I Panama Papers puntano la Cina

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

cina

PARIGI. – Dopo i conti segreti di Putin quelli del gotha del Partito comunista cinese. La bufera Panama Papers si dirige verso Pechino, con le nuove rivelazioni che rischiano di creare grandissimo imbarazzo a Xi Jinping che ha fatto della lotta alla corruzione la priorità della sua presidenza. Secondo il Guardian, nei documenti filtrati dallo studio panamense Mossack Fonseca ci sono anche i nomi di familiari di otto fra i più importanti dirigenti del Pcc.

In particolare, fra coloro che per sfuggire al fisco avrebbero utilizzato compagnie offshore compaiono il cognato del presidente cinese Xi, il genero di Zhang Gaoli, membro del politburo cinese, la figlia di Li Peng, che guidò la repressione contro i manifestanti di piazza Tiananmen, e la nuora di Liu Yunshan, il capo della propaganda, che sarebbe stata azionista e direttrice di una società registrata nelle Isole Vergini.

Intanto torna la polizia negli uffici del governo del calcio, che finisce ancora una volta travolto da accuse di corruzione ed evasione. Prima, i sospetti sul nuovo presidente della Fifa, Gianni Infantino, adesso la perquisizione negli uffici Uefa di Nyon, in Svizzera, alla ricerca di carte sull’attribuzione dei diritti televisivi della Champions League.

Nel bel mezzo della tempesta scoppia anche la ‘guerra dei leaks’, con l’organizzazione di Julian Assange che accusa il Consorzio di giornalisti investigativi all’origine dei Panama Papers di attaccare Putin per conto degli Stati Uniti. A pochi mesi dallo scandalo planetario della Fifa, che ha travolto anche il presidente Uefa Michel Platini, ecco che le rivelazioni sulle società offshore riaccendono i riflettori su pratiche opache nell’attribuzione dei diritti tv. A partire da quelli per l’Ecuador, affidati alla società Cross Trading, citata nei Panama Papers.

L’Uefa ha diramato un comunicato in cui assicura di aver “fornito alla polizia federale tutti i documenti in suo possesso” e di voler “cooperare in modo completo”. Così come Infantino ha ribadito di non avere nulla da temere dalle indagini: “Sono per la trasparenza e a disposizione per ogni chiarimento”.

Nel settembre 2006, la Cross Trading acquisì dall’Uefa i diritti tv della Champions per il 2006-2009, pagandoli 111.000 dollari. Nel marzo seguente, vi aggiunse per 28.000 dollari anche i diritti per l’Europa League e la Supercoppa europea. A questo punto entrano in scena Hugo e Mariano Jinkis, due faccendieri argentini perseguiti dalla giustizia americana nel quadro dello scandalo Fifa.

Infantino avrebbe firmato nel 2006 e nel 2007 quei contratti di cessione di diritti a nome dell’Uefa con la società offshore dei Jinkis. I due sono accusati di aver versato decine di migliaia di dollari di tangenti in cambio di tali diritti di diffusione in Sudamerica. Inoltre, si è dimesso Juan Pedro Damiani, membro del comitato etico Fifa, che secondo i file della Mossack Fonseca ha fatto da intermediario nell’affare con il suo studio legale, ed ha lavorato per oltre 400 società offshore. Sette sarebbero state legate all’ex presidente Fifa Eugenio Figueredo.

In serata, il siluro di Julian Assange e della sua Wikileaks, che con un tweet ha attaccato il miliardario americano George Soros e il consorzio investigativo di 109 media (ICIJ) accusandoli di essere strumento di un complotto anti-Putin sostenuto dagli Usa. “L’attacco contro Putin – scrive WikiLeaks, che proprio questa settimana ha celebrato i sei anni dal suo primo scoop, il video di soldati americani che aprivano il fuoco su civili – è stato scritto dall’OCCRP, organismo che ha nel mirino la Russia e le ex repubbliche sovietiche ed è finanziato da USAID e da George Soros”.

