Venezuela, crescono l’industria del sequestro e i casi di linciaggio

Pubblicato il 04 aprile 2016 da redazione

catastrofe

CARACAS – Da anni è una delle attività criminali più redditizie e dal rischio quasi inesistente. Una lauta ricompensa, per poche ore di “lavoro” settimanale. Non deve meravigliare, quindi, se, stando alle cifre ufficiose in assenza di quelle ufficiali, il numero dei “sequestri-lampo” si sia moltiplicato. Oggi se ne stimano circa 200 al giorno. E questa è considerata una cifra prudente, a detta di alcuni esperti criminalisti.

Il fenomeno dei “sequestri-lampo” colpisce in particolare la fascia della popolazione più giovane. Infatti, le vittime preferite sono gli studenti e gli adolescenti. I rapimenti, poi, avvengono nelle ore del mattino, nel corso della settimana, e della sera, durante il weekend. La classe media, come è facilmente intuibile, è la più colpita.

Quella del “sequestro-lampo” è l’attività delinquenziale ritenuta più sicura. Infatti, sempre che non intervengano circostanze fortuite – leggasi, presenza di un testimone che avvisi tempestivamente la polizia o della polizia stessa che allora interviene immediatamente – tutto si risolve in poche ore, e comunque nell’arco di una giornata.

Insomma, il tempo necessario perché la famiglia della vittima possa riunire il denaro del riscatto. Il ricavato del sequestro, poi, è spesso investito dai delinquenti per acquistare armi più potenti o per costruire un’organizzazione capace di portare avanti rapimenti più impegnativi e più lucrativi.

A rendere oggi più complessa la realtà non è solo la connivenza in alcuni casi, purtroppo, di agenti della polizia ma, soprattutto, l’esistenza di zone, interi quartieri battezzati dal Governo “àreas de paz”, off-limits per la polizia. Insomma, aree urbane gestite dalle stesse bande che se ne contendono il controllo e che “governano” seminando il panico tra chi vi abita. E’ qui che, una volta realizzato il reato, viene portato il malcapitato in attesa che sia pagato il riscatto.

La nostra comunità non scappa al fenomeno dei sequestri. Sono sempre più numerose le vittime tra i nostri giovani. E’ sufficiente ascoltare le conversazioni tra i tavolinetti degli “snack bar” dei nostri Centri sociali per rendersi conto della gravità della situazione. E’ per questo che ancora oggi appare incomprensibile la relazione fatta a suo tempo dal nostro Ambasciatore Paolo Serpi, nella quale considerava inutile la presenza del nostro esperto anti-sequestro e, quindi, consigliava all’Unità di Crisi il suo ritiro.

Eppure, ieri come oggi, in un paese in cui la delinquenza è dilagante e si stima siano in mano della malavita organizzata circa 120 persone, la presenza dell’esperto anti-sequestro, sufficientemente pubblicizzata affinché la nostra comunità sappia a chi fare riferimento in caso di una simile tragedia, è una vera necessità. Una necessità alla quale, speriamo, l’Unità di Crisi dia presto risposta.

Come sono in aumento le cifre dei sequestri, lo sono anche quelle degli omicidi. Ogni settimana se ne contano tra gli 80 e i 100. Un vero bollettino di guerra, che rende drammaticamente l’idea della realtà venezuelana. Sono anche sempre più frequenti i casi di linciaggio. Atti atroci e ingiustificabili in una società moderna.

E’ la reazione della popolazione, non solo di quella più umile che abita nei “ranchos” e nelle “villas miseria” della città ma anche di quella di classe media che vive nei quartieri “in” delle metropoli, che si fa giustizia ritenendo che gli organismi ufficiali siano non solo deboli ma anche corrotti.

Quello dell’insicurezza non è l’unico aspetto che preoccupa. Nella sua ultima edizione, la prestigiosa rivista “The Economist” paragona la realtà venezuelana a quella dello Zimbawe di Mugabe. Tante le analogie: dal discorso populista e demagogico narcotizzante, agli espropri indiscriminati, dai “war veterans” alle accuse contro l’imperialismo, la borghesia e i proprietari di industrie; dagli eccessivi controlli dei prezzi a quello delle istituzioni.

E sottolinea che la politica di Mugabe condusse lo Zimbawe ad una crisi economica senza precedenti con una inflazione stimata nel 2008 attorno a 80 miliardi per cento. Il Fondo Monetario Internazionale, tradizionalmente cauto e assai conservatore nelle proiezioni, stima per il Venezuela a fine anno una caduta del Pil pari al 9 per cento e una inflazione del 720 per cento.

Il governo del presidente Maduro, oggi, affida il suo futuro alla ripresa del mercato petrolifero. E scommette tutto sul Summit di Doha. Se in quell’occasione i paesi dell’Opec non riuscissero a raggiungere un accordo, allora sarebbe inevitabile una maggiore contrazione del prezzo del barile di greggio, con conseguenze catastrofiche per l’economia del Paese.

Se la situazione economica è preoccupante ancora di più lo è quella politica. Il paese pare ormai alla deriva e la crisi fa emergere tutte le contraddizioni e le debolezze sia in seno al “chavismo” sia nel “Tavolo dell’Unità”.

Nel partito di governo, il dissenso cresce nella misura in cui la popolarità del capo dello Stato diminuisce. Non è più solo “Aporrea.com”. Ora anche altre correnti, in seno al “chavismo”, esprimono critiche alla maniera in cui il governo affronta la crisi. Recentemente lo stesso ex ministro degli Interni, Rodríguez Torres ha ammesso la necessità di un colpo di timone nell’orientamento economico del Paese. Ma pare che in seno al governo non vi sia la volontà di assumere le responsabilità di provvedimenti economici che implicherebbero un prezzo politico assai elevato.

In seno all’opposizione, intanto, la strana coalizione eterogenea che costituisce il Tavolo dell’Unità mostra tutte le sue limitazioni; limitazioni derivate dalla mancanza di un vero programma di governo. L’obiettivo attorno al quale si era solidificata l’Opposizione era stato la conquista del Parlamento. Oggi che l’obiettivo è stato raggiunto, il Tavolo dell’Unità pare alla deriva. Le tante anime che lo compongono, il più delle volte in contrasto l’una con l’altra, non solo stanno alimentando il caos all’interno della coalizione ma stimolano il malcontento tra gli oltre 7 milioni di elettori che vi hanno riposto le loro speranze.

Mentre l’azione dei deputati è neutralizzata dalla Corte che puntualmente rispedisce al mittente, attraverso sentenze senza appello, le decisioni del Parlamento, il Tavolo dell’Unità pare non essere in condizione di dare risposte ai cittadini. Questi aspirano a provvedimenti e decisioni che permettano al Paese di uscire dalla crisi e, quindi, di contenere i danni che provoca l’inflazione al potere d’acquisto dei salari.

Dal canto loro, le forze politiche che compongono il Tavolo dell’Unità sono sempre più convinte che la ripresa del paese sia collegata alle dimissioni del presidente Maduro o, in ogni caso, alla revoca del suo mandato. I tempi stringono.

Per il momento, il governo del presidente Maduro è riuscito a soffocare i conati di protesta e di saccheggio. Ma questi sono sempre più numerosi e sempre più violenti. Gli esperti temono un’esplosione sociale incontrollata. Anzi, si chiedono come questa non sia ancora avvenuta. Intanto, l’istituzione militare osserva.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

16:27Moto: Lorenzo “sempre meglio, a Motegi posso vincere”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "La prima vittoria ormai è molto vicina, magari potrebbe arrivare già a Motegi. E' la mia pista preferita e si adatta molto bene alla Ducati, con le sue grandi accelerazioni". Jorge Lorenzo è stato a lungo in testa al Gp di Aragon. Sul traguardo è arrivato terzo, ma per lui e la sua Ducati i progressi sono ormai costanti. "Ogni gara capisco la moto un po' di più. Manca solo un pelino di velocità a centro curva" ha detto Lorenzo. "Oggi sapevo che con la morbida al posteriore non sarei arrivato fino alla fine, ma era comunque la scelta migliore" ha concluso.

16:12Juve: Matuidi, ‘derby vinto dominando, così in Champions’

(ANSA) - TORINO, 24 SET - "La Juventus è un club di livello mondiale, una squadra che ha vinto tanto e che ha ancora tanto da vincere". Appena arrivato ed è già amore tra Blaise Matuidi e i colori bianconeri. Il centrocampista francese si è confermato un acquisto giusto anche nel derby vinto dominando. "Una partita giocata bene dal primo al novantesimo minuto", sostiene ai microfoni di Sky Sport il giocatore. Che ora vuole una Juve feroce anche in Champions League. "Abbiamo acquisito sicurezza e dobbiamo continuare così - dice -: sarà molto importante vincere in casa, anche se sappiamo che in Champions non ci sono partite facili". Matuidi si è adattato in fretta alla nuova squadra. "Capivo già un po' di italiano e questo mi ha reso tutto più facile, anche per capire le indicazioni dell'allenatore e i consigli dei compagni", spiega il centrocampista, che alle parole preferisce comunque i fatti. "La cosa più importante è dimostrare ciò che si sa fare in campo e dare il massimo per la squadra".

16:09Moto: Aragon, Marquez “Oggi una vittoria importante”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Ad Aragon Marc Marquez ha vinto la quarta delle ultime sei gare della MotoGp. "Oggi è stato un successo importante per mettere un piccolo gap sugli inseguitori", a cominciare da Andrea Dovizioso, solo settimo ed ora staccato di 16 punti in classifica. "Dico piccolo perché mancano ancora quattro gare e tutto può succedere - ha spiegato il pilota della Honda a Sky Sport - ma meglio comunque stare avanti da soli che in compagnia". Marquez aveva deciso di montare entrambe le gomme dure "e sul posteriore è stata la scelta giusta - ha detto ancora - mentre davanti non so se la rifarei. Nelle curve a destro ho sofferto molto. Ad inizio gara il feeling era zero, sono stato tentato di rientrare al box per capire cosa era successo. Dopo aver passato Rossi e Lorenzo ho resettato. Mi sono detto 'sto lottando per il mondiale'. Poi le cose sono andate meglio".

16:00Terremoto: sindaco Norcia, partono progetti dei fondi sms

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 SET - "I progetti finanziati con i fondi degli sms solidali qui stanno partendo. Per quanto mi riguarda non ho riscontrato alcuna anomalia": a dirlo è il sindaco di Norcia Nicola Alemanno. Rispondendo all'ANSA dopo le polemiche per la mancata assegnazione dei fondi ad Amatrice. "All'Umbria - ha ha spiegato Alemanno - sono spettati 4 milioni e mezzo di euro derivanti dagli sms di solidarietà. Dopo la ripartizione ci siamo riuniti con la presidente della Regione Catiuscia Marini e gli altri sindaci del cratere decidendo insieme di utilizzare un milione per la dotazione didattica delle scuole, 500 mila euro per i beni culturali e tre milioni per realizzare nelle frazioni centri sociali in grado di fungere da strutture di emergenza in caso di necessità. Le procedure sono andate avanti regolarmente e i progetti stanno partendo". Il sindaco di Norcia ha ribadito di non avere riscontrato problemi. "Lavoriamo tutti insieme - ha concluso Alemanno - individuando le priorità per il territorio". (ANSA).

15:45Terremoto:’fondi sms non andati ad Amatrice’, procura indaga

(ANSA) - RIETI, 24 SET - "Stiamo valutando cosa fare, abbiamo sentito cosa ha dichiarato il sindaco di Amatrice. Domani aprirò un fascicolo a modello 45 e sentiremo anche cosa ha da dire in più il sindaco. Al momento non c'è alcuna ipotesi, si tratta solo di verificare il percorso fatto dalle donazioni". Così all' ANSA il procuratore capo di Rieti, Giuseppe Saieva, sulla vicenda riguardante gli sms solidali destinati alle popolazioni colpite dal terremoto. "Sappiamo, che quei fondi sono nella disponibilità della Protezione Civile, quindi l'indagine avrà vita breve". "Basterebbe chiedere scusa, Collevecchio non è nel cratere, non è questione di edilizia scolastica. Queste decisioni vanno concordate con i sindaci e bisogna tenere conto della volontà popolare, il problema è che oggi la volontà popolare non conta più niente", ha detto il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, su Rainews 24, tornando sulla questione della mancata assegnazione ad Amatrice dei fondi raccolti con gli sms di solidarietà per la ricostruzione.

15:39Vaticano: Milone, obbligato a dimettermi

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non mi sono dimesso volontariamente. Sono stato minacciato di arresto. Il capo della Gendarmeria mi ha intimidito per costringermi a firmare una lettera già pronta". Lo dice Libero Milone, ex primo Revisore generale dei conti vaticani, in un'intervista ad alcuni media, in cui svela i retroscena delle sue dimissioni. "In Vaticano - aggiunge - negli ultimi mesi sono filtrate notizie offensive per la mia reputazione. Non potevo più permettere che un piccolo gruppo di potere esponesse la mia persona per i suoi loschi giochi. Mi spiace molto per il Papa". "Risulta purtroppo - replica la Sala Stampa vaticana - che l'Ufficio diretto dal Dott. Milone, esulando dalle sue competenze, ha incaricato illegalmente una Società esterna per svolgere attività investigative sulla vita privata di esponenti della Santa Sede. Questo costituisce un reato ed ha irrimediabilmente incrinato la fiducia riposta nel Dott. Milone, che, messo davanti alle sue responsabilità, ha accettato liberamente di rassegnare le dimissioni".

15:29Milan: Montella “Insufficienti e sotto i nostri standard”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non ci siamo piaciuti, siamo stati insufficienti sul piano agonistico e anche su quello tecnico: non avevamo tranquillità e lucidità per giocare. Dobbiamo capire perché è successo, ma non credo sia una bocciatura per il gruppo o per qualcuno in particolare": Vincenzo Montella non nasconde la delusione per il ko in casa della Samp. "Siamo in crescita e può succedere - dice il tecnico rossonero ai microfoni di Premium Sport -, ma dobbiamo reagire e continuare a lavorare perché siamo un gruppo di qualità. Siamo stati al di sotto dei nostri standard sotto tutti i punti di vista: eravamo scarichi mentalmente, forse ho sbagliato io a non capirlo ma evidentemente qualcuno ha pagato le tante partite ravvicinate. L'esclusione di Musacchio? Zapata somigliava di più al suo dirimpettaio della Sampdoria...".

Archivio Ultima ora