Cassazione riapre caso morte Palmina Martinelli, atti a Bari

(ANSA) – BARI, 3 APR – Sarà la Procura di Bari ad indagare sulla morte di Palmina Martinelli a circa 35 anni di distanza dal decesso della 14enne fasanese che l’11 novembre del 1981 fu trovata avvolta dalle fiamme nella sua casa. La ragazzina morì 22 giorni dopo nel Policlinico di Bari. Lo ha deciso la Corte di Cassazione con sentenza del 30 marzo scorso, annullando l’ordinanza del gip di Brindisi che il 28 aprile 2015 aveva disposto l’archiviazione dell’inchiesta sulla morte sopraggiunta “a causa delle ustioni riportate nel suo abbruciamento”. La Suprema Corte ha accolto il ricorso di Giacomina Martinelli, una delle sorelle di Palmina, che nell’ottobre 2012 presentò una denuncia alla Procura di Brindisi facendo riaprire il caso.

Condividi: