Renzi, non accuso i magistrati ma la lentezza del sistema

Pubblicato il 05 aprile 2016 da redazione

magistrati

ROMA. – “Non accuso i magistrati: li incoraggio a parlare con le sentenze il più veloce possibile. Ma accuso un sistema che non funziona: non ne posso più di un Paese dove le sentenze non arrivano”. Non è più l’era berlusconiana dello scontro tra politica e magistratura, assicura Matteo Renzi. L’Anm lo accusa di aver pronunciato sull’inchiesta della procura di Potenza parole “inopportune nei tempi e inconsistenti nei fatti”. Ma il premier assicura che non cerca lo scontro e non invoca legittimi impedimenti: “Più vanno a sentenza più siamo contenti”.

Ma le opposizioni lanciano il guanto di sfida: il M5s deposita la mozione di sfiducia al Senato, il centrodestra prova a definirne una unitaria: “Renzi confessa e poi vai a casa!”, intima Beppe Grillo. Il ministro Maria Elena Boschi però ostenta tranquillità: “Le sfiducie sono ormai un appuntamento fisso come la Champions”. Avrebbe dovuto essere a Matera, il presidente del Consiglio. E invece decide di rinviare l’appuntamento, “per evitare ulteriori polemiche”.

Ma non si nasconde. Anzi. Per il quinto giorno Renzi parla in prima persona dell’inchiesta che ha portato alle dimissioni di Federica Guidi. Nel pomeriggio riceve dal presidente della Repubblica l’interim alla guida dello Sviluppo economico, che conta di consegnare “nei prossimi giorni” a un nuovo ministro. E poco dopo, dal suo ufficio di Palazzo Chigi il premier tiene un dialogo diretto con i cittadini, rispolverando il ‘format’ #Matteorisponde: un’ora di risposta alle domande dei cittadini via Twitter e Facebook.

Quando Renzi si siede a ‘twittare’, è da poco trapelata la dura replica del presidente della sezione della Basilicata dell’Associazione nazionale magistrati, Salvatore Colella, che definisce “inopportuno e inconsistente” da parte del premier aver sottolineato che le inchieste delle procura di Potenza non giungono mai a sentenza definitiva.

Il leader Pd però decide di non andare allo scontro diretto e non cita l’Anm. Ma difende la sua linea: “Se è reato sbloccare le opere, venite da me, sono colpevole. Ma io voglio i ladri in galera, non bloccare le opere. Non accuso i giudici ma chiedo di arrivare a sentenza”. “Matteo non risponde nel merito”, scrivono i grillini, che accusano il governo di essere al servizio delle lobby.

Renzi prende nota e replica: “Hanno una politica anti-industriale. Ma per crescere ci vogliono aziende che rispettino le regole, come quelle che lavorano con noi. E chi decide se le rispettano sono le sentenze passate in giudicato, non i troll della Casaleggio. Abbiamo – afferma Renzi – la schiena dritta. Tempa rossa è una delle misure che abbiamo sbloccato. Ne sono orgoglioso”.

Anche Boschi torna a difendere l’operato proprio e del governo: “Non c’è stato un interesse chissà di che tipo”, se non quello di mandare avanti l’opera. Il ministro ribadisce di non sapere che Gemelli fosse il compagno della Guidi e assicura anche che “non c’è stata particolare insistenza di Guidi” per l’emendamento al centro dell’inchiesta.

Poi ribadisce pieno rispetto e collaborazione con la magistratura: “Se i giudici hanno ancora bisogno posso rispondere di nuovo alle loro domande”. Le argomentazioni di Boschi sono “convincenti” e Renzi “ha fatto bene a porre la questione della celerità dei processi”, concorda anche Gianni Cuperlo, che però invita il segretario a “fare il leader e unire invece che dividere”. Mentre Massimo D’Alema difende Boschi (“E’ il premier che decide”) ma osserva che la vicenda “lascia un segno nel governo” e il presidente del Consiglio ha scelto il “momento meno adatto” per le sue frasi sui giudici.

Renzi torna intanto anche sul referendum sulle trivelle: spiega che quelle esistenti sono “all’avanguardia in sicurezza” e chiuderle vorrebbe dire “bloccare 11 mila posti di lavoro”. “Spero che il referendum fallisca”, afferma. E lancia un “obiettivo” sulle rinnovabili: “Arrivare entro fine legislatura al 50% sul totale dell’energia elettrica”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

19:33Morto 77enne spinto da scogli, 17enne volontario per anziani

(ANSA) - BARI, 23 OTT - Dovrà fare volontariato in un centro per anziani, andare a scuola e frequentare corsi di legalità per tre anni il 17enne accusato di omicidio volontario per la morte del 77enne Giuseppe Dibello, spinto lo scorso 2 maggio da una scogliera a nord di Monopoli insieme con l'amico 75enne Gesumino Aversa, fortunatamente sopravvissuto alla caduta in mare. Il Tribunale per i Minorenni di Bari ha ammesso il ragazzo alla misura alternativa della messa alla prova per la durata di tre anni, collocandolo presso una comunità per minori. Qui dovrà rispettare un serrato programma rieducativo al termine del quale il reato sarà dichiarato estinto. In particolare, dovrà frequentare la scuola (si è già iscritto ad un istituto alberghiero), fare attività sportiva, volontariato con la Caritas e prestare servizio agli anziani, sottoporsi a sedute di sostegno psicologico e frequentare corsi di legalità. L'amico 15enne che era con il 17enne risponde di omissione di soccorso e sarà processato in abbreviato il 29 gennaio 2018.

