L’esercito siriano libera Palmira sfregiata dall’Isis

Pubblicato il 28 marzo 2016 da redazione

This photo released on Sunday March 27, 2016, by the Syrian official news agency SANA, shows destroyed statues at the damaged Palmyra Museum, in Palmyra city, central Syria. The amount of destruction found inside the archaeological area in the historic town  was similar to what experts have expected but the shock came Monday from inside the local museum where the extremists have caused wide damage demolishing invaluable statues that were torn to pieces. (SANA via AP)

This photo released on Sunday March 27, 2016, by the Syrian official news agency SANA, shows destroyed statues at the damaged Palmyra Museum, in Palmyra city, central Syria. The amount of destruction found inside the archaeological area in the historic town was similar to what experts have expected but the shock came Monday from inside the local museum where the extremists have caused wide damage demolishing invaluable statues that were torn to pieces. (SANA via AP)

MOSCA. – Palmira liberata, Palmira ferita. Ora che le truppe di Damasco hanno ripreso il controllo della ‘perla del deserto’, anche e soprattutto grazie alla copertura aerea russa che nei giorni precedenti la vittoria ha scatenato una vera e proprio pioggia di fuoco sulle postazioni dello Stato Islamico, alla soddisfazione per aver messo a segno una vittoria “significativa e simbolica” – parole di Putin – segue l’apprensione per capire cosa ne è stato delle spettacolari rovine romane e dei tesori archeologici finiti nelle mani dell’Isis per quasi un anno.

E per gli esperti siriani si tratta di uno “shock”. I primi rapporti parlano d’innumerevoli reliquie e statue demolite. Il direttore delle antichità e dei musei, Maamoun Abdulkarim, ha detto che un team di esperti si recherà presto a Palmira per fare una stima dei danni. Lo stesso Karim andrà al sito archeologico una volta che le squadre di artificieri rimuoveranno gli esplosivi nascosti dall’Isis prima di perdere il controllo della città.

Mosca invierà artificieri, robot e mezzi speciali questa settimana proprio per sminare la zona archeologica. Poi si potrà procedere alla conta vera e propria. Tempo stimato? Due o tre settimane. Certo, tutto considerato poteva anche andare peggio. Sempre Abdulkarim, contattato da Sputniknews, ha sottolineato come “l’anfiteatro, la via centrale con il suo colonnato e le mura dei templi” sembrino in “perfette condizioni”.

Ma sono valutazioni a caldo, tutto va ancora verificato; di sicuro l’opera di restauro del sito archeologico patrimonio Unesco non sarà una passeggiata e secondo Abdulkarim richiederà un impegno di almeno cinque anni. L’Unesco, per l’appunto, si è già attivato e non appena possibile invierà un suo team di esperti in loco.

Mosca ha già detto che farà di tutto per facilitare il lavoro degli esperti e il rappresentate presidenziale per la cooperazione culturale, Mikhail Shvydkoi, ha subito chiarito che la Russia sarà certamente coinvolta nel processo di ricostruzione e restauro di Palmira. “La questione – ha detto – è stata discussa a lungo”.

Mosca insomma vuole ‘esserci’ nella pace oltre che nella guerra – la presa di Palmira, città strategica per aprirsi la via fino ai confini con l’Iraq, è stata d’altra parte definita “cruciale” da Vladimir Putin e il presidente iraniano Hassan Rohani in una lunga conversazione telefonica.

La Russia, infatti, ha ora tutto l’interesse a mostrare il suo ‘volto buono’ in Medio Oriente – il ministro degli Esteri Serghei Lavrov ha appoggiato con calore la proposta italiana di dislocare i ‘caschi blu della cultura’ a Palmira – e non a caso il direttore dell’Hermitage, Mikhail Piotrovsky, ha offerto l’aiuto del museo per valutare i danni e stilare un progetto di restauro; proposta che sembra aver accolto il favore della direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova.

