Petrolio: Riad frena su accordo. Mosca, non sappiamo nulla

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

sauditi

MOSCA. – L’Arabia Saudita ha parlato. E il mercato, puntualmente, ha presto nota. Con grande imbarazzo di Mosca, che ha speso molto in termini di capitale diplomatico per arginare il crollo dei prezzi del petrolio e salvare così il suo bilancio. Riad, infatti, ha detto che non intende partecipare al congelamento della produzione ai livelli di gennaio a meno che non lo faccia “anche l’Iran” e senza beneficiare di “alcun trattamento particolare”. Messa così significa far saltare il tavolo ancor prima di dare le carte – tant’è vero che il brent a New York è crollato.

Ricapitolando. Teheran ha sempre sostenuto che prima di mettere un tetto alla sua produzione vuole tornare ai livelli pre-sanzioni, ovvero circa 4 milioni di barili al giorno. Una posizione che Mosca ha sempre giudicato legittima. Ora però che la fatidica data del summit di Doha (17 aprile) tra i maggiori produttori di greggio Opec si avvicina, i nodi iniziano a venire al pettine.

Se, infatti, è vero che la quota aggiuntiva dell’Iran non è in grado di sbilanciare il mercato, come sostiene Mosca, è anche vero che senza Riad l’intera strategia di contenimento dei prezzi delineata dalla Russia (e dal Qatar) va a farsi benedire.

Il Cremlino, per bocca del portavoce Dmitri Peskov, ha raccomandato cautela e, pur ammettendo che l’accordo “non è ancora in vigore” e dunque al momento liberi tutti, ha esortato a “non trarre conclusioni” ancor prima dello svolgimento del summit. Come dire, c’è ancora tempo. Il Cremlino d’altra parte segue la partita da vicino e sono stati molti i contatti recenti tra Mosca e Riad.

La battuta d’arresto però c’è. Il ministro dell’Energia Aleksander Novak ha detto di “non avere informazioni” che confermino le affermazioni rese dal vice principe ereditario Mohammed bin Salman in un’intervista a Bloomberg. Il Cremlino, inoltre, non ha voluto commentare sulle indiscrezioni che Mosca stia facendo pressioni sull’Arabia Saudita per vedere le ragioni degli iraniani. Insomma, potrebbe essere tutto un ‘gioco delle parti’ in vista del vertice, una mano di poker prima del fatidico ‘vedo’ di Doha.

Resta il fatto che Riad ha anche annunciato di voler lanciare un megafondo da 2.000 miliardi di dollari, il maggiore fondo sovrano al mondo – il Public Investment Fund – per aiutare l’Arabia Saudita a ridurre la dipendenza dal petrolio. L’operazione rientra nell’initial public offering di Aramco, con l’obiettivo di trasformarla da gigante del petrolio a conglomerato industriale – l’ipo potrebbe avvenire il prossimo anno, con Riad intenzionata a vendere meno del 5%.

Una scelta strategica, già nell’aria, in grado però di mettere ancor più pressione, anche solo da un punto di vista ‘psicologico’, a un mercato, quello del greggio, caratterizzato da un’estrema volatilità.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

Archivio Ultima ora