Conte, grande differenza di tasso tecnico con l’Europa

Pubblicato il 30 marzo 2016 da redazione

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016.  EPA/SVEN HOPPE

Antonio Conte, head coach of Italy (C) watching the international soccer match between Germany and Italy, at the Allianz Arena in Munich, Germany, 29 March 2016. EPA/SVEN HOPPE

ROMA. – Erano 10 anni fa, esattamente, quando il Bundestag tedesco convocò l’allora ct Jurgen Klinsmann per chiedere conto dell’incredibile sconfitta in casa dell’Italia, un 4-1 devastante con il mondiale alle porte. A parti invertite, non era nelle cose che lo stesso succedesse in Italia con Antonio Conte; e infatti non è successo, non solo per gli impegni della politica. La brutta sconfitta di Monaco toglie il velo ai problemi di tutto il calcio italiano ma non era impossibile da prevedere, per chi – come dice Conte – ha ben chiaro il punto della situazione.

Quanto al ct, prima durante e dopo ha sempre dichiarato di avere “idee chiare”: sulle convocazioni, sul gruppo Italia e sul grado di difficoltà. La notte di Monaco ha fatto rispolverare un termine: spread, quello che c’è tra Italia e grandi d’Europa.

“A mente fredda lo ripeto: non boccio nessuno, neanche dopo Monaco. Mi fido dei miei ragazzi, non ci sono giocatori che potevo convocare e ho lasciato a casa: alcuni li ho provati rischiando di tasca mia, altri li avrei voluti avere più tempo. Le idee le ho chiare – dice all’Ansa – le due amichevoli mi hanno aiutato a restringere i dubbi. Le risposte le ho avute”.

E va da sè che sono incluse quelle positive e quelle negative. “Non mi piaceva l’esaltazione dopo la Spagna, non mi deprimo ora: dobbiamo restare con i piedi ben piantati a terra, sapevamo che il gap dalle grandi è ampio, dobbiamo ricordarci tutti del punto in cui siamo”. Ovvero ancora nella crisi. Lo dicono i numeri dei club italiani in Europa e l’impietoso confronto di velocità e intensità con i grandi campionati esteri.

Per Conte, poi, ci sono anche altri numeri: il disastro mondiale, l’invasione di stranieri che riduce del 50% i convocabili della serie A in 10 anni, i pochi giorni a disposizione per allenare. Di promesse non mantenute il ct ha parlato apertamente: ora oltre ai mancati stage (nei quali avrebbe voluto vedere da vicino Jorginho, ad esempio) dovrà tarare la preparazione del ritiro pre Euro sulle date della finale di Coppa Italia.

Con la differenza di tasso tecnico emersa a Monaco (palese il confronto Ozil-Kroos con Thiago Motta-Montolivo), aumenta il peso specifico dell’aspetto fisico. “C’era troppa euforia prima: siamo una buona squadra se abbiamo corsa – l’analisi di capitan Buffon – ma vedrete, qualcosa tireremo fuori”. All’interno del gruppo azzurro, è come se ci si sentisse in un “vicolo cieco”: non c’è destra o sinistra per svoltare, la direzione è unica e per ora è impossibile sapere se il muro arriverà agli ottavi o solo in fondo al prossimo Europeo.

Conte ci si deve sentir stretto, se è vero che in prospettiva la situazione ha pesato sulla scelta di non rinnovare con l’azzurro. Intanto, già dal volo notturno di ritorno, il ct si è messo ad analizzare i dati statistici della partita di Monaco: una contraddizione bella e buona. Pende per gli azzurri la bilancia di tiri (9/8), assist (8/6), dribbling (11/8), palloni recuperati (53/50), ma dietro al 4-1 c’è la bilancia tedesca più pesante: 57 per cento di possesso palla contro il 43, 49 a 36 nell’indice di pericolosità dei tedeschi, senza tener conto che il tasso tecnico non si misura.

Questi numeri tornano però preziosi per la lista dei 23, di cui 16 certi. Lo schema è semplice: sette difensori, otto centrocampisti e cinque attaccanti, scelti in base a tre criteri, ovvero capacità di integrarsi nel gruppo, intercambiabilità, adattabilità ai due schemi base (3-5-2 e 3-4-3).

Perciò con i portieri (BUFFON, SIRIGU, PERIN), a oggi hanno certezze tra i difensori BONUCCI, CHIELLINI, BARZAGLI, DARMIAN; ASTORI è in vantaggio su Acerbi, ANTONELLI e DE SILVESTRI si giocano un posto, FLORENZI è un jolly difesa-centrocampo. In mezzo al campo, con VERRATTI e MARCHISIO (le cui assenze hanno pesato), sono punti fermi GIACCHERINI e CANDREVA. Per i posti degli altri due centrali PAROLO è in vantaggio su THIAGO MOTTA, SORIANO, JORGINHO, fuori corsa sembra Montolivo.

