Trump e Clinton tremano, trionfo di Cruz e Sanders in Wisconsin

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Republican presidential candidate Sen. Ted Cruz, R-Texas, speaks as his wife Heidi listens during a primary night campaign event, Tuesday, April 5, 2016, in Milwaukee. (ANSA/AP Photo/Paul Sancya)

Republican presidential candidate Sen. Ted Cruz, R-Texas, speaks as his wife Heidi listens during a primary night campaign event, Tuesday, April 5, 2016, in Milwaukee. (ANSA/AP Photo/Paul Sancya)

WASHINGTON.- Tremano Donald Trump e Hillary Clinton, i due frontrunner repubblicano e democratico eclissatisi nel silenzio dopo essere stati sconfitti con un margine di circa il 13% nelle primarie del Wisconsin dai loro inseguitori, rispettivamente Ted Cruz e Bernie Sanders. Entrambi adesso sono convinti che sia arrivato il loro ‘momentum’, il punto di svolta.

Le loro vittorie, se ne seguiranno altre, potrebbero impedire ai rivali di conquistare la maggioranza dei delegati rendendo più concreto lo spettro di una “brokered Convention”, ossia di una Convention nella quale dopo ogni votazione aumenta il numero di delegati liberi di votare per un candidato diverso da quello cui erano vincolati, compresi eventuali outsider.

Uno scenario più probabile in campo repubblicano, dove l’establishment del partito, pur non amando Cruz, sta facendo quadrato su di lui per fermare l’ancora meno amato Trump. Lo ha denunciato anche il tycoon, accusando lo sfidante di essere “peggio di un burattino, un cavallo di Troia usato dai capi del partito nel tentativo di rubarmi la nomination”.

“Una vittoria incredibile, un momento di svolta, ora abbiamo una scelta, una vera scelta”, ha commentato Cruz davanti ai suoi fan in tripudio. Un successo importante per lui, perché colto in un altro grande Stato americano, così lontano e così diverso dal suo Texas: in Wisconsin, pur beneficiando del voto anti Trump, ha dimostrato di poter andare oltre il suo tradizionale elettorato evangelico e ultra conservatore, raccogliendo il 48,2% dei consensi e assicurandosi 36 delegati su 42.

A suggerire che il vento potrebbe cominciare a girare a suo favore è anche un sondaggio Reuters, che registra il suo primo sorpasso a livello nazionale su Trump: 39% contro 37%. Dopo aver sfidato le leggi di gravità, il magnate è ripiombato sulla terra con una preoccupante battuta d’arresto (35,1%) che interrompe il suo momento magico e frena la sua corsa verso la Casa Bianca.

Una scivolata che arriva alla fine della sua peggiore settimana elettorale, con cali nei sondaggi nazionali, prime sedie vuote ai comizi e una serie di gaffe che l’hanno indotto a far scendere in campo la moglie Melania per recuperare almeno l’elettorato femminile. Non gli è servito neppure rilanciare in modo ancora più controverso la sua proposta di un muro anti immigrazione da far pagare al Messico, con la minaccia altrimenti di rivalersi sulle rimesse degli immigrati messicani in Usa.

Nel fronte democratico, Sanders strappa un successo importante proseguendo la striscia di vittorie, la sesta consecutiva. “Un segno del crescente momentum della nostra campagna”, ha commentato il senatore. Dalla sua l’affluenza record intorno al 40%, l’alta percentuale di indipendenti, la composizione demografica e sociale dell’elettorato (maggioranza bianca, tute blu e middle class).

Il distacco è netto, (56,5% a 47%), anche se non tale da fargli guadagnare molto nel conteggio dei delegati (47 contro 36). Ma è abbastanza per proseguire con entusiasmo la corsa e guardare con ottimismo ad una sfida cruciale, dopo i caucus, le assemblee elettoriali del Wyoming del 9 aprile dove è dato favorito: le primarie di New York (casa adottiva di Hillary, che qui è stata anche senatrice) il 19 aprile.

Prima ci sarà un duello tv a Brooklyn, dove è nato Sanders. “Non ditelo alla Clinton, è un po’ nervosa, ma credo di avere una eccellente chance di vincere a New York”, ha replicato il senatore, che da tre mesi surclassa la ‘Clinton machine’ nella raccolta di fondi elettorali.

