Renzi, non accuso i magistrati ma la lentezza del sistema

Pubblicato il 05 aprile 2016 da redazione

magistrati

ROMA. – “Non accuso i magistrati: li incoraggio a parlare con le sentenze il più veloce possibile. Ma accuso un sistema che non funziona: non ne posso più di un Paese dove le sentenze non arrivano”. Non è più l’era berlusconiana dello scontro tra politica e magistratura, assicura Matteo Renzi. L’Anm lo accusa di aver pronunciato sull’inchiesta della procura di Potenza parole “inopportune nei tempi e inconsistenti nei fatti”. Ma il premier assicura che non cerca lo scontro e non invoca legittimi impedimenti: “Più vanno a sentenza più siamo contenti”.

Ma le opposizioni lanciano il guanto di sfida: il M5s deposita la mozione di sfiducia al Senato, il centrodestra prova a definirne una unitaria: “Renzi confessa e poi vai a casa!”, intima Beppe Grillo. Il ministro Maria Elena Boschi però ostenta tranquillità: “Le sfiducie sono ormai un appuntamento fisso come la Champions”. Avrebbe dovuto essere a Matera, il presidente del Consiglio. E invece decide di rinviare l’appuntamento, “per evitare ulteriori polemiche”.

Ma non si nasconde. Anzi. Per il quinto giorno Renzi parla in prima persona dell’inchiesta che ha portato alle dimissioni di Federica Guidi. Nel pomeriggio riceve dal presidente della Repubblica l’interim alla guida dello Sviluppo economico, che conta di consegnare “nei prossimi giorni” a un nuovo ministro. E poco dopo, dal suo ufficio di Palazzo Chigi il premier tiene un dialogo diretto con i cittadini, rispolverando il ‘format’ #Matteorisponde: un’ora di risposta alle domande dei cittadini via Twitter e Facebook.

Quando Renzi si siede a ‘twittare’, è da poco trapelata la dura replica del presidente della sezione della Basilicata dell’Associazione nazionale magistrati, Salvatore Colella, che definisce “inopportuno e inconsistente” da parte del premier aver sottolineato che le inchieste delle procura di Potenza non giungono mai a sentenza definitiva.

Il leader Pd però decide di non andare allo scontro diretto e non cita l’Anm. Ma difende la sua linea: “Se è reato sbloccare le opere, venite da me, sono colpevole. Ma io voglio i ladri in galera, non bloccare le opere. Non accuso i giudici ma chiedo di arrivare a sentenza”. “Matteo non risponde nel merito”, scrivono i grillini, che accusano il governo di essere al servizio delle lobby.

Renzi prende nota e replica: “Hanno una politica anti-industriale. Ma per crescere ci vogliono aziende che rispettino le regole, come quelle che lavorano con noi. E chi decide se le rispettano sono le sentenze passate in giudicato, non i troll della Casaleggio. Abbiamo – afferma Renzi – la schiena dritta. Tempa rossa è una delle misure che abbiamo sbloccato. Ne sono orgoglioso”.

Anche Boschi torna a difendere l’operato proprio e del governo: “Non c’è stato un interesse chissà di che tipo”, se non quello di mandare avanti l’opera. Il ministro ribadisce di non sapere che Gemelli fosse il compagno della Guidi e assicura anche che “non c’è stata particolare insistenza di Guidi” per l’emendamento al centro dell’inchiesta.

Poi ribadisce pieno rispetto e collaborazione con la magistratura: “Se i giudici hanno ancora bisogno posso rispondere di nuovo alle loro domande”. Le argomentazioni di Boschi sono “convincenti” e Renzi “ha fatto bene a porre la questione della celerità dei processi”, concorda anche Gianni Cuperlo, che però invita il segretario a “fare il leader e unire invece che dividere”. Mentre Massimo D’Alema difende Boschi (“E’ il premier che decide”) ma osserva che la vicenda “lascia un segno nel governo” e il presidente del Consiglio ha scelto il “momento meno adatto” per le sue frasi sui giudici.

Renzi torna intanto anche sul referendum sulle trivelle: spiega che quelle esistenti sono “all’avanguardia in sicurezza” e chiuderle vorrebbe dire “bloccare 11 mila posti di lavoro”. “Spero che il referendum fallisca”, afferma. E lancia un “obiettivo” sulle rinnovabili: “Arrivare entro fine legislatura al 50% sul totale dell’energia elettrica”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

14:47Diritti tv: scaduto termine offerte, ora valutazioni Lega A

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' scaduto alle 13 il termine per la presentazione delle offerte per il bando domestico dei diritti tv della Lega Serie A del triennio 2018-21, che verranno valutate dall'assemblea dei club in programma alle 15. Alle 11 era convocata, ma non si è ancora aperta, un'altra assemblea, con all'ordine del giorno il rinnovo delle cariche e l'approvazione della modifica dello statuto che introduce per le elezioni il quorum a maggioranza semplice a partire dal terzo scrutinio. I dirigenti delle società sono riuniti informalmente e sul fronte della governance della Lega Serie A, commissariata da nove mesi, è atteso un nuovo rinvio.

