Addio a Cesare Maldini: classe, umanità e trionfi

Pubblicato il 03 aprile 2016 da redazione

maldini

ROMA. – Grande calciatore, il primo italiano ad alzare trionfalmente nel 1963 la Coppa dei Campioni, Cesare Maldini ha conosciuto però da allenatore una popolarità planetaria nel mondo del calcio: perchè le sue qualità umane erano superiori a quelle – pur ragguardevoli – tecniche.

Per questo ora che e’ morto, lo piangono dappertutto e non solo al Milan, che è stata casa sua nel vero senso della parola: tanto è vero che dopo l’epopea di suo figlio Paolo, c’è ancora un Maldini in rossonero: suo nipote Christian gioca, difensore, nella primavera. Segno che ha seminato bene, questo triestino giramondo: educando familiari e giocatori, e spesso le due categorie coincidevano.

Ha vinto in campo, quattro scudetti oltre alla famosa Coppa dei Campioni del 1963, e in panchina: tre europei consecutivi negli anni Novanta alla guida dell’Under 21 azzurra, un record. Ha insegnato calcio, da italianista convinto, distribuito battute e raccolto simpatia come testimonia anche il successo della sua imitazione fatta da Teo Teocoli, e pazienza se alle “maldinate” di quando giocava (svarioni difensivi figli di una eccessiva sicurezza di gioco) si aggiunsero con il tempo quelle dialettiche: lui era così, in senso buono davvero un allenatore pane e salame, in tempi in cui la polemica vegana era rappresentata dai puristi della “zona”.

E’ stato anche capace di inventarsi una nuova vita calcistica a 70 anni, diventando il ct del Paraguay e guidandolo ai Mondiali del 2002 fino alla sfida degli ottavi di finale persa contro la Germania. Quattro anni prima però aveva sfiorato il capolavoro da commissario tecnico dell’Italia, lui che era stato il vice di Bearzot a Spagna 1982, rilevando in corsa Sacchi nel girone eliminatorio, portando in rimonta sull’Inghilterra gli azzurri al mondiale e finendo eliminato nei quarti di finale ai rigori dalla Francia futura vincitrice.

Aveva utilizzato Baggio in staffetta con Del Piero ed era uscito, come aveva sottolineato, “per un tanto così”. Gli occhi lucidi di Maldini senior sono una delle immagini forti di quella sfida, come pure la sua signorilità nell’accettare la sconfitta e un esonero immeritato.

Ma la vita gli avrebbe riservato altre soddisfazioni: esattamente quaranta anni dopo il suo trionfo in Coppa Campioni suo figlio Paolo, anche lui da capitano, alzava il trofeo dopo la vittoria ai rigori nella finale tutta italiana contro la Juve a Manchester. Segno del destino e simbolica cinghia di trasmissione tra generazioni già in vista in nazionale, quando uno da ct e l’altro con la maglia numero 3 davano il senso di continuità di una splendida storia di sport.

Da Trieste, nella scia del maestro Nereo Rocco, ‘Cesarone’ insomma è arrivato a segnare per oltre mezzo secolo la scena calcistica nazionale e internazionale: tanto che ad un certo punto, ed era già anziano, lo volevano come ct anche negli Emirati Arabi, ma lui preferì fare il commentatore televisivo, ingaggiato da Al Jazeera.

Senza tuttavia recidere il cordone ombelicale con il suo Milan, dove ha interpretato ogni tipo di ruolo, giocatore, allenatore, capo degli osservatori, consulente: con un unico momento di amarezza vera, quando vinse un derby per 6-0 contro l’Inter dell’amico, ed ex ‘secondo’ ai tempi dell’under 21, Marco Tardelli: spiegò che anche lui sapeva cosa voleva dire una sconfitta del genere, avendola subita nel 1991 in Norvegia con l’under 21, “Ma il calcio – concluse dando il senso dell’ineluttabilitàò di certe cose – è fatto di vittorie e sconfitte, un piatto semplice”. Un po’ come pane e salame.

Ultima ora

21:51Calcio: tweet Mertens, Napoli mio presente mio futuro

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAG - "Il mio passato, il mio presente, il mio futuro", questo è il tweet dell'attaccante del Napoli Dries Mertens accompagnato da una foto del giocatore mentre firma il suo nuovo contratto fino al 2020. La firma del contratto era stata annunciata già oggi dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che aveva confermato anche come nell'accordo sia presente una clausola rescissoria valida però soltanto per un eventuale trasferimento a una squadra estera e dal 2018. Secondo indiscrezioni il contratto di Mertens prevede un ingaggio annuo di 4,5 milioni di euro.

21:36Padre morto da cinque mesi, figlio tiene cadavere in casa

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Il cadavere mummificato di un uomo di 88 anni è stato trovato questo pomeriggio in una casa di via Cornigliano, a Genova. L'anziano, che abitava nell'appartamento col figlio di 50 anni, era morto da almeno cinque mesi. Il figlio, che soffre di disturbi psichici, ha cercato di camuffare l'odore con deodoranti e candele profumate. Secondo una prima ricognizione del medico legale Marco Salvi, l'anziano sarebbe morto per un infarto. Il figlio ha custodito la salma sul divano in soggiorno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, chiamati dai vicini che aveva sentito il figlio che inveiva contro il padre. (ANSA).

