoro, per il vostro svago Vespizzatevi’ è lo slogan-imperativo in quegli anni della casa di Pontedera che anche nelle campagne pubblicitarie fa storia, segnando i cambi d’epoca. Tra tutte la più famosa, e surreale, ‘Chi Vespa mangia le mele (chi non Vespa no)’, inventata nel 1969 da Gilberto Filippetti: divide il mondo e ‘schiera’ lo scooter con i giovani.

RomanHoliday1

Tra i testimonial invece i migliori rimangono Gregory Peck e Audrey Hepburn in ‘Vacanze romane’, anche se son decine le pellicole che l’hanno immortalata. La Vespa insomma fa boom, anche in modelli, versioni e varianti: più di 150 in 7 decenni. La più ricercata dai collezionisti è la 125 U (che sta per utilitaria): lanciata nel 1953 per far concorrenza alla Lambretta Innocenti, estetica spartana ma costo ridotto, è prodotta in soli 7.000 esemplari.

Le più longeve la mitica 125 Primavera (varo 1968) e la successiva Px (1977), il ‘vespone’ che vanta il primato di singolo modello più venduto: 3 milioni. C’è il ‘vespino’ 50, ultima creatura di D’Ascanio per fare a meno della targa quando diventa obbligatoria per le cilindrate superiori: 3,5 milioni commercializzati in più versioni dal 1963, tra cui l’ET4 del 2000, che promette 500 km con un pieno.

L’ET4 125 nasce invece nel cinquantenario: è la prima spinta da un motore a 4 tempi e ridà anche fiato all’azienda – due ruote targato più venduto in Europa nel ’97 e ’98 – che sta attraversando anni difficili dopo quelli d’oro, e chiude il secolo passando addirittura al fondo tedesco Morgan Greenfell. Con Roberto Colaninno nel 2003 Piaggio torna italiana e poi in utile.

E la Vespa torna a viaggiare: in un decennio triplica le vendite (complessivamente quasi un mln e mezzo, 166.000 l’anno scorso) e le fabbriche. Allo stabilimento di Pontedera si affiancano prima quello vietnamita di Vinh Phuc, poi quello indiano di Baramati. Nel 2003 nasce la Granturismo, la più grande e potente, nel 2012 la 946 che rievoca nel nome il suo anno di nascita ma guarda al futuro e nel 2015 esce in una nuova veste firmata da Giorgio Armani. Affiancata, in commercio, dalla Primavera, la Sprint, la gamma Gts dalla grande scocca.

Un’avventura lunga 70 anni, celebrata con una versione speciale, in uscita a metà anno, caratterizzata da cromie uniche, e festeggiata in casa, a Pontedera, con l’inaugurazione del nuovo stabilimento automatizzato della verniciatura, un raduno internazionale dal 23 al 25 aprile e la mostra, al museo Piaggio, ‘In Viaggio con la Vespa’, inaugurazione il 22.

Protagonisti le imprese di chi, come Giorgio Bettinelli, ci fece più giri del mondo macinando 254.000 km, ma pure le gite fuori porta e le vacanze al mare in sella al mitico scooter: Piaggio ha lanciato una raccolta per selezionare foto, video e testimonianze di 200 appassionati e convinti che, per dirla con la pubblicità, ‘Con Vespa si può’.

(di Paola Catani/ANSA)

Ultima ora

10:46Catalogna: media, Puigdemont è partito per Copenhagen

(ANSA) - BRUXELLES, 22 GEN - Il leader indipendentista catalano Carles Puigdemont è partito da Bruxelles alla volta di Copenhagen dove dovrà intervenire alle 14. Lo riportano i media belgi citando i media spagnoli. L'ex presidente, secondo i media, è stato avvistato allo scalo di Charleroi prima delle 8 per prendere il volo verso la capitale danese, nonostante la minaccia della Spagna di far scattare un nuovo mandato d'arresto europeo.

10:44Tennis: Australia, Berdych travolge Fognini e azzurri fuori

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Si esaurisce negli ottavi di finale l'avventura degli azzurri, agli Australian open di tennis, in corso a Melbourne. Dopo Andreas Seppi, sconfitto dal britannico Kyle Edmund, anche Fabio Fognini, testa di serie numero 25 del torneo, è stato eliminato: il ligure si è arreso in tre set al ceco Tomas Berdych (19), al quale sono bastate poco più di due ore (2h'08') di gioco per mettere le mani sui quarti. Di 6-1, 6-4, 6-4 il punteggio per il tennista ceco, un frequentatore assiduo dei quarti di finale sui campi di Melbourne.