14:44Calcio: Inter, visite mediche per Rafinha

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Rafinha sta svolgendo le visite mediche con l'Inter e, a ore, è attesa l'ufficialità del suo trasferimento in nerazzurro dal Barcellona con la formula del prestito con diritto di riscatto. Il centrocampista, arrivato a Milano nella serata di ieri, ha già svolto la prima parte delle visite alla clinica Humanitas e ora sta sostenendo quelle al Coni. Non è escluso che Rafinha raggiunga Appiano Gentile per una prima seduta di allenamento e per incontrare il tecnico Luciano Spalletti.

14:39Suicida dopo accusa abusi: impiccato davanti a una chiesa

(ANSA) CASSINO (FROSINONE), 22 GEN -Ha deciso di suicidarsi all'ingresso di una piccola chiesa di montagna, non distante da Cassino, l'agente della penitenziaria accusato di aver abusato della figlia 14enne. A notare il corpo dell'uomo è stato un passante che ha avvisato i carabinieri. Il corpo si trovava all'ingresso del luogo di culto, in uno spazio delimitato da una grata a protezione del portone. Per togliersi la vita ha utilizzato uno spago da imballaggio. Secondo una prima ricostruzione l'uomo non avrebbe lasciato nessun biglietto.

14:37Catalogna: Torrent, Puigdemont candidato presidente

(ANSA) - MADRID, 22 GEN - Il presidente del parlamento catalano Roger Torrent ha annunciato che presenterà il nome di Carles Puigdemont come candidato presidente della Catalogna che sarà sottoposto all'investitura della plenaria a fine mese. Quello di Puigdemont, appoggiato dal fronte indipendentista che ha la maggioranza assoluta, è il solo nome emerso dal giro di consultazioni con i gruppi politici degli ultimi giorni, ha precisato. La sessione di investitura del nuovo presidente catalano è prevista entro il 31 gennaio.

14:37Calcio: Sun, Raiola porterà Balotelli alla Juve

(ANSA) - LONDRA, 22 GEN - Calciomercato o fantacalcio? L'ultima clamorosa voce arriva dall'Inghilterra: al centro Mario Balotelli e il suo agente Mino Raiola. Secondo il tabloid inglese Sun, l'attaccante sarebbe vicino a un clamoroso ritorno in Italia, per vestire la maglia della Juventus. Il giornale scrive di un contratto già pronto a Torino per l'attuale punta del Nizza che a fine stagione sarà svincolato per scadenza contratto. Balotelli ha giocato nelle ultime due stagioni con la maglia del Nizza e quest'anno ha già messo a segno 17 reti, stabilendo il nuovo record personale. Secondo le indiscrezioni provenienti dall'Inghilterra l'accordo, della durata di cinque anni, prevedrebbe per SuperMario un ruolo centrale nel progetto di Massimiliano Allegri, e non di semplice alternativa a Gonzalo Higuain.

14:23Tennis: Australia, Chung elimina Djokovic

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Sorpresa agli Open d'Australia di tennis, dove Novak Djokovic è stato eliminato negli ottavi di finale. Il serbo, ex numero 1 del mondo e vincitore per sei volte a Melbourne, si è arreso al giovane sudcoreano Hyeon Chung, che si è imposto in tre set con il punteggio di 7-6, 7-6, 7-6. Chung, 21 anni, vincitore a novembre nelle Next gen Atp Finals a Milano, e autore al turno precedente dell'eliminazione del tedesco Alexander Zverev, incontrerà adesso lo statunitense Tennys Sandgren che ha sconfitto per 6-2, 4-6, 7-6 (4), 6-7 (7), 6-3 l'austriaco Dominic Thiem, numero 5 del seeding.

13:58Calcio: Cagliari, arrivano Lykogiannis e Ceter

(ANSA) - CAGLIARI, 22 GEN - Ora è ufficiale: il greco Charalampos Lykogiannis, classe 1993 e il colombiano Damir Ceter, classe 1997 sono due giocatori del Cagliari. Lykogiannis arriva dallo Sturm Graz e si trasferisce in rossoblù a titolo definitivo legandosi al club rossoblù sino al 2022. È un difensore che gioca abitualmente sulla fascia sinistra, bravo in fase di copertura ma anche nelle ripartenze. È cresciuto nell'Olympiakos e con la squadra greca ha vinto un campionato nazionale, due coppe e ha esordito in Champions League. Lo scorso settembre ha anche esordito in nazionale. Nelle ultime due stagioni ha giocato nel campionato austriaco: 81 presenze e sei gol. In rossoblù e con contratto sino al 2022 anche Ceter (FOTO): attaccante centrale alto e fisicamente ben piazzato è considerato uno dei nomi emergenti del calcio sudamericano. Nell'ultima stagione ha giocato con l'Independiente di Santa Fè: 12 presenze e due gol. Alle 15.30 nella sala stampa della Sardegna Arena, la presentazione ufficiale dell'attaccante.

Archivio Ultima ora