21:34Calcio: Chelsea battuto, all’Arsenal la Fa Cup

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Manca la doppietta in Inghilterra Antonio Conte sulla panchina del Chelsea, sconfitto 2-1 a Wembley dall'Arsenal nella finale di Fa Cup. La squadra che da quasi 21 anni è guidata da Arsene Wenger, andando contro i pronostici, ha battuto i dominatori della Premier League e portato a casa la 13/a coppa d'Inghilterra, 2 anni dopo l'ultimo successo. Per il francese, si tratta del 16/o trofeo portato nella bacheca dei Gunners, di cui 7 Fa Cup, e forse questo successo potrà incidere sulle sue scelte future dopo una stagione complicata e una forte spinta dei tifosi al club di trovare un sostituto. La sconfitta è dura per Conte, anche se il Chelsea ha tenuto aperta la sfida fino all'ultimo nonostante l'espulsione di Moses per doppia ammonizione al 67'. Anche in 10, i Blues hanno continuato a cercare di pareggiare la rete di Sanchez al 4', trovandola al 76' con Diego Costa. Solo 3' dopo, il Chelsea ha incassato il 2-1 da Ramsey, lasciato libero di battere di testa in area in mezzo a tre avversari.

21:01Calcio: Inter, Gabigol non convocato

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - Mano dura dell' Inter con Joao Mario e Gabigol, che non sono stati convocati per l'ultima partita di campionato contro l'Udinese a San Siro. I due giocatori nerazzurri sono stati esclusi per aver abbandonato la panchina all'Olimpico durante la sfida contro la Lazio di domenica scorsa. Dopo la multa e gli allenamenti a parte rispetto al resto della squadra, la società, insieme a Stefano Vecchi, ha deciso di non convocarli per l'ultima partita. Assenti, loro invece per infortunio, anche Murillo, Miranda, Ansaldi e Icardi.

20:37Calcio: serie A, la Juve vince 2-1 a Bologna

(ANSA) - ROMA, 27 MAG Con un gol al 94' del 17enne Kean la Juventus vince 2-1 a Bologna l'anticipo della 38/a e ultima giornata di serie A chiudendo così il campionato a 91 punti. I padroni di casa erano andati in vantaggio al 52' con Taider, aveva pareggiato Dybala al 70'. Nell'altro anticipo del sabato l'Atalanta supera il Chievo per 1-0 (Gomez al 52') e si porta momentaneamente al quarto posto con 72 punti scavalcando la Lazio, impegnata domani sera a Crotone.

20:33Calcio: Cagliari, contro Milan addio a campionato e a S.Elia

(ANSA) - CAGLIARI, 27 MAG - Addio al campionato e al Sant'Elia. Contro il Milan il Cagliari chiude i conti con stagione e campo. E da lunedì pensa al futuro: si parte dallo smontaggio delle tribune da trasferire nello stadio provvisorio. Ma saranno giorni decisivi soprattutto per le scelte sul direttore sportivo dopo i saluti di Capozucca e sull'allenatore. Rastelli sì, Rastelli no? Il mister pensa per ora solo alla partita di domani: "Domani deve essere una festa - ha detto - dentro e fuori dal campo: questi ragazzi hanno ottenuto un risultato importante: gireranno ancora tra i campi più importanti della A. Questa squadra merita un grande applauso". Il 6 a 2 con il Sassuolo? "Già alle spalle - ha precisato - ora pensiamo al Milan. Non mi aspettavo quella prestazione, alla fine ero molto deluso". Dopo il triplice fischio finale ci sarà un giro di campo di giocatori e staff. E poi? "Fra lunedì e martedì - ha ribadito - mi incontrerò col presidente e il direttore sportivo per vedere se ci sono le condizioni per andare avanti". "Il mio bilancio? Ho dato tutto. Mi sento migliore di quando sono partito, mi auguro di poter andare avanti con questo progetto. Le mie sensazioni sono positive", ha sottolineato Rastelli. Chi confermerebbe di questo gruppo? Risposta del mister: "Tutti". Per la partita di domani dovrà fare a meno probabilmente di Rafael e Salamon. Al posto del portiere (sono infortunati Colombo e Gabriel) potrebbe esordire in serie A Crosta, cresciuto nelle giovanili del Milan. In panchina c'è il 2000 Daga. In bilico anche Salamon e il Cagliari si ritroverebbe praticamente con un solo centrale visto che Alves è squalificato. Problemi anche a destra perché anche Isla è stato fermato dal giudice sportivo: Rastelli per la fascia ha convocato i ragazzini Mastino e Oliveira. In attacco non c'è Sau (anche lui squalificato) ma l'ex Borriello si è ripreso e sarà in campo dal primo minuto. (ANSA).

20:32Terzo Valico: migliaia in corteo per tutela acqua e salute

(ANSA) - ALESSANDRIA, 27 MAG - Oltre duemila persone per gli organizzatori, più di un migliaio per le forze dell'ordine, arrivati anche dal Genovese e dalla ValSusa, hanno marciato in corteo, per circa 3 ore, ad Alessandria contro la discarica di Sezzadio, le cave per lo smarino e il Terzo Valico. In piazza anche un serpentone di una quarantina di trattori. La manifestazione, organizzata dai Comitati di base e Agricoltori della Valle Bormida, Sezzadio Ambiente, Vivere a Predosa, NoTav, ha visto la partecipazione di una ventina di sindaci dei Comuni firmatari della Convenzione per la tutela delle risorse idriche del territorio. Tra loro Enrico Silvio Bertero, sindaco di Acqui Terme. Prossimo appuntamento dei manifestanti l'8 luglio a Sezzadio per il concerto degli 'Assalti Frontali', vincitori della prima edizione del Premio Vivaio Eternot, assegnato dal Comune di Casale per aver affrontato il tema dell'amianto nella canzone 'Asbesto'. (ANSA).

Archivio Ultima ora