L’Avana stregata dai Rolling Stones

Pubblicato il 26 marzo 2016 da redazione

Fans wait for the start of the Rolling Stones concert in Havana, Cuba, Friday March 25, 2016. The Stones are performing in a free concert in Havana Friday, becoming the most famous act to play Cuba since its 1959 revolution. (ANSA/AP Photo/Enric Marti)

Fans wait for the start of the Rolling Stones concert in Havana, Cuba, Friday March 25, 2016. The Stones are performing in a free concert in Havana Friday, becoming the most famous act to play Cuba since its 1959 revolution. (ANSA/AP Photo/Enric Marti)

L’AVANA. – Una notte unica, che rimarrà nella storia, e nella quale il rock si è intrecciato al passato e al futuro di un intero paese. In un mega-concerto gratuito davanti a 400 mila persone, i Rolling Stones hanno stregato l’isola dei Castro e segnato di fatto una sorta di spartiacque sul fronte della musica, e non solo.

“Ciao Avana, e buonasera alla mia gente cubana”: sono bastate queste parole di Mick Jagger per dare inizio ad uno show mai visto finora nel paese, allestito nell’immenso spazio della Ciudad Deportiva, non lontano dal Palacio de la Revolución.

In una serata tiepida che ha anticipato la solita estate torrida cubana, in tanti, giovanissimi e non solo, si sono messi a saltare e ballare appena riconosciuto il classico riff di ‘Jumpin Jack flash’ con il quale la band britannica ha aperto il concerto, forse tra i pochi pezzi – insieme a ‘Satisfaction’ – che i cubani riconoscono fin dai primi accordi. Jagger ha poi dedicato ‘Angie’ a “los cubanos románticos”.

A girl stands on the roof of a house next to the Ciudad Deportiva to get a view of the Rolling Stones concert in Havana, Cuba, Friday March 25, 2016. The Stones are performing in a free concert in Havana Friday, becoming the most famous act to play Cuba since its 1959 revolution. (ANSA/AP Photo/Desmond Boylan)

A girl stands on the roof of a house next to the Ciudad Deportiva to get a view of the Rolling Stones concert in Havana, Cuba, Friday March 25, 2016. The Stones are performing in a free concert in Havana Friday, becoming the most famous act to play Cuba since its 1959 revolution. (ANSA/AP Photo/Desmond Boylan)

“Non so cosa vuol dire, e non capisco l’inglese, ma non importa, suona fantastico”, ha detto all’Ansa una ragazza con addosso una maglietta nella quale spiccava la linguaccia simbolo del gruppo. E ed è spuntata persino qualche immagine con un ‘Che’ Guevara deformato appunto con la lingua rossa emblema della band. “A me questa idea che abbiamo i cubani di mescolare il rock con i nostri ritmi non piace proprio: voglio da una parte il rock puro e dall’altra la salsa pura. Eccomi qua”, commentava d’altro lato Ariel, 19 anni.

A stuzzicare il pubblico ci ha pensato, ovviamente, Jagger, che ha pronunciato qualche frase spezzettata in spagnolo: per esempio, quando ha ricordato che “i tempi stanno cambiando”. Poche parole, chiare a tutti. Per l’occasione, gli Stones hanno portato all’Avana lo show già collaudato nel trionfale tour sudamericano chiusosi pochi giorni fa in Messico.

Sul fronte della tecnologia e la qualità del suono, L’Avana non aveva mai visto uno spettacolo così. E d’altra parte per più di un’intera generazione i cubani non hanno avuto altra scelta che considerare il rock come un sogno proibito. Tanti i turisti, molti dei quali sudamericani, ma anche di alri paesi, tra i quali, nella zona riservata ai vip, Richard Gere e Naomi Campbell.

Thousands gather at the Ciudad Deportiva as the Rolling Stones perform in Havana, Cuba, Friday March 25, 2016. The Stones are performing in a free concert in Havana Friday, becoming the most famous act to play Cuba since its 1959 revolution. (ANSA/AP Photo/Ramon Espinosa)

Thousands gather at the Ciudad Deportiva as the Rolling Stones perform in Havana, Cuba, Friday March 25, 2016. The Stones are performing in a free concert in Havana Friday, becoming the most famous act to play Cuba since its 1959 revolution. (ANSA/AP Photo/Ramon Espinosa)

Tra gli altri pezzi interpretati – 18 in tutto nel concerto che è durato due ore – anche ‘Paint it black’, ‘Midnight rambler’, ‘Miss you’, ‘Ruby Tuesday e ‘You can’t always what you want’, nel quale Jagger ha avuto l’aiuto del coro locale ‘Entrevoces’.

Il concerto di quello che è stato un Venerdì Santo del tutto particolare dell’Avana è coinciso con una bella luna piena. A segnalarlo è stato il sito web ufficiale Cubadebate, il quale ha ricordato “lo strano clima che ha accompagnato invece il recente viaggio di Obama”, il quale ha infatti visitato L’Avana sotto la pioggia: almeno ai tropici, la Casa Bianca non ha evidentemente il potere di Jagger e compagni, che sotto la luna habanera hanno fatto un altro salto verso la leggenda.

Ultima ora

01:14Calcio: Liverpool battuto dall’ultima in classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Una settimana dopo aver inflitto al Manchester City, dominatore della Premier League, la sua prima sconfitta in campionato, il Liverpool è riuscito nell'impresa di andare a perdere (1-0) sul campo dello Swansea, ultima in classifica, nel posticipo del 24/o turno. Si è così interrotta la striscia di 18 risultati utili consecutivi della formazione allenata da mister Jurgen Klopp, tra tutte le competizioni. La rete di Alfie Mawson, al 40', ha siglato uno dei risultati più inattesi della stagione e lasciato il Liverpool in quarta posizione, a -3 dal Chelsea.

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

Archivio Ultima ora