Renzi, non accuso i magistrati ma la lentezza del sistema

Pubblicato il 05 aprile 2016 da redazione

magistrati

ROMA. – “Non accuso i magistrati: li incoraggio a parlare con le sentenze il più veloce possibile. Ma accuso un sistema che non funziona: non ne posso più di un Paese dove le sentenze non arrivano”. Non è più l’era berlusconiana dello scontro tra politica e magistratura, assicura Matteo Renzi. L’Anm lo accusa di aver pronunciato sull’inchiesta della procura di Potenza parole “inopportune nei tempi e inconsistenti nei fatti”. Ma il premier assicura che non cerca lo scontro e non invoca legittimi impedimenti: “Più vanno a sentenza più siamo contenti”.

Ma le opposizioni lanciano il guanto di sfida: il M5s deposita la mozione di sfiducia al Senato, il centrodestra prova a definirne una unitaria: “Renzi confessa e poi vai a casa!”, intima Beppe Grillo. Il ministro Maria Elena Boschi però ostenta tranquillità: “Le sfiducie sono ormai un appuntamento fisso come la Champions”. Avrebbe dovuto essere a Matera, il presidente del Consiglio. E invece decide di rinviare l’appuntamento, “per evitare ulteriori polemiche”.

Ma non si nasconde. Anzi. Per il quinto giorno Renzi parla in prima persona dell’inchiesta che ha portato alle dimissioni di Federica Guidi. Nel pomeriggio riceve dal presidente della Repubblica l’interim alla guida dello Sviluppo economico, che conta di consegnare “nei prossimi giorni” a un nuovo ministro. E poco dopo, dal suo ufficio di Palazzo Chigi il premier tiene un dialogo diretto con i cittadini, rispolverando il ‘format’ #Matteorisponde: un’ora di risposta alle domande dei cittadini via Twitter e Facebook.

Quando Renzi si siede a ‘twittare’, è da poco trapelata la dura replica del presidente della sezione della Basilicata dell’Associazione nazionale magistrati, Salvatore Colella, che definisce “inopportuno e inconsistente” da parte del premier aver sottolineato che le inchieste delle procura di Potenza non giungono mai a sentenza definitiva.

Il leader Pd però decide di non andare allo scontro diretto e non cita l’Anm. Ma difende la sua linea: “Se è reato sbloccare le opere, venite da me, sono colpevole. Ma io voglio i ladri in galera, non bloccare le opere. Non accuso i giudici ma chiedo di arrivare a sentenza”. “Matteo non risponde nel merito”, scrivono i grillini, che accusano il governo di essere al servizio delle lobby.

Renzi prende nota e replica: “Hanno una politica anti-industriale. Ma per crescere ci vogliono aziende che rispettino le regole, come quelle che lavorano con noi. E chi decide se le rispettano sono le sentenze passate in giudicato, non i troll della Casaleggio. Abbiamo – afferma Renzi – la schiena dritta. Tempa rossa è una delle misure che abbiamo sbloccato. Ne sono orgoglioso”.

Anche Boschi torna a difendere l’operato proprio e del governo: “Non c’è stato un interesse chissà di che tipo”, se non quello di mandare avanti l’opera. Il ministro ribadisce di non sapere che Gemelli fosse il compagno della Guidi e assicura anche che “non c’è stata particolare insistenza di Guidi” per l’emendamento al centro dell’inchiesta.

Poi ribadisce pieno rispetto e collaborazione con la magistratura: “Se i giudici hanno ancora bisogno posso rispondere di nuovo alle loro domande”. Le argomentazioni di Boschi sono “convincenti” e Renzi “ha fatto bene a porre la questione della celerità dei processi”, concorda anche Gianni Cuperlo, che però invita il segretario a “fare il leader e unire invece che dividere”. Mentre Massimo D’Alema difende Boschi (“E’ il premier che decide”) ma osserva che la vicenda “lascia un segno nel governo” e il presidente del Consiglio ha scelto il “momento meno adatto” per le sue frasi sui giudici.

Renzi torna intanto anche sul referendum sulle trivelle: spiega che quelle esistenti sono “all’avanguardia in sicurezza” e chiuderle vorrebbe dire “bloccare 11 mila posti di lavoro”. “Spero che il referendum fallisca”, afferma. E lancia un “obiettivo” sulle rinnovabili: “Arrivare entro fine legislatura al 50% sul totale dell’energia elettrica”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

Archivio Ultima ora