Alta tensione tra Usa e Russia. Soffiano venti di guerra fredda

Pubblicato il 30 marzo 2016 da redazione

President Barack Obama participates in a bilateral meeting with Russia’s President Vladimir Putin during the G20 Summit, Monday, June 18, 2012, in Los Cabos, Mexico. (AP Photo/Carolyn Kaster)

President Barack Obama participates in a bilateral meeting with Russia’s President Vladimir Putin during the G20 Summit, Monday, June 18, 2012, in Los Cabos, Mexico. (AP Photo/Carolyn Kaster)

MOSCA. – Tra Mosca e Washington tornano a soffiare gelidi i venti della guerra fredda. All’annuncio degli Usa di voler schierare stabilmente una brigata corazzata lungo il confine est della Nato per prevenire ogni tipo di aggressione da parte della Russia, Mosca ha reagito digrignando i denti e minacciando “una risposta assolutamente asimmetrica” ed “efficace”.

Nonostante i passi avanti fatti in Siria, e le promesse di maggiore cooperazione contro i terroristi in Libia e nello Yemen, Cremlino e Casa Bianca si comportano ancora da avversari. E si sfidano. Il piano di rafforzamento in Europa orientale presentato dal Pentagono dovrebbe partire tra meno di un anno, nel febbraio del 2017, e prevede il dispiegamento di una brigata corazzata forte di circa 4.200 militari, carri armati e mezzi blindati, tra sei paesi della Nato: Lituania, Estonia, Lettonia, Polonia, Romania e Bulgaria.

Con questa nuova unità, l’esercito americano disporrà in tutto di tre brigate in Europa, che in caso di conflitto – assicura il ministero della Difesa di Washington – potranno costituire rapidamente una divisione perfettamente equipaggiata. E questa è comunque solo una parte delle truppe a stelle e strisce presenti nel Vecchio continente, che contano in totale su circa 65.000 soldati.

Mosca in ogni caso ha avvertito che non starà a guardare. “Non siamo osservatori passivi”, ha dichiarato il rappresentante della Russia presso la Nato, Aleksandr Grushko, assicurando che Mosca realizzerà gradualmente “tutte le misure militari necessarie per compensare questo rafforzamento non giustificato da nulla”.

A deteriorare le relazioni tra Russia e Occidente è stata la crisi ucraina, con l’annessione della Crimea da parte di Mosca nel marzo di due anni fa e il presunto sostegno militare della Russia ai separatisti del Donbass. Ed è a questo che ha fatto riferimento il vice segretario alla Difesa Usa, Robert Work, per giustificare la scelta americana di flettere i muscoli in Europa: il piano – ha affermato – serve a tranquillizzare i paesi dell’est preoccupati da “una Russia aggressiva”.

Le tensioni tra Mosca e Washington sono evidenti. L’ennesima prova è il boicottaggio da parte di Vladimir Putin del summit sulla Sicurezza nucleare in agenda a Washington in questi giorni. Nessun passo indietro per il Cremlino: la decisione di non partecipare al vertice americano è confermata. Il motivo? “Abbiamo riscontrato una mancanza di interazione nell’elaborazione preliminare dei temi e degli argomenti del vertice”, spiega il portavoce del presidente russo.

Dietro però, secondo alcuni esperti, potrebbero esserci motivazioni più prettamente politiche: “La Russia tratterà gli Usa da pari a pari dove sa di essere utile, ma non andrà a Washington a baciare l’anello al presidente Obama”, afferma il direttore del Programma Russia ed Eurasia del Carnegie Center, Eugene Rumer, ai microfoni di Fox News. Il Cremlino non vuole insomma lasciare l’iniziativa alla Casa Bianca. E non andando al Vertice, nega agli americani padroni di casa la partecipazione di una delle maggiori potenze nucleari a un summit che ha come tema la sicurezza atomica. Un grave smacco per Washington.

“La Russia si sta isolando da sola”: è stato il commento di Ben Rhodes, uno più stretti collaboratori di Barack Obama. Ma il ministero degli Esteri russo denuncia “un tentativo di imporre alle organizzazioni internazionali il punto di vista di un limitato gruppo di Stati” nel campo della sicurezza nucleare.

L’assenza di Putin al quarto Nuclear Security Summit non sorprende più di tanto. Del resto, all’ultimo Vertice, svoltosi due anni fa all’Aja nel pieno della crisi ucraina, il leader della Casa Bianca diede un vero e proprio schiaffo diplomatico a Putin: “La Russia – disse – è una potenza regionale che minaccia alcuni dei suoi immediati vicini, non per la sua forza ma per la sua debolezza”. Parole che il presidente russo difficilmente ha dimenticato.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

11:22Alto Adige, nuove polemiche per cartelli di montagna

(ANSA) - BOLZANO, 21 LUG - In Alto Adige i cartelli di montagna non trovano pace: dopo le lunghe ed estenuanti polemiche sull'utilizzo dei toponimi italiani lungo i sentieri, ora l'opinione pubblica si divide sull'utilizzo di cartelli in metallo che fino ad ora sono stati un tabù a sud del Brennero. Mentre Austria, Germania e Svizzera da tempo hanno optato per la segnaletica in alluminio, l'Alto Adige finora è rimasto fedele a quelli in legno, considerati più belli ed ecologici. Ora però il comune di Selva dei Mulini ha fatto da apripista, istallando per la prima volta cartelli in metallo, suscitando aspre polemiche che da giorni occupano la stampa locale. "Ormai solo l'Alto Adige scrive su legno", titola oggi in apertura il Dolomiten. Il senatore Hans Berger si schiera per i cartelli gialli in metallo: sono meglio visibili, inoltre possono contenere più informazioni, come per esempio il grado di difficoltà del sentiero. Il dibattito è destinato a durare.

