Ferrari lontana da Mercedes. Ma Vettel: “Niente paura”

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

Finnish Formula One driver Kimi Raikkonen of Scuderia Ferrari during the second practice session of the Bahrain Formula One Grand Prix at the Sakhir circuit near Manama, Bahrain, 01 April 2016. EPA/SRDJAN SUKI

Finnish Formula One driver Kimi Raikkonen of Scuderia Ferrari during the second practice session of the Bahrain Formula One Grand Prix at the Sakhir circuit near Manama, Bahrain, 01 April 2016. EPA/SRDJAN SUKI

ROMA – Una super Mercedes ed una Ferrari a corrente alternata che dà nuovi segni di inaffidabilità. Eccolo qui l’identikit del venerdì di libere del Gran Premio del Bahrain dove a sorridere più di tutti, come sul traguardo di Melbourne, è Nico Rosberg che in entrambe le sessioni è il più veloce anche del compagno rivale Lewis Hamilton.

Inseguono le Rosse con Kimi Raikkonen davanti a Sebastian Vettel che nel pomeriggio è stato costretto a terminare le prove prima del previsto per un problema alla ruota della sua Sf16-h.

Sorpresa della giornata targata McLaren con il terzo crono di Jenson Button in 1’32”281 ad un secondo dalle Stelle d’Argento. Seconda sessione di prove libere caratterizzata dal calar del sole, primo assaggio di quelle che domenica saranno le condizioni in cui si svolgerà la gara.

Illuminazione artificiale e temperature più basse per i novanta minuti che chiudono la giornata inaugurale del weekend arabo, con una classifica dominata Rosberg (1.31.001) e Hamilton (1.31.242). Quinto e sesto crono per le SF16-H di Raikkonen (1.32.452) e Vettel (1.32.650), impegnati in prove di assetto e pneumatici con diversi carichi di benzina.

Soft-Supersoft la sequenza delle mescole per entrambi i ferraristi. Nessuno dei due è però riuscito a sfruttare a fondo la mescola più tenera, per problemi di traffico in pista e, nel caso di Vettel, per un piccolo errore di guida. Lo stesso tedesco è poi stato costretto a concludere la sua prova – come spiega la casa di Maranello nel sito media – “’a circa quindici minuti dal termine a causa di un problema ad una ruota, quando aveva già percorso cinque giri”.

Un inconveniente che non preoccupa più di tanto lo stesso quattro volte campione del mondo che potrà contare in gara su un passo apparso molto vicino a quello delle Mercedes: “Non sappiamo cosa sia successo al 100%, avevo l’impressione che mancasse la trazione e non volevamo danneggiare la macchina.

Non sono preoccupato – ammette il pilota tedesco – è importante non prendere rischi e accumulare giri. Non ho potuto fare tutto quello che volevo, ma siamo riusciti a fare diversi giri”. La prima fila? “Speriamo, potremmo essere più vicini, ci sono tanti compiti da fare e vediamo come migliorare”.

Un venerdì come gli altri per l’altro ferrarista Kimi Raikkonen: “non sono sorpreso delle Mercedes e non ho guardato gli altri. Per me è stata una giornata normale, abbiamo fatto quello che dovevamo. L’obiettivo è sempre fare il meglio e vediamo dove siamo domenica, speriamo di far bene domani in qualifica. Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo – conclude il finlandese – abbiamo fatto una serie di giri e vediamo cosa succede durante la pole”.

Ultima ora

00:43Hockey ghiaccio: 3-2 ad Asiago, Rittner è campione d’Italia

(ANSA) - ASIAGO, 22 GEN - Il Rittner Buam si conferma club campione d'Italia di hockey ghiaccio dopo aver battuto in rimonta la Migross Asiago per 3-2 nella finalissima per il titolo tricolore. Dopo una partenza molto buona dei padroni di casa, c'è stata la rimonta degli ospiti che hanno recuperato un doppio svantaggio tra primo e secondo tempo. Nel terzo periodo il Rittner ha conservato la rete di vantaggio di Alex Frei e così ha vinto il secondo scudetto consecutivo, il terzo in quattro anni. Il Rittner Sport, club che ha sede a Renon, comune di quasi 8.000 abitanti della provincia di Bolzano, e l'Asiago erano arrivate alla sfida per l'83/o scudetto della storia dell'hockey ghiaccio italiano battendo nelle semifinali scudetto rispettivamente il Cortina Hafro (5-2) e il Val Pusteria (3-1).