In avanti PELLE’ è centravanti titolare, ZAZA ancorché deludente (Conte aveva avvisato: chi gioca poco nel club avrà vita dura in azzurro) è alternativa unica; EDER non brilla in questa fase ma dà garanzie tecniche. Insigne e Bernardeschi escono con le ossa rotte dalla partita di Monaco: partire dal 1′ è cosa diversa che entrare dopo un’ora di gioco. C’è GIOVINCO sempre pronto, con EL SHAARAWY buono sia come seconda punta sia come esterno. Questa è l’Italia, oggi.

Ultima ora

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

22:16Incidenti montagna: alpinista scivola e muore

(ANSA) - PANIA DELLA CROCE (LUCCA), 20 GEN - Un alpinista è morto a seguito delle ferite riportate per una caduta nel Vallone dell'Inferno sul versante occidente della Pania della Croce (Lucca). L'uomo, secondo quanto si appreso, sarebbe finito nella Buca della neve. A dare l'allarme al 118, intorno alle 17, gli altri componenti del gruppo che si trovavano con l'uomo. L'elicottero Pegaso 3 a causa delle condizioni atmosferiche e dell'approssimarsi del buio non ha potuto raggiungere l'alpinista ma è riuscito a trasportare gli uomini della stazione di Lucca, insieme con il medico, a circa 1 ora e 20 minuti di distanza, lungo il sentiero del pastore che sale al Rifugio Rossi. Sul posto si è diretta anche la squadra di Querceta(Lucca). L'uomo era in condizioni disperate. In corso le operazioni di recupero della salma. Il Sast (Soccorso alpino e speleologico Toscano) ricorda che in quota le condizioni della neve non sono buone: vento e pioggia hanno fatto affiorare strati di neve molto ghiacciata.

22:07Calcio: serie B, Spezia-Palermo 0-0

(ANSA) - LA SPEZIA, 20 GEN - Il Palermo non va oltre il pari con lo Spezia ma mantiene la vetta della classifica del campionato di Serie B ora in coabitazione con il Frosinone. Al 'Picco' finisce 0-0 al termine di una partita intensa ma con poche occasioni da gol. Nel primo tempo meglio i liguri che sfiorano il gol in apertura con un tiro di Maggiore e premono di più mentre i siciliani provano a pungere senza successo con Nestorovski e Trajkovski. Nella ripresa, ancora i padroni di casa al 13' si fanno pericolosi con un colpo di testa di Granoche e al 19' confezionano la palla gol più nitida dell'incontro con Pomini che si supera deviando la conclusione di Gilardino sul cross di Granoche. I siciliani si fanno pericolosi al 25' con una conclusione da fuori di Coronado. Col pari odierno, il Palermo conserva la propria imbattibilità stagionale in trasferta e raggiunge quota 40 mentre lo Spezia con 31 punti occupa l'ultima posizione utile per i play-off.

22:03Italia team: Kostner bronzo a Europei pattinaggio

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Carolina Kostner conquista la medaglia di bronzo agli Europei di pattinaggio artistico in corso a Mosca. E' l'undicesimo podio consecutivo della campionessa azzurra nell'evento continentale. Terza dopo il programma corto, stasera la bolzanina ha commesso due errori ma è riuscita a salvare il bronzo con 204.25. L'oro è andato alla russa Alina Zagitova, 15 anni, che è stata perfetta nella sua esecuzione chiudendo a 238.24. L'argento alla connazionale Evgenia Medvedeva (232.86), campionessa uscente.

21:59Tre escursionisti scivolano in parete Corno alle Scale

(ANSA) - BOLOGNA, 20 GEN - Gli uomini del Soccorso alpino dell'Emilia-Romagna sono al lavoro dal pomeriggio cercando di recuperare tre escursionisti, che sono scivolati in un canale mentre stavano scalando con i ramponi una parete del Corno alle Scale, sull'Appennino Bolognese. L'intervento dei soccorritori è scattato poco dopo le 18. Inizialmente gli uomini del Soccorso alpino erano riusciti a parlare al telefono con uno dei tre escursionisti, ma poi sembra che il contatto si sia interrotto. Le operazioni per individuare e recuperare i dispersi sono particolarmente difficili a causa delle cattive condizioni meteo. (ANSA).

21:32Minacce a sindaco Empoli: in 400 a presidio con Barnini

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 20 GEN - Circa 400 persone hanno preso parte questo pomeriggio al presidio indetto a Empoli (Firenze) dal presidente del consiglio comunale Roberto Bagnoli in solidarietà al sindaco Brenda Barnini, oggetto di una missiva contenente due proiettili e minacce corredate da una svastica dopo che la città è stata insignita nei giorni scorsi della Medaglia d'oro per la Resistenza. Per l'occasione il monumento dell'Athena Nike in piazza della Vittoria, luogo scelto per la manifestazione, è stato illuminato con luci di colore rosso. Durante il presidio hanno preso la parola, oltre alla stessa Barnini, anche alcuni sindaci dell'Empolese e delle zone limitrofe ed esponenti politici locali. "Non è stato un attacco alla mia persona ma a una comunità - ha spiegato Brenda Barnini - Questa solidarietà però mi fa pensare che ci siano ancora gli anticorpi per combattere queste azioni". Proseguono intanto le indagini dei carabinieri per risalire all'autore del gesto minatorio.(ANSA).

Archivio Ultima ora