Alfano risponde all’On. Nissoli: La cittadinanza, un caso dai profili problematici

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

nissoli

ROMA – Il tema del riacquisto della cittadinanza è “meritevole di tutta l’attenzione del caso” ma “necessita di una valutazione su alcuni profili problematici”. Così il Ministro dell’Interno Angelino Alfano che ieri pomeriggio nell’Aula di Montecitorio ha risposto alla interrogazione a risposta immediata presentata dalla deputata Fucsia Nissoli.

– Dove sono gli ostacoli??
– Gli ostacoli – ha aggiunto Alfano – sono in primo luogo, che l’intervento che viene perorato introdurrebbe la possibilità di riacquisto della cittadinanza italiana senza alcun limite temporale e, quindi, anche quando sia trascorso un lasso considerevole di tempo dal momento in cui la persona si è recata stabilmente all’estero e si siano, conseguentemente, venuti ad affievolire i legami con il nostro Paese.

Poi, l’altro aspetto me lo segnala il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale. Io mi faccio portavoce qui di una preoccupazione che viene da tale Ministero e, cioè, che la trasmissione “iure sanguinis” della cittadinanza italiana. Questa che sarebbe conseguenza automatica dell’auspicato intervento, finirebbe per estendere anche ai discendenti dei diretti beneficiari l’effetto dell’acquisizione della cittadinanza, venendo così ad alterare quel necessario rapporto tra il possesso della cittadinanza e il legame concreto e attuale con l’Italia.

Sempre la Farnesina, ha aggiunto Alfano, “ricorda che la platea dei destinatari di un intervento così organizzato sarebbe indeterminata e, dunque, sarebbero difficili da calcolare gli oneri finanziari”.

– Quindi, – si è chiesto il Ministro – tutto questo perché? Perché si tratta di persone che, allo stato, posseggono la sola cittadinanza straniera – in questo minuto – e che non sono oggetto, conseguentemente, di alcuna forma di censimento da parte delle nostre rappresentanze diplomatiche o consolari.

Quindi, i due problemi strutturali che ho evidenziato sono: in primo luogo, la indeterminatezza, e, poiché finora sono solo stranieri, non c’è un censimento; non sappiamo quanti sono e dobbiamo quantificare gli oneri, anche dal punto di vista finanziario, e capirlo. Il secondo problema è il permanere o no di quel collegamento con il nostro territorio”.

Concludendo, però, Alfano ha ribadito “la volontà e la disponibilità ad affrontare nel merito questa questione, perché c’è la massima attenzione nei confronti dei nostri connazionali all’estero e riteniamo anche bello potere dire loro che il legame con l’Italia non si è interrotto”.

Nella sua replica, la deputata Nissoli, eletta nella Circoscrizione America del Nord e Centroamerica, ha preso nota della “apertura” del Ministro, ma sottolineando da una lato come “il problema non sia totalmente risolto” e dall’altro che “basterebbe poco, penso, per dare un segnale chiaro di disponibilità a coloro che hanno perduto la cittadinanza, magari solo perché – anche come nel mio caso – sposandosi con un americano avrebbero perduto la cittadinanza e, purtroppo, quando c’è stata una proroga, cioè quando sono stati riaperti i termini per presentare la domanda di riacquisto della cittadinanza, c’è stata anche una scarsa comunicazione”.

Certo, ha riconosciuto, “la volontà di affrontare il problema è, comunque, un fatto positivo e spero che si pongano in essere al più presto politiche adeguate per risolvere il problema che è molto sentito, come le abbiamo già detto, nelle comunità italiane. Io comunque – ha assicurato, concludendo la deputata – vigilerò le sue buone intenzioni e spero che non rimangano nel cassetto. La ringrazio, anche a nome di tutti gli italiani all’estero.

Ultima ora

00:20Serie B: Pisa-Bari 0-0, pareggio non accontenta nessuno

(ANSA) - PISA, 9 DIC - Finisce senza reti l'anticipo di Serie B tra Pisa e Bari, la 'prima' del nuovo presidente in pectore del club toscano Giuseppe Corrado, in tribuna insieme al figlio Giovanni, in attesa di perfezionare l'acquisto della società nerazzurra entro la settimana prossima. Nel primo tempo il match è equilibrato con gli ospiti che si rendono pericolosi al 28' con un diagonale di Maniero deviato da Ujkani. Il Pisa invece non impensierisce mai la retroguardia pugliese anche se non subisce mai il gioco avversario. Nella ripresa i padroni di casa sono più intraprendenti e all'11' della ripresa vanno vicini al gol con Varela che centra la traversa a portiere battuto. Il Pisa fa la partita e la squadra di Colantuono controlla ma rischia nel finale dopo essere rimasto in inferiorità numerica per l'espulsione di Valiani e al 90' è ancora Varela a spaventare la squadra di Colantuono con un bel sinistro che Micai devia in angolo.

