Panama Papers, ecco chi ha miliardi nei paradisi fiscali

Pubblicato il 03 aprile 2016 da redazione

Russian President Vladimir Putin (R) and Chinese President Xi Jinping (L)  speak during the Victory Day Parade in the Red Square in Moscow, Russia, 09 May 2015. The Victory Day parade on 09 May 2015 marks the 70th anniversary since the capitulation of Nazi Germany.  EPA/HOST PHOTO AGENCY / RIA NOVOSTI POOL MANDATORY CREDIT

Russian President Vladimir Putin (R) and Chinese President Xi Jinping (L) speak during the Victory Day Parade in the Red Square in Moscow, Russia, 09 May 2015. The Victory Day parade on 09 May 2015 marks the 70th anniversary since the capitulation of Nazi Germany. EPA/HOST PHOTO AGENCY / RIA NOVOSTI POOL MANDATORY CREDIT

LONDRA. – Uno scandalo di proporzioni planetarie fa tremare i leader e i vip di mezzo mondo. I Panama Papers, milioni di documenti che hanno origine in uno studio legale internazionale specializzato in paradisi fiscali, gettano l’ombra del sospetto su fortune riconducibili – pare – all’entourage di Vladimir Putin e del suo arcinemico ucraino Petro Poroshhenko; a familiari del leader cinese Xi Jinping e al re saudita, al defunto padre di David Cameron, ma anche a Luca Cordero di Montezemolo, a banche italiane, a primi ministri e loro parenti, a criminali, personaggi dello spettacolo e dello sport come Leo Messi, a funzionari d’intelligence, a celebrità varie.

Tutti uniti, stando a queste esplosive rivelazioni, da una gigantesca rete di banche e consulenti in grado di dirottare di nascosto da ogni controllo di legalità, verso discreti isolotti off-shore, masse di denaro: miliardi e miliardi di dollari. Le rivelazioni sono saltate fuori da uno sterminato archivio di documenti denominati Panama Papers fatti filtrare da uno studio legale, Mossack Fonseca, con sede nel Paese centroamericano del canale: non molto noto ma con uffici sparsi nei 5 continenti da Miami, a Hong Kong, a Zurigo, a 42 altre localita’.

Documenti passati al giornale tedesco Suddeutsche Zeitung e da questo condivisi poi con un pool di oltre 300 reporter investigativi di vari media internazionali fra cui i britannici Guardian e Bbc (e per l’Italia l’Espresso).

Il Guardian si concentra in apertura della sua edizione online solo su Putin, da tempo nel mirino di Washington e di Londra sullo sfondo dello scontro geopolitico in atto fra Mosca e l’occidente. Il leader russo viene ritenuto coinvolto indirettamente attraverso la figura di Serghei Roldugin: un musicista indicato fra i suoi migliori amici e padrino di battesimo di una delle sue figlie, che appare il terminale – almeno nominale – di un trasferimento sotto banco di ben due miliardi di dollari partiti da Bank Rossia (istituto di credito guidato da Yuri Kovalciuk, che gli Usa sostengono essere una sorta di banchiere del Cremlino) per essere indirizzati poi a Cipro e nel paradiso delle Isole Vergini Britanniche.

Sospetti che peraltro un portavoce del Cremlino ha subito respinto come una montatura politica, assicurando che Mosca ha i mezzi per difendere in sede legale la reputazione di Putin. Ma non è solo la Russia al centro di uno scandalo che si basa sulla bellezza di 11 milioni di documenti analizzati da giornalisti di 76 Paesi: di fatto la più grande fuga di notizie o indiscrezioni nella storia della finanza e della politica, persino più vasta di quelle di Wikileaks nel 2010 e delle intercettazioni della Nsa americana svelate da Edward Snowden nel 2013.

Carte nelle quali compaiono i nomi di almeno 140 tra politici, personaggi famosi, imprenditori e sportivi e di 12 leader politici tra re, presidenti e primi ministri. I 307 reporter dell’International Consortium of Investigative Journalists, impegnati per mesi a spulciare le carte, allargano la cerchia dei sospetti a personaggi dei Paesi di appartenenza: e così l’Espresso evoca Montezemolo, l’imprenditore Giuseppe Donaldo Nicosia, latitante e coinvolto in un’inchiesta per truffa con Marcello dell’Utri, l’ex pilota di Formula 1 Jarno Trulli oltre a Ubi e Unicredit; mentre Haaretz cita ad esempio alcuni dei più ricchi e influenti uomini d’affari di Israele.

