Diminuiscono i numeri e gli importi delle pensioni pagate all’estero dall’Inps

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

Pensioni

ROMA – I deputati del Pd della circoscrizione Estero Fabio Porta e Marco Fedi commentano le statistiche sulle pensioni vigenti al 1° gennaio 2016 e liquidate nel 2015 dall’Istituto previdenziale che il Coordinamento Generale Statistico Attuariale dell’Inps ha appena reso pubbliche.

“Nel documento vengono confermati i dati relativi alle pensioni in convenzione internazionale (residenti sia in Italia che all’estero) che risultano essere di un importo medio di circa 370 euro mensili, che quelli relativi alle pensioni pagate all’estero che risultano essere di un importo medio di circa 220 euro (i motivi per cui le pensioni in convenzione pagate in Italia sono di importo più alto di quelle pagate all’estero è che l’Italia garantisce il trattamento minimo sul suo territorio e che le anzianità contributive dei pensionati sono più lunghe).

Interessante l’illustrazione da parte del Coordinamento, nel documento appena pubblicato, del fenomeno delle pensioni irrisorie pagate ai nostri connazionali residenti all’estero e da noi più volte denunciato.

Illustrazione che riportiamo testualmente qui di seguito: “Potrebbe incuriosire il fatto che gli importi medi mensili delle pensioni i cui titolari risiedono all’estero sono molto bassi. Il fenomeno è spiegabile in larga misura dal fatto che molte di queste pensioni sono erogate in regime di convenzione internazionale, cioè i percettori hanno maturato il diritto in diversi paesi e l’Italia paga solamente la parte di propria competenza”.

Più che incuriosire bisognerebbe dire che il fenomeno ci indigna, tanto è vero che in questa legislatura abbiamo presentato varie interrogazioni e una proposta di legge per introdurre un importo minimale delle pensioni in regime internazionale che sia più equo e dignitoso. E abbiamo anche denunciato il rischio che il Governo, come preannunciato nel ddl delega sulla povertà, intenda “razionalizzare” il sistema di pagamento delle prestazioni non contributive all’estero (trattamento minimo, maggiorazioni sociali, assegni familiari).

“Potrebbe incuriosire il fatto”, per dirla come l’Inps, che la razionalizzazione delle pensioni erogate all’estero porterebbe ad una loro ulteriore riduzione. Ma per tornare alle nuove statistiche dell’Inps, vale la pena sottolineare che le pensioni vigenti in Italia al 1° gennaio 2016 sono 18.136.048. L’importo complessivo annuo risulta pari a 196,8 miliardi di euro l’anno, di cui appena lo 0,6 per cento erogato a soggetti residenti all’estero.

Si tratta di una vera miseria se si fa il rapporto tra la popolazione italiana residente in Italia e quella residente all’estero (ma Tito Boeri, Presidente dell’Inps, per altro persona competente e sensibile, vuole ridurre le pensioni erogate all’estero…).

L’importo medio delle pensioni di vecchiaia erogato in Italia è di 1.121 euro, ma a causa della perversa e ingiusta modalità di distribuzione (calcolo) delle risorse pensionistiche, risulta tuttavia che il 63,4% delle pensioni ha un importo inferiore a 750 euro.

Per quanto riguarda invece le pensioni in convenzione internazionale (erogate cioè sia a soggetti residenti all’estero che in Italia) abbiamo al 1° gennaio 2016 i seguenti numeri: in convenzione UE 459.866, con la Svizzera 98.794, con il Canada 50.797, con il Quebec 8.160, con l’Australia 50.077, con l’Argentina 28.104, con gli Stati Uniti 38.062, con la ex Jugoslavia 8.423, con il Brasile 7.402, con il Venezuela 7.047, con altri Paesi 9.752, per un totale di 770.741 pensioni.

Giova ricordare che invece le pensioni pagate all’estero dall’Inps sono circa 400.000. Del totale delle pensioni pagate all’estero, il 46,6% è erogato in Europa, seguita dall’America settentrionale, con il 26,8%, dall’Oceania con il 13,2% e dall’America meridionale con il 12,1%.

