Trump e Clinton tremano, trionfo di Cruz e Sanders in Wisconsin

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Republican presidential candidate Sen. Ted Cruz, R-Texas, speaks as his wife Heidi listens during a primary night campaign event, Tuesday, April 5, 2016, in Milwaukee. (ANSA/AP Photo/Paul Sancya)

Republican presidential candidate Sen. Ted Cruz, R-Texas, speaks as his wife Heidi listens during a primary night campaign event, Tuesday, April 5, 2016, in Milwaukee. (ANSA/AP Photo/Paul Sancya)

WASHINGTON.- Tremano Donald Trump e Hillary Clinton, i due frontrunner repubblicano e democratico eclissatisi nel silenzio dopo essere stati sconfitti con un margine di circa il 13% nelle primarie del Wisconsin dai loro inseguitori, rispettivamente Ted Cruz e Bernie Sanders. Entrambi adesso sono convinti che sia arrivato il loro ‘momentum’, il punto di svolta.

Le loro vittorie, se ne seguiranno altre, potrebbero impedire ai rivali di conquistare la maggioranza dei delegati rendendo più concreto lo spettro di una “brokered Convention”, ossia di una Convention nella quale dopo ogni votazione aumenta il numero di delegati liberi di votare per un candidato diverso da quello cui erano vincolati, compresi eventuali outsider.

Uno scenario più probabile in campo repubblicano, dove l’establishment del partito, pur non amando Cruz, sta facendo quadrato su di lui per fermare l’ancora meno amato Trump. Lo ha denunciato anche il tycoon, accusando lo sfidante di essere “peggio di un burattino, un cavallo di Troia usato dai capi del partito nel tentativo di rubarmi la nomination”.

“Una vittoria incredibile, un momento di svolta, ora abbiamo una scelta, una vera scelta”, ha commentato Cruz davanti ai suoi fan in tripudio. Un successo importante per lui, perché colto in un altro grande Stato americano, così lontano e così diverso dal suo Texas: in Wisconsin, pur beneficiando del voto anti Trump, ha dimostrato di poter andare oltre il suo tradizionale elettorato evangelico e ultra conservatore, raccogliendo il 48,2% dei consensi e assicurandosi 36 delegati su 42.

A suggerire che il vento potrebbe cominciare a girare a suo favore è anche un sondaggio Reuters, che registra il suo primo sorpasso a livello nazionale su Trump: 39% contro 37%. Dopo aver sfidato le leggi di gravità, il magnate è ripiombato sulla terra con una preoccupante battuta d’arresto (35,1%) che interrompe il suo momento magico e frena la sua corsa verso la Casa Bianca.

Una scivolata che arriva alla fine della sua peggiore settimana elettorale, con cali nei sondaggi nazionali, prime sedie vuote ai comizi e una serie di gaffe che l’hanno indotto a far scendere in campo la moglie Melania per recuperare almeno l’elettorato femminile. Non gli è servito neppure rilanciare in modo ancora più controverso la sua proposta di un muro anti immigrazione da far pagare al Messico, con la minaccia altrimenti di rivalersi sulle rimesse degli immigrati messicani in Usa.

Nel fronte democratico, Sanders strappa un successo importante proseguendo la striscia di vittorie, la sesta consecutiva. “Un segno del crescente momentum della nostra campagna”, ha commentato il senatore. Dalla sua l’affluenza record intorno al 40%, l’alta percentuale di indipendenti, la composizione demografica e sociale dell’elettorato (maggioranza bianca, tute blu e middle class).

Il distacco è netto, (56,5% a 47%), anche se non tale da fargli guadagnare molto nel conteggio dei delegati (47 contro 36). Ma è abbastanza per proseguire con entusiasmo la corsa e guardare con ottimismo ad una sfida cruciale, dopo i caucus, le assemblee elettoriali del Wyoming del 9 aprile dove è dato favorito: le primarie di New York (casa adottiva di Hillary, che qui è stata anche senatrice) il 19 aprile.

Prima ci sarà un duello tv a Brooklyn, dove è nato Sanders. “Non ditelo alla Clinton, è un po’ nervosa, ma credo di avere una eccellente chance di vincere a New York”, ha replicato il senatore, che da tre mesi surclassa la ‘Clinton machine’ nella raccolta di fondi elettorali.

Sfida più scontata nella Grande Mela in campo repubblicano: secondo l’ultima rilevazione della Monmouth University, il tycoon riscuote il 52% delle preferenze contro il 25% del governatore dell’Ohio John Kasich. Non va oltre il 17% Cruz, che è stato duramente contestato nel Bronx da alcuni membri della comunità latina. “Vattene da qui, non ti vogliamo”, gli ha urlato una donna. “Hai il tuo visto per il Bronx? Questa è una comunità di immigrati”, gli ha detto un giovane all’ingresso di un ristorante dominicano.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

03:46Usa, sondaggio: Trump crolla al 40%

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - La bufera del Russiagate fa crollare Trump nell'ultimo sondaggio di Fox news (21-23 maggio): il 40% del campione approva il lavoro del presidente Usa, mentre il 53% lo boccia. Un mese fa il rapporto era 45% a 48%. Il 44% inoltre ritiene che gli hackeraggi russi abbiano aiutato il tycoon ad arrivare alla Casa Bianca. Il 68% approva la nomina di un procuratore speciale per indagare sulle interferenze di Mosca nelle elezioni (29% e' contro) e il 43% pensa che scoprirà un coordinamento della campagna di Trump con la Russia. Il 60% inoltre e' convinto che Trump abbia licenziato il capo dell'Fbi James Comey perche' l'indagine sul Russiagate stava danneggiando la presidenza (il 29% non lo pensa). Come se non bastasse, il 57% ritiene che la condivisione di informazioni segrete con i russi nello studio ovale sia frutto di cattivo giudizio.

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

00:12Indonesia: due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti

(ANSA) - GIACARTA, 24 MAG - Almeno tre agenti di polizia sono rimasti uccisi e una decina di altre persone, fra cui cinque agenti, sono rimaste ferite in Indonesia, dove due kamikaze si sono fatti esplodere la scorsa notte a pochi minuti l'uno dall'altro in una stazione di autobus nell'affollato quartiere orientale di Kampung Melayu, a Giacarta, capitale federale della più popolata nazione a maggioranza islamica del mondo. Il portavoce della polizia ha confermato quanto si era saputo in precedenza sulla dinamica del duplice attentato, compiuto, ha detto, da due terroristi suicidi, entrambi uomini, che si aggiungono al computo delle vittime. La zona è piena di agenti, con artificieri e unità cinofile. Filmati ripresi da passanti con il cellulare e postati su Youtube mostrano un poliziotto ferito portato in ambulanza in barella. Un altro filmato mostra brandelli di carne sparsi a terra sul marciapiede. In Indonesia, da anni si combatte contro formazioni jihadiste, prima legate ad Al Qaida, ora con militanti collegati all'Isis.

Archivio Ultima ora