Pubblico ministero: Formigoni ha venduto la sua carica per tangenti

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

MILANO. – Roberto Formigoni, quando guidava la Regione Lombardia, avrebbe fatto parte “di un gruppo criminale” che ha portato avanti “una sistematica corruzione di cui lui ha beneficiato” per “almeno 8 milioni di euro”. E a “comprarlo” sarebbe stato l’ex direttore amministrativo della Fondazione Maugeri, Costantino Passerino, perché il faccendiere Pierangelo Daccò “gli ha venduto proprio il Presidente, la più alta carica del Pirellone che poteva dargli gli atti e i finanziamenti di cui la struttura sanitaria aveva bisogno”.

E’ iniziata così, con parole dure per descrivere un “sistema” che avrebbe avuto al vertice l’allora governatore e oggi senatore di Ncd, la requisitoria dei pm di Milano Laura Pedio e Antonio Pastore nel processo sul caso Maugeri iniziato due anni fa a seguito del presunto scandalo che travolse il ‘Celeste’ nella primavera del 2012.

Inchiesta, quella con al centro la fondazione pavese, scaturita, tra l’altro, dall’indagine sul crac del San Raffaele che era scattata dopo il suicidio nel 2011 di Mario Cal, ‘numero due’ dell’ospedale fondato da Don Luigi Verzè. In aula, ad assistere alle conclusioni dei pm, che chiederanno le condanne (gli imputati sono 10) o nell’udienza dell’11 o in quella successiva del 15 aprile, si è presentato anche Formigoni. E ai cronisti che continuavano a chiedergli un commento agli affondi dei pm ha risposto: “Non parlo oggi, in che lingua devo dirlo, in francese o in arabo?”.

Il pm Pedio, poco prima, aveva spiegato che dal dibattimento è emersa “la certezza che il corrotto è Formigoni”. Secondo la ricostruzione dell’accusa, dalla Maugeri tra il ’97 e il 2011 sarebbero usciti circa 61 milioni di euro verso conti e società di Daccò e dell’ex assessore lombardo Antonio Simone e poi, tra il 2005 e il 2006, dalle casse del San Raffaele sarebbero usciti altri 9 milioni in contanti verso Daccò, “vere e proprie mazzette nelle buste”.

E per nascondere questi presunti fondi neri, con cui Formigoni sarebbe stato corrotto con un flusso “calcolato al minimo in 8 milioni di euro”, tra vacanze, l’uso di yacht, lo sconto sull’acquisto di una villa in Sardegna e finanziamenti per la campagna elettorale del 2010, Daccò e Simone, attraverso fiduciari, avrebbero messo in piedi una struttura “sofisticata”.

Una struttura, secondo i pm, fatta di “oltre 50 veicoli societari, tutte scatole vuote create” in molti Paesi off shore, da Panama alla Nuova Zelanda, da Dubai alle Antille olandesi. Riguardo ai benefit di lusso per l’ex Governatore, a detta del pm Pedio, “è ridicolo pensare che si sia trattato di regalie tra amici. E solo Formigoni nel suo flusso di coscienza dibattimentale ha potuto dire questo e che lui ricambiava con qualche cena, è quasi offensivo”.

Il magistrato, poi, dopo aver ricostruito i tre flussi di denaro “abnormi” (dalla Maugeri e dal San Raffaele verso Daccò e Simone; dagli ultimi due verso Formigoni; dalla Regione verso la Maugeri attraverso delibere favorevoli), ha alzato la voce: “Sono stanca di sentire quella frase che riecheggia come un disco rotto ‘Daccò è amico del presidente’. Diamo un contenuto a questa amicizia: Daccò era il collettore della tangenti per Formigoni”.

E quel “patto corruttivo” tra Formigoni e altri imputati, tra cui Simone e l’ex segretario generale del Pirellone, Nicola Maria Sanese, è nato “su rapporti già profondi e caratterizzati dalla militanza comune nel movimento popolare e dalla affiliazione a Comunione e Liberazione e alcuni anche ai ‘Memores Domini'”.

Formigoni e gli altri, secondo i pm, hanno dato vita ad un “gruppo” attorno al quale “si è creato anche un clima di omertà e alcuni testimoni hanno fatto fatica a parlare e ricordare”. Nel frattempo, sempre secondo l’accusa, “denaro pubblico è stato dato ad enti amici senza la rilevazione dei costi, ecco qua l’eccellente sanità lombarda”.

(di Igor Greganti/ANSA)

Ultima ora

15:03Vitalizi: M5s, approdo in Aula Ddl è nostra vittoria

(ANSA) - ROMA, 25 MAG "L'approdo in Aula del ddl sul taglio dei vitalizi è una nostra vittoria. Ora speriamo che il Pd favorisca un iter del provvedimento veloce e, soprattutto, garantisca i voti necessari della sua maggioranza in entrambe le Camere, opponendosi al voto segreto". E' quanto affermano in una nota i deputati M5S della commissione Affari costituzionali, che aggiungono: "Se ci fosse una reale volontà, il provvedimento potrebbe diventare legge in due settimane, così come è accaduto quando si è trattato di approvare la scellerata legge Boccadutri sul finanziamento ai partiti". "Quando c'è una chiara intenzione politica dietro le dichiarazioni di facciata, le cose si fanno in fretta - concludono gli esponenti pentastellati - staremo a vedere e noi, come abbiamo detto più volte, voteremo a favore".

