Pubblico ministero: Formigoni ha venduto la sua carica per tangenti

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

MILANO. – Roberto Formigoni, quando guidava la Regione Lombardia, avrebbe fatto parte “di un gruppo criminale” che ha portato avanti “una sistematica corruzione di cui lui ha beneficiato” per “almeno 8 milioni di euro”. E a “comprarlo” sarebbe stato l’ex direttore amministrativo della Fondazione Maugeri, Costantino Passerino, perché il faccendiere Pierangelo Daccò “gli ha venduto proprio il Presidente, la più alta carica del Pirellone che poteva dargli gli atti e i finanziamenti di cui la struttura sanitaria aveva bisogno”.

E’ iniziata così, con parole dure per descrivere un “sistema” che avrebbe avuto al vertice l’allora governatore e oggi senatore di Ncd, la requisitoria dei pm di Milano Laura Pedio e Antonio Pastore nel processo sul caso Maugeri iniziato due anni fa a seguito del presunto scandalo che travolse il ‘Celeste’ nella primavera del 2012.

Inchiesta, quella con al centro la fondazione pavese, scaturita, tra l’altro, dall’indagine sul crac del San Raffaele che era scattata dopo il suicidio nel 2011 di Mario Cal, ‘numero due’ dell’ospedale fondato da Don Luigi Verzè. In aula, ad assistere alle conclusioni dei pm, che chiederanno le condanne (gli imputati sono 10) o nell’udienza dell’11 o in quella successiva del 15 aprile, si è presentato anche Formigoni. E ai cronisti che continuavano a chiedergli un commento agli affondi dei pm ha risposto: “Non parlo oggi, in che lingua devo dirlo, in francese o in arabo?”.

Il pm Pedio, poco prima, aveva spiegato che dal dibattimento è emersa “la certezza che il corrotto è Formigoni”. Secondo la ricostruzione dell’accusa, dalla Maugeri tra il ’97 e il 2011 sarebbero usciti circa 61 milioni di euro verso conti e società di Daccò e dell’ex assessore lombardo Antonio Simone e poi, tra il 2005 e il 2006, dalle casse del San Raffaele sarebbero usciti altri 9 milioni in contanti verso Daccò, “vere e proprie mazzette nelle buste”.

E per nascondere questi presunti fondi neri, con cui Formigoni sarebbe stato corrotto con un flusso “calcolato al minimo in 8 milioni di euro”, tra vacanze, l’uso di yacht, lo sconto sull’acquisto di una villa in Sardegna e finanziamenti per la campagna elettorale del 2010, Daccò e Simone, attraverso fiduciari, avrebbero messo in piedi una struttura “sofisticata”.

Una struttura, secondo i pm, fatta di “oltre 50 veicoli societari, tutte scatole vuote create” in molti Paesi off shore, da Panama alla Nuova Zelanda, da Dubai alle Antille olandesi. Riguardo ai benefit di lusso per l’ex Governatore, a detta del pm Pedio, “è ridicolo pensare che si sia trattato di regalie tra amici. E solo Formigoni nel suo flusso di coscienza dibattimentale ha potuto dire questo e che lui ricambiava con qualche cena, è quasi offensivo”.

Il magistrato, poi, dopo aver ricostruito i tre flussi di denaro “abnormi” (dalla Maugeri e dal San Raffaele verso Daccò e Simone; dagli ultimi due verso Formigoni; dalla Regione verso la Maugeri attraverso delibere favorevoli), ha alzato la voce: “Sono stanca di sentire quella frase che riecheggia come un disco rotto ‘Daccò è amico del presidente’. Diamo un contenuto a questa amicizia: Daccò era il collettore della tangenti per Formigoni”.

E quel “patto corruttivo” tra Formigoni e altri imputati, tra cui Simone e l’ex segretario generale del Pirellone, Nicola Maria Sanese, è nato “su rapporti già profondi e caratterizzati dalla militanza comune nel movimento popolare e dalla affiliazione a Comunione e Liberazione e alcuni anche ai ‘Memores Domini'”.

Formigoni e gli altri, secondo i pm, hanno dato vita ad un “gruppo” attorno al quale “si è creato anche un clima di omertà e alcuni testimoni hanno fatto fatica a parlare e ricordare”. Nel frattempo, sempre secondo l’accusa, “denaro pubblico è stato dato ad enti amici senza la rilevazione dei costi, ecco qua l’eccellente sanità lombarda”.

