Trump e Clinton tremano, trionfo di Cruz e Sanders in Wisconsin

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Republican presidential candidate Sen. Ted Cruz, R-Texas, speaks as his wife Heidi listens during a primary night campaign event, Tuesday, April 5, 2016, in Milwaukee. (ANSA/AP Photo/Paul Sancya)

Republican presidential candidate Sen. Ted Cruz, R-Texas, speaks as his wife Heidi listens during a primary night campaign event, Tuesday, April 5, 2016, in Milwaukee. (ANSA/AP Photo/Paul Sancya)

WASHINGTON.- Tremano Donald Trump e Hillary Clinton, i due frontrunner repubblicano e democratico eclissatisi nel silenzio dopo essere stati sconfitti con un margine di circa il 13% nelle primarie del Wisconsin dai loro inseguitori, rispettivamente Ted Cruz e Bernie Sanders. Entrambi adesso sono convinti che sia arrivato il loro ‘momentum’, il punto di svolta.

Le loro vittorie, se ne seguiranno altre, potrebbero impedire ai rivali di conquistare la maggioranza dei delegati rendendo più concreto lo spettro di una “brokered Convention”, ossia di una Convention nella quale dopo ogni votazione aumenta il numero di delegati liberi di votare per un candidato diverso da quello cui erano vincolati, compresi eventuali outsider.

Uno scenario più probabile in campo repubblicano, dove l’establishment del partito, pur non amando Cruz, sta facendo quadrato su di lui per fermare l’ancora meno amato Trump. Lo ha denunciato anche il tycoon, accusando lo sfidante di essere “peggio di un burattino, un cavallo di Troia usato dai capi del partito nel tentativo di rubarmi la nomination”.

“Una vittoria incredibile, un momento di svolta, ora abbiamo una scelta, una vera scelta”, ha commentato Cruz davanti ai suoi fan in tripudio. Un successo importante per lui, perché colto in un altro grande Stato americano, così lontano e così diverso dal suo Texas: in Wisconsin, pur beneficiando del voto anti Trump, ha dimostrato di poter andare oltre il suo tradizionale elettorato evangelico e ultra conservatore, raccogliendo il 48,2% dei consensi e assicurandosi 36 delegati su 42.

A suggerire che il vento potrebbe cominciare a girare a suo favore è anche un sondaggio Reuters, che registra il suo primo sorpasso a livello nazionale su Trump: 39% contro 37%. Dopo aver sfidato le leggi di gravità, il magnate è ripiombato sulla terra con una preoccupante battuta d’arresto (35,1%) che interrompe il suo momento magico e frena la sua corsa verso la Casa Bianca.

Una scivolata che arriva alla fine della sua peggiore settimana elettorale, con cali nei sondaggi nazionali, prime sedie vuote ai comizi e una serie di gaffe che l’hanno indotto a far scendere in campo la moglie Melania per recuperare almeno l’elettorato femminile. Non gli è servito neppure rilanciare in modo ancora più controverso la sua proposta di un muro anti immigrazione da far pagare al Messico, con la minaccia altrimenti di rivalersi sulle rimesse degli immigrati messicani in Usa.

Nel fronte democratico, Sanders strappa un successo importante proseguendo la striscia di vittorie, la sesta consecutiva. “Un segno del crescente momentum della nostra campagna”, ha commentato il senatore. Dalla sua l’affluenza record intorno al 40%, l’alta percentuale di indipendenti, la composizione demografica e sociale dell’elettorato (maggioranza bianca, tute blu e middle class).

Il distacco è netto, (56,5% a 47%), anche se non tale da fargli guadagnare molto nel conteggio dei delegati (47 contro 36). Ma è abbastanza per proseguire con entusiasmo la corsa e guardare con ottimismo ad una sfida cruciale, dopo i caucus, le assemblee elettoriali del Wyoming del 9 aprile dove è dato favorito: le primarie di New York (casa adottiva di Hillary, che qui è stata anche senatrice) il 19 aprile.

Prima ci sarà un duello tv a Brooklyn, dove è nato Sanders. “Non ditelo alla Clinton, è un po’ nervosa, ma credo di avere una eccellente chance di vincere a New York”, ha replicato il senatore, che da tre mesi surclassa la ‘Clinton machine’ nella raccolta di fondi elettorali.

