Algerino arrestato: legale, teme per sé e familiari

(ANSA) – SALERNO, 1 APR – “Teme per sè e per i suoi familiari di tornare a Bruxelles”. É quanto ha detto l’avvocato Gerardo Cembalo, legale di Jamal Eddine Ouali – l’algerino arrestato sabato scorso a Bellizzi e accusato di fare parte della rete che produceva falsi documenti utilizzati anche da alcuni terroristi implicati nelle stragi di Parigi e Bruxelles – prima di entrare nell’aula bunker del carcere di Fuorni dove si celebrerà l’udienza per l’estradizione del 40enne algerino in Belgio. All’interno di un covo a Bruxelles è stato rinvenuto un pc nel quale vi erano foto e un selfie di Jamal con la moglie. Il pc è di proprietà della società che l’algerino ha creato in Belgio e “non riesce – ha tenuto a sottolineare l’avvocato – a spiegarsi come quel personal computer sia finito lì, chi lo abbia potuto portare”.

Condividi: