Diminuiscono i numeri e gli importi delle pensioni pagate all’estero dall’Inps

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

Pensioni

ROMA – I deputati del Pd della circoscrizione Estero Fabio Porta e Marco Fedi commentano le statistiche sulle pensioni vigenti al 1° gennaio 2016 e liquidate nel 2015 dall’Istituto previdenziale che il Coordinamento Generale Statistico Attuariale dell’Inps ha appena reso pubbliche.

“Nel documento vengono confermati i dati relativi alle pensioni in convenzione internazionale (residenti sia in Italia che all’estero) che risultano essere di un importo medio di circa 370 euro mensili, che quelli relativi alle pensioni pagate all’estero che risultano essere di un importo medio di circa 220 euro (i motivi per cui le pensioni in convenzione pagate in Italia sono di importo più alto di quelle pagate all’estero è che l’Italia garantisce il trattamento minimo sul suo territorio e che le anzianità contributive dei pensionati sono più lunghe).

Interessante l’illustrazione da parte del Coordinamento, nel documento appena pubblicato, del fenomeno delle pensioni irrisorie pagate ai nostri connazionali residenti all’estero e da noi più volte denunciato.

Illustrazione che riportiamo testualmente qui di seguito: “Potrebbe incuriosire il fatto che gli importi medi mensili delle pensioni i cui titolari risiedono all’estero sono molto bassi. Il fenomeno è spiegabile in larga misura dal fatto che molte di queste pensioni sono erogate in regime di convenzione internazionale, cioè i percettori hanno maturato il diritto in diversi paesi e l’Italia paga solamente la parte di propria competenza”.

Più che incuriosire bisognerebbe dire che il fenomeno ci indigna, tanto è vero che in questa legislatura abbiamo presentato varie interrogazioni e una proposta di legge per introdurre un importo minimale delle pensioni in regime internazionale che sia più equo e dignitoso. E abbiamo anche denunciato il rischio che il Governo, come preannunciato nel ddl delega sulla povertà, intenda “razionalizzare” il sistema di pagamento delle prestazioni non contributive all’estero (trattamento minimo, maggiorazioni sociali, assegni familiari).

“Potrebbe incuriosire il fatto”, per dirla come l’Inps, che la razionalizzazione delle pensioni erogate all’estero porterebbe ad una loro ulteriore riduzione. Ma per tornare alle nuove statistiche dell’Inps, vale la pena sottolineare che le pensioni vigenti in Italia al 1° gennaio 2016 sono 18.136.048. L’importo complessivo annuo risulta pari a 196,8 miliardi di euro l’anno, di cui appena lo 0,6 per cento erogato a soggetti residenti all’estero.

Si tratta di una vera miseria se si fa il rapporto tra la popolazione italiana residente in Italia e quella residente all’estero (ma Tito Boeri, Presidente dell’Inps, per altro persona competente e sensibile, vuole ridurre le pensioni erogate all’estero…).

L’importo medio delle pensioni di vecchiaia erogato in Italia è di 1.121 euro, ma a causa della perversa e ingiusta modalità di distribuzione (calcolo) delle risorse pensionistiche, risulta tuttavia che il 63,4% delle pensioni ha un importo inferiore a 750 euro.

Per quanto riguarda invece le pensioni in convenzione internazionale (erogate cioè sia a soggetti residenti all’estero che in Italia) abbiamo al 1° gennaio 2016 i seguenti numeri: in convenzione UE 459.866, con la Svizzera 98.794, con il Canada 50.797, con il Quebec 8.160, con l’Australia 50.077, con l’Argentina 28.104, con gli Stati Uniti 38.062, con la ex Jugoslavia 8.423, con il Brasile 7.402, con il Venezuela 7.047, con altri Paesi 9.752, per un totale di 770.741 pensioni.

Giova ricordare che invece le pensioni pagate all’estero dall’Inps sono circa 400.000. Del totale delle pensioni pagate all’estero, il 46,6% è erogato in Europa, seguita dall’America settentrionale, con il 26,8%, dall’Oceania con il 13,2% e dall’America meridionale con il 12,1%.

L’Inps rileva che la maggior parte delle pensioni in regime internazionale localizzate in America meridionale è liquidata in base a un numero limitato di contributi versati in Italia, che genera un pro-rata italiano esiguo, a cui si aggiunge, in molti casi, un pro-rata sudamericano altrettanto basso.

In questi casi, che si ripete essere piuttosto ricorrenti, si procede (procedeva) in presenza dei requisiti di legge all’integrazione al trattamento minimo o con l’erogazione di maggiorazioni sociali, che vengono destinati a pensionati che non possiedono redditi ulteriori di importo superiore ai limiti fissati dalla normativa.

