Concorso prof: 165.578 domande e valanga di ricorsi

Pubblicato il 31 marzo 2016 da redazione

scuola

ROMA. – Hanno raggiunto quota 165.578 le domande di partecipazione al concorso per docenti – 63.712 i posti “in palio” – sul quale rischia di abbattersi una valanga di ricorsi. Il Ministero dell’Istruzione ha tirato le somme della procedura di iscrizione on line partita lo scorso 29 febbraio e conclusasi ieri alle 14, con buona pace di chi, come l’Anief, invocava una proroga dei termini per un “tilt del sistema” che avrebbe creato problemi a “migliaia di docenti”.

La regione con più domande presentate è la Campania (24.125), seguita da Lombardia (22.630), Sicilia (17.725) e Lazio (16.191). Soltanto 890 gli iscritti dal Molise. Quanto all’identikit del candidato, l’85,2% delle domande è stato inoltrato da donne, percentuale che sale al 95,6% se si guarda al bando della primaria e dell’infanzia, e che si attesta al 91,7% per il sostegno. Il 63,1% delle domande arriva da under40 (con un picco del 69,9% in Lombardia). L’età media generale è di 38,6 anni (34 per il sostegno).

Nel dettaglio sono 97.719 le domande per il bando relativo a scuola dell’infanzia e primaria, 58.254 per la secondaria di I e II grado, 9.605 per il sostegno. Per conoscere le date delle prove scritte, che si svolgeranno da fine aprile, bisognerà ora aspettare l’avviso che sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 12 aprile.

Il ministro Giannini è soddisfatta per l’alta adesione al concorso (al di sotto comunque della platea di 200.000 candidati stimata dal Miur): “la numerosa presenza di giovani dimostra che siamo sulla strada giusta”, “continua l’impegno del Governo per portare qualità, stabilità ed energie nuove nella scuola”.

“Dopo anni di mancate risposte sul tema del precariato storico e di concorsi che si sono svolti a singhiozzo” si sta cercando – ha spiegato il ministro – di “riportare il Paese alla normalità: con la Buona Scuola prevediamo bandi ogni tre anni e dunque certezze sui tempi di selezione per l’ingresso nella scuola”.

Certezze non sembrano esserci, invece, sui numeri dei partecipanti. Il Tar del Lazio, con una serie di decreti monocratici, ha ritenuto che debbano partecipare alla prova, con riserva, anche centinaia di docenti non in possesso dell’abilitazione seppure spesso assunti come supplenti dalle Graduatorie di Istituto. Il Tar dovrebbe emettere i primi giudizi pilota il prossimo 7 aprile. E, secondo i legali di Adida (Associazione Docenti Invisibili da Abilitare) stanno per essere depositati ricorsi per oltre 5mila docenti e sarebbero oltre 20mila coloro che hanno tentato la strada del Tribunale amministrativo.

Secondo il Codacons è stata spianata la strada al ricorso collettivo promosso dalla stessa associazione in favore di tutti i candidati esclusi dal concorso. Il M5S parla di “impressionante dilettantismo e cecità del ministero” e prospetta il “caos più assoluto” se nel corso dei prossimi giorni o settimane, i giudici dovessero ripetere la sentenza odierna.

Ma la responsabile scuola e università di Forza Italia, Elena Centemero si chiede se “tutti abbiano presente che la scuola non è fatta per creare posti di lavoro per i docenti, ma per gli studenti e la loro formazione” ricordando che il precariato scolastico “è stato creato proprio da chi ha consentito l’accesso a tutti, indipendentemente dalla capacità di insegnare”.

Ultima ora

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

23:35Champions: tutto facile per Bayern e Psg

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Questi gli altri risultati della terza giornata di Champions League: Gruppo A - Cska Mosca-Basilea 0-2 (Xhaka, Oberlin) e Benfica-Manchester United 0-1 (Rashford). Gruppo B - Anderlecht-Psg 0-4 (Mbappè, Cavani, Neymar, Di Maria) e Bayern-Celtic 3-0 (Muller, Kimmich, Hummels).

23:21Champions: Roma pareggia e Juventus vince

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Chelsea-Roma 3-3 e Juventus-Sporting Lisbona 2-1 nella 3/a giornata di Champions. Partita spettacolare a Londra: Chelsea in vantaggio con David Luiz al 11' che lascia partire un destro dal limite dell'area che batte Alisson. Al 37' il raddoppio dei Blues: Bruno Peres perde un pallone a centrocampo, Morata si invola, il suo cross viene deviato da Fazio e diventa un assist per Hazard che non ha difficoltà a insaccare. Dopo 2' la Roma accorcia con Kolarov. Nel secondo tempo il sorpasso romanista grazie a una doppietta di Dzeko, prima con un tiro al volo (64') poi con un colpo di testa (70'). Un colpo di testa di Hazard al 75' riporta il match in parità. Chelsea primo nel gruppo C con 7 punti, Roma 2/a a 5. A Torino la Juve parte male con un autogol di Alex Sandro al 12' pareggiato da una punizione di Pjanic al 29'. Decide il match un colpo di testa di Mandzukic all'84' su assist di Douglas Costa, appena entrato in campo. Barcellona (3-1 all'Olympiacos) guida il gruppo D con 9 punti, Juve 2/a a 6.

23:00Nomina Zooprofilattico Teramo, governatore Abruzzo indagato

(ANSA) - L'AQUILA, 18 OTT - La Procura della Repubblica dell'Aquila sta indagando sull'iter e la scelta della nomina di Mauro Mattioli alla direzione generale dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo, vicenda che vede tra gli indagati il governatore abruzzese, Luciano D'Alfonso. Secondo l'accusa sui requisiti in possesso dell'ex rettore dell'Università di Teramo non ci sarebbe stata univocità di giudizio nei passaggi burocratici e di merito che hanno portato alla nomina. Si tratta di un'inchiesta che si compone di due fascicoli innescati da due denunce, una delle quali presentata dal rappresentante del ministero della Salute. Il primo, secondo quanto si è appreso, è avviato verso l' archiviazione, nel secondo, che il procuratore capo, Renzo, deve assegnare ad un altro pm, ci sono otto indagati con la ipotesi di reato di abuso d'ufficio e falso. "Non vedo l'ora di poter parlare in qualche sede di quel fascicolo", ha detto D'Alfonso.

Archivio Ultima ora