Pur riconoscendo il ruolo di OCCRP (Organized Crime and Corruption Reporting Project), l’organizzazione di Assange denuncia il fatto che “gli Usa finanziano direttamente gli attacchi dei Panama Papers contro Putin”. L’accusa al Consorzio di essere filo-Usa è già venuta nelle ultime ore da diversi ambienti della destra e dei seguaci di Putin nel paesi occidentali.

“Noi non siamo Wikileaks – aveva detto il direttore dell’ICIJ Gerard Ryle in un’intervista – noi cerchiamo di dimostrare che è possibile fare giornalismo in modo responsabile”. Per Assange invece, “l’ICIJ, finanziata da Soros e con sede a Washington, ha un problema con Wikileaks”.

In Islanda, nonostante le dimissioni del primo ministro, le manifestazioni continuano. In centinaia, nella piazza del Parlamento di Reykjavik, chiedono le dimissioni di tutto il governo, ma la coalizione fa fronte comune e resiste.

In Francia, il ministro delle Finanze, Michel Sapin, ha annunciato che chiederà all’Ocse di reinserire Panama nella lista nera dei paesi che non cooperano in materia di trasparenza fiscale, proprio come ha fatto ieri il governo di Parigi. Nel complicato intreccio di finanziamenti illeciti e società offshore non poteva mancare una società lussemburghese di cui è socio anche Dominique Strauss-Kahn.

A Londra, il primo ministro David Cameron ha fatto trapelare che né lui né i suoi figli godranno mai “neppure in futuro” dei fondi offshore della società finanziaria creata nei paradisi fiscali caraibici dal suo defunto padre, Ian, nel 1982 e che per oltre 20 anni non ha pagato tasse nel Regno Unito.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

11:47Terzo valico: a Cravasco pietre verdi, rischio amianto

(ANSA) - GENOVA, 23 SET - Pietre verdi, che potrebbero contenere amianto, sono state trovate durante lo scavo al cantiere di Cravasco (Genova) del Terzo Valico, l'infrastruttura ferroviaria per l'alta velocità tra Genova e Milano. I lavori sono stati immediatamente fermati, come prevede il cosiddetto 'Protocollo Amianto'. Lo rende noto l'Osservatorio ambientale per il Terzo Valico. La scoperta è avvenuta grazie ad un apposito sondaggio esplorativo. Sono in corso le analisi sul campione prelevato, ma - si legge in una nota - "non sono stati riscontrati valori di fibre di amianto superiori alla soglia consentita in 'ambiente di vita', ovvero fuori dal cantiere. L'osservatorio ricorda che "il rinvenimento di pietre verdi non implica la presenza di amianto nelle rocce né in aria, ma come previsto dal Protocollo amianto, comporta l'adozione di un livello di attenzione più elevato e l'attivazione di maggiori controlli. Lo smarino scavato è stato confinato in una vasca, bagnato e coperto per evitare il pericolo di dispersione di polveri. (ANSA).

11:32Melania: primo impegno estero da sola

(ANSA) - WASHINGTON, 23 SET - Primo impegno ufficiale di Melania Trump da sola come first lady. La moglie del presidente degli Stati Uniti accompagnerà oggi la delegazione americana agli Invictus game in Canada, la manifestazione sportiva fondata nel 2004 dal principe Harry per i militari rimasti feriti. Nella giornata di oggi a Toronto la first lady avrà un incontro con il principe Harry e con il premier canadese Justin Trudeau, oltre a partecipare all'evento inaugurale dei giochi e ad un ricevimento per i cento atleti americani che partecipano alle competizioni.

11:17Russia: inaugurato un busto di Stalin a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 23 SET - Un busto di bronzo del sanguinario dittatore sovietico Iosif Stalin è stato inaugurato tra le polemiche a Mosca assieme a quelli di altri sei leader sovietici, da Lenin a Gorbaciov. Le statue si trovano in Viale dei Governanti, nel parco del Museo delle uniformi militari della Società storico-militare russa: un'associazione fondata da Vladimir Putin e guidata dal ministro della Cultura, Vladimir Medinski. Si tratta della stessa società che ha promosso l'inaugurazione, pochi giorni fa, di una grande statua a Mikhail Kalashnikov. Il Cremlino ha affermato di non sapere nulla del busto di Stalin, ma lo stretto rapporto tra il governo e la Società storico-militare russa è innegabile. Ieri una donna ha protestato contro la statua del dittatore sovietico stringendo in mano un cartello con la poesia di Anna Akhmatova 'Ai difensori di Stalin', dove coloro che lodano il dittatore sono definiti "cari amanti di torture" e "esperti di produzione di orfani".

