Conte, grande differenza di tasso tecnico con l’Europa

Pubblicato il 30 marzo 2016 da redazione

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016.  EPA/SVEN HOPPE

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016. EPA/SVEN HOPPE

ROMA. – Erano 10 anni fa, esattamente, quando il Bundestag tedesco convocò l’allora ct Jurgen Klinsmann per chiedere conto dell’incredibile sconfitta in casa dell’Italia, un 4-1 devastante con il mondiale alle porte. A parti invertite, non era nelle cose che lo stesso succedesse in Italia con Antonio Conte; e infatti non è successo, non solo per gli impegni della politica. La brutta sconfitta di Monaco toglie il velo ai problemi di tutto il calcio italiano ma non era impossibile da prevedere, per chi – come dice Conte – ha ben chiaro il punto della situazione.

Quanto al ct, prima durante e dopo ha sempre dichiarato di avere “idee chiare”: sulle convocazioni, sul gruppo Italia e sul grado di difficoltà. La notte di Monaco ha fatto rispolverare un termine: spread, quello che c’è tra Italia e grandi d’Europa.

“A mente fredda lo ripeto: non boccio nessuno, neanche dopo Monaco. Mi fido dei miei ragazzi, non ci sono giocatori che potevo convocare e ho lasciato a casa: alcuni li ho provati rischiando di tasca mia, altri li avrei voluti avere più tempo. Le idee le ho chiare – dice all’Ansa – le due amichevoli mi hanno aiutato a restringere i dubbi. Le risposte le ho avute”.

E va da sè che sono incluse quelle positive e quelle negative. “Non mi piaceva l’esaltazione dopo la Spagna, non mi deprimo ora: dobbiamo restare con i piedi ben piantati a terra, sapevamo che il gap dalle grandi è ampio, dobbiamo ricordarci tutti del punto in cui siamo”. Ovvero ancora nella crisi. Lo dicono i numeri dei club italiani in Europa e l’impietoso confronto di velocità e intensità con i grandi campionati esteri.

Per Conte, poi, ci sono anche altri numeri: il disastro mondiale, l’invasione di stranieri che riduce del 50% i convocabili della serie A in 10 anni, i pochi giorni a disposizione per allenare. Di promesse non mantenute il ct ha parlato apertamente: ora oltre ai mancati stage (nei quali avrebbe voluto vedere da vicino Jorginho, ad esempio) dovrà tarare la preparazione del ritiro pre Euro sulle date della finale di Coppa Italia.

Con la differenza di tasso tecnico emersa a Monaco (palese il confronto Ozil-Kroos con Thiago Motta-Montolivo), aumenta il peso specifico dell’aspetto fisico. “C’era troppa euforia prima: siamo una buona squadra se abbiamo corsa – l’analisi di capitan Buffon – ma vedrete, qualcosa tireremo fuori”. All’interno del gruppo azzurro, è come se ci si sentisse in un “vicolo cieco”: non c’è destra o sinistra per svoltare, la direzione è unica e per ora è impossibile sapere se il muro arriverà agli ottavi o solo in fondo al prossimo Europeo.

Conte ci si deve sentir stretto, se è vero che in prospettiva la situazione ha pesato sulla scelta di non rinnovare con l’azzurro. Intanto, già dal volo notturno di ritorno, il ct si è messo ad analizzare i dati statistici della partita di Monaco: una contraddizione bella e buona. Pende per gli azzurri la bilancia di tiri (9/8), assist (8/6), dribbling (11/8), palloni recuperati (53/50), ma dietro al 4-1 c’è la bilancia tedesca più pesante: 57 per cento di possesso palla contro il 43, 49 a 36 nell’indice di pericolosità dei tedeschi, senza tener conto che il tasso tecnico non si misura.

Questi numeri tornano però preziosi per la lista dei 23, di cui 16 certi. Lo schema è semplice: sette difensori, otto centrocampisti e cinque attaccanti, scelti in base a tre criteri, ovvero capacità di integrarsi nel gruppo, intercambiabilità, adattabilità ai due schemi base (3-5-2 e 3-4-3).

Perciò con i portieri (BUFFON, SIRIGU, PERIN), a oggi hanno certezze tra i difensori BONUCCI, CHIELLINI, BARZAGLI, DARMIAN; ASTORI è in vantaggio su Acerbi, ANTONELLI e DE SILVESTRI si giocano un posto, FLORENZI è un jolly difesa-centrocampo. In mezzo al campo, con VERRATTI e MARCHISIO (le cui assenze hanno pesato), sono punti fermi GIACCHERINI e CANDREVA. Per i posti degli altri due centrali PAROLO è in vantaggio su THIAGO MOTTA, SORIANO, JORGINHO, fuori corsa sembra Montolivo.

In avanti PELLE’ è centravanti titolare, ZAZA ancorché deludente (Conte aveva avvisato: chi gioca poco nel club avrà vita dura in azzurro) è alternativa unica; EDER non brilla in questa fase ma dà garanzie tecniche. Insigne e Bernardeschi escono con le ossa rotte dalla partita di Monaco: partire dal 1′ è cosa diversa che entrare dopo un’ora di gioco. C’è GIOVINCO sempre pronto, con EL SHAARAWY buono sia come seconda punta sia come esterno. Questa è l’Italia, oggi.

Ultima ora

06:06Venezuela, altri due giovani uccisi nelle proteste

(ANSA) - CARACAS, 25 MAG - Altri due giovani venezuelani sono morti durante proteste antigovernative, uno a Maracaibo e l'altro a Ciudad Bolivar, ambedue raggiunti da spari di arma da fuoco. A Ciudad Bolivar, capitale dello stato di Bolivar, nel sudest del Venezuela, il deputato oppositore José Manuel Olivares ha informato dell'uccisione di Augusto Pugas, 22 anni, studente di infermeria, raggiunto da uno sparo alla testa. La stampa ha informato inoltre dell'uccisione di Adrian José Duque Bravo, 24 anni, colpito da uno sparo di arma da fuoco al ventre mentre partecipava a una manifestazione nella zona di Torres del Saladillo a Maracaibo, la seconda città più importante del Venezuela e capitale dello stato Zulia, nel nordest del Paese. Con questi ultimi due morti, sale a 63 il numero di vittime nelle proteste antigovernative che si susseguono in Venezuela da inizio aprile.

03:46Usa, sondaggio: Trump crolla al 40%

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - La bufera del Russiagate fa crollare Trump nell'ultimo sondaggio di Fox news (21-23 maggio): il 40% del campione approva il lavoro del presidente Usa, mentre il 53% lo boccia. Un mese fa il rapporto era 45% a 48%. Il 44% inoltre ritiene che gli hackeraggi russi abbiano aiutato il tycoon ad arrivare alla Casa Bianca. Il 68% approva la nomina di un procuratore speciale per indagare sulle interferenze di Mosca nelle elezioni (29% e' contro) e il 43% pensa che scoprirà un coordinamento della campagna di Trump con la Russia. Il 60% inoltre e' convinto che Trump abbia licenziato il capo dell'Fbi James Comey perche' l'indagine sul Russiagate stava danneggiando la presidenza (il 29% non lo pensa). Come se non bastasse, il 57% ritiene che la condivisione di informazioni segrete con i russi nello studio ovale sia frutto di cattivo giudizio.

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

Archivio Ultima ora