Addio a Cesare Maldini: classe, umanità e trionfi

Pubblicato il 03 aprile 2016 da redazione

maldini

ROMA. – Grande calciatore, il primo italiano ad alzare trionfalmente nel 1963 la Coppa dei Campioni, Cesare Maldini ha conosciuto però da allenatore una popolarità planetaria nel mondo del calcio: perchè le sue qualità umane erano superiori a quelle – pur ragguardevoli – tecniche.

Per questo ora che e’ morto, lo piangono dappertutto e non solo al Milan, che è stata casa sua nel vero senso della parola: tanto è vero che dopo l’epopea di suo figlio Paolo, c’è ancora un Maldini in rossonero: suo nipote Christian gioca, difensore, nella primavera. Segno che ha seminato bene, questo triestino giramondo: educando familiari e giocatori, e spesso le due categorie coincidevano.

Ha vinto in campo, quattro scudetti oltre alla famosa Coppa dei Campioni del 1963, e in panchina: tre europei consecutivi negli anni Novanta alla guida dell’Under 21 azzurra, un record. Ha insegnato calcio, da italianista convinto, distribuito battute e raccolto simpatia come testimonia anche il successo della sua imitazione fatta da Teo Teocoli, e pazienza se alle “maldinate” di quando giocava (svarioni difensivi figli di una eccessiva sicurezza di gioco) si aggiunsero con il tempo quelle dialettiche: lui era così, in senso buono davvero un allenatore pane e salame, in tempi in cui la polemica vegana era rappresentata dai puristi della “zona”.

E’ stato anche capace di inventarsi una nuova vita calcistica a 70 anni, diventando il ct del Paraguay e guidandolo ai Mondiali del 2002 fino alla sfida degli ottavi di finale persa contro la Germania. Quattro anni prima però aveva sfiorato il capolavoro da commissario tecnico dell’Italia, lui che era stato il vice di Bearzot a Spagna 1982, rilevando in corsa Sacchi nel girone eliminatorio, portando in rimonta sull’Inghilterra gli azzurri al mondiale e finendo eliminato nei quarti di finale ai rigori dalla Francia futura vincitrice.

Aveva utilizzato Baggio in staffetta con Del Piero ed era uscito, come aveva sottolineato, “per un tanto così”. Gli occhi lucidi di Maldini senior sono una delle immagini forti di quella sfida, come pure la sua signorilità nell’accettare la sconfitta e un esonero immeritato.

Ma la vita gli avrebbe riservato altre soddisfazioni: esattamente quaranta anni dopo il suo trionfo in Coppa Campioni suo figlio Paolo, anche lui da capitano, alzava il trofeo dopo la vittoria ai rigori nella finale tutta italiana contro la Juve a Manchester. Segno del destino e simbolica cinghia di trasmissione tra generazioni già in vista in nazionale, quando uno da ct e l’altro con la maglia numero 3 davano il senso di continuità di una splendida storia di sport.

Da Trieste, nella scia del maestro Nereo Rocco, ‘Cesarone’ insomma è arrivato a segnare per oltre mezzo secolo la scena calcistica nazionale e internazionale: tanto che ad un certo punto, ed era già anziano, lo volevano come ct anche negli Emirati Arabi, ma lui preferì fare il commentatore televisivo, ingaggiato da Al Jazeera.

Senza tuttavia recidere il cordone ombelicale con il suo Milan, dove ha interpretato ogni tipo di ruolo, giocatore, allenatore, capo degli osservatori, consulente: con un unico momento di amarezza vera, quando vinse un derby per 6-0 contro l’Inter dell’amico, ed ex ‘secondo’ ai tempi dell’under 21, Marco Tardelli: spiegò che anche lui sapeva cosa voleva dire una sconfitta del genere, avendola subita nel 1991 in Norvegia con l’under 21, “Ma il calcio – concluse dando il senso dell’ineluttabilitàò di certe cose – è fatto di vittorie e sconfitte, un piatto semplice”. Un po’ come pane e salame.

