Diminuiscono i numeri e gli importi delle pensioni pagate all’estero dall’Inps

Pubblicato il 01 aprile 2016 da redazione

Pensioni

ROMA – I deputati del Pd della circoscrizione Estero Fabio Porta e Marco Fedi commentano le statistiche sulle pensioni vigenti al 1° gennaio 2016 e liquidate nel 2015 dall’Istituto previdenziale che il Coordinamento Generale Statistico Attuariale dell’Inps ha appena reso pubbliche.

“Nel documento vengono confermati i dati relativi alle pensioni in convenzione internazionale (residenti sia in Italia che all’estero) che risultano essere di un importo medio di circa 370 euro mensili, che quelli relativi alle pensioni pagate all’estero che risultano essere di un importo medio di circa 220 euro (i motivi per cui le pensioni in convenzione pagate in Italia sono di importo più alto di quelle pagate all’estero è che l’Italia garantisce il trattamento minimo sul suo territorio e che le anzianità contributive dei pensionati sono più lunghe).

Interessante l’illustrazione da parte del Coordinamento, nel documento appena pubblicato, del fenomeno delle pensioni irrisorie pagate ai nostri connazionali residenti all’estero e da noi più volte denunciato.

Illustrazione che riportiamo testualmente qui di seguito: “Potrebbe incuriosire il fatto che gli importi medi mensili delle pensioni i cui titolari risiedono all’estero sono molto bassi. Il fenomeno è spiegabile in larga misura dal fatto che molte di queste pensioni sono erogate in regime di convenzione internazionale, cioè i percettori hanno maturato il diritto in diversi paesi e l’Italia paga solamente la parte di propria competenza”.

Più che incuriosire bisognerebbe dire che il fenomeno ci indigna, tanto è vero che in questa legislatura abbiamo presentato varie interrogazioni e una proposta di legge per introdurre un importo minimale delle pensioni in regime internazionale che sia più equo e dignitoso. E abbiamo anche denunciato il rischio che il Governo, come preannunciato nel ddl delega sulla povertà, intenda “razionalizzare” il sistema di pagamento delle prestazioni non contributive all’estero (trattamento minimo, maggiorazioni sociali, assegni familiari).

“Potrebbe incuriosire il fatto”, per dirla come l’Inps, che la razionalizzazione delle pensioni erogate all’estero porterebbe ad una loro ulteriore riduzione. Ma per tornare alle nuove statistiche dell’Inps, vale la pena sottolineare che le pensioni vigenti in Italia al 1° gennaio 2016 sono 18.136.048. L’importo complessivo annuo risulta pari a 196,8 miliardi di euro l’anno, di cui appena lo 0,6 per cento erogato a soggetti residenti all’estero.

Si tratta di una vera miseria se si fa il rapporto tra la popolazione italiana residente in Italia e quella residente all’estero (ma Tito Boeri, Presidente dell’Inps, per altro persona competente e sensibile, vuole ridurre le pensioni erogate all’estero…).

L’importo medio delle pensioni di vecchiaia erogato in Italia è di 1.121 euro, ma a causa della perversa e ingiusta modalità di distribuzione (calcolo) delle risorse pensionistiche, risulta tuttavia che il 63,4% delle pensioni ha un importo inferiore a 750 euro.

Per quanto riguarda invece le pensioni in convenzione internazionale (erogate cioè sia a soggetti residenti all’estero che in Italia) abbiamo al 1° gennaio 2016 i seguenti numeri: in convenzione UE 459.866, con la Svizzera 98.794, con il Canada 50.797, con il Quebec 8.160, con l’Australia 50.077, con l’Argentina 28.104, con gli Stati Uniti 38.062, con la ex Jugoslavia 8.423, con il Brasile 7.402, con il Venezuela 7.047, con altri Paesi 9.752, per un totale di 770.741 pensioni.

Giova ricordare che invece le pensioni pagate all’estero dall’Inps sono circa 400.000. Del totale delle pensioni pagate all’estero, il 46,6% è erogato in Europa, seguita dall’America settentrionale, con il 26,8%, dall’Oceania con il 13,2% e dall’America meridionale con il 12,1%.

L’Inps rileva che la maggior parte delle pensioni in regime internazionale localizzate in America meridionale è liquidata in base a un numero limitato di contributi versati in Italia, che genera un pro-rata italiano esiguo, a cui si aggiunge, in molti casi, un pro-rata sudamericano altrettanto basso.

In questi casi, che si ripete essere piuttosto ricorrenti, si procede (procedeva) in presenza dei requisiti di legge all’integrazione al trattamento minimo o con l’erogazione di maggiorazioni sociali, che vengono destinati a pensionati che non possiedono redditi ulteriori di importo superiore ai limiti fissati dalla normativa.

Al contrario, i pensionati nord-americani e australiani, che spesso godono di una condizione economica più agiata, sono, nella maggior parte dei casi, esclusi da tali benefici e l’importo annuo erogato dall’INPS risulta pertanto più basso, rispetto a quello erogato in America meridionale, rapportato al numero delle pensioni pagate.

Si ricorda, a questo proposito, che i pensionati che risiedono in Paesi UE non possono godere dei suddetti benefici (TM e maggiorazioni) in quanto gli stessi sono inesportabili ai sensi dei Regolamenti UE di sicurezza sociale.

Il dato che più colpisce è tuttavia quello della costante e sostanziale diminuzione del numero e degli importi delle pensioni pagate all’estero nell’ultimo quinquennio che sono rispettivamente diminuiti in media del 12 e del 13 per cento con picchi che raggiungono il 30 per cento in Argentina.

Per concludere ci teniamo a sottolineare che ogni piano di ulteriore ridimensionamento del sistema di tutela dei diritti socio-previdenziali dei nostri pensionati all’estero andrà contrastato in tutti i modi e che, al contrario, ci impegneremo per spingere il Governo ad introdurre nuove e più eque forme di protezione, tutela ed assistenza per tutti i nostri connazionali i quali hanno avuto la sfortuna di trovarsi nella loro vecchiaia in situazioni di grave disagio sociale ed economico”.

(Fabio Porta e Marco Fedi)

Ultima ora

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

Archivio Ultima ora