Pubblico ministero: Formigoni ha venduto la sua carica per tangenti

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

MILANO. – Roberto Formigoni, quando guidava la Regione Lombardia, avrebbe fatto parte “di un gruppo criminale” che ha portato avanti “una sistematica corruzione di cui lui ha beneficiato” per “almeno 8 milioni di euro”. E a “comprarlo” sarebbe stato l’ex direttore amministrativo della Fondazione Maugeri, Costantino Passerino, perché il faccendiere Pierangelo Daccò “gli ha venduto proprio il Presidente, la più alta carica del Pirellone che poteva dargli gli atti e i finanziamenti di cui la struttura sanitaria aveva bisogno”.

E’ iniziata così, con parole dure per descrivere un “sistema” che avrebbe avuto al vertice l’allora governatore e oggi senatore di Ncd, la requisitoria dei pm di Milano Laura Pedio e Antonio Pastore nel processo sul caso Maugeri iniziato due anni fa a seguito del presunto scandalo che travolse il ‘Celeste’ nella primavera del 2012.

Inchiesta, quella con al centro la fondazione pavese, scaturita, tra l’altro, dall’indagine sul crac del San Raffaele che era scattata dopo il suicidio nel 2011 di Mario Cal, ‘numero due’ dell’ospedale fondato da Don Luigi Verzè. In aula, ad assistere alle conclusioni dei pm, che chiederanno le condanne (gli imputati sono 10) o nell’udienza dell’11 o in quella successiva del 15 aprile, si è presentato anche Formigoni. E ai cronisti che continuavano a chiedergli un commento agli affondi dei pm ha risposto: “Non parlo oggi, in che lingua devo dirlo, in francese o in arabo?”.

Il pm Pedio, poco prima, aveva spiegato che dal dibattimento è emersa “la certezza che il corrotto è Formigoni”. Secondo la ricostruzione dell’accusa, dalla Maugeri tra il ’97 e il 2011 sarebbero usciti circa 61 milioni di euro verso conti e società di Daccò e dell’ex assessore lombardo Antonio Simone e poi, tra il 2005 e il 2006, dalle casse del San Raffaele sarebbero usciti altri 9 milioni in contanti verso Daccò, “vere e proprie mazzette nelle buste”.

E per nascondere questi presunti fondi neri, con cui Formigoni sarebbe stato corrotto con un flusso “calcolato al minimo in 8 milioni di euro”, tra vacanze, l’uso di yacht, lo sconto sull’acquisto di una villa in Sardegna e finanziamenti per la campagna elettorale del 2010, Daccò e Simone, attraverso fiduciari, avrebbero messo in piedi una struttura “sofisticata”.

Una struttura, secondo i pm, fatta di “oltre 50 veicoli societari, tutte scatole vuote create” in molti Paesi off shore, da Panama alla Nuova Zelanda, da Dubai alle Antille olandesi. Riguardo ai benefit di lusso per l’ex Governatore, a detta del pm Pedio, “è ridicolo pensare che si sia trattato di regalie tra amici. E solo Formigoni nel suo flusso di coscienza dibattimentale ha potuto dire questo e che lui ricambiava con qualche cena, è quasi offensivo”.

Il magistrato, poi, dopo aver ricostruito i tre flussi di denaro “abnormi” (dalla Maugeri e dal San Raffaele verso Daccò e Simone; dagli ultimi due verso Formigoni; dalla Regione verso la Maugeri attraverso delibere favorevoli), ha alzato la voce: “Sono stanca di sentire quella frase che riecheggia come un disco rotto ‘Daccò è amico del presidente’. Diamo un contenuto a questa amicizia: Daccò era il collettore della tangenti per Formigoni”.

E quel “patto corruttivo” tra Formigoni e altri imputati, tra cui Simone e l’ex segretario generale del Pirellone, Nicola Maria Sanese, è nato “su rapporti già profondi e caratterizzati dalla militanza comune nel movimento popolare e dalla affiliazione a Comunione e Liberazione e alcuni anche ai ‘Memores Domini'”.

Formigoni e gli altri, secondo i pm, hanno dato vita ad un “gruppo” attorno al quale “si è creato anche un clima di omertà e alcuni testimoni hanno fatto fatica a parlare e ricordare”. Nel frattempo, sempre secondo l’accusa, “denaro pubblico è stato dato ad enti amici senza la rilevazione dei costi, ecco qua l’eccellente sanità lombarda”.

(di Igor Greganti/ANSA)

Ultima ora

08:33Scoperta enorme discarica rifiuti tossici, arresti

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Una cava dismessa in provincia di Latina trasformata in un'enorme discarica per rifiuti tossici, decine di camion e macchinari utilizzati per il trasporto e l'interramento immediato delle sostanze pericolose. E' quanto ha scoperto la Polizia al termine di un'inchiesta che ha portato all'arresto di una ventina di persone accusate, a vario titolo, di far parte di un'associazione dedita al traffico illecito di rifiuti pericolosi. I provvedimenti sono stati emessi dal giudice del tribunale di Roma su richiesta della Dda. I poliziotti hanno scoperto che a partire da marzo del 2016 l'organizzazione aveva trasformato una cava di pozzolana dismessa da anni in una enorme discarica dove far sparire le sostanze pericolose. I rifiuti arrivavano a bordo di decine di veicoli pesanti, anche di notte, e venivano immediatamente interrati con delle pale meccaniche, in modo da far sparire ogni traccia.

07:34Tratta: nel mondo una vittima su 4 è bambino o adolescente

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il fenomeno della tratta e dello sfruttamento di minori nel mondo è largamente sommerso, ma i dati disponibili in 106 Paesi sono allarmanti. Su 63.251 casi rilevati, ben 17.710 (uno su 4) riguardano bimbi o adolescenti, con una larga prevalenza femminile (12.650). E' quanto emerge dal dossier "Piccoli Schiavi Invisibili 2017" di Save the Children. Il fenomeno è radicato anche nell'Ue, dove risultano almeno 15.846 vittime, di cui le donne sono il 76% e i minori il 15%. Le principali forme di sfruttamento sono la prostituzione (67%) e il lavoro (21%) soprattutto in ambito agricolo, manifatturiero, edile, domestico e nella ristorazione. In Italia, nel 2016, le vittime di tratta censite e inserite in programmi di protezione sono state 1.172, di cui 954 donne e 111 bambini e adolescenti, in gran parte femmine (84%). Le vittime under 18 sono soprattutto nigeriane (67%) e lo sfruttamento sessuale rappresenta la maggioranza dei casi, con un andamento crescente.

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

Archivio Ultima ora