Pubblico ministero: Formigoni ha venduto la sua carica per tangenti

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

MILANO. – Roberto Formigoni, quando guidava la Regione Lombardia, avrebbe fatto parte “di un gruppo criminale” che ha portato avanti “una sistematica corruzione di cui lui ha beneficiato” per “almeno 8 milioni di euro”. E a “comprarlo” sarebbe stato l’ex direttore amministrativo della Fondazione Maugeri, Costantino Passerino, perché il faccendiere Pierangelo Daccò “gli ha venduto proprio il Presidente, la più alta carica del Pirellone che poteva dargli gli atti e i finanziamenti di cui la struttura sanitaria aveva bisogno”.

E’ iniziata così, con parole dure per descrivere un “sistema” che avrebbe avuto al vertice l’allora governatore e oggi senatore di Ncd, la requisitoria dei pm di Milano Laura Pedio e Antonio Pastore nel processo sul caso Maugeri iniziato due anni fa a seguito del presunto scandalo che travolse il ‘Celeste’ nella primavera del 2012.

Inchiesta, quella con al centro la fondazione pavese, scaturita, tra l’altro, dall’indagine sul crac del San Raffaele che era scattata dopo il suicidio nel 2011 di Mario Cal, ‘numero due’ dell’ospedale fondato da Don Luigi Verzè. In aula, ad assistere alle conclusioni dei pm, che chiederanno le condanne (gli imputati sono 10) o nell’udienza dell’11 o in quella successiva del 15 aprile, si è presentato anche Formigoni. E ai cronisti che continuavano a chiedergli un commento agli affondi dei pm ha risposto: “Non parlo oggi, in che lingua devo dirlo, in francese o in arabo?”.

Il pm Pedio, poco prima, aveva spiegato che dal dibattimento è emersa “la certezza che il corrotto è Formigoni”. Secondo la ricostruzione dell’accusa, dalla Maugeri tra il ’97 e il 2011 sarebbero usciti circa 61 milioni di euro verso conti e società di Daccò e dell’ex assessore lombardo Antonio Simone e poi, tra il 2005 e il 2006, dalle casse del San Raffaele sarebbero usciti altri 9 milioni in contanti verso Daccò, “vere e proprie mazzette nelle buste”.

E per nascondere questi presunti fondi neri, con cui Formigoni sarebbe stato corrotto con un flusso “calcolato al minimo in 8 milioni di euro”, tra vacanze, l’uso di yacht, lo sconto sull’acquisto di una villa in Sardegna e finanziamenti per la campagna elettorale del 2010, Daccò e Simone, attraverso fiduciari, avrebbero messo in piedi una struttura “sofisticata”.

Una struttura, secondo i pm, fatta di “oltre 50 veicoli societari, tutte scatole vuote create” in molti Paesi off shore, da Panama alla Nuova Zelanda, da Dubai alle Antille olandesi. Riguardo ai benefit di lusso per l’ex Governatore, a detta del pm Pedio, “è ridicolo pensare che si sia trattato di regalie tra amici. E solo Formigoni nel suo flusso di coscienza dibattimentale ha potuto dire questo e che lui ricambiava con qualche cena, è quasi offensivo”.

Il magistrato, poi, dopo aver ricostruito i tre flussi di denaro “abnormi” (dalla Maugeri e dal San Raffaele verso Daccò e Simone; dagli ultimi due verso Formigoni; dalla Regione verso la Maugeri attraverso delibere favorevoli), ha alzato la voce: “Sono stanca di sentire quella frase che riecheggia come un disco rotto ‘Daccò è amico del presidente’. Diamo un contenuto a questa amicizia: Daccò era il collettore della tangenti per Formigoni”.

E quel “patto corruttivo” tra Formigoni e altri imputati, tra cui Simone e l’ex segretario generale del Pirellone, Nicola Maria Sanese, è nato “su rapporti già profondi e caratterizzati dalla militanza comune nel movimento popolare e dalla affiliazione a Comunione e Liberazione e alcuni anche ai ‘Memores Domini'”.

Formigoni e gli altri, secondo i pm, hanno dato vita ad un “gruppo” attorno al quale “si è creato anche un clima di omertà e alcuni testimoni hanno fatto fatica a parlare e ricordare”. Nel frattempo, sempre secondo l’accusa, “denaro pubblico è stato dato ad enti amici senza la rilevazione dei costi, ecco qua l’eccellente sanità lombarda”.

(di Igor Greganti/ANSA)

Ultima ora

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

07:15Pakistan: treno merci contro autocisterna, due morti

ISLAMABAD - Almeno due persone sono morte ed altre 10 sono rimaste ferite ieri sera in Pakistan quando un'autocisterna per il trasporto di carburante si e' bloccata sui binari di un passaggio a livello incustodito nella provincia di Punjab poco prima che sopraggiungesse un treno merci. La tv DawnNews ha indicato che l'incidente e' avvenuto nel distretto di Sheikhupura ed ha coinvolto un convoglio partito da Lahore e diretto a Karachi.

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

Archivio Ultima ora