Panama Papers: lo scandalo scuote i palazzi, raffica di smentite

Pubblicato il 04 aprile 2016 da redazione

Oltre 11 milioni di documenti segreti analizzati per un anno da 300 giornalisti di 76 paesi diversi, tra cui L'Espresso in Italia. Mappa di Panama e tutti i numeri della più grande fuga di notizie nella storia della finanza

Oltre 11 milioni di documenti segreti analizzati per un anno da 300 giornalisti di 76 paesi diversi, tra cui L’Espresso in Italia. Mappa di Panama e tutti i numeri della più grande fuga di notizie nella storia della finanza

LONDRA. – Il vento del ciclone ‘Panama Papers’, innescato dalle rivelazioni di milioni di documenti riservati finiti in mano a un pool di media internazionali, scuote i palazzi del potere da un angolo all’altro del globo: da Mosca a Londra, dalla sterminata Pechino alla piccola Reykjavik.

E’ il giorno delle smentite e delle reazioni, ma anche di nuove accuse e sospetti nei confronti di leader, vip e faccendieri coinvolti direttamente o indirettamente – secondo le carte dello scandalo – in un giro mirabolante di miliardi di dollari dirottati sotto traccia verso le inespugnabili casseforti dei paradisi fiscali.

In alcuni Paesi – Panama, ma anche Australia e India – scattano già le prime indagini formali. “Siamo pronti a cooperare con convinzione di fronte a qualsiasi inchiesta giudiziaria”, fa sapere il presidente dello Stato centroamericano, Juan Carlo Varela. In Italia, Gran Bretagna e in Norvegia le agenzie delle entrate locali chiedono invece di vedere le carte per una verifica preliminare.

Lo scalpore intanto è unanime. E la risposta del Cremlino, alle paginate della stampa anglosassone che tirano in ballo prima di chiunque altro il ‘nemico’ Vladimir Putin, è la più furibonda. Il portavoce del presidente russo – citato in effetti dai ‘leaks’ mai in prima persona, ma attraverso una cerchia di amici o presunti prestanome, dal violoncellista pietroburghese Serghei Roldughin al banchiere Yuri Kovalciuk – risponde al sospetto col sospetto.

Grida alla “montatura”, evoca trame occulte per oscurare i successi di Mosca in Siria e addita come megafoni del Dipartimento di Stato, o addirittura come “agenti della Cia”, alcuni reporter dell’International Consortium of Investigative Journalists: il cartello di testate di 76 Paesi che ha intercettato la mole di file ‘sfuggita’ agli archivi del mega studio legale panamense specializzato in operazioni offshore Mossack Fonseca.

Ad alimentare i dubbi russi – e il rischio che la vicenda possa rivelarsi al di là di tutto un detonatore di tensioni geopolitiche – forse anche il fatto che non s’intravvede per ora il coinvolgimento di alcun personaggio Usa che conti. Neppure per sbaglio. Tuttavia, le carte restano carte e le ombre restano ombre.

E si addensano sui vertici politici di una sfilza di Paesi i più diversi fra loro, sullo sfondo di movimenti massicci di denaro in cui affari legali, traffici criminali e sospetti proventi di corruzione risultano aver incrociato tenebrosamente le loro strade. I nomi che rimbalzano sui media si moltiplicano di ora in ora: sono quelli di uomini di Stato, di protagonisti dello sport miliardario, di imprenditori, di bancarottieri, di stelle dello show business.

Sul fronte della politica, se Putin viene preso di mira per interposta persona, vari governanti compaiono nei Panama Papers con il loro nome e cognome. E’ il caso del premier islandese, Sigmundur Gunnlaugsson, il primo a rischio d’impeachment, messo per ore sulla graticola in parlamento dall’opposizione con un’immediata mozione di sfiducia.

Ma anche del presidente filo-occidentale ucraino Petro Poroshenko, l’uomo che avrebbe dovuto ripulire dalla corruzione Kiev stando agli slogan della rivolta di Maidan, o del primo ministro del Pakistan. E ancora del re saudita Salman. Spuntano poi i nomi del neopresidente argentino, Mauricio Macri, che nega tutto sdegnato, e di quello messicano, Enrique Peña Nieto. Qualcuno è toccato da intrecci di famiglia, come il leader cinese Xi Jinping, il re del Marocco, il presidente siriano Bashar al-Assad, quello azero Ilhan Aliev, rais caduti o defunti quali Mubarak o Gheddafi.