Al contrario, i pensionati nord-americani e australiani, che spesso godono di una condizione economica più agiata, sono, nella maggior parte dei casi, esclusi da tali benefici e l’importo annuo erogato dall’INPS risulta pertanto più basso, rispetto a quello erogato in America meridionale, rapportato al numero delle pensioni pagate.

Si ricorda, a questo proposito, che i pensionati che risiedono in Paesi UE non possono godere dei suddetti benefici (TM e maggiorazioni) in quanto gli stessi sono inesportabili ai sensi dei Regolamenti UE di sicurezza sociale.

Il dato che più colpisce è tuttavia quello della costante e sostanziale diminuzione del numero e degli importi delle pensioni pagate all’estero nell’ultimo quinquennio che sono rispettivamente diminuiti in media del 12 e del 13 per cento con picchi che raggiungono il 30 per cento in Argentina.

Per concludere ci teniamo a sottolineare che ogni piano di ulteriore ridimensionamento del sistema di tutela dei diritti socio-previdenziali dei nostri pensionati all’estero andrà contrastato in tutti i modi e che, al contrario, ci impegneremo per spingere il Governo ad introdurre nuove e più eque forme di protezione, tutela ed assistenza per tutti i nostri connazionali i quali hanno avuto la sfortuna di trovarsi nella loro vecchiaia in situazioni di grave disagio sociale ed economico”.

(Fabio Porta e Marco Fedi)

Ultima ora

13:22Calcio: Valverde, il Barcellona conta su Neymar

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Contiamo su Neymar e lui su di noi". Il Barcellona, almeno per quanto riguarda allenatore e giocatori, fa quadrato sulla sua star brasiliana, negli ultimi tempi al centro di numerose voci di mercato che lo vedrebbero in procinto di accettare la corte del Paris Saint-Germain. Stando alle parole del tecnico blaugrana Ernesto Valverde e del centrocampista Sergio Busquets, sembrerebbe non esserci spazio per alcuna trattativa, anche se entrambi non possono escludere colpi di scena. "Questo è il periodo delle voci di mercato - ha spiegato Valverde nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole americana con la Juventus - Si sa come vanno queste cose. Perciò, fino a prova contraria, Neymar è un giocatore del Barcellona. Poi, vedremo che cosa accadrà". "Non credo ci sia un club migliore di questo per lui - ha ribadito Busquets, seduto accanto a Valverde - Spero rimanga con noi il più a lungo possibile, ma è solo lui che può pronunciare l'ultima parola: se ha qualcosa da dire, la dirà".

13:14Basket: San Antonio, dopo Ginobili prolunga anche Gasol

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Dopo Manu Ginobili, che qualche giorno fa ha annunciato il prolungamento di un anno del suo contratto (allontanando così l'addio al campo), anche il 37enne Pau Gasol si stringe ai San Antonio Spurs e, per l'esattezza, per altri due anni più un'opzione per un terzo. Lo rivela Espn. Per il pivot spagnolo, quindi, la prossima sarà la diciassettesima stagione in Nba e la seconda con la franchigia texana. Lo scorso anno ha chiuso con medie di 12,4 punti e 7,8 rimbalzi a partita. In casa Cleveland Cavaliers, intanto, sempre Espn rivela che dopo sei stagioni Kyrie Irving avrebbe chiesto di essere ceduto, probabilmente perché stanco di rimanere all'ombra della star indiscussa LeBron James. La richiesta della guardia 25enne, che ha altri due anni di contratto, sarebbe stata avanzata già la scorsa settimana in un incontro con la dirigenza della franchigia. E chi sarebbe in cima alla lista delle destinazioni preferite dal giocatore? Proprio gli Spurs.

13:13Il Sun toglie Napoli da lista 10 città più pericolose

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Marcia indietro del Sun. Nella classifica compilata dal quotidiano britannico sulle 10 città più pericolose al mondo, Napoli non risulta più nella lista. L'articolo del tabloid, pubblicato l'11 luglio scorso, è stato aggiornato a ieri sera, ma non si sa cosa abbia portato il Sun a modificarlo. La classifica riguardava i centri urbani ritenuti più a rischio in 10 aree diverse aree geografiche del mondo, scelti per le ragioni più varie: dal terrorismo alla droga, dagli omicidi alla presenza di gang mafiose o criminali, dalla guerra, ai disordini razziali, alla violazione dei diritti umani. Ne era venuta fuori una mappa in cui il capoluogo campano era stato additato come la città più pericolosa dell'Europa occidentale, accanto a luoghi come Mogadiscio (in Somalia, la peggiore in Africa) o addirittura Raqqa (capitale dell'Isis in Siria, indicata per il Medio Oriente). Una scelta, quella del Sun, che aveva provocato violente polemiche e reazioni.