11:10Calcio: Liga, l’Alaves ufficializza De Biasi nuovo tecnico

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "Bienvenido Gianni": conclude così, l'Alaves, l'annuncio sul proprio sito internet con cui ufficializza l'ingaggio del tecnico italiano Gianni De Biasi, assunto con un contratto fino a giugno, con opzione per il rinnovo per la stagione successiva. Nello stesso comunicato il club, ultimo in Liga con zero punti dopo cinque giornate, sottolinea l'esperienza dell'ex ct dell'Albania, abituato a gestire "situazioni complicate" (in Spagna, peraltro, ha già guidato il Levante dieci anni fa). Il 61enne allenatore veneto, che subentra all'esonerato Luis Zubeldia, ha a sua volta dato notizia del nuovo incarico pubblicando su Twitter una sua foto nella città della squadra, la basca Vitoria-Gasteiz, commentando in italiano e spagnolo: "Con grande piacere sarò il nuovo coach dell'Alaves". Prossimo impegno in campionato per i biancazzurri, questo pomeriggio in casa contro il Real Madrid.

11:08Panama Papers, bloccati beni Nawaz Sharif

(ANSA) - ISLAMABAD, 23 SET - Il Tribunale per la Trasparenza del Pakistan ha imposto un blocco delle proprietà mobiliari ed immobiliari dell'ex primo ministro Nawaz Sharif a seguito della sua condanna per "disonestà", che ha comportato l'immediata destituzione dall'incarico, inflittagli dalla Corte Suprema per lo scandalo rivelato attraverso i cosiddetti 'Panama Papers'. Lo riferisce oggi la tv DawnNews. Nell'ordinanza di blocco dei beni, che coinvolge anche tre figli e un cognato dell'ex premier, nonché l'ex ministro delle Finanze Ishaq Dar, il giudice ha convocato tutti i destinatari delle restrizioni a presentarsi davanti a lui in una udienza fissata per il 26 settembre ad Islamabad. Attualmente Sharif si trova da qualche giorno a Londra vicino alla moglie, Begum Kulsoom Nawaz, per cure per un cancro alla gola.

11:06‘Ndrangheta: sequestrati beni a presunto esponente cosca

(ANSA) - SINOPOLI (REGGIO CALABRIA), 23 SET - Beni mobili e immobili per un valore di circa 500 mila euro sono stati sequestrati dai carabinieri del Reparto operativo nucleo investigativo del Comando provinciale di Reggio Calabria, a Giorgio Violi, di 41 anni, di Sinopoli, con precedenti di polizia, ritenuto appartenente alla cosca di 'ndrangheta "Alvaro-Violi-Macri". Il sequestro è stato fatto in esecuzione di un decreto emesso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Direzione distrettuale antimafia reggina. Le indagini dei carabinieri hanno consentito di accertare l'accumulazione beni immobili, tutti dislocati nel comune di Sant'Eufemia di Aspromonte e prodotti finanziari. In particolare, sono stati sequestrati due terreni agricoli da sette ettari ciascuno e conti correnti, libretti di deposito, titoli, azioni, obbligazioni e quote azionarie riconducibili a Violi e a persone appartenenti al suo nucleo familiare. (ANSA).

11:04Arrestato si impicca in cella della Questura di Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 23 SET - Uno straniero arrestato si è suicidato impiccandosi in una cella di sicurezza della Questura di Bologna. E' successo ieri sera verso le 23. L'uomo, un senegalese di 39 anni, avrebbe utilizzato la sua maglia, appendendola alla grata della cella. Era stato arrestato per maltrattamenti in famiglia. Sono in corso accertamenti

Archivio Ultima ora