Gli esperti siriani, ad ogni modo, avranno un ruolo centrale in ogni aspetto del futuro di Palmira, visto il loro alto ‘expertise’. E proprio il ministro Gentiloni, in un tweet, ha voluto ricordare “Khaled Assad, il suo custode ucciso dai terroristi”.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

13:14Basket: San Antonio, dopo Ginobili prolunga anche Gasol

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Dopo Manu Ginobili, che qualche giorno fa ha annunciato il prolungamento di un anno del suo contratto (allontanando così l'addio al campo), anche il 37enne Pau Gasol si stringe ai San Antonio Spurs e, per l'esattezza, per altri due anni più un'opzione per un terzo. Lo rivela Espn. Per il pivot spagnolo, quindi, la prossima sarà la diciassettesima stagione in Nba e la seconda con la franchigia texana. Lo scorso anno ha chiuso con medie di 12,4 punti e 7,8 rimbalzi a partita. In casa Cleveland Cavaliers, intanto, sempre Espn rivela che dopo sei stagioni Kyrie Irving avrebbe chiesto di essere ceduto, probabilmente perché stanco di rimanere all'ombra della star indiscussa LeBron James. La richiesta della guardia 25enne, che ha altri due anni di contratto, sarebbe stata avanzata già la scorsa settimana in un incontro con la dirigenza della franchigia. E chi sarebbe in cima alla lista delle destinazioni preferite dal giocatore? Proprio gli Spurs.

13:13Il Sun toglie Napoli da lista 10 città più pericolose

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Marcia indietro del Sun. Nella classifica compilata dal quotidiano britannico sulle 10 città più pericolose al mondo, Napoli non risulta più nella lista. L'articolo del tabloid, pubblicato l'11 luglio scorso, è stato aggiornato a ieri sera, ma non si sa cosa abbia portato il Sun a modificarlo. La classifica riguardava i centri urbani ritenuti più a rischio in 10 aree diverse aree geografiche del mondo, scelti per le ragioni più varie: dal terrorismo alla droga, dagli omicidi alla presenza di gang mafiose o criminali, dalla guerra, ai disordini razziali, alla violazione dei diritti umani. Ne era venuta fuori una mappa in cui il capoluogo campano era stato additato come la città più pericolosa dell'Europa occidentale, accanto a luoghi come Mogadiscio (in Somalia, la peggiore in Africa) o addirittura Raqqa (capitale dell'Isis in Siria, indicata per il Medio Oriente). Una scelta, quella del Sun, che aveva provocato violente polemiche e reazioni.

13:02C.destra: Cassano ufficializza rientro in Forza Italia

(ANSA) - BARI, 22 LUG - "Ho provato a convincere il mio ex partito che doveva uscire dal governo e che doveva soprattutto schierarsi con il centrodestra. Non è stato fatto. L'ho chiesto più volte e quando ho capito che non c'era questa volontà ho deciso di uscire". Così il senatoreßMassimo Cassano ha ufficializzato oggi a Bari il suo rientro in Forza Italia. L'ex sottosegretario al Lavoro del governo Gentiloni è intervenuto in conferenza stampa con il coordinatore di Fi in Puglia, l'on. Luigi Vitali, spiegando le ragioni che lo hanno portato ad allontanarsi da Angelino Alfano e riavvicinarsi a Silvio Berlusconi. "L'obiettivo ora - ha aggiunto Cassano - è di rimettere insieme i moderati che in Puglia come in Italia sono la maggioranza degli elettori. Vederli divisi, incapaci di dialogare mi ha spinto nei mesi scorsi al tentativo di creare condizioni diverse, più favorevoli, ma non ci sono riuscito. Così ho detto stop. Ora dobbiamo rimettere in piedi quello che era il motore del centrodestra".