10:24Giappone: esercitazione anti-missile a Tokyo

(ANSA) - TOKYO, 22 GEN - Sotto la prima neve dell'anno a Tokyo si è svolta la prima dettagliata esercitazione per preparare i residenti della capitale ad un eventuale lancio di un missile dalla Corea del Nord. Circa 350 persone hanno preso parte alla prova condotta all'interno di una stazione della metropolitana al centro nord della città, e in un parco adiacente del comune di Bunkyo. Simili esercitazioni sono state organizzate di recente in diverse località del Giappone, in concomitanza con la crescente minaccia rappresentata dal programma missilistico e nucleare del regime di Pyongyang. Sotto la guida degli agenti, al suono delle sirene del sistema di difesa antimissile J-Alert, i partecipanti hanno evacuato la stazione di Kasuga e altri palazzi circostanti. Agli impiegati del comune di Bunkyo è stato dimostrato come ripararsi durante la simulazione, mentre gli inservienti del parco facevano vedere ai visitatori come cercare rifugio dentro gli edifici più robusti.

10:10Afghanistan: rapita a Kabul dipendente Onu con figlia

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - Una dipendente, di cui ancora non si conosce la nazionalità, della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) è stata rapita oggi a Kabul insieme alla figlia che stava portando a scuola. Lo riferisce la tv Tolo.

09:43Corea: Seul, manifestanti per le strade bruciano foto Kim

(ANSA) - SEUL 22 GEN - Un gruppo formato da circa 150-200 attivisti conservatori ha tentato di bruciare una grande foto del leader nordcoreano Kim Jong-un e una bandiera della Corea del Nord alla stazione di Seul mentre passava una delegazione di Pyongyang. Le proteste sono scattate proprio quando il gruppo stava rientrando dalla visita nelle zona dove potrebbero risiedere i partecipanti alle Olimpiadi invernali in programma il prossimo mese. Il principio di incendio è stato domato dalla polizia intervenuta immediatamente con gli estintori.

09:34Filippine: forte eruzione vulcano Mayon

(ANSA-AP) - MANILA, 22 GEN - C'è stata un'eruzione 'esplosiva' dal vulcano Mayon, uno dei più attivi e temibili delle Filippine. Le autorità hanno deciso di alzare il livello di allerta a 4. Nei giorni scorsi oltre 12.000 persone sono state evacuate entro un raggio di 7 chilometri dal vulcano, che si trova a circa 330 chilometri a sudovest di Manila, a causa del rischio di un'eruzione imminente. L'allerta quattro non è ancora il livello più alto di emergenza ma significa che un'eruzione è possibile nei prossimi giorni. Renato Solidum, dell'istituto di sismologia e vulcanologia delle Filippine, ha spiegato che dal vulcano Mayon è uscita un'enorme colonna di frammenti vulcanici, cenere e vapore che hanno avvolto in una nuvola nera i villaggi che si trovano nelle vicinanze.

05:42Shutdown: nessun accordo al Senato Usa, voto rinviato (2)

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Il Senato degli Stati Uniti voterà a mezzogiorno ora di Washington (le sei del pomeriggio in Italia) nel tentativo di revocare lo shutdown, la chiusura dell'amministrazione federale scattata alla mezzanotte di sabato, che entra quindi nel terzo giorno. I colloqui fra democratici e repubblicani non hanno però al momento portato ad un accordo. E' stato il leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer, ad annunciare per primo in serata chenon è stato raggiunto un accordo che consenta la revoca dello shutdown con l'inizio della settimana lavorativa. Le aspettative sono che a mezzogiorno (le sei del pomeriggio in Italia) il Senato voti su un provvedimento di spesa temporaneo, possibilmente che consenta la 'riapertura' del governo fino al prossimo 8 febbraio con il contestuale impegno da parte del leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, di indire una votazione sul nodo dell'immigrazione prima di quella data.

Archivio Ultima ora