Ultima ora

18:50Calcio: Monchi, la gara col Chelsea dà fiducia per il futuro

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non sono contento del risultato perché avremmo meritato di vincere, ma sono sicuramente contento per la mentalità della squadra: un gioco come quello che abbiamo visto ci dà fiducia per proseguire su questo cammino". Sono le parole del ds della Roma Monchi dopo il 3-3 con il Chelsea ieri in Champions League. "Dobbiamo essere soddisfatti di come sta andando il girone, ma è complicato - aggiunge il dirigente all'emittente spagnola Onda Cero - Siamo in una posizione buona, molti alla vigilia avrebbero firmato per esserci. Siamo imbattuti, ma manca ancora molto, abbiamo davanti due avversarie molto forti. Il pareggio dell'Atletico con il Qarabag non mi ha sorpreso: noi abbiamo sofferto con loro. A Madrid dovremo dimostrare lo stesso carattere visto a Londra. È difficile, l'Atletico in casa è una squadra ancora più temibile, però manca un mese e recupereremo alcuni calciatori infortunati che sono importanti per noi. Ogni giorno che passa siamo sempre più vicini a dove vogliamo arrivare: così andremo lontano".

18:45F1: Usa, Alonso resta alla McLaren ‘me lo ha detto il cuore’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Fernando Alonso resta alla McLaren per un'altra stagione. L'ufficialità dell'accordo tra il pilota spagnolo e la scuderia inglese è arrivata nel giovedì di Austin, dove domenica si corre il 17esimo GP della stagione di F1. Dopo la rottura con Honda (attuale fornitore del motore per la McLaren) ed i numerosi problemi in pista, l'ex ferrarista ha deciso di non andare via. "Fantastico essere qui - ha commentato l'asturiano su twitter - il cuore mi diceva di restare qui. Il team è fantastico, pieno di ottime persone, ma soprattutto ha risorse per tornare a vincere gare e mondiali. Gli ultimi anni non sono stati facili ma abbiamo potuto pianificare il futuro''. Farà coppia con il già confermato Vandoorne.

18:29Calcio: Cagliari, per Lopez subito ostacolo Lazio

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Prima la Lazio e poi il Benevento. La prima tappa, per il neo allenatore Diego Lopez, è sen'altro la più difficile, ma non ci sono aspettative o fucili puntati. La seconda sfida, invece, è di quelle che non si possono fallire. Il presidente Giulini vuole la vittoria e Lopez è chiamato a dare le prime risposte. Tre anni fa, quando era sulla panchina del Cagliari, la sconfitta in casa con la Lazio fu l'inizio della fine: lo zero a due al Sant'Elia più i ko di Bologna e quelli con Torino e Roma (in mezzo una vittoria sul Verona) convinsero l'allora presidente Massimo Cellino ad esonerare l'uruguaiano e lasciare la squadra a Ivo Pulga. Ora Lopez per la sua rivincita riparte proprio dalla Lazio, tra l'altro gasatissima dopo la vittoria con la Juventus. "La Lazio? Ora vediamo", aveva detto ieri al suo arrivo. Come dire: scusate, ma sono appena arrivato. Ma per Lopez c'è già un problema: tutti e due i portieri, Cragno e Rafael, sono acciaccati. E il giovane Crosta è in preallarme. Per il resto già dalla partita dell'Olimpico potrebbe vedersi la mano del nuovo tecnico. L'ultima volta con il Cagliari c'erano Dessena e Cossu in campo e Sau in panchina. Ed era un 4-3-1-2. Ma con il Palermo, l'anno scorso, spesso Lopez usava il 4-3-3. E ora? C'è soprattutto un'esigenza: valorizzare Pavoletti. Perché la salvezza del Cagliari non può che passare dai suoi gol. E allora ci vogliono i cross o almeno più palloni in area: questo potrebbe suggerire un uso più massiccio di fasce e sovrapposizioni. Aspettando magari che Van der Wiel o Miangue possano nel frattempo diventare i terzini che il Cagliari cerca dal precampionato. "La nostra non è una situazione drammatica - osserva Lopez - ma occorre guardarsi dentro per capire che alcune partite non dobbiamo perderle se vogliamo raggiungere il traguardo della salvezza e che per centrare l'obiettivo dobbiamo dare ancora di più. Ai tifosi voglio dire che abbiamo bisogno del loro sostegno, ma spetta a noi dare l'input sul campo. I nostri tifosi ci sono sempre, ci seguono anche in trasferta e molte famiglie hanno sottoscritto un abbonamento facendo tanti sacrifici: meritano di essere ripagati".(ANSA).