12:55Siria: Mosca, firmati accordi zona de-escalation Ghouta est

(ANSA) - MOSCA, 22 LUG - Sono stati firmati gli accordi sul funzionamento della zona di de-escalation del Ghouta orientale, in Siria: lo riferisce il ministero della Difesa di Mosca, secondo cui i documenti sono stati siglati "dopo colloqui al Cairo tra i rappresentati del Ministero della Difesa russo e dell'opposizione siriana con la mediazione della parte egiziana sullo sviluppo dei trattati di Astana". Da Mosca spiegano che "i documenti fissano i confini della zona di de-escalation, le aree di schieramento e i poteri delle forze di controllo, nonché i percorsi per la fornitura di aiuti umanitari e per il libero movimento dei civili". "Il primo convoglio di aiuti umanitari per la zona di de-escalation e l'evacuazione dei feriti sono previsti nei prossimi giorni", dichiara il ministero della Difesa russo.

12:54Carceri: prete porta audioteca per i detenuti di Marassi

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si chiama 'joybox', il 'jukebox della gioia', la prima audioteca realizzata all'interno del carcere di Marassi. L'idea è di don Roberto Fiscer, fondatore e anima di Radio tra le note, la prima web radio parrocchiale della diocesi di Genova. "La musica è speciale - ha detto il prete - e annulla ogni differenza e ogni problema: quando sono con i detenuti mi sento vicino e come loro e gioisco con loro". Ogni giovedì pomeriggio, per tre ore, il giovane sacerdote entra nel carcere con i suoi lettori audio grazie ai quali i detenuti possono ascoltare le musiche che gli hanno chiesto la settimana prima. Sono previsti tre turni da un'ora ciascuno nei quali i detenuti si alternano nell'ascolto. "È commovente vedere come anche le persone apparentemente più dure si sciolgono ascoltando le musiche dei loro paesi e nella loro lingua". È per questo che, ogni settimana, don Roberto varca il cancello di Marassi con i lettori audio pieni di musiche dei paesi dell'Est Europa, del Sud America, del Nord Africa. "Grazie a questa iniziativa si è creato un bellissimo rapporto con molti detenuti e uno di loro, in particolare, mi aiuta a raccogliere i titoli delle canzoni per la settimana successiva. È un progetto in linea con il desiderio di papa Francesco di essere presenti nelle periferie e vuole essere un piccolo segnale dell'amore e della presenza di Dio che passa anche attraverso la musica. È anche un'occasione terapeutica per i detenuti che, in questo modo, possono provare emozioni e sentimenti positivi". (ANSA).

12:44Terremoto:Ingv,attenzione alta per sismicità superiore media

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "L'attenzione resta alta perchè i livelli di sismicità nell'area sono superiori alla media". Lo ha affermato all'ANSA il direttore del Centro nazionale terremoti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Salvatore Stramondo, in relazione al sisma di magnitudo 4.2 verificatosi alle ore 4:13 tra le province di L'Aquila e Rieti. Dal sisma che ha colpito Amatrice lo scorso 24 agosto, ha sottolineato l'esperto, "nel centro-Italia abbiamo registrato 61 eventi sismici, incluso quello di oggi, con magnitudo tra 4 e 5. Dunque - ha avvertito - non si possono escludere altre scosse di magnitudo analoga nell'area". Il sisma di oggi, chiarisce, "rientra nella stessa sequenza iniziata lo scorso agosto col terremoto che ha colpito Amatrice, si tratta cioè della stessa faglia e non c'è, dunque, un nuovo fronte che si apre". (ANSA).

12:31Terremoto: sisma sentito in tutto il Reatino,gente in strada

(ANSA) - RIETI, 22 LUG - È stata avvertita in tutto il Reatino, e in particolare nelle zone colpite dal terremoto della scorsa estate, la scossa di magnitudo 4.2 registrata dall'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) alle 4:13 di questa mattina con epicentro tra Amatrice (Rieti) e Campotosto (L'Aquila). Molta la gente che è scesa in strada e ha commentato sui social il nuovo evento sismico, il più alto registrato negli ultimi mesi nelle zone già interessate dalla sequenza sismica del 24 agosto e del 30 ottobre 2016. Molta la paura, sopratutto per l'intensità e la durata della scossa, ma al momento non si segnalano danni. In tutti i comuni del Reatino prossimi all'epicentro del sisma sono comunque in corso verifiche di stabilità con particolare attenzione agli edifici pubblici già lesionati dal terremoto.(ANSA).

Archivio Ultima ora