23:50Ghana: leader opposizione eletto presidente

(ANSA) - ACCRA, 9 DIC - Lo storico leader dell'opposizione Nana Akufo-Addo è stato eletto presidente del Ghana e il capo di stato uscente John Mahama ha ammesso la sconfitta, sia parlando in televisione che con una telefonata al suo rivale. Il vincitore ha ottenuto il 53,8% dei voti, lo sconfitto si è fermato al 44,4%. Lo stesso Akufo-Addo, che correva per la terza volta alle presidenziali, ha confermato via Twitter di aver ricevuto le congratulazioni di Mahama. Secondo gli analisti, il voto costituisce un segnale di protesta nei confronti dei politici in carica negli ultimi 12 anni che, nonostante una modesta crescita economica, non sono riusciti a impedire l'aumento della disoccupazione. Le elezioni in Ghana si sono sempre svolte in modo pacifico da quando, nel 1992, ci fu la transizione dal potere militare alla democrazia.

23:50Arrestato presunto autore omicidio piazzale Loreto

(ANSA) - MILANO, 9 DIC - E' stato arrestato dalla Squadra mobile di Milano uno dei presunti autori dell'omicidio di Antonio Rafael Ramirez, il 37enne di Santo Domingo ferito a morte con coltellate e con un colpo di pistola la sera del 12 novembre scorso in piazzale Loreto, a Milano. L'uomo, anch'egli sudamericano ma di cui non si conoscono ancora le generalità, è stato catturato in provincia di Siena nella notte tra il 5 e il 6 dicembre e la convalida è arrivata solo oggi. Si cerca il suo complice che, secondo indiscrezioni, sarebbe fuggito dall'Italia ma non avrebbe lasciato l'Europa. Gli investigatori mantengono il riserbo sulle modalità dell'arresto e sui dettagli dell'indagine. Proprio dopo l'aggressione del 12 novembre in piazzale Loreto, il sindaco Giuseppe Sala chiese al governo più militari per presidiare le periferie di Milano.

22:39Mente attacco a Charlie Hebdo ucciso da raid Usa in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 9 DIC - Un leader dello Stato Islamico ritenuto la mente dell'attacco al giornale satirico francese Charlie Hebdo (a Parigi nel gennaio 2015) è stato ucciso in un raid aereo americano in Siria. Lo hanno reso noto stasera fonti militari Usa, precisando che Boubaker el Hakim è morto a Raqqa lo scorso 26 novembre. Franco-tunisino, 33 anni, el Hakim è stato il mentore dei fratelli Said e Sherif Kouachi che fecero strage di giornalisti e disegnatori di Charlie Hebdo.

22:36Mps: morte Rossi, depositata relazione su esame resti

(ANSA) - SIENA, 9 DIC - Depositata la relazione sugli esami autoptici e sulla dinamica della caduta di David Rossi, l'ex capo comunicazione di Banca Mps morto dopo essere precipitato dalla finestra del suo ufficio la sera del 6 marzo 2013. La relazione, oltre 200 pagine corredate di allegati fotografici, è stata redatta dall'anatomopatologa Cristina Cattaneo, incaricata dell'autopsia e degli accertamenti medico legali, e dal colonnello del Ris Davide Zavattaro, che ha condotto l'esame sulla dinamica della caduta di Rossi. La perizia "sposa l'ipotesi del suicidio, perché non sono state trovate evidenze della presenza di terze persone", ma "restano tanti dubbi e gli stessi Cattaneo e Zavattaro li evidenziano", dice Luca Goracci, avvocato della famiglia Rossi. "La perizia esclude in modo categorico la dinamica per cui Rossi si sarebbe seduto sul davanzale della finestra prima di cadere e che le lesioni nella parte anteriore del corpo siano state provocate dalla caduta", dice il legale.

21:52Calcio: Uefa approva riforma Champions, Italia avrà 4 club

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - La Champions League si riforma e dalla stagione 2108/19 alle prime 4 nazioni del ranking europeo verranno assegnati quattro posti. Una bella notizia per l'Italia, attualmente al 4/o posto nella classifica per nazioni continentale (preceduta da Spagna, Inghilterra e Germania), che potrà quindi raddoppiare le qualificate alla fase a gironi (oggi 2 più l'eventuale promossa dai playoff). Secondo le nuove regole, approvate oggi dal comitato Esecutivo dell'Uefa riunitosi a Nyon, alla fase a gironi si qualificheranno direttamente 26 squadre, mentre altre 6 accederanno attraverso i preliminari. La Federcalcio europea ha anche assegnato l'organizzazione della finale di Europa League 2018 a Lione, in Francia, e deciso due distinti orari per le prossime partite di Champions: due match alle 19 e sei alle 21.00, "per permettere ai tifosi di seguire più partite in una stessa sera".

21:52Corea Sud: premier presidente ad interim, appello a unità

(ANSA) - PECHINO, 9 DIC - Il premier sudcoreano Hwang Kyo-ahn è presidente ad interim dalle 19:03 locali di oggi (le 11:03 in Italia), dopo il voto parlamentare che ha approvato la mozione di impeachment della presidente Park Geun-hye. Hwang ha riunito d'urgenza l'esecutivo e subito dopo ha tenuto un breve discorso alla Nazione in cui ha assicurato che "in tutte le circostanze, manterremo la stabilità del Paese" chiamando all'unità e alla coesione. "Tutti i servitori dello Stato - ha aggiunto all'apparenza emozionato - devono fare il massimo per evitare vuoti nelle aree della diplomazia, della sicurezza e dell'economia".

Archivio Ultima ora