18:27Giustizia: Catanzaro, Capomolla nuovo Procuratore aggiunto

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Il plenum del Csm ha nominato Vincenzo Capomolla nuovo procuratore aggiunto di Catanzaro. Il magistrato, attualmente in servizio come sostituto nella Dda, era stato designato all'unanimità dalla quinta commissione di Palazzo dei Marescialli. Capomolla sarà il terzo aggiunto della Procura, affiancando Giovanni Bombardieri e Vincenzo Luberto ed il procuratore, Nicola Gratteri. Nei mesi scorsi il Ministero della Giustizia aveva approvato l'aumento della pianta organica della Procura di Catanzaro. All'ufficio, così, sono stati assegnati otto nuovi pm, sei dei quali prenderanno servizio il 2 novembre. Da quella data, dunque, la Procura di Catanzaro potrà contare su 26 magistrati, il Procuratore, tre aggiunti e 26 sostituti. Restano da coprire altri due posti di sostituto procuratore previsti dalla nuova pianta organica e che saranno banditi a breve. (ANSA).

18:19Turista tedesca si perde sui monti del Nuorese, ricerche

(ANSA) - NUORO, 19 OTT - Una turista tedesca in vacanza in Sardegna, Renate Era Zellinger, di 54 anni, è scomparsa da due giorni nel Montalbo, a Lula (Nuoro). Le ricerche sono state attivate ieri, dopo la segnalazione del responsabile del servizio di noleggio auto di Olbia al commissariato di Polizia, allarmato per la ritardata consegna della Fiat Panda che la donna aveva preso a noleggio. L'auto è stata rinvenuta in prossimità di una casa cantoniera, in località Jenna e Rughe, nelle campagne di Lula. Senza sosta le ricerche da parte di Vigili del fuoco, unità cinofile, personale di Forestas e del Soccorso Alpino, oltre ai Carabinieri e volontari del luogo, ma della donna ancora nessuna traccia. (ANSA).

18:17Russia: penuria di lapidi, tutto il granito è finito a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 19 OTT - Il gigantesco programma di ammodernamento urbanistico di Mosca da 3 miliardi di euro, in atto ormai da sette anni sebbene l'impulso più spinto si sia concentrato negli ultimi tre con lo scopo di presentare una Capitale scintillante ai mondiali di calcio del 2018, ha avuto un effetto collaterale imprevisto: mettere in crisi il settore delle pompe funebri. Molte piccole imprese basate in Siberia e nella regione del Volga, infatti, hanno difficoltà a reperire il granito per le lapidi. I quantitativi richiesti da Mosca per ripavimentare i marciapiedi e abbellire il centro sono così massicci che le cave degli Urali hanno praticamente finito le scorte e il Comune di Mosca ha dovuto acquistare la pietra all'estero, in particolare in Cina e Ucraina. La richiesta è tale - spiega un'azienda di pompe funebri siberiana a Meduza - che chi ha ancora in magazzino del granito "non accetta ordini piccoli", di norma 300/400 metri quadrati, perché ormai vengono considerate commesse "poco vantaggiose".

18:13Israele, esercitazione ospedale Haifa contro attacco chimico

(ANSA) - TEL AVIV, 19 OTT - L'ospedale Rambam di Haifa, nel nord di Israele, ad un passo dal confine con il Libano e la Siria, ha svolto oggi un esercitazione contro un attacco missilistico e chimico. La prova ha incluso il trasferimento di tutto il personale dell'ospedale nel rifugio sotterraneo della struttura e il trattamento di centinaia di persone con pretese bruciature chimiche. All'esercitazione - hanno sottolineato i media - hanno preso parte tutte le istituzioni, esercito incluso, che dovrebbero intervenire nell'eventualità di un attacco contro la città da oltre confine effettuato con missili e testate chimiche.

Archivio Ultima ora