E anche il premier britannico, David Cameron, è costretto a fare i conti con le ricchezze nascoste oltre mare dal padre finanziere Ian, scomparso nel 2010 (“una questione privata”, secondo l’imbarazzato commento di Downing Street), come pure da vari notabili del Partito Conservatore. Fra le new entries delle ultime ore, fa capolino il profilo del commissario Ue all’Energia, lo spagnolo Miguel Arias Canete, e quello dello speaker del Parlamento del Brasile, in prima fila fra i censori della ‘mani pulite’ brasiliana di questi mesi.

Altrove, dalla Francia all’Italia, la bufera investe invece soprattutto il mondo degli affari. E anche qui piovono smentite a raffica (fra le altre quella di Luca Cordero di Montezemolo). Ma l’Agenzia delle Entrate starebbe in queste ore elaborando le strategie e attivando i contatti internazionali per ottenere la documentazione relativa ai contribuenti italiani coinvolti, per poi attivare con rapidità le relative indagini.

Passando al mondo del calcio, ammette di avere una società off-shore, ma non di evadere il fisco, Lionel Messi, minacciando di querelare chiunque sostenga il contrario. Mentre si ritrovano invischiati pure ‘le roi’ Michel Platini e altri dirigenti già toccati dallo scandalo Fifa-Blatter. Nè il sospetto risparmia celebrità del cinema, col regista spagnolo Pedro Almodovar (che giura sulla sua onestà) ad affiancare nelle liste panamensi l’attore cinese Jackie Chan.

Alcune ong invocano adesso trasparenza vera sulle transazioni finanziarie, non le mezze misure e le promesse partorite finora dai vertici internazionali. Da Bruxelles, l’Ue s’impegna ad agire, mentre Angela Merkel e Wolfgang Schaeuble assicurano che il governo tedesco prende “molto sul serio” lo scandalo.

La Casa Bianca ha espresso apprezzamento per l”operazione trasparenza’ contro gli evasori fiscali. Lo stesso messaggio che arriva da Francois Hollande e altri. Ma la Suddeutsche Zeitung, capofila del consorzio di giornali che ha svelato lo scandalo, non intende mettersi al servizio delle procure. E resta da vedere come dalle parole si potrà passare ai fatti.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

18:58Ceccato e Jarach svelano l’inedita Maserati GT3

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Svelata alla concessionaria Tridente Motors di Padova il raro esemplare di Maserati GranTurismo MC in versione GT3 preparato per le cronoscalate e voluto dal pilota Bruno Jarach. La vettura è stata presentata dallo stesso pilota vicentino e dal padrone di casa Michele Ceccato, driver padovano pistard ed esperto di salite figlio di quel Franco Ceccato noto pilota di rally la cui famiglia è proprietaria della stessa concessionaria Maserati di Padova e Venezia. Il progetto ha richiesto un lungo lavoro di preparazione che ha coinvolto lo Swiss Team, compagine che aveva costruito l'auto nella versione da pista qualche anno fa e presente a Padova con il fondatore Guido Bonfiglio, e la vicentina Ram, realtà che ora la gestirà nelle corse in salita. Alla presentazione ha partecipato direttamente anche la Casa del Tridente con alcuni suoi rappresentanti. Si è così concretizzata l'idea alla quale il vicecampione italiano GT nel Tricolore Montagna 2015, aveva pensato due anni fa.

18:54Terremoto:Procura dispone nuove verifiche palazzine Amatrice

(ANSA) - RIETI, 23 MAR - La Procura di Rieti, nell'ambito dell'inchiesta sui crolli delle tre palazzine ex edilizia popolare di piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice, in seguito al sisma della scorsa estate, effettuerà accertamenti tecnici anche nelle fondazioni degli edifici. E' quanto è emerso dopo il sopralluogo compiuto questa mattina dagli inquirenti nella zona dove sorgeva una delle tre palazzine collassate e dove hanno perso la vita 22 persone. Al sopralluogo, oltre il legale dei familiari di alcune delle vittime, l'avvocato Wania Della Vigna, hanno partecipato anche gli investigatori che indagano sui crolli e l'ingegner Antonello Salvatori dell'Università de L'Aquila, in qualità di consulente tecnico della Procura. Gli inquirenti disporranno perciò la parziale rimozione delle macerie, sotto sequestro dal 24 agosto dello scorso anno, per compiere ulteriori sondaggi nelle fondazioni dei tre edifici.

18:52Terremoto:primo aprile manifestazione a Roma e città colpite

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sabato primo aprile nuova manifestazione dei terremotati che questa volta, oltre a essere in Piazza Montecitorio a Roma, presidieranno numerosi stalli nei centri più colpiti dal sisma. Da Amatrice a Pieve Torina passando per Norcia e L'Aquila, i terremotati faranno sentire la loro voce "denunciando i troppi ritardi e le inadeguatezze amministrative che stanno portando il Centro Italia allo spopolamento". L'evento, voluto dai due Comitati spontanei già organizzatori delle manifestazioni del 25 gennaio e 2 febbraio, si svolgerà a dalle 10 a Montecitorio e nei 10 stalli individuati nelle vicinanze delle zone più colpite (Torrita, Grisciano, Trisungo, Visso, Pieve Torina, Salvalagli di Gaiole, Tolentino, Porto Sant'Elpidio e L'Aquila), dove le popolazioni si raccoglieranno per dar voce "a una protesta pacifica ma determinata per esigere un cambio di passo nella gestione di questa tragedia.In numerose città italiane verranno poi esposti, in segno di solidarietà con i manifestanti, gli striscioni dell'evento".

18:52Genova: Pirondini (M5s), strappiamo città a sistema potere

(ANSA) - GENOVA, 23 MAR - "Siamo pronti a strappare Genova dalle mani di un sistema di potere che la amministra da oltre 40 anni": lo ha scritto il candidato sindaco del M5S a Genova Luca Pirondini oggi pomeriggio nel suo primo post su Fb dopo lo scoppio del caso Cassimatis. Pirondini, che ringrazia "tutti per il sostegno e la fiducia" ha scritto che "siamo pronti a lottare contro tutto e tutti" per "il bene della città" e "a subire attacchi sapendo che ascolto, impegno e lavoro sul territorio saranno le uniche nostre risposte. Noi parliamo solo di temi".

18:44Attacco Londra: capo Fbi, in Usa mille persone indagate

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Ci sono circa mille casi di persone negli Stati Uniti che stiamo indagando" che potrebbero essere state ispirate dall'Isis. Lo ha affermato il direttore dell'Fbi, James Comey, nel corso di una conferenza sull'antiterrorismo ad Austin, in Texas, come riportano i media Usa. "La cosa che mi tiene sveglio la notte - ha aggiunto Comey - e' la preoccupazione che ci posa essere qualcuno nel Paese che possa portare a termine un attacco terroristico".

18:41Tir fuori controllo in A/1 nel Fiorentino,denunciato autista

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAR - Paura sull'autostrada A/1, in provincia di Firenze, per un tir che procedeva a zig zag in direzione Sud, passando continuamente da una corsia di marcia all'altra. La polizia stradale, avvisata da alcuni automobilisti impauriti, ha intercettato il mezzo e lo ha bloccato all'altezza dello svincolo di Valdarno, dopo un inseguimento di circa 20 chilometri. L'autista, un uomo originario dell'Ucraina, ubriaco, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e per lui è scattato il ritiro della patente. Sequestrato il tir. Il mezzo pesante è stato avvistato dalla stradale poco prima del casello di Incisa. Poiché la coda del mezzo dondolava da una corsia all' altra, la pattuglia della stradale "ha attivato la procedura della safety car". La vettura della polizia si è posizionata al centro della carreggiata, dietro al tir, in modo da impedire agli altri veicoli di sorpassare. L'autista ha proseguito la sua corsa per circa 20 chilometri, fino a che la stradale non lo ha affiancato.

18:38Clima: Onu, Guterres, ‘cambiamento climatico innegabile’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Il cambiamento climatico e innegabile e le azioni per contrastarlo non possono essere fermate". Lo ha detto il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres aprendo un incontro ad alto livello al Palazzo di Vetro sul rapporto tra clima e sviluppo sostenibile. "Ogni mese sempre piu' paesi trasformano gli impegni presi a Parigi in piani di azione nazionali sul clima. Citta' e imprese fanno da apripista, perche' riconoscono non solo la minaccia ma anche i benefici del lavoro fatto per limitare l'aumento delle temperature globali", ha detto Guterres con una frecciata implicita agli Usa di Donald Trump: "Anche se qualche governo ha fatto marcia indietro, l'effetto combinato delle azioni di autorità subnazionali, mondo degli affari e societa' civile ha creato una spinta inarrestabile" nella lotta al climate change.

Archivio Ultima ora