Sfida più scontata nella Grande Mela in campo repubblicano: secondo l’ultima rilevazione della Monmouth University, il tycoon riscuote il 52% delle preferenze contro il 25% del governatore dell’Ohio John Kasich. Non va oltre il 17% Cruz, che è stato duramente contestato nel Bronx da alcuni membri della comunità latina. “Vattene da qui, non ti vogliamo”, gli ha urlato una donna. “Hai il tuo visto per il Bronx? Questa è una comunità di immigrati”, gli ha detto un giovane all’ingresso di un ristorante dominicano.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:02Brexit: Juncker-May, serve accelerazione negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 16 OTT - Per il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e per la premier Theresa May i negoziati "si devono accelerare nei mesi a venire". Lo fanno sapere in un comunicato congiunto al termine della cena che si è svolta "in un'atmosfera costruttiva e amichevole".

23:26Calcio: Verona batte Benevento 1-0

(ANSA) - VERONA, 16 OTT - Il Verona ha battuto il Benevento 1-0 nell'ultimo incontro dell'ottava giornata della serie A. Autore del gol partita Romulo nella ripresa. Il primo successo in campionato porta i gialloblù a 6 punti consentendogli di scavalcare in un sol colpo Genoa, Spal e Sassuolo. Il Benevento, che ha giocato in 10 dal 38' del primo tempo per l'espulsione di Antei (rosso diretto), resta a zero punti.

23:24Catalogna, arrestati due leader indipendentisti

(ANSA) - MADRID, 16 OTT - Un giudice spagnolo ha ordinato l'arresto dei presidenti delle due grandi organizzazioni indipendentiste della società civile catalana Anc e Omnium, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di "sedizione" per le manifestazioni pacifiche di Barcellona il 20 e il 21 settembre, riferisce Tv3. "La Spagna incarcera i leader della società civile della Catalogna per avere organizzato manifestazioni pacifiche. Purtroppo ci sono di nuovo prigionieri politici": così il presidente catalano Carles Puigdemont ha reagito su twitter all'arresto. Il vicepresidente della Anc Agustì Alcoberro ha condannato l'arresto e ha definito i due "ostaggi politici nelle mani del governo spagnolo". Alcoberro ha lanciato un appello alla mobilitazione del popolo della Catalogna.

21:03Gb: Kate balla con orso Paddington per evento beneficenza

(ANSA) - LONDRA, 16 OTT - Kate Middleton si è lanciata in un ballo improvvisato con tanto di piroette insieme al noto orso Paddington partecipando a un evento di beneficenza legato al secondo film sul celebre personaggio amato dai bambini. Con William ed Harry e il cast del film 'Paddington 2' ha festeggiato proprio nella stazione di Paddington, a Londra, che ha dato il nome al celebre 'bear' creato dallo scrittore Michael Bond. La duchessa di Cambridge sta meglio dopo le nausee che l'avevano colpita per la sua terza maternità anche se continua a soffrirne, secondo quanto ha affermato una portavoce di Kensington Palace. Come hanno notato i tabloid del Regno, Kate indossava un abito rosa dal quale inizia ad emergere una piccola pancia, segno della sua gravidanza.

20:50Champions: Sarri,’Calendario? In Lega sono inadatti’

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - "Qualcuno in Lega ha sbagliato i criteri di formulazione dei calendari. È impossibile giocare sabato contro la Roma, a Manchester con il City tre giorni dopo e poi fra tre giorni contro l'Inter. Evidentemente, in questo momento in Lega sono inadatti a fare certe cose": così Maurizio Sarri alla vigilia del match di Champions con il City. "A dicembre - aggiunge - giocheremo l'ultima gara del girone col Feyenoord pochi giorni dopo Napoli-Juventus: per noi che dovremmo rappresentare l'Italia in Europa non è una bella cosa".

20:30Iraq: media, ‘Peshmerga decapitati a Kirkuk’

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - Alcuni Peshmerga "sono stati decapitati" da elementi delle milizie filo-Iran a Kirkuk. Lo scrive la tv del Kurdistan Rudaw, citando un proprio reporter sul posto. I militari fedeli al governo di Erbil decapitati sarebbero "almeno 10".

20:22D’Alema, appoggio ad Emiliano dipende da lui

(ANSA) - LECCE, 16 OTT - "Nessuno vuole fare cadere Emiliano, a meno che non voglia farlo lui. La cosa che colpisce in una Regione che ha tanti problemi, come oggi ricordato anche da Ernesto Abaterusso, è che Emiliano appare da altre faccende affaccendato, impegnato a negoziare liste civiche con Renzi, a concordare Governi con Berlusconi, referendum con Maroni, invece di preoccuparsi un po' per la Puglia, cosa per la quale è stato eletto dai cittadini". Lo ha detto Massimo D'Alema a Lecce. "Il nostro appoggio - ha rimarcato - dipende da lui. Se diventasse puro strumento nelle mani di Renzi per operazioni elettoralistiche, credo che ne trarremmo le conseguenze".

Archivio Ultima ora