Sfida più scontata nella Grande Mela in campo repubblicano: secondo l’ultima rilevazione della Monmouth University, il tycoon riscuote il 52% delle preferenze contro il 25% del governatore dell’Ohio John Kasich. Non va oltre il 17% Cruz, che è stato duramente contestato nel Bronx da alcuni membri della comunità latina. “Vattene da qui, non ti vogliamo”, gli ha urlato una donna. “Hai il tuo visto per il Bronx? Questa è una comunità di immigrati”, gli ha detto un giovane all’ingresso di un ristorante dominicano.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

22:24Calcio: Europa League, Craiova-Milan 0-1

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il Milan batte 1-0 (1-0) la squadra romena del Csu Craiova nella partita di andata del terzo turno preliminare di Europa League. In gol per i rossoneri Rodriguez al 44' pt

21:45Sospeso processo disciplinare a Emiliano

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Sospeso il processo disciplinare al governatore della Puglia Michele Emiliano con invio degli atti alla Consulta. È quanto ha deciso la sezione disciplinare del Csm nel procedimento a Emiliano, magistrato in aspettativa sotto accusa per la sua attività politica come dirigente del Pd. La Consulta dovrà verificare la legittimità costituzionale della norma che prevede come illecito disciplinare per un magistrato, anche se fuori, l'iscrizione ad un partito politico. "Sono molto soddisfatto, avevo più volte detto che c'era un forte dubbio interpretativo e che ci fosse la necessità di un chiarimento. Indipendentemente da come deciderà la Corte Costituzionale, il Csm ha ritenuto che la questione di legittimità da noi sollevata possa avere fondamento". Lo ha detto Michele Emiliano, commentando la decisione della sezione disciplinare del Csm di sospendere il procedimento a suo carico e trasmettere gli atti alla Consulta.

21:03Calcio: Nainggolan, ho dimostrato di voler rimanere

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "Ho dimostrato quello che ho sempre voluto. Sono contento di continuare insieme". Sono le prime parole di Radja Nainggolan appena apposta la firma sul nuovo contratto che lo legherà alla Roma fino al 2021. Da Boston, dove i giallorossi sono in tournée, ha espresso soddisfazione anche il patron giallorosso James Pallotta: "Siamo felici che Radja si sia impegnato con noi a lungo termine nella fase più importante della sua carriera", ha dichiarato il presidente della Roma. "Nell'ultima stagione - ha concluso Pallotta - si è dimostrato uno dei migliori centrocampisti del mondo e non è stata una sorpresa che il suo nome sia stato accostato a quello di alcuni dei più grandi club europei. Ma non c'è mai stata la possibilità che andasse altrove, ama la Roma e noi siamo felici di averlo qui".

20:49Calcio: Mihajlovic promuove il Toro, felice Belotti resti

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - Niente Guingamp per Andrea Belotti. L'attaccante del Torino, che nel ritiro di Bormio si è fermato per un affaticamento muscolare, non partirà per la Francia, dove sabato i granata sono impegnati in amichevole. "Ha avuto un leggero infortunio e non verrà", conferma il tecnico Sinisa Mihajlovic, soddisfatto della permanenza del giocatore. "Il presidente Cairo è stato chiaro, o clausola dall'estero o basta - sottolinea l'allenatore al sito internet del club - e lui è sereno e tranquillo". "Sono felice che sia rimasto con noi. C'è un rapporto di grande stima, fiducia e affetto", osserva il mister. Il mercato, però, è aperto fino alla fine di agosto e potrebbero esserci delle sorprese. "Noi tutti lavoriamo per il bene del Toro - taglia corto Mihajlovic - qui non ci saranno mai musi lunghi". Dopo venti giorni di ritiro, il bilancio dell'allenatore è positivo. "Ho visto impegno, voglia di far bene, applicaizone, generosità.

20:46Calcio: Roma, Nainggolan rinnova fino al 2021

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Radja Nainggolan ha rinnovato il suo contratto con la Roma. Il belga resterà in giallorosso fino al 2021.

Archivio Ultima ora