L’esercito siriano libera Palmira sfregiata dall’Isis

Pubblicato il 28 marzo 2016 da redazione

This photo released on Sunday March 27, 2016, by the Syrian official news agency SANA, shows destroyed statues at the damaged Palmyra Museum, in Palmyra city, central Syria. The amount of destruction found inside the archaeological area in the historic town  was similar to what experts have expected but the shock came Monday from inside the local museum where the extremists have caused wide damage demolishing invaluable statues that were torn to pieces. (SANA via AP)

This photo released on Sunday March 27, 2016, by the Syrian official news agency SANA, shows destroyed statues at the damaged Palmyra Museum, in Palmyra city, central Syria. The amount of destruction found inside the archaeological area in the historic town was similar to what experts have expected but the shock came Monday from inside the local museum where the extremists have caused wide damage demolishing invaluable statues that were torn to pieces. (SANA via AP)

MOSCA. – Palmira liberata, Palmira ferita. Ora che le truppe di Damasco hanno ripreso il controllo della ‘perla del deserto’, anche e soprattutto grazie alla copertura aerea russa che nei giorni precedenti la vittoria ha scatenato una vera e proprio pioggia di fuoco sulle postazioni dello Stato Islamico, alla soddisfazione per aver messo a segno una vittoria “significativa e simbolica” – parole di Putin – segue l’apprensione per capire cosa ne è stato delle spettacolari rovine romane e dei tesori archeologici finiti nelle mani dell’Isis per quasi un anno.

E per gli esperti siriani si tratta di uno “shock”. I primi rapporti parlano d’innumerevoli reliquie e statue demolite. Il direttore delle antichità e dei musei, Maamoun Abdulkarim, ha detto che un team di esperti si recherà presto a Palmira per fare una stima dei danni. Lo stesso Karim andrà al sito archeologico una volta che le squadre di artificieri rimuoveranno gli esplosivi nascosti dall’Isis prima di perdere il controllo della città.

Mosca invierà artificieri, robot e mezzi speciali questa settimana proprio per sminare la zona archeologica. Poi si potrà procedere alla conta vera e propria. Tempo stimato? Due o tre settimane. Certo, tutto considerato poteva anche andare peggio. Sempre Abdulkarim, contattato da Sputniknews, ha sottolineato come “l’anfiteatro, la via centrale con il suo colonnato e le mura dei templi” sembrino in “perfette condizioni”.

Ma sono valutazioni a caldo, tutto va ancora verificato; di sicuro l’opera di restauro del sito archeologico patrimonio Unesco non sarà una passeggiata e secondo Abdulkarim richiederà un impegno di almeno cinque anni. L’Unesco, per l’appunto, si è già attivato e non appena possibile invierà un suo team di esperti in loco.

Mosca ha già detto che farà di tutto per facilitare il lavoro degli esperti e il rappresentate presidenziale per la cooperazione culturale, Mikhail Shvydkoi, ha subito chiarito che la Russia sarà certamente coinvolta nel processo di ricostruzione e restauro di Palmira. “La questione – ha detto – è stata discussa a lungo”.

Mosca insomma vuole ‘esserci’ nella pace oltre che nella guerra – la presa di Palmira, città strategica per aprirsi la via fino ai confini con l’Iraq, è stata d’altra parte definita “cruciale” da Vladimir Putin e il presidente iraniano Hassan Rohani in una lunga conversazione telefonica.

La Russia, infatti, ha ora tutto l’interesse a mostrare il suo ‘volto buono’ in Medio Oriente – il ministro degli Esteri Serghei Lavrov ha appoggiato con calore la proposta italiana di dislocare i ‘caschi blu della cultura’ a Palmira – e non a caso il direttore dell’Hermitage, Mikhail Piotrovsky, ha offerto l’aiuto del museo per valutare i danni e stilare un progetto di restauro; proposta che sembra aver accolto il favore della direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova.

Gli esperti siriani, ad ogni modo, avranno un ruolo centrale in ogni aspetto del futuro di Palmira, visto il loro alto ‘expertise’. E proprio il ministro Gentiloni, in un tweet, ha voluto ricordare “Khaled Assad, il suo custode ucciso dai terroristi”.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora