Conte, grande differenza di tasso tecnico con l’Europa

Pubblicato il 30 marzo 2016 da redazione

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016.  EPA/SVEN HOPPE

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016. EPA/SVEN HOPPE

ROMA. – Erano 10 anni fa, esattamente, quando il Bundestag tedesco convocò l’allora ct Jurgen Klinsmann per chiedere conto dell’incredibile sconfitta in casa dell’Italia, un 4-1 devastante con il mondiale alle porte. A parti invertite, non era nelle cose che lo stesso succedesse in Italia con Antonio Conte; e infatti non è successo, non solo per gli impegni della politica. La brutta sconfitta di Monaco toglie il velo ai problemi di tutto il calcio italiano ma non era impossibile da prevedere, per chi – come dice Conte – ha ben chiaro il punto della situazione.

Quanto al ct, prima durante e dopo ha sempre dichiarato di avere “idee chiare”: sulle convocazioni, sul gruppo Italia e sul grado di difficoltà. La notte di Monaco ha fatto rispolverare un termine: spread, quello che c’è tra Italia e grandi d’Europa.

“A mente fredda lo ripeto: non boccio nessuno, neanche dopo Monaco. Mi fido dei miei ragazzi, non ci sono giocatori che potevo convocare e ho lasciato a casa: alcuni li ho provati rischiando di tasca mia, altri li avrei voluti avere più tempo. Le idee le ho chiare – dice all’Ansa – le due amichevoli mi hanno aiutato a restringere i dubbi. Le risposte le ho avute”.

E va da sè che sono incluse quelle positive e quelle negative. “Non mi piaceva l’esaltazione dopo la Spagna, non mi deprimo ora: dobbiamo restare con i piedi ben piantati a terra, sapevamo che il gap dalle grandi è ampio, dobbiamo ricordarci tutti del punto in cui siamo”. Ovvero ancora nella crisi. Lo dicono i numeri dei club italiani in Europa e l’impietoso confronto di velocità e intensità con i grandi campionati esteri.

Per Conte, poi, ci sono anche altri numeri: il disastro mondiale, l’invasione di stranieri che riduce del 50% i convocabili della serie A in 10 anni, i pochi giorni a disposizione per allenare. Di promesse non mantenute il ct ha parlato apertamente: ora oltre ai mancati stage (nei quali avrebbe voluto vedere da vicino Jorginho, ad esempio) dovrà tarare la preparazione del ritiro pre Euro sulle date della finale di Coppa Italia.

Con la differenza di tasso tecnico emersa a Monaco (palese il confronto Ozil-Kroos con Thiago Motta-Montolivo), aumenta il peso specifico dell’aspetto fisico. “C’era troppa euforia prima: siamo una buona squadra se abbiamo corsa – l’analisi di capitan Buffon – ma vedrete, qualcosa tireremo fuori”. All’interno del gruppo azzurro, è come se ci si sentisse in un “vicolo cieco”: non c’è destra o sinistra per svoltare, la direzione è unica e per ora è impossibile sapere se il muro arriverà agli ottavi o solo in fondo al prossimo Europeo.

Conte ci si deve sentir stretto, se è vero che in prospettiva la situazione ha pesato sulla scelta di non rinnovare con l’azzurro. Intanto, già dal volo notturno di ritorno, il ct si è messo ad analizzare i dati statistici della partita di Monaco: una contraddizione bella e buona. Pende per gli azzurri la bilancia di tiri (9/8), assist (8/6), dribbling (11/8), palloni recuperati (53/50), ma dietro al 4-1 c’è la bilancia tedesca più pesante: 57 per cento di possesso palla contro il 43, 49 a 36 nell’indice di pericolosità dei tedeschi, senza tener conto che il tasso tecnico non si misura.

Questi numeri tornano però preziosi per la lista dei 23, di cui 16 certi. Lo schema è semplice: sette difensori, otto centrocampisti e cinque attaccanti, scelti in base a tre criteri, ovvero capacità di integrarsi nel gruppo, intercambiabilità, adattabilità ai due schemi base (3-5-2 e 3-4-3).

Perciò con i portieri (BUFFON, SIRIGU, PERIN), a oggi hanno certezze tra i difensori BONUCCI, CHIELLINI, BARZAGLI, DARMIAN; ASTORI è in vantaggio su Acerbi, ANTONELLI e DE SILVESTRI si giocano un posto, FLORENZI è un jolly difesa-centrocampo. In mezzo al campo, con VERRATTI e MARCHISIO (le cui assenze hanno pesato), sono punti fermi GIACCHERINI e CANDREVA. Per i posti degli altri due centrali PAROLO è in vantaggio su THIAGO MOTTA, SORIANO, JORGINHO, fuori corsa sembra Montolivo.

In avanti PELLE’ è centravanti titolare, ZAZA ancorché deludente (Conte aveva avvisato: chi gioca poco nel club avrà vita dura in azzurro) è alternativa unica; EDER non brilla in questa fase ma dà garanzie tecniche. Insigne e Bernardeschi escono con le ossa rotte dalla partita di Monaco: partire dal 1′ è cosa diversa che entrare dopo un’ora di gioco. C’è GIOVINCO sempre pronto, con EL SHAARAWY buono sia come seconda punta sia come esterno. Questa è l’Italia, oggi.