L’Inps rileva che la maggior parte delle pensioni in regime internazionale localizzate in America meridionale è liquidata in base a un numero limitato di contributi versati in Italia, che genera un pro-rata italiano esiguo, a cui si aggiunge, in molti casi, un pro-rata sudamericano altrettanto basso.

In questi casi, che si ripete essere piuttosto ricorrenti, si procede (procedeva) in presenza dei requisiti di legge all’integrazione al trattamento minimo o con l’erogazione di maggiorazioni sociali, che vengono destinati a pensionati che non possiedono redditi ulteriori di importo superiore ai limiti fissati dalla normativa.

Al contrario, i pensionati nord-americani e australiani, che spesso godono di una condizione economica più agiata, sono, nella maggior parte dei casi, esclusi da tali benefici e l’importo annuo erogato dall’INPS risulta pertanto più basso, rispetto a quello erogato in America meridionale, rapportato al numero delle pensioni pagate.

Si ricorda, a questo proposito, che i pensionati che risiedono in Paesi UE non possono godere dei suddetti benefici (TM e maggiorazioni) in quanto gli stessi sono inesportabili ai sensi dei Regolamenti UE di sicurezza sociale.

Il dato che più colpisce è tuttavia quello della costante e sostanziale diminuzione del numero e degli importi delle pensioni pagate all’estero nell’ultimo quinquennio che sono rispettivamente diminuiti in media del 12 e del 13 per cento con picchi che raggiungono il 30 per cento in Argentina.

Per concludere ci teniamo a sottolineare che ogni piano di ulteriore ridimensionamento del sistema di tutela dei diritti socio-previdenziali dei nostri pensionati all’estero andrà contrastato in tutti i modi e che, al contrario, ci impegneremo per spingere il Governo ad introdurre nuove e più eque forme di protezione, tutela ed assistenza per tutti i nostri connazionali i quali hanno avuto la sfortuna di trovarsi nella loro vecchiaia in situazioni di grave disagio sociale ed economico”.

(Fabio Porta e Marco Fedi)

Ultima ora

17:44Calcio: Samp, Giampaolo “andar oltre nostre caratteristiche”

(ANSA) - GENOVA, 21 GEN - "Se vogliamo migliorare dobbiamo fare anche cose che non rientrano nelle nostre caratteristiche principali" con l'obiettivo di voltare pagina dopo il ko in Coppa Italia a Roma. Così Marco Giampaolo, tecnico della Sampdoria, alla vigilia della gara con l'Atalanta lancia un messaggio alla sua squadra con, un invito a dare tutti di più: "Con la squadra sono sempre sincero: sottolineo le cose positive fatte e quelle che invece vanno migliorate". "L'Atalanta? E' la classica squadra di Gasperini, con valori tecnici migliori e che palleggia bene", continua Giampaolo che recupera Silvestre in difesa dopo il turno di squalifica, mentre a centrocampo toccherà a Praet al posto dell'acciaccato Barreto mentre Bruno Fernandes giocherà sulle trequarti in appoggio alla coppia offensiva formata da Quagliarella e Muriel.

17:42Scaraventa la convivente giù dal balcone, arrestato dai Cc

(ANSA) - RAVENNA, 21 GEN - Al culmine di un litigio per futili motivi, ha scaraventato dal balcone la convivente. E' accaduto ieri sera in un appartamento di Bagnacavallo, nel Ravennate, dove i carabinieri - avvisati dai vicini - hanno arrestato un 37enne nigeriano per tentato omicidio aggravato e lesioni. La donna, una connazionale 36enne caduta al suolo dal primo piano, è in ospedale con sospette fratture ma non è in pericolo di vita. L'uomo, come disposto dal Pm di turno Cristina D'Aniello, e' stato portato in cella. (ANSA).