00:38Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Risultati della prima giornata di ritorno del campionato di serie A di basket: Dolomiti Energia Trentino - Enel Brindisi 84-48 The Flexx Pistoia - Vanoli Cremona 64-59 Openjobmetis Varese - Banco di Sardegna Sassari 76-83 Umana Reyer Venezia - Red October Cantù 93-72 Germani Brescia - Consultinvest Pesaro 99-68 EA7 Armani Milano - Betaland Capo d'Orlando 90-74 Grissin Bon Reggio E. - Pasta Reggia Caserta 85-86 Fiat Torino - Sidigas Avellino 84-79 - Classifica: Milano 28; Venezia 24; Avellino 22; Reggio Emilia e Sassari 18; Caserta, Capo d'Orlando, Brescia, Torino e Pistoia 16; Trentino e Brindisi 14; Cantù 12; Pesaro 10; Cremona e Varese 8.

00:22Calcio: Roma-Cagliari 1-0, giallorossi di nuovo a -1 da Juve

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Roma ha battuto il Cagliari per 1-0 nel posticipo serale della 21/a giornata. A decidere il match è stata una rete di Dzeko al 10' della ripresa. Per i giallorossi, ora di nuovo a -1 dalla Juventus capolista, è la 13/a vittoria consecutiva all'Olimpico, un record per le partite in casa. Nel finale nel Cagliari, che rimane a 26 punti in classifica, rosso diretto a Joao Pedro, entrato al 21' st, per un brutto fallo su Strootman.

00:02Calcio:Coppa Africa,Gabon fuori,a 4/i Camerun e Burkina Faso

(ANSA) - LIBREVILLE, 22 GEN - Cocente delusione, e qualche contestazione, in Gabon per l'eliminazione dalla Coppa d'Africa della nazionale di casa. Oggi Aubameyang e compagni non sono riusciti ad andare al di là dello 0-0 contro il Camerun, così a passare il turno, e qualificarsi per i quarti di finale assieme ai Leoni Indomabili, sono stati gli Stalloni del Burkina Faso, vincitori per 2-0 (reti di Nakoulma e B. Traore) sulla Guinea Bissau. Questa la classifica finale del girone A: Burkina Faso e Camerun 5; Gabon 3; Guinea Bissau 1.

23:52Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Risultati della settima giornata di ritorno della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Sir Safety Perugia 3-2 (25-22, 19-25, 25-21, 21-25, 15-11) Exprivia Molfetta - Top Volley Latina 3-2 (20-25, 25-20, 22-25, 25-22, 15-7) Gi Group Monza - Kioene Padova 3-1 (25-17, 25-19, 19-25, 28-26) (giocata venerdì 20) Diatec Trentino - Bunge Ravenna 3-0 (25-23, 25-18, 25-22) (giocata ieri) Calzedonia Verona - Revivre Milano 3-1 (20-25, 25-23, 25-17, 27-25) Lpr Piacenza - Biosì Indexa Sora 3-2 (25-23, 25-20, 17-25, 24-26, 15-12) Lube Civitanova - Callipo Vibo Valentia 3-1 (25-15, 25-18, 23-25, 25-13) - Classifica: Lube Civitanova 53; Sir Safety Perugia e Diatec Trentino 47; Azimut Modena 45; Calzedonia Verona 40; Lpr Piacenza 32; Gi Group Monza 31; Callipo Vibo Valentia 24; Exprivia Molfetta 22; Bunge Ravenna 20; Top Volley Latina 19 Kioene Padova 14; Biosì Indexa Sora e Revivre Milano 13.

23:50Gambia: ‘Jammeh è scappato con cassa stato e auto lusso’

(ANSA) - BANJUL, 22 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh, che ha a lungo rifiutato di lasciare il potere benché battuto alle elezioni e che da ieri è in esilio all'estero, è scappato portandosi dietro la cassa dello stato - 11,4 milioni di dollari, e anche automobili di lusso in aereo: è quanto ha affermato in serata uno dei principali consiglieri del neoeletto presidente Adama Barrow, il cui ritorno in patria dal vicino Senegal è atteso da un momento all'altro.

23:50Calcio: Gullit, in Italia ho imparato la bellezza della vita

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Qui in Italia ho imparato ad apprezzare la bellezza della vita": Ruud Gullit ha ripercorso il suo passato italiano tra Milan e Sampdoria parlando con Fabio Fazio. L'olandese ha parlato tra l'altro dell'esperienza nel grande Milan di Arrigo Sacchi: "Sacchi non parlava inglese benissimo: una volta mi voleva dire che dovevo fare una finta e mimando il gesto si è stirato un muscolo del collo. Era un grande allenatore e un personaggio, ma anche un fanatico: urlava sempre". L'olandese ha mostrato umanità scherzando sulla sua immagine e citando i suoi tentativi di lasciare una traccia anche fuori dal calcio, come quando dedicò il Pallone d'Oro a Nelson Mandela. "Mi disse che quando era in prigione non aveva nessuno ed ero uno dei suoi pochi amici - ha detto Gullit -: per noi in Olanda era importante parlare dell'apartheid". Poi i ricordi del periodo alla Sampdoria: "Trovai la libertà di giocare e la felicità perché per le strade potevo girare tranquillamente. Tornato al Milan lo feci col cuore, ma fu un errore".

Archivio Ultima ora