L’esercito siriano libera Palmira sfregiata dall’Isis

Pubblicato il 28 marzo 2016 da redazione

This photo released on Sunday March 27, 2016, by the Syrian official news agency SANA, shows destroyed statues at the damaged Palmyra Museum, in Palmyra city, central Syria. The amount of destruction found inside the archaeological area in the historic town  was similar to what experts have expected but the shock came Monday from inside the local museum where the extremists have caused wide damage demolishing invaluable statues that were torn to pieces. (SANA via AP)

This photo released on Sunday March 27, 2016, by the Syrian official news agency SANA, shows destroyed statues at the damaged Palmyra Museum, in Palmyra city, central Syria. The amount of destruction found inside the archaeological area in the historic town was similar to what experts have expected but the shock came Monday from inside the local museum where the extremists have caused wide damage demolishing invaluable statues that were torn to pieces. (SANA via AP)

MOSCA. – Palmira liberata, Palmira ferita. Ora che le truppe di Damasco hanno ripreso il controllo della ‘perla del deserto’, anche e soprattutto grazie alla copertura aerea russa che nei giorni precedenti la vittoria ha scatenato una vera e proprio pioggia di fuoco sulle postazioni dello Stato Islamico, alla soddisfazione per aver messo a segno una vittoria “significativa e simbolica” – parole di Putin – segue l’apprensione per capire cosa ne è stato delle spettacolari rovine romane e dei tesori archeologici finiti nelle mani dell’Isis per quasi un anno.

E per gli esperti siriani si tratta di uno “shock”. I primi rapporti parlano d’innumerevoli reliquie e statue demolite. Il direttore delle antichità e dei musei, Maamoun Abdulkarim, ha detto che un team di esperti si recherà presto a Palmira per fare una stima dei danni. Lo stesso Karim andrà al sito archeologico una volta che le squadre di artificieri rimuoveranno gli esplosivi nascosti dall’Isis prima di perdere il controllo della città.

Mosca invierà artificieri, robot e mezzi speciali questa settimana proprio per sminare la zona archeologica. Poi si potrà procedere alla conta vera e propria. Tempo stimato? Due o tre settimane. Certo, tutto considerato poteva anche andare peggio. Sempre Abdulkarim, contattato da Sputniknews, ha sottolineato come “l’anfiteatro, la via centrale con il suo colonnato e le mura dei templi” sembrino in “perfette condizioni”.

Ma sono valutazioni a caldo, tutto va ancora verificato; di sicuro l’opera di restauro del sito archeologico patrimonio Unesco non sarà una passeggiata e secondo Abdulkarim richiederà un impegno di almeno cinque anni. L’Unesco, per l’appunto, si è già attivato e non appena possibile invierà un suo team di esperti in loco.

Mosca ha già detto che farà di tutto per facilitare il lavoro degli esperti e il rappresentate presidenziale per la cooperazione culturale, Mikhail Shvydkoi, ha subito chiarito che la Russia sarà certamente coinvolta nel processo di ricostruzione e restauro di Palmira. “La questione – ha detto – è stata discussa a lungo”.

Mosca insomma vuole ‘esserci’ nella pace oltre che nella guerra – la presa di Palmira, città strategica per aprirsi la via fino ai confini con l’Iraq, è stata d’altra parte definita “cruciale” da Vladimir Putin e il presidente iraniano Hassan Rohani in una lunga conversazione telefonica.

La Russia, infatti, ha ora tutto l’interesse a mostrare il suo ‘volto buono’ in Medio Oriente – il ministro degli Esteri Serghei Lavrov ha appoggiato con calore la proposta italiana di dislocare i ‘caschi blu della cultura’ a Palmira – e non a caso il direttore dell’Hermitage, Mikhail Piotrovsky, ha offerto l’aiuto del museo per valutare i danni e stilare un progetto di restauro; proposta che sembra aver accolto il favore della direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova.

Gli esperti siriani, ad ogni modo, avranno un ruolo centrale in ogni aspetto del futuro di Palmira, visto il loro alto ‘expertise’. E proprio il ministro Gentiloni, in un tweet, ha voluto ricordare “Khaled Assad, il suo custode ucciso dai terroristi”.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

12:50Terrorismo: espulso albanese, inneggiava all’Isis

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Un 22enne albanese, residente a Riccione, che aveva più volte inneggiato all'Isis e che, in carcere, aveva manifestato deliri religiosi, è stato espulso dall'Italia - con un provvedimento del ministro dell'Interno Marco Minniti - per motivi di sicurezza dello Stato. Con questo rimpatrio, il 77/o del 2017, sono 209 le espulsioni di soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, dal gennaio 2015 ad oggi.