17:41Coniugi uccisi: funerali, ‘cose che non possiamo capire’

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "Oggi siamo qui in questa Chiesa perché il nostro pianto e i sentimenti che albergano nei nostri cuori, le cose che capiamo e quelle che non abbiamo ancora capito, le cose che premono nello stomaco, nel cuore e nella testa, vengano rimesse a qualcosa più grande di noi". Così don Stefano Lavelli durante i funerali di Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni, i coniugi uccisi nella loro abitazione di Pontelangorino di Codigoro (Ferrara), celebrati a Torino nella chiesa di Santa Giulia. E' stata una cerimonia ristretta e discreta. Un centinaio di persone hanno accompagnato le due bare: sopra, un copricassa con tre rose rosse. Per il duplice delitto sono stati arrestati un figlio della coppia, minorenne, con un suo amico ora recluso a Bologna. Il figlio più grande di Nunzia e Salvatore, Alessandro, ha nascosto il dolore dietro un paio di occhiali scuri.(ANSA).

17:39Gerry Adams, con Brexit salteranno accordi pace Ulster

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La Brexit e l'uscita dell'Irlanda del Nord dall'Unione europea "distruggeranno" l'accordo di pace del Venerdì Santo, che nel 1998 mise fine al conflitto nell'Ulster: Lo ha detto oggi a Dublino lo storico leader dei cattolici nordirlandesi Gerry Adams, presidente dello Sinn Fein. Intervenendo a Dublino a una conferenza sull'Irlanda unita, Adams non ha però spiegato quali sarebbero esattamente le conseguenze sull'accordo del venerdì santo. Secondo il presidente dello Sinn Fein, l'Irlanda del Nord dovrebbe comunque ottenere uno statuto speciale in seno ai 27 dopo la Brexit, senza che ciò abbia conseguenze sull'accordo costituzionale che offre all'Ulster lo statuto di componente del Regno Unito. Per Adams, "l'intenzione del governo britannico di portare il Nord fuori dall'Ue, nonostante la volontà del popolo di rimanerci, è un'azione ostile".

17:39Calcio: Genoa, Juric: “Crisi? Non mi sento in bilico’

(ANSA) - GENOVA, 21 GEN - "E' un periodo duro ma sono convinto che con un po' di fortuna e forza mentale la squadra tornerà a fare il suo gioco, non ho dubbi. I nuovi devono assimilare i miei concetti. Io in bilico? Non riesco a pensare di essere in bilico, a me stesso non penso ma solo alla squadra e a cercare di vincere le partite". Dopo cinque sconfitte consecutive, Coppa Italia compresa, Ivan Juric allontana da se' la crisi e non ha dubbi sui mali del Genoa. Partenze e arrivi dal calciomercato e infortuni e indisponibilità hanno stravolto l'identità del Genoa. "Dobbiamo tornare ad essere quelli che eravamo. Dobbiamo ritrovare la nostra identità. Quando perdi quei 4/5 giocatori, nello spogliatoio c'è bisogno di tempo per ripartire, senza contare che i nuovi devono ancora inserirsi al meglio. Bisogna lavorare come in ritiro ma giocando ogni tre giorni è più difficile". Fondamentale la gara con il Crotone con Simeone in dubbio (é stato influenzato) e Pinilla candidato a sostituirlo.

17:37Calcio: Allegri, “Lazio di qualità, ottimo lavoro Inzaghi”

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "Devo fare i complimenti ad Inzaghi, ha fatto un ottimo lavoro: la Lazio ha grande qualità e un'ottima organizzazione". Massimiliano Allegri elogia così gli avversari di domani. "Sarà una partita difficile come le altre - ha aggiunto - dobbiamo farci trovare pronti per questa sfida equilibrata e portare a casa i tre punti". Per farlo i bianconeri dovranno fare a meno di Marchisio, fermato da "un risentimento muscolare", con Hernanes che "potrebbe giocare davanti alla difesa". Dubbi sulla posizione di Pjanic, che potrebbe giocare "nei tre di centrocampo o nei tre davanti, dietro alle punte", anche se la sorpresa potrebbe essere rappresentata dal tridente Dybala-Higuain-Mandzukic, con la possibilità "che ci sia Cuadrado ed esca uno di questi".

17:32Calcio: Allegri, a Firenze sofferto marcatura quarto uomo…

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "A Firenze ho sofferto la marcatura del quarto uomo, ma non ho mai commentato o detto una parola sugli arbitri, che fanno un mestiere difficile. Domenica mi marcava vicino all'area e non riuscivo a districarmi...". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, sul battibecco con il quarto uomo nella partita contro la Fiorentina.

Archivio Ultima ora