Conte, grande differenza di tasso tecnico con l’Europa

Pubblicato il 30 marzo 2016 da redazione

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016.  EPA/SVEN HOPPE

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016. EPA/SVEN HOPPE

ROMA. – Erano 10 anni fa, esattamente, quando il Bundestag tedesco convocò l’allora ct Jurgen Klinsmann per chiedere conto dell’incredibile sconfitta in casa dell’Italia, un 4-1 devastante con il mondiale alle porte. A parti invertite, non era nelle cose che lo stesso succedesse in Italia con Antonio Conte; e infatti non è successo, non solo per gli impegni della politica. La brutta sconfitta di Monaco toglie il velo ai problemi di tutto il calcio italiano ma non era impossibile da prevedere, per chi – come dice Conte – ha ben chiaro il punto della situazione.

Quanto al ct, prima durante e dopo ha sempre dichiarato di avere “idee chiare”: sulle convocazioni, sul gruppo Italia e sul grado di difficoltà. La notte di Monaco ha fatto rispolverare un termine: spread, quello che c’è tra Italia e grandi d’Europa.

“A mente fredda lo ripeto: non boccio nessuno, neanche dopo Monaco. Mi fido dei miei ragazzi, non ci sono giocatori che potevo convocare e ho lasciato a casa: alcuni li ho provati rischiando di tasca mia, altri li avrei voluti avere più tempo. Le idee le ho chiare – dice all’Ansa – le due amichevoli mi hanno aiutato a restringere i dubbi. Le risposte le ho avute”.

E va da sè che sono incluse quelle positive e quelle negative. “Non mi piaceva l’esaltazione dopo la Spagna, non mi deprimo ora: dobbiamo restare con i piedi ben piantati a terra, sapevamo che il gap dalle grandi è ampio, dobbiamo ricordarci tutti del punto in cui siamo”. Ovvero ancora nella crisi. Lo dicono i numeri dei club italiani in Europa e l’impietoso confronto di velocità e intensità con i grandi campionati esteri.

Per Conte, poi, ci sono anche altri numeri: il disastro mondiale, l’invasione di stranieri che riduce del 50% i convocabili della serie A in 10 anni, i pochi giorni a disposizione per allenare. Di promesse non mantenute il ct ha parlato apertamente: ora oltre ai mancati stage (nei quali avrebbe voluto vedere da vicino Jorginho, ad esempio) dovrà tarare la preparazione del ritiro pre Euro sulle date della finale di Coppa Italia.

Con la differenza di tasso tecnico emersa a Monaco (palese il confronto Ozil-Kroos con Thiago Motta-Montolivo), aumenta il peso specifico dell’aspetto fisico. “C’era troppa euforia prima: siamo una buona squadra se abbiamo corsa – l’analisi di capitan Buffon – ma vedrete, qualcosa tireremo fuori”. All’interno del gruppo azzurro, è come se ci si sentisse in un “vicolo cieco”: non c’è destra o sinistra per svoltare, la direzione è unica e per ora è impossibile sapere se il muro arriverà agli ottavi o solo in fondo al prossimo Europeo.

Conte ci si deve sentir stretto, se è vero che in prospettiva la situazione ha pesato sulla scelta di non rinnovare con l’azzurro. Intanto, già dal volo notturno di ritorno, il ct si è messo ad analizzare i dati statistici della partita di Monaco: una contraddizione bella e buona. Pende per gli azzurri la bilancia di tiri (9/8), assist (8/6), dribbling (11/8), palloni recuperati (53/50), ma dietro al 4-1 c’è la bilancia tedesca più pesante: 57 per cento di possesso palla contro il 43, 49 a 36 nell’indice di pericolosità dei tedeschi, senza tener conto che il tasso tecnico non si misura.

Questi numeri tornano però preziosi per la lista dei 23, di cui 16 certi. Lo schema è semplice: sette difensori, otto centrocampisti e cinque attaccanti, scelti in base a tre criteri, ovvero capacità di integrarsi nel gruppo, intercambiabilità, adattabilità ai due schemi base (3-5-2 e 3-4-3).

Perciò con i portieri (BUFFON, SIRIGU, PERIN), a oggi hanno certezze tra i difensori BONUCCI, CHIELLINI, BARZAGLI, DARMIAN; ASTORI è in vantaggio su Acerbi, ANTONELLI e DE SILVESTRI si giocano un posto, FLORENZI è un jolly difesa-centrocampo. In mezzo al campo, con VERRATTI e MARCHISIO (le cui assenze hanno pesato), sono punti fermi GIACCHERINI e CANDREVA. Per i posti degli altri due centrali PAROLO è in vantaggio su THIAGO MOTTA, SORIANO, JORGINHO, fuori corsa sembra Montolivo.

In avanti PELLE’ è centravanti titolare, ZAZA ancorché deludente (Conte aveva avvisato: chi gioca poco nel club avrà vita dura in azzurro) è alternativa unica; EDER non brilla in questa fase ma dà garanzie tecniche. Insigne e Bernardeschi escono con le ossa rotte dalla partita di Monaco: partire dal 1′ è cosa diversa che entrare dopo un’ora di gioco. C’è GIOVINCO sempre pronto, con EL SHAARAWY buono sia come seconda punta sia come esterno. Questa è l’Italia, oggi.

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora