Scandalo petrolio: i pm a Roma sentono la ministra Boschi

Pubblicato il 04 aprile 2016 da redazione

Tempa Rossa is an Italian onshore oil field located in the Gorgoglione concession, in the Basilicata region.

Tempa Rossa is an Italian onshore oil field located in the Gorgoglione concession, in the Basilicata region.

POTENZA. – Dopo la bufera giudiziaria causata dall’inchiesta di Potenza sulle estrazioni petrolifere in Basilicata, l’attività investigativa si è spostata a Roma dove i pm lucani – prima dell’inizio degli interrogatori di garanzia, previsti nel Tribunale di Potenza – hanno sentito per circa due ore, come persona informata sui fatti, la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi.

Contemporaneamente, alla direzione nazionale del Pd il premier Matteo Renzi concedeva ampio spazio della sua relazione proprio all’inchiesta lucana. “Ci sono indagini della magistratura a Potenza con la cadenza delle Olimpiadi”, ogni quattro anni, “e non si è mai arrivati a sentenza”, ha detto.

Che il ciclone andasse verso Roma, lo si era intuito quando Renzi – intervistato da Lucia Annunziata a “In 1/2ora” – ha dato la sua disponibilità ad essere ascoltato dai pm: “Se i magistrati vogliono mi interroghino”, aveva detto. Ma il “pool” investigativo – di cui fanno parte i pm Francesco Basentini, Laura Triassi ed Elisabetta Pugliese, coordinati dal Procuratore di Potenza, Luigi Gay – non aveva preso in considerazione, almeno fino a ieri pomeriggio, l’idea di ascoltarlo.

“Non pensavamo di sentirlo”, hanno detto. Era prioritario sentire la versione della Boschi (non è stata invece ancora fissata la deposizione della Guidi), e quindi i magistrati si sono diretti verso Roma per raggiungere la ministra. “Era necessario farlo”, ha poi detto Gay ai giornalisti accorsi davanti agli uffici della presidenza del Consiglio di largo Chigi, dopo due ore di conversazione con Boschi.

E nulla più. Nessun riferimento ai contenuti dell’incontro, e nemmeno un commento sulle parole del premier, anche se da Napoli il pm John Henry Woodcock, che in passato ha indagato su illeciti legati alle attività petrolifere in Val d’Agri, ha espresso “viva soddisfazione” per l’esito del processo ‘Totalgate’ agli ex vertici della Total, condannati in riferimento ai lavori per la costruzione del centro oli di “Tempa rossa”.

Le indagini di Potenza proseguono comunque nel massimo riserbo, così come un muro di silenzio è stato alzato dai magistrati sul filone “siciliano”, che vede indagato, tra gli altri, anche il capo di Stato maggiore della Marina militare, l’ammiraglio Giuseppe De Giorgi.

Su delega della Procura, la Polizia nei giorni scorsi è andata in Sicilia, ad Augusta, per acquisire dall’Autorità portuale alcuni atti, in copia, relativi alle concessioni demaniali marittime. E altri documenti sono stati acquisiti nel Comando militare marittimo autonomo. Le concessioni rilasciate riguarderebbero cantieri navali, società che si occupano di servizi, imprese portuali, pontili e le aree a terra di alcune multinazionali del petrolio (da Esso a Lukoil).

Ed è proprio su queste compagnie che, secondo il gip di Potenza, si sofferma anche Gianluca Gemelli – compagno della dimissionaria ministra Federica Guidi – in una conversazione intercettata il 18 dicembre 2014, parlando con un’altra persona (nell’ordinanza è identificata con il cognome Lantieri), in relazione “all’avvenuto commissariamento di Confindustria Siracusa”, precisa il giudice nell’ordinanza relativa a “Tempa Rossa”.

Gemelli prosegue la chiacchierata annunciando che “da gennaio cominciamo pure su Saipem… tramite Confindustria ci arrivo, mi segui? C’arrivo pure abbastanza bene. Quindi vediamo come farlo e… facciamo una passeggiata in Sardegna, ci stiamo un paio di giorni, facciamo le presentazioni, bordelli… e quello che dobbiamo fare facciamo”.

Un’inchiesta che ha i presupposti, quindi, per allargarsi “a macchia d’olio” in diverse zone d’Italia. Ma che ritorna a Potenza, ovvero nell’epicentro del “terremoto” giudiziario: è infatti previsto l’inizio degli interrogatori di garanzia per le persone arrestate giovedì scorso, ovvero i dirigenti locali dell’Eni e l’ex sindaco di Corleto Perticara (Potenza), Rosaria Vicino.

Che dovranno spiegare ai giudici la loro versione dei fatti sulle attività svolte all’interno del Centro oli di Viggiano (Potenza), per i primi, e sul sistema di relazioni messo in piedi, secondo i pm, dall’ex prima cittadina per i lavori del sito di “Tempa Rossa”.

(di Davide De Paola/ANSA)

Ultima ora

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

16:08Attacco Kabul: fonti sicurezza, 43 morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti dell'attacco di un commando di talebani all'Hotel Intercontinental di Kabul potrebbero essere 43, ha detto una "fonte credibile della sicurezza" alla tv Tolo. Finora i portavoce del ministero dell'Interno hanno ammesso solo sei vittime, anche se altre fonti anonime hanno alzato il bilancio a 18 morti. Intanto un responsabile della compagnia Kam Air ha comunicato a 1TvNews che undici suoi dipendenti, fra cui cittadini ucraini e venezuelani, sono morti ed altri nove risultano dispersi.

16:06Re Giordania a Pence, ricreare fiducia Mo

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Re Abdallah di Giordania ha rivolto un appello al vice presidente americano Mike Pence di "ricostruire la fiducia" dopo la decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. In occasione della visita di Pence ad Amman, il sovrano ha sottolineato che la decisione del presidente americano "non fa parte di un piano complessivo" per risolvere il conflitto israelo-palestinese e adesso "gli Stati Uniti hanno una grande sfida da affrontare". Pence dal canto suo ha detto che gli "Usa sono impegnati per la ripresa del processo di pace".

16:04Ritirata candidatura Parigi Expo 2025

(ANSA) - PARIGI, 21 GEN - Il primo ministro francese Edouard Philippe ha deciso di ritirare la candidatura di Parigi a ospitare l'Expo del 2025, per motivi di bilancio. Philippe ha espresso i suoi dubbi ad un giornale francese circa la fattibilità economica del progetto, con il rischio anche di sforare il tetto di spesa previsto, in una fase in cui il governo è impegnato a tagliare il bilancio pubblico. Philippe ha rilevato anche la mancanza di investitori privati. I candidati per Expo 2025, a questo punto, rimangono la città russa di Yekaterinburg, Osaka (Giappone) e Baku (Azerbaijan).

Archivio Ultima ora