19:18Aggressione con acido a Rimini, vittima 60enne napoletano

(ANSA) - RIMINI, 23 OTT - Un sessantenne napoletano residente a Rimini da circa dieci anni è rimasto vittima di una aggressione con acido mentre usciva dalla palestra in città. L'uomo che ha alle spalle un passato di problemi con la giustizia è stato ustionato dalla sostanza che ha colpito in prevalenza il volto. Il fatto, si è appreso oggi, è successo ieri nel tardo pomeriggio. Sul luogo dell'aggressione è intervenuta la polizia di stato e le indagini sono state affidate alla squadra mobile di Rimini che non esclude alcuna pista. Il 60enne è stato ricoverato all'ospedale Infermi di Rimini. (ANSA).

19:16Uccise suocera,ora stalking sua compagna:cura da criminologo

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Più dieci anni fa aveva ucciso la suocera e poi uscito dal carcere era stato nuovamente arrestato per stalking nei confronti della nuova fidanzata, da lui minacciata con una pistola mentre aspettava un bus. Ora l'uomo, Francesco Palmisano, che si trova in regime di custodia cautelare, dovrà seguire un percorso terapeutico portato avanti da un'equipe guidata dal criminologo Paolo Giulini, anche a capo del Cipm, ente che si occupa del trattamento e della valutazione psicodiagnostica degli autori di violenze sessuali e domestiche. Lo ha deciso la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia, che con una decisione innovativa, sulla base di recente modifiche normative, ha disposto una "ingiunzione terapeutica" a carico dell'uomo, arrestato per stalking.

19:15Mafia: Commissione propone scioglimento Comune Lamezia

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 23 OTT - La Commissione d'accesso nominata nello scorso mese di giugno nel Comune di Lamezia Terme ha proposto lo scioglimento dell'Ente per infiltrazioni mafiose. L'accesso nel Comune di Lamezia era stato disposto dal prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, su delega del Ministro dell'Interno, a seguito dell'operazione "Crisalide", condotta dai carabinieri su direttive della Dda di Catanzaro contro la cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri e che aveva portato a decine di arresti. Nell'inchiesta sono indagati il vicepresidente del Consiglio comunale lametino, Giuseppe Paladino, poi dimessosi, e Pasqualino Ruberto, candidato a sindaco nel 2015 e sospeso dalla carica di consigliere comunale dal Prefetto di Catanzaro dopo essere stato arrestato nel febbraio scorso nell'operazione "Robin Hood", condotta sempre dalla Dda di Catanzaro, sul presunto utilizzo illecito dei fondi comunitari destinati alle famiglie bisognose distratti, secondo l'accusa, anche col concorso di presunti affiliati a cosche lametine.

18:34Mafia: Fedotov visita tomba Falcone

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Ha chiesto di visitare la tomba di Giovanni Falcone, ed è stato l'unico fuori programma per Yuri Fedotov, direttore esecutivo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, a Palermo per partecipare alla Conferenza Mediterranea dell'Osce. Fedotov ha incontrato nella chiesa di San Domenico, Pantheon degli Illustri di Sicilia in cui il magistrato ucciso dalla mafia è tumulato, la sorella del giudice, Maria Falcone, presidente della fondazione che del magistrato porta il nome. Presente anche Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Falcone morto nella strage. Fedotov ha deposto una corona di fiori sulla tomba. "Fu il primo a capire l'importanza della cooperazione internazionale nelle indagini su Cosa nostra e la necessità di seguire i flussi di denaro per contrastare i clan - ha detto - All'Onu continuiamo a seguire i suoi insegnamenti".

18:29Calcio: giudice, oltre Bonucci, 4 squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Oltre a Leonardo Bonucci, squalificato per due turni, il giudice sportivo ha fermato per una giornata altri quattro giocatori. Si tratta di Francesco Cassata (Sassuolo), Giancarlo Gonzalez (Bologna), Mario Mandzukic (Juventus) e Bruno Zuculini (Verona). Multe a Napoli (15.000 euro), Inter (12.000 + 4.000), Spal (2.500) e Fiorentina (2.000).

18:29Maltempo: albero cade su auto a Bari, illesi occupanti

(ANSA) - BARI, 23 OTT - In seguito delle forti raffiche di vento un albero si è spezzato a Bari cadendo su una Fiat Panda che era in transito su Viale della Repubblica, quasi ad angolo con via Toma. La donna di 41 anni che era alla guida e i suoi di figli di 13 e 5 anni che erano a bordo sono riusciti a mettersi in salvo e sono illesi. La caduta dell'albero è stata frenata parzialmente da alcuni cavi aerei. Sul posto sono giunti personale del 118, che ha soccorso la famiglia e i vigili del fuoco che sono al lavoro per sgomberare la sede stradale. Squadre dell'Amtab provvederanno a recidere per sicurezza il cavo che appartiene alla linea dei tram in disuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora