Addio a Cesare Maldini: classe, umanità e trionfi

Pubblicato il 03 aprile 2016 da redazione

maldini

ROMA. – Grande calciatore, il primo italiano ad alzare trionfalmente nel 1963 la Coppa dei Campioni, Cesare Maldini ha conosciuto però da allenatore una popolarità planetaria nel mondo del calcio: perchè le sue qualità umane erano superiori a quelle – pur ragguardevoli – tecniche.

Per questo ora che e’ morto, lo piangono dappertutto e non solo al Milan, che è stata casa sua nel vero senso della parola: tanto è vero che dopo l’epopea di suo figlio Paolo, c’è ancora un Maldini in rossonero: suo nipote Christian gioca, difensore, nella primavera. Segno che ha seminato bene, questo triestino giramondo: educando familiari e giocatori, e spesso le due categorie coincidevano.

Ha vinto in campo, quattro scudetti oltre alla famosa Coppa dei Campioni del 1963, e in panchina: tre europei consecutivi negli anni Novanta alla guida dell’Under 21 azzurra, un record. Ha insegnato calcio, da italianista convinto, distribuito battute e raccolto simpatia come testimonia anche il successo della sua imitazione fatta da Teo Teocoli, e pazienza se alle “maldinate” di quando giocava (svarioni difensivi figli di una eccessiva sicurezza di gioco) si aggiunsero con il tempo quelle dialettiche: lui era così, in senso buono davvero un allenatore pane e salame, in tempi in cui la polemica vegana era rappresentata dai puristi della “zona”.

E’ stato anche capace di inventarsi una nuova vita calcistica a 70 anni, diventando il ct del Paraguay e guidandolo ai Mondiali del 2002 fino alla sfida degli ottavi di finale persa contro la Germania. Quattro anni prima però aveva sfiorato il capolavoro da commissario tecnico dell’Italia, lui che era stato il vice di Bearzot a Spagna 1982, rilevando in corsa Sacchi nel girone eliminatorio, portando in rimonta sull’Inghilterra gli azzurri al mondiale e finendo eliminato nei quarti di finale ai rigori dalla Francia futura vincitrice.

Aveva utilizzato Baggio in staffetta con Del Piero ed era uscito, come aveva sottolineato, “per un tanto così”. Gli occhi lucidi di Maldini senior sono una delle immagini forti di quella sfida, come pure la sua signorilità nell’accettare la sconfitta e un esonero immeritato.

Ma la vita gli avrebbe riservato altre soddisfazioni: esattamente quaranta anni dopo il suo trionfo in Coppa Campioni suo figlio Paolo, anche lui da capitano, alzava il trofeo dopo la vittoria ai rigori nella finale tutta italiana contro la Juve a Manchester. Segno del destino e simbolica cinghia di trasmissione tra generazioni già in vista in nazionale, quando uno da ct e l’altro con la maglia numero 3 davano il senso di continuità di una splendida storia di sport.

Da Trieste, nella scia del maestro Nereo Rocco, ‘Cesarone’ insomma è arrivato a segnare per oltre mezzo secolo la scena calcistica nazionale e internazionale: tanto che ad un certo punto, ed era già anziano, lo volevano come ct anche negli Emirati Arabi, ma lui preferì fare il commentatore televisivo, ingaggiato da Al Jazeera.

Senza tuttavia recidere il cordone ombelicale con il suo Milan, dove ha interpretato ogni tipo di ruolo, giocatore, allenatore, capo degli osservatori, consulente: con un unico momento di amarezza vera, quando vinse un derby per 6-0 contro l’Inter dell’amico, ed ex ‘secondo’ ai tempi dell’under 21, Marco Tardelli: spiegò che anche lui sapeva cosa voleva dire una sconfitta del genere, avendola subita nel 1991 in Norvegia con l’under 21, “Ma il calcio – concluse dando il senso dell’ineluttabilitàò di certe cose – è fatto di vittorie e sconfitte, un piatto semplice”. Un po’ come pane e salame.

Ultima ora

17:10Shock in Islanda, trovata morta su spiaggia 20enne scomparsa

(ANSA) - REYKJAVIK 23 GEN - Una ventenne islandese, scomparsa lo scorso 14 gennaio in circostanze misteriose, è stata trovata senza vita ieri sul bordo di una spiaggia a sud della capitale Reykjavik. La vicenda ha scosso il Paese, considerato il basso tasso di criminalità. La media degli omicidi è infatti di 1,8 all'anno e gli assassini o hanno problemi mentali oppure sono ubriachi. A cercare la ragazza si sono mossi oltre 700 volontari - scrivono i media locali - in quella che è stata definita una mobilitazione senza precedenti nell'isola. Per la scomparsa di Birna Brjansdottir, che lavorava in un negozio di abbigliamento, sono stati fermati due marinai della Groenlandia. La polizia ha annunciato che tratterà il caso come un "omicidio" sebbene al momento "sia ancora presto per determinare la cause della sua morte", riporta il Guardian online.