Ultima ora

15:13Fitto, centrodestra si dia orientamento, ok primarie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Attendendo le decisioni della Corte Costituzionale, è bene che il centrodestra si orienti. Lo dico con spirito costruttivo e non polemico". Lo afferma Raffaele Fitto, leader dei Conservatori e Riformisti. "Gli elettori - prosegue - ci sono, anzi ci sarebbero. Altri sono astenuti, ma potrebbero riconsiderarci come opzione di voto. Ma per far questo occorre una legge elettorale unificante, e un grande rinnovamento di persone, programmi, strategie. Le primarie possono esprimere meglio di qualunque altro strumento (vecchi tavoli, ecc) una spinta di rinnovamento, di unità e di competizione di idee e proposte. Da sempre sosteniamo le primarie. Naturalmente occorrono regole serie e definire per tempo.

15:11Calcio: Prandelli, Valencia minaccia causa

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il burrascoso addio di Cesare Prandelli sulla panchina del Valencia rischia di avere un'appendice fatta di carte bollate. Il club spagnolo infatti, secondo quanto riporta oggi 'Marca', avrebbe intenzione di fare causa al tecnico italiano per violazione contrattuale. Al momento, si tratta solo di un'ipotesi ma l'ufficio legale del club starebbe valutando gli eventuali passi legali. In realtà, sottolinea la stessa stampa iberica, la cosa "non sembra avere una prospettiva tangibile di successo, dato che si tratta di una risoluzione consensuale, tra l'altro arrivata rapidamente, e che ha permesso al club di risparmiare un anno e mezzo di contratto". "A Valencia mi sono sentito umiliato, perciò me ne sono andato - ha ripetuto ieri l'ex ct azzurro a 'Premium' - Sono mancati i presupposti per lavorare con trasparenza, mi hanno chiesto di fare l'allenatore e il dirigente, senza poi darmene la reale possibilità".

15:06Mafia: stragi ’92, Messina Denaro rinviato a giudizio

(ANSA) - CALTANISSETTA, 23 GEN - Il gup di Caltanissetta Marcello Testaquatra ha rinviato a giudizio il boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio in cui vennero uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e otto agenti delle scorte. E' di strage l'accusa della quale Messina Denaro dovrà rispondere davanti alla Corte d'assise nissena nel processo che inizierà il 13 marzo.

15:02Terremoto: Salvini, Charlie Hebdo disgustoso

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "A me non sono piaciute le vignette di Charlie Hebdo, anche quelle passate. Ritengo che il modo migliore per reagire sia quello di ignorarli. Come era disgustosa questa ne ritengo disgustose parecchie anche precedenti. Quando ci sono di mezzo dei morti bisognerebbe ironizzare su qualcosa d'altro". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando ai microfoni di Radio Cusano Campus la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto.

14:55Terremoto: crepe a sede, lavoratori Afm L’Aquila non entrano

(ANSA) - L'AQUILA, 23 GEN - Sede mai ristrutturata dal terremoto del 2009 e danni in aumento per le continue scosse con nuove crepe evidenti: per questo motivo 10 dipendenti dell'Azienda farmaceutica municipalizzata di L'Aquila, società comunale che gestisce sette farmacie pubbliche, si sono rifiutati di entrare a lavoro. La notizia è stata diffusa dall'Ugl con una nota del segretario provinciale Giuliana Vespa, che chiede prima di tutto una sede sicura per i dipendenti amministrativi, "fosse pure un container". "La sede della Afm, come da noi più volte ribadito anche in sede prefettizia il 19 dicembre 2014, non è stata mai oggetto dei lavori di ristrutturazione post-sisma - afferma -. In quella sede ci fu detto che lo stabile che ospita l'Afm aveva ottenuto la agibilità parziale con classificazione 'B' e che era stato interessato, quale proprietario dell'immobile, il Comune per i lavori di ristrutturazione, mai avvenuti".

14:49Calcio: Real, Marcelo salta il Napoli

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Brutte notizie per Marcelo, il terzino sinistro del Real uscito anzitempo durante la sfida di Liga contro il Malaga: il brasiliano ha riportato una lesione di secondo grado al bicipite femorale destro e starà fuori almeno un mese, saltando quindi la sfida di andata di Champions contro il Napoli, con qualche speranza di averlo per il ritorno (7 marzo). Questo l'esito dell'esame cui si è sottoposto stamani il giocatore, visitato insieme a Luka Modric che invece tornerà in campo tra circa 10 giorni: per il croato solo un sovraccarico all'adduttore della gamba destra. Marcelo sarà invece certamente indisponibile contro Celta (Liga e Coppa del Re), Real Sociedad, Osasuna, Espanyol, Valencia e Villarreal (Liga) e, appunto, Napoli. Per la sfida contro il Celta di mercoledì prossimo (che i blancos devono recuperare dopo il ko casalingo dell'andata), Zidane oltre a Marcelo e Modric, dovrà fare a meno anche di Carvajal, Pepe e Bale.

14:47Sindaci dopo allarme Grandi rischi, no a scaricabarile

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 23 GEN - "Mi assumo la responsabilità di riaprire domani le scuole di Ascoli Piceno perché sono nelle condizioni in cui erano prima del terremoto del 24 agosto. Alla luce dell'allarme della Commissione Grandi Rischi, ho però scritto al presidente del consiglio Gentiloni, al ministro Fedeli, a Errani e Curcio chiedendo loro di dirmi se la mia decisione è amministrativamente corretta o se, in assenza dei certificati di vulnerabilità che non abbiamo per nessun edificio scolastico, come del resto praticamente in tutta Italia, devo tenerle chiuse e dichiarare finito anche l'anno scolastico". Così il sindaco Guido Castelli. ''Scaricare sui sindaci responsabilità che è impossibile sostenere è il sintomo di un Paese malato'' dice il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola. ''Ho fatto quello che posso fare: ho disposto che in tutte le scuole di ogni ordine e grado e in tutti gli uffici pubblici si effettuino prove di evacuazione ogni settimana. Non posso certo rafforzare le strutture''.

Archivio Ultima ora