13:02C.destra: Cassano ufficializza rientro in Forza Italia

(ANSA) - BARI, 22 LUG - "Ho provato a convincere il mio ex partito che doveva uscire dal governo e che doveva soprattutto schierarsi con il centrodestra. Non è stato fatto. L'ho chiesto più volte e quando ho capito che non c'era questa volontà ho deciso di uscire". Così il senatoreßMassimo Cassano ha ufficializzato oggi a Bari il suo rientro in Forza Italia. L'ex sottosegretario al Lavoro del governo Gentiloni è intervenuto in conferenza stampa con il coordinatore di Fi in Puglia, l'on. Luigi Vitali, spiegando le ragioni che lo hanno portato ad allontanarsi da Angelino Alfano e riavvicinarsi a Silvio Berlusconi. "L'obiettivo ora - ha aggiunto Cassano - è di rimettere insieme i moderati che in Puglia come in Italia sono la maggioranza degli elettori. Vederli divisi, incapaci di dialogare mi ha spinto nei mesi scorsi al tentativo di creare condizioni diverse, più favorevoli, ma non ci sono riuscito. Così ho detto stop. Ora dobbiamo rimettere in piedi quello che era il motore del centrodestra".

12:55Siria: Mosca, firmati accordi zona de-escalation Ghouta est

(ANSA) - MOSCA, 22 LUG - Sono stati firmati gli accordi sul funzionamento della zona di de-escalation del Ghouta orientale, in Siria: lo riferisce il ministero della Difesa di Mosca, secondo cui i documenti sono stati siglati "dopo colloqui al Cairo tra i rappresentati del Ministero della Difesa russo e dell'opposizione siriana con la mediazione della parte egiziana sullo sviluppo dei trattati di Astana". Da Mosca spiegano che "i documenti fissano i confini della zona di de-escalation, le aree di schieramento e i poteri delle forze di controllo, nonché i percorsi per la fornitura di aiuti umanitari e per il libero movimento dei civili". "Il primo convoglio di aiuti umanitari per la zona di de-escalation e l'evacuazione dei feriti sono previsti nei prossimi giorni", dichiara il ministero della Difesa russo.

12:54Carceri: prete porta audioteca per i detenuti di Marassi

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si chiama 'joybox', il 'jukebox della gioia', la prima audioteca realizzata all'interno del carcere di Marassi. L'idea è di don Roberto Fiscer, fondatore e anima di Radio tra le note, la prima web radio parrocchiale della diocesi di Genova. "La musica è speciale - ha detto il prete - e annulla ogni differenza e ogni problema: quando sono con i detenuti mi sento vicino e come loro e gioisco con loro". Ogni giovedì pomeriggio, per tre ore, il giovane sacerdote entra nel carcere con i suoi lettori audio grazie ai quali i detenuti possono ascoltare le musiche che gli hanno chiesto la settimana prima. Sono previsti tre turni da un'ora ciascuno nei quali i detenuti si alternano nell'ascolto. "È commovente vedere come anche le persone apparentemente più dure si sciolgono ascoltando le musiche dei loro paesi e nella loro lingua". È per questo che, ogni settimana, don Roberto varca il cancello di Marassi con i lettori audio pieni di musiche dei paesi dell'Est Europa, del Sud America, del Nord Africa. "Grazie a questa iniziativa si è creato un bellissimo rapporto con molti detenuti e uno di loro, in particolare, mi aiuta a raccogliere i titoli delle canzoni per la settimana successiva. È un progetto in linea con il desiderio di papa Francesco di essere presenti nelle periferie e vuole essere un piccolo segnale dell'amore e della presenza di Dio che passa anche attraverso la musica. È anche un'occasione terapeutica per i detenuti che, in questo modo, possono provare emozioni e sentimenti positivi". (ANSA).

12:44Terremoto:Ingv,attenzione alta per sismicità superiore media

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "L'attenzione resta alta perchè i livelli di sismicità nell'area sono superiori alla media". Lo ha affermato all'ANSA il direttore del Centro nazionale terremoti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Salvatore Stramondo, in relazione al sisma di magnitudo 4.2 verificatosi alle ore 4:13 tra le province di L'Aquila e Rieti. Dal sisma che ha colpito Amatrice lo scorso 24 agosto, ha sottolineato l'esperto, "nel centro-Italia abbiamo registrato 61 eventi sismici, incluso quello di oggi, con magnitudo tra 4 e 5. Dunque - ha avvertito - non si possono escludere altre scosse di magnitudo analoga nell'area". Il sisma di oggi, chiarisce, "rientra nella stessa sequenza iniziata lo scorso agosto col terremoto che ha colpito Amatrice, si tratta cioè della stessa faglia e non c'è, dunque, un nuovo fronte che si apre". (ANSA).

Archivio Ultima ora