12:49Calcio:Football Leaks, al Psg Neymar guadagna 4.000 euro ora

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Poco più di tre milioni al mese, 37 all'anno, quattromila euro l'ora: sono le cifre astronomiche del contratto da nababbo che Neymar ha firmato col Psg. A rivelarlo è 'Der Spiegel' che cita dei documenti rivelati da Football Leaks, rendendo noti i risvolti economici del più clamoroso trasferimento della storia del calcio (il club parigino ha pagato 222 milioni di clausola rescissoria). Lo stipendio mensile della stella brasiliana ammonta a 3.069.520 euro, che fanno appunto circa 4.000 euro all'ora. Oltre allo stipendio, il Psg paga anche la casa di Neymar (altri 14mila euro mensili): una dimora degli anni '50, di 5.000 mq, con vaste aree verdi e 1.000 metri quadrati di spazio abitativo distribuiti su cinque livelli con ascensore.

12:33Conferenza Famiglia: associazioni omosex, noi ignorati

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Per il governo italiano, gay e lesbiche vanno tenuti fuori dalla porta quando si discute di politiche per la famiglia". Lo denunciano, in una nota congiunta, le associazioni Famiglie Arcobaleno, Rete Genitori Rainbow e Agedo, criticando il mancato invito alla Terza Conferenza Nazionale della Famiglia organizzata per i prossimi 28 e 29 settembre a Roma. Un'iniziativa del Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio con il supporto dell'Osservatorio nazionale sulla famiglia. Le associazioni chiedono quindi "ai rappresentanti delle istituzioni e del Governo più sensibili alle istanze del mondo Lgbt di intervenire per andare oltre questa esclusione, o in alternativa di disertare un appuntamento che, così congegnato, è inaccettabilmente discriminante".

12:32Mo: Saeb Erekat in attesa trapianto di polmone

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 SET - Il segretario generale del Comitato esecutivo dell'Olp Saeb Erekat è in attesa di un trapianto di polmone che dovrebbe avvenire negli Usa. Lo ha detto lui stesso in un'intervista alla tv palestinese nella quale ha spiegato di essere affetto "da fibrosi polmonare da cinque anni" e di aver bisogno di un trapianto per la malattia che provoca una grande difficoltà respiratoria. Oggi, citato dai media palestinesi, ha risposto alle domande sui social che chiedevano informazioni sulla salute sottolineando di "sentirsi bene" e di "aspettare la data dell'operazione ogni giorno in base al donatore". Erekat, 62 anni, è uno dei principali protagonisti della politica palestinese da più di due decenni e per molto tempo è stato capo negoziatore in tutte le trattative con gli israeliani per un accordo di pace.

12:30Siria: radio, ministro Difesa russo atteso in Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 SET - Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, è atteso il mese prossimo in Israele per una visita di lavoro durante la quale affronterà fra l'altro la questione del coordinamento di sicurezza in Siria tra Russia ed Israele. Lo ha reso noto l'ufficio del ministro della Difesa Avigdor Lieberman, citato dalla radio israeliana. Si tratta della prima visita di Shoigu in Israele e la prima di un ministro russo della Difesa in diversi anni. I responsabili israeliani alla Difesa annettono grande importanza a questo viaggio, ha aggiunto la emittente secondo cui è anche prevedibile che Israele ribadirà la propria preoccupazione per la crescente presenza in Siria delle forze iraniane e delle milizie sciite a loro alleate.

12:24Uccise amante con 87 coltellate, donna torna in carcere

(ANSA) - BRINDISI, 24 SET - Per scontare un residuo di pena di 14 anni è stata condotta nel carcere di Lecce Anna Maria Lombardi, la 46enne di Apricena (Foggia) che nel 2013 uccise in paese Angelo Radatti, uomo con cui aveva una relazione. La donna, che a quanto venne appurato sferrò all'uomo 87 coltellate, si trovava in una comunità di Latiano (Brindisi) dove i carabinieri le hanno notificato l'ordine di carcerazione in virtù di una sentenza di condanna per omicidio volontario, diventata ormai definitiva. Secondo quanto accertato, si trattò di un delitto d'impeto, seguito alla decisione della vittima di non lasciare la moglie, dopo che la relazione extraconiugale andava avanti da 10 anni.

12:17Ritrovata turista tedesca scomparsa nel Barese

(ANSA) - MINERVINO MURGE (BARLETTA ANDRIA TRANI), 24 SET - È stata rintracciata dai carabinieri la scorsa notte, mentre vagava disorientata nelle campagne fuori dall'abitato di Minervino Murge, verso Andria, la turista tedesca, originaria della Polonia, Paulina Wischniewski, di 35 anni, uscita di casa la notte di giovedì scorso facendo poi perdere le tracce. La donna sta bene ed è stato necessario solo coprirla per il freddo e darle da mangiare. La 35enne stava trascorrendo un periodo di vacanza insieme alla madre e al compagno pugliese di quest'ultima. Era uscita a tarda ora dopo avere discusso con i famigliari che, dopo aver provato invano a contattarla sul cellulare per tutta la notte, ne avevano denunciato, preoccupati, la scomparsa.

Archivio Ultima ora