11:13Omicidio nel Salernitano, ucciso infermiere 53enne

(ANSA) - SALERNO, 21 LUG - Un uomo di 53 anni, Maurizio Fortino, è stato accoltellato, ieri sera, in un'abitazione di Nocera Inferiore nel Salernitano per motivi passionali. Nella nottata i carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore hanno arrestato un pregiudicato 42enne nocerino, sorpreso per le vie del centro cittadino dopo aver accoltellato l'uomo, un infermiere dell'ospedale Umberto I. Alla base dell'aggressione motivi personali, riconducibili alla sfera sentimentale. La vittima, raggiunta da un fendente alla schiena, colpo che ha perforato il polmone sinistro, ha cercato di raggiungere l'ospedale, aiutato anche da alcuni passanti, ma è deceduta in seguito alla forte perdita di sangue causata dalla ferita.

11:12Scherma:Mondiali,sciabola, avanti Samele, Curatoli e Montano

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Si alza il sipario sui Campionati del Mondo di scherma a Lipsia. Dopo le due giornate dedicate alle fasi di qualificazioni, le pedane tedesche assegnano oggi le prime medaglie e dunque i primi titoli iridati. Ad essere protagoniste di giornata sono fiorettiste e sciabolatori. Nella sciabola maschile Luca Curatoli, Luigi Samele ed Aldo Montano avanzano al tabellone dei 32. I tre azzurri hanno infatti vinto i rispettivi match d'esordio. Curatoli ha avuto ragione per 15-1 del thailandese Soravit Kitsibriboon, Samele ha superato 15-10 il portacolori di Hong Kong Ho Tin Low, mentre Montano ha sconfitto 15-12 il turco Enver Yildirim. Si è conclusa nel primo turno di giornata invece l'avventura iridata di Enrico Berrè, uscito sconfitto per 15-13 dall'assalto contro l'iraniano Ali Pakdaman. Nella gara individuale di fioretto femminile, l'Italia in gara con Arianna Errigo, Martina Batini, Alice Volpi e Camilla Mancini.

11:10‘Usa vieteranno agli americani viaggi in Corea del Nord’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Gli Stati Uniti intendono proibire agli americani di viaggiare in Corea del Nord. Lo sostengono i tour operator Koryo Tours e Young Pioneer Tours, secondo quanto riportato dalla Bbc. Le due agenzie di viaggio sostengono che il divieto sarà annunciato il 27 luglio e comincerà a valere un mese dopo. Dalla Casa Bianca non è arrivata alcuna conferma della notizia. Young Pioneer Tours è il tour operator con il quale viaggiò lo studente americano Otto Warmbier morto a giugno dopo aver trascorso 15 anni in un carcere nordcoreano.

11:09Calcio: Dzeko assicura ‘sarà una Roma ancora più forte’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Siamo ancora all'inizio della preparazione. Qualche giocatore importante è andato via, ma ne sono arrivati altri forti. E magari ne arriveranno ancora. Sono sicuro che la Roma sarà forte anche più dello scorso anno". Parola di Edin Dzeko. Il capocannoniere del passato campionato rassicura i tifosi e manda un messaggio alle rivali. Da Boston, seconda tappa del tour estivo che sta affrontando la formazione allenata da Di Francesco, l'attaccante bosniaco ricorda come l'obiettivo della Roma sia quello di "fare bene in tutte le competizioni, dalla Champions al campionato passando per la Coppa Italia". "Quella scorsa - dice a RomaTv - è stata una stagione molto bella per me, con tanti gol, e voglio ripartire da lì. Voglio continuare così, segnare ancora tanto anche se so che è difficile. Mi voglio preparare bene per farmi trovare pronto". E a dargli una mano ci sarà l'ultimo acquisto del ds Monchi, Defrel: "È forte, mi piace. Deciderà il tecnico, ma penso che possiamo anche giocare insieme, non è un problema''

10:53Strangolato Valencia: omicidio aggravato a presunto omicida

(ANSA) - FERRARA, 21 LUG - Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio aggravato è stata notificata dai carabinieri di Ferrara a Eder Guidarelli, il 32enne accusato di avere strangolato con una corda l'amico Marcello Cenci il 2 luglio a Valencia. Guidarelli, arrestato a Ventimiglia mentre rientrava in Italia dalla Spagna, è stato poi trasferito nel carcere di Imperia. La misura cautelare - spiegano i militari del Reparto Operativo-Nucleo investigativo estense - segue "mirati accertamenti tecnici, specifici riscontri e attività investigative", condivisi dall'autorità giudiziaria di Ferrara, che lo indicano come unico autore della morte di Cenci. Secondo l'accusa, Guidarelli avrebbe covato una forte gelosia nei confronti di Cenci per via di una donna. Gelosia sfociata in tre aggressioni a Ferrara e Valencia. Per questi episodi pendeva un processo per stalking, fissato per ottobre: erano in corso trattative per il patteggiamento e il risarcimento danni, possibile causa scatenante dell'omicidio. (ANSA).

10:50Terremoto: Kos, Farnesina verifica presenza italiani

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "In relazione al terremoto che ha colpito l'isola di Kos, l'Unità di crisi della Farnesina e l'ambasciata d'Italia ad Atene sono al lavoro da questa notte per escludere la presenza di connazionali tra le vittime del sisma". Lo ha riferito la Farnesina.

Archivio Ultima ora