(di Igor Greganti/ANSA)

Ultima ora

19:31Pugilato: Tricolore superwelter, c’è anche ricco sottoclou

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - L'organizzazione Roundzero, in collaborazione con la Pugilistica Andriese e il Comune di Andria, sta lavorando per allestire al meglio la riunione pugilistica di sabato 21 gennaio al Palasport di Andria. Oltre al main event, la sfida per il titolo italiano dei pesi superwelter, che ora è vacante, tra i due pugliesi Francesco Lezzi, detto 'Il Gladiatore della libertà', e Felice 'Faccia d'angelo' Moncelli, in programma un ricco sottoclou, tra cui spicca il 'derby' tra due pesi medi laziali, Diego Di Luisa ed Alex Marongiu. Il vincitore combatterà per il titolo italiano.

19:29Maltempo: freddo record al Nord, disagi per neve al Centro

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - L'ondata di freddo polare che attanaglia lo Stivale non molla la presa: a Nord la colonnina di mercurio prosegue senza interruzioni la sua picchiata, con temperature quasi siberiane registrate sull'Altopiano di Asiago (-32 gradi); al Centro e in Sardegna la neve è caduta abbondante, costringendo molte amministrazioni a chiudere le scuole. I fiocchi sono caduti copiosi anche nelle zone terremotate, cosa che ha peggiorato ulteriormente la vivibilità degli sfollati ancora presenti nel cratere e allocati nelle tensostrutture. Massima attenzione poi dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile sugli edifici pericolanti, resi ancora più fragili dal peso della neve. Nel frattempo le temperature artiche hanno prodotto un'altra vittima: a Canicattì, nell'Agrigentino, un senzatetto di 53 anni è stato trovato senza vita dai carabinieri.

19:17Grasso, modificare in tempi brevi codice antimafia

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Auspico che si dia corso immediatamente alla discussione delle modifiche al Codice Antimafia, che peraltro attengono anche proprio alla materia delle confische dei patrimoni illeciti, e alle riforme che riguardano il processo penale". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso intervenendo all'incontro, a Montecitorio, per il novantesimo anno dalla nascita di Pio La Torre. Un appello in tal senso era stato poco prima lanciato dalla presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi.

19:15Sci: Cdm donne, positiva verifica neve su Olimpia Cortina

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 16 GEN - I delegati e i tecnici della Fis hanno dato una valutazione positiva sullo stato dell'innevamento della pista Olimpia delle Tofane, a Cortina, dove si disputeranno due gare di Coppa del mondo di sci femminile il 28 e 29 gennaio prossimi. L'ispezione effettuata a partire da ieri, domenica, ha soddisfatto i requisiti di sicurezza e garanzia del regolare svolgimento delle competizioni del prossimo fine settimana. Cortina ospiterà la discesa libera il prossimo sabato 28 (partenza alle 10.30) e il Super G domenica 29 (start alle 11.30). Le prove della discesa saranno due e andranno in scena giovedì 26 e venerdì 27.

19:13Sci nordico: manca la neve, annullata la Millegrobbe

(ANSA) - TRENTO, 16 GEN - A causa della mancanza di neve, è stata annullata la Millegrobbe, una delle grandi classiche del calendario nazionale delle Gran Fondo. La decisione è stata presa oggi dal comitato organizzatore. La 35/a edizione, di 30 chilometri in tecnica classica, avrebbe dovuto svolgersi domenica 22 gennaio.

19:03Gioco d’azzardo: Bindi, la mafia si infiltra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "È un dato di fatto che la penetrazione mafiosa non riguarda solo più i tradizionali settori imprenditoriali, ma si snoda e permea di sé anche quelli di più recente sviluppo, rappresentati proprio dal gioco e dalle scommesse, dalla gestione delle slot machine, dalle scommesse sportive on line fino al fenomeno del match fixing". Lo ha detto nell'Aula della Camera la presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi in discussione generale sulla relazione della commissione che sarà votata domani dall'Assemblea di Montecitorio.

19:01F1: Bottas “niente più segreti,felice di andare in Mercedes”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Non ci sono pù segreti! Guiderò una Freccia d'argento nel 2017. Sono così felice e orgoglioso di far parte della famiglia Mercedes". Valtteri Bottas ha aspettato l'annuncio ufficiale del team di formula 1 per esprimere, via Twitter, tutta la soddisfazione per il passaggio: il pilota finlandese, che ha lasciato la Williams, prenderà il posto di Nico Rosberg e farà coppia nel mondiale 2017 con Lewis Hamilton.

Archivio Ultima ora