17:05Arriva la guida per trovare il gelato più buono

(ANSA) - RIMINI, 23 GEN - Sono trentasei le gelaterie italiane al top. Le ha premiate il Gambero Rosso che ha presentato, al Sigep di Rimini, la prima edizione della guida 'Gelaterie d'Italia'. Sono censite circa 300 gelaterie che fanno della qualità la loro bussola. Gli ispettori del Gambero Rosso hanno assaggiato e dato i voti: da uno a tre coni a seconda del grado di bontà. Con alcuni punti fermi: nessuna deroga sulla materia prima, a cominciare dal latte, rispetto del territorio, della stagionalità per un prodotto che sia sano oltre che buono. La regione che registra il più alto numero di tre coni è l'Emilia-Romagna con 7. Assegnati anche dei premi speciali: il premio per il miglior gelato al cioccolato va a Paolo Brunelli di Senigallia (Ancona). Gelatiere emergente è Carmela Grotta di Ciocolat di Toscolano Maderno (Brescia), miglior gelato gastronomico a Greed Avidi di Gelato di Frascati (Roma) di Davide Rossi, il premio Gusto&salute a Candida Pelizzoli di Oasi American Bar di Fara Gera d'Adda (Bergamo). (ANSA).

16:42Calcio: tifosi devastano casa, n.1 Togo ‘sciopera’

(ANSA) - PORT-GENTIL (GABON), 23 GEN - Considerato responsabile della sconfitta contro il Marocco per via di una 'papera' e di una prestazione complessiva non buona, il 38enne portiere del Togo Kossi Agassa è stato 'punito' dai tifosi con una dura contestazione in patria e la devastazione della sua casa a Lome. Così ora Agassa si rifiuta di scendere in campo nel decisivo match di domani contro il Congo e il ct Claude Le Roy dispera di riuscire a fargli cambiare idea. "E' rimasto piuttosto scosso da quanto è accaduto, e non so se ce la farà a giocare. Del resto - ha detto Le Roy - non me la sento di dargli torto". La casa del n.1 togolese ha subìto l'ira dei teppisti anche se era stata messa sotto protezione dalla polizia fin dalle prime ore successive al ko contro i marocchini. Ma anche gli agenti hanno potuto fare poco contro l'ira dei supporter degli Sparvieri.

16:33Basket: a Rimini Final Eight Coppa Italia

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "È la prima volta che Rimini ospiterà le Final Eight di Coppa Italia. In fiera ci saranno momenti di attività commerciale, di festa e di incontro con tifosi. I tifosi li vogliamo sempre più vicini al basket e per la Lega questa è una priorità". Così il presidente di Lega Basket Egidio Bianchi alla presentazione della Coppa Italia che si svolgerà da giovedì 16 a domenica 19 febbraio. "Sono al massimo del pif - aggiunge Bianchi -, il prodotto interno della felicità. Dobbiamo dire grazie ai nostri atleti e agli allenatori delle 8 squadre che parteciperanno. La loro presenza qui è importante".

16:21L.elettorale: Grasso, bisognerà attendere le motivazioni

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Domani sarà senz'altro un momento importante, decisivo, una svolta, ma dovremmo attendere anche le motivazioni della sentenza della Consulta per poter cercare di creare delle leggi sempre più omogenee così come ha richiesto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella". Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, a Rainews durante la sua visita a Barcellona in occasione del Secondo Forum dell'Unione per il Mediterraneo.

16:17Craxi: Sala, decida Consiglio, e Fo va ricordato

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Sulla possibilità di dedicare una via o un luogo della città al premio Nobel Dario Fo e all'ex leader socialista Bettino Craxi "voglio lasciare l'iniziativa al Consiglio comunale, chiedo solo che il Consiglio faccia in fretta queste riflessioni perché c'è altro da fare". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando a margine di una conferenza stampa a Palazzo Marino la proposta del consigliere regionale lombardo del M5s, Stefano Buffagni, di intitolare una via della città a Dario Fo, in polemica con chi invece propone di dedicare una via a Craxi.

16:14L.elettorale: Radicali, da partiti spettacolo indecente

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "E' uno spettacolo indecente quello che i partiti stanno mettendo in scena sulla legge elettorale. Tra gli strafalcioni istituzionali di chi, come Salvini e il M5S, vorrebbe delegare alla Consulta il compito di fare le leggi - compito che, come sa chiunque abbia sfogliato un testo di educazione civica, spetta al Parlamento - e la pretesa delle altre forze politiche assembleare un testo a uso e consumo delle segreterie di partito, si sta sminuendo un passaggio fondamentale per la vita della nostra Repubblica". Lo afferma in una nota Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani, in vista della sentenza di domani della Consulta.

Archivio Ultima ora