Panama Papers, i magistrati italiani sulle tracce della lista

Pubblicato il 05 aprile 2016 da redazione

giustizia14

TORINO. – Interessa anche le procure d’Italia lo scandalo Panama Papers. I magistrati di Milano stanno studiando come accedere ai nomi dei ‘Paperoni’ di tutto il mondo che avrebbero nascosto ingenti tesori nel paradiso fiscale. Come quello di Giuseppe Donaldo Nicosia, coinvolto in un procedimento per frode fiscale e bancarotta con Marcello Dell’Utri.

Analoghi accertamenti sono in corso da parte della guardia di finanza di Torino, incaricata dalla procura subalpina di “acquisire dati e informazioni” sull’elenco reso noto in Italia da L’Espresso. Nicosia, stando a quanto emerso in questi giorni, sarebbe stato uno dei clienti dello studio legale internazionale Mossack Fonseca, al centro della vicenda internazionale che ha portato il premier d’Islanda ad offrire le proprie dimissioni.

Il procedimento milanese nei confronti dell’imprenditore, latitante da due anni, e di Dell’Utri, ex senatore Pdl ed ex presidente di Publitalia in carcere a Parma per una condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, è già all’udienza preliminare. Sono accusati a vario titolo, insieme ad altre sette persone, di avere frodato il Fisco per oltre 43 milioni di euro.

Frode realizzata attraverso gli spazi pubblicitari venduti dai concessionari Publitalia 80 e Rti per le reti Mediaset e da Sipra spa per le reti Rai (società non indagate), con l’interposizione di società ‘cartiere’ e tramite fatture inesistenti per circa 258 milioni di euro.

Per riciclare parte dei presunti profitti illeciti, l’imprenditore avrebbe creato due società offshore per mettere in piedi una finta compravendita di immobili a New York, sui quali per altro pendeva già una richiesta di sequestro dei magistrati milanesi.

Allo studio legale Mossack Fonseca si sarebbe rivolto anche Ahmid Raza Danaie, il medico di origini iraniane condannato in primo grado a Torino a cinque anni e nove mesi per essersi finto invalido. L’uomo avrebbe tentato di ‘piazzare’ nel paradiso fiscale 100mila euro, un quarto dei 400mila euro ottenuti da Inail e assicurazioni prima di essere smascherato e di finire in manette.

I baschi verdi stanno ora cercando di acquisire l’intero archivio dello studio legale panamense, per verificare se siano presenti o meno i nomi di altri torinesi. L’accertamento, però, potrebbe richiedere diverso tempo: i file in possesso degli investigatori torinesi sono criptati e solo la magistratura tedesca è in possesso di quelli ‘in chiaro’, per cui potrebbe essere necessaria una rogatoria internazionale.

Ultima ora

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

Archivio Ultima ora