Non mancano intere società che secondo i Panama Papers farebbero riferimento diretto ai capi di governo di Islanda e Pakistan. Mentre emergono presunte somme da capogiro sottratte e beni di lusso (fra cui yacht da favola) al fisco da Salman re dell’Arabia Saudita, dal re del Marocco Mohammad VI, dai figli del presidente dell’Azerbaigian, dal presidente filo-occidentale ucraino Poroshenko. E pure da da familiari di Xi Jinping: il leader di Pechino che a parole ha fatto della lotta alla corruzione il suo slogan.

Altro denaro risulta riconducibile a 33 sigle o individui inseriti nella lista nera degli Usa per asserite connessioni con i signori della droga messicani, con organizzazioni definite terroristiche come gli Hezbollah sciiti libanesi, con Stati quali Corea del Nord o Iran.

E non finisce qui. Perché a essere toccati dal sospetto sono il mondo dello sport miliardario e quello dello spettacolo. Ecco allora saltar fuori il nome del campionissimo Lionel Messi, bandiera del calcio argentino e del Barcellona, oppure quello dell’attore cinese Jackie Chan.

E ancora dirigenti sportivi sudamericani già comparsi nello scandalo Blatter, come l’ex vicepresidente del calcio mondiale Eugenio Figueredo e suo figlio Hugo, nonché l’uruguaiano Juan Pedro Damiani, del comitato etico della Fifa.

Un elenco di ricchi, potenti e famosi che – dai misteri di Panama, a cavallo fra due oceani – chissà quale tsunami sarà ancora in grado di sollevare.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

23:41Manchester: Telegraph, arrestata una donna

(ANSA) - MANCHESTER 24 MAG - Una donna è stata arrestata a Manchester, in relazione all'attacco suicida di lunedì sera, che ha provocato la morte di almeno 22 persone e decine di feriti al termine del concerto di Ariana Grande, nell'Arena della città inglese. Lo scrive su Twitter il Telegraph. Secondo l'emittente Itv, l'arresto è frutto di una operazione armata della polizia locale e di unità antiterrorismo, in un quartiere di torri residenziali a nord della città. Testimoni hanno sentito una forte esplosione, mentre la polizia penetrava in serata in una palazzina di Northland Road a Blackley. Uno degli abitanti del quartiere, Chris Barlow, ha detto di aver parlato con uno degli agenti dell'unità antiterrorismo, secondo cui la polizia ha fatto saltare per aria la porta di uno degli appartamenti e ha portato via un paio di persone. Secondo fonti della polizia di Manchester "c'è stata una perquisizione e una donna è stata arrestata in relazione all'inchiesta sull'incidente all'Arena di Manchester".

23:35Venezuela: procura accusa forze ordine per morte dimostrante

(ANSA) - CARACAS, 24 MAG - La Procuratrice nazionale venezuelana, Luisa Ortega Diaz, ha detto oggi che un manifestante morto il 26 aprile a Caracas è stato ucciso durante una protesta antigovernativa da un lacrimogeno sparato dalla Guardia Nazionale ad altezza d'uomo, sottolineando che questa pratica è illegale e proibita. In una conferenza stampa, Ortega Diaz ha mostrato ai cronisti la granata lacrimogena che avrebbe ucciso lo studente ventenne Juan Pernalete: "E' molto pesante", ha detto, spiegando che gli avrebbe provocato uno shock cardiaco per trauma del torace. Questa versione sulla morte di Pernalete smentisce in modo categorico quella presentata in precedenza dal ministro per la Comunicazione, Ernesto Villegas, e dal suo collega degli Interni, Nestor Reverol, che avevano escluso ogni responsabilità della Guardia Nazionale nella morte del giovane.

23:35Calcio: 2-0 all’Ajax, Europa League allo United

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Con un gol per tempo, il Manchester United piega l'Ajax e si aggiudica la sua prima Europa League, già Coppa Uefa, l'unico trofeo che mancava nella sua sontuosa bacheca. Riscattando così una stagione in Premier League non esaltante, conclusa al 6/o posto che, evidentemente, non sarebbe bastato per accedere alla prossima Champions League. Alla Friends Arena di Stoccolma, si comincia con un minuto di silenzio per le vittime dell'attentato di lunedì scorso, rotto ben prima del termine dall'applauso del pubblico che inneggia alla città colpita dal terrorismo. Poi, spazio al calcio, anche se lo spettacolo, come spesso nelle finali, non è quello delle partite indimenticabili. L'equilibrio si rompe al 18' con il gol di Pogba, il cui tiro dal limite viene deviato dal difensore Sanchez, che inganna Onana. L'Ajax, ben arginato dal Manchester, non riesce ad organizzare una vera reazione e così, al 3' della ripresa, arriva il 2-0: lo segna Mkhitaryan raccogliendo in acrobazia sotto porta una deviazione di Smalling.

22:53Calcio: Milan, Gattuso vicino alla panchina della Primavera

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Gennaro Gattuso è vicino a tornare al Milan come allenatore della squadra Primavera. Oggi, infatti, c'è stato un contatto tra la nuova dirigenza e l'ex centrocampista, reduce dalla sfortunata esperienza con il Pisa in Serie B culminata con la retrocessione: si respira ottimismo sulla possibilità di trovare un accordo per sostituire alla guida della Primavera l'altro ex rossonero Stefano Nava. Gattuso ha militato nel Milan dal '99 al 2012, vincendo tra le altre cose due scudetti, due Champions League e una Coppa del mondo per club.

22:24Nepal: primo ministro maoista si dimette per patto governo

(ANSA) - KATHMANDU, 24 MAG - Il primo ministro nepalese Pushpa Kamal Dahal, del Partito comunista di ispirazione maoista) ha rassegnato oggi le sue dimissioni a Kathmandu, in rispetto di un accordo di alternanza raggiunto con il partner della coalizione governativa (Partito del Congresso). Lo ha annunciato in un messaggio televisivo lo stesso Dahal, conosciuto anche con il suo vecchio nome di battaglia di 'Prachanda'. Dopo l'annuncio, il premier si è recato dalla presidente, Bidya Devi Bhandari, a cui ha consegnato la lettera ufficiale di dimissioni. Dopo i primi nove mesi di governo della coalizione di centro-sinistra, cominciati nell'agosto scorso, ora la guida del governo sarà assunta dal leader del partito del Congresso, Sher Bahadur Deuba. La transizione durerà alcune settimane durante le quali Dahal resterà in carica per assicurare la copertura degli affari correnti.

22:19Usa: Amnesty, perse tracce 1 mld dlr armi anti-Isis a Iraq

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAG - Le forze armate Usa non sono riuscite a mantenere adeguatamente le tracce di centinaia di veicoli militari (humvee), di decine di migliaia di fucili e di altri pezzi di equipaggiamenti militare mandati in Iraq per armare l'esercito governativo, le milizie sciite e i peshmerga curdi, per un totale di oltre un miliardo di dollari. Lo rivela un controllo governativo iracheno del 2016 ottenuto e diffuso da Amnesty International (Ai), scrive il Wp. Un audit del 2015 aveva evidenziato gli stessi problemi, compresa la quasi totale assenza di una registrazione da parte di Baghdad. Il materiale bellico era stato fornito nell'ambito dell'Iraq Train and Equip Fund, un programma per sostenere l'esercito iracheno a combattere l'Isis. Il timore è che parte delle forniture possa essere finite nelle mani sbagliate.

21:30Calcio: Manchester, lutto al braccio e minuto di silenzio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Manchester United e Ajax, squadre finaliste di Europa League, hanno osservato un minuto di silenzio prima della partita in corso ora alla Friends Arena di Stoccolma, in onore delle vittime dell'attentato di lunedì sera al concerto di Ariana Grande. Ben prima del termine dell'omaggio, con i giocatori abbracciati in mezzo al campo, il pubblico non ha trattenuto il silenzio e si è unito in un applauso inneggiando alla città colpita dal terrorismo. La squadra di Mourinho gioca con il lutto al braccio.

Archivio Ultima ora