15:02Manchester: May a Trump, intelligence resti al sicuro

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - "Chiarirò al presidente Trump che le informazioni di intelligence condivise tra le nostre autorità devono restare al sicuro". Lo ha detto la premier britannica Theresa May prima di partire alla volta di Bruxelles per il summit della Nato.

14:59Migranti: Unicef, 200 bimbi morti in 5 mesi nel Mediterraneo

(ANSA) - PALERMO, 25 GIU - Sono almeno 200 i bambini morti lungo la rotta del Mediterraneo centrale dal Nord Africa all'Italia, da inizio d'anno, per una media di più di un bimbo al giorno. Inoltre, tra il primo gennaio e il 23 maggio oltre 45 mila rifugiati e migranti sono arrivati in Italia via mare, con un aumento del 44% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Questo dato comprende anche circa 5.500 minorenni non accompagnati - con un aumento del 22% dal 2016 - che sono circa il 92% di tutti i bambini arrivati in Italia traverso la rotta del Mediterraneo centrale. Sono gli ultimi, drammatici, dati diffusi dall'Unicef, in vista dell'incontro tra i leader dei Paesi del G7 a Taormina. Alla spiaggia di Sant'Erasmo, a Palermo, l'organizzazione internazionale ha realizzato l'iniziativa "Barchette in mare, non per gioco", nel corso della quale il medico di Lampedusa, Pietro Bartolo, è stato nominato "ambasciatore di buona volontà per Unicef".

14:56Russia: fermati 4 ‘terroristi Isis’, obiettivo Mosca

(ANSA) - MOSCA, 25 MAG - I servizi di sicurezza russi (Fsb) annunciano di aver fermato a Mosca quattro presunti terroristi di un gruppo affiliato all'Isis che stava preparando attentati nella rete dei trasporti della capitale russa con ordigni artigianali. Secondo i servizi segreti, i quattro prendevano ordini direttamente dall'Isis in Siria, dove prevedevano di andare dopo gli attentati. I presunti terroristi sono cittadini russi e di paesi dell'Asia centrale. "Nel corso delle perquisizioni nelle abitazioni dei fermati - fa sapere l'Fsb - è stato trovato un laboratorio per la produzione di esplosivi, un ordigno artigianale pronto per l'uso con elementi lesivi, nonché armi da fuoco automatiche, munizioni, granate, letteratura e video di carattere estremistico e terroristico".

14:47Migranti: insulta e minaccia sindaco su Fb, denunciato

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - E' stato individuato e denunciato un ventiquattrenne che, nei giorni scorsi, aveva pesantemente insultato via Facebook, augurandole di essere vittima di uno stupro, il sindaco di Cinisello Balsamo (Milano), Silvia Trezzi, dopo che il primo cittadino aveva aderito al protocollo per l'accoglienza diffusa elaborato dalla Prefettura di Milano. "Mi vergogno e chiedo scusa", avrebbe detto il giovane dai carabinieri di Sesto San Giovanni (Milano) per diffamazione aggravata. Il giovane, rintracciato a seguito della querela del primo cittadino, ha riferito di aver inviato a Silvia Trezzi un messaggio di scuse. Non apparterebbe a una particolare parte politica.

14:45Manchester: la regina all’ospedale in visita ai feriti

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - La regina Elisabetta è arrivata all'ospedale pediatrico di Manchester per visitare alcuni dei feritI nell'attacco alla Manchester Arena. La regina nel corso della sua visita ha incontrato i medici e il personale sanitario che stanno curando le decine di feriti nella strage. Oltre a loro la sovrana ha portato la propria solidarietà ai ricoverati, in particolare i bambini all'interno della clinica pediatrica, e i familiari. Sono 12 i bambini - su un totale di 64 feriti - che sono stati trasportati in ambulanza nel maggiore ospedale della città inglese. Elisabetta all'arrivo è stata accolta degli applausi della gente.

14:38Commenti non graditi su Fb, coniugi aggrediscono vicino

(ANSA) - BUCINE (AREZZO), 25 MAG - Coniugi aggrediscono e minacciano un vicino di casa come risposta a commenti su Facebook nei loro confronti. E' accaduto a Bucine (Arezzo). Secondo la ricostruzione dei carabinieri, la coppia, una 36enne e un 28enne, avrebbe sfondato la porta d'ingresso dell'abitazione dell'uomo, un 35enne, provocando danneggiamenti e minacciandolo poi di morte per aver postato sul social network un commento 'poco lusinghiero' soprattutto nei confronti della donna. L'uomo, spaventato, ha chiamato i carabinieri che hanno denunciato i due per danneggiamento aggravato e minacce.

Archivio Ultima ora