Pubblico ministero: Formigoni ha venduto la sua carica per tangenti

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

Processo Maugeri, il pm: “Formigoni corrotto. Daccò collettore delle tangenti.

MILANO. – Roberto Formigoni, quando guidava la Regione Lombardia, avrebbe fatto parte “di un gruppo criminale” che ha portato avanti “una sistematica corruzione di cui lui ha beneficiato” per “almeno 8 milioni di euro”. E a “comprarlo” sarebbe stato l’ex direttore amministrativo della Fondazione Maugeri, Costantino Passerino, perché il faccendiere Pierangelo Daccò “gli ha venduto proprio il Presidente, la più alta carica del Pirellone che poteva dargli gli atti e i finanziamenti di cui la struttura sanitaria aveva bisogno”.

E’ iniziata così, con parole dure per descrivere un “sistema” che avrebbe avuto al vertice l’allora governatore e oggi senatore di Ncd, la requisitoria dei pm di Milano Laura Pedio e Antonio Pastore nel processo sul caso Maugeri iniziato due anni fa a seguito del presunto scandalo che travolse il ‘Celeste’ nella primavera del 2012.

Inchiesta, quella con al centro la fondazione pavese, scaturita, tra l’altro, dall’indagine sul crac del San Raffaele che era scattata dopo il suicidio nel 2011 di Mario Cal, ‘numero due’ dell’ospedale fondato da Don Luigi Verzè. In aula, ad assistere alle conclusioni dei pm, che chiederanno le condanne (gli imputati sono 10) o nell’udienza dell’11 o in quella successiva del 15 aprile, si è presentato anche Formigoni. E ai cronisti che continuavano a chiedergli un commento agli affondi dei pm ha risposto: “Non parlo oggi, in che lingua devo dirlo, in francese o in arabo?”.

Il pm Pedio, poco prima, aveva spiegato che dal dibattimento è emersa “la certezza che il corrotto è Formigoni”. Secondo la ricostruzione dell’accusa, dalla Maugeri tra il ’97 e il 2011 sarebbero usciti circa 61 milioni di euro verso conti e società di Daccò e dell’ex assessore lombardo Antonio Simone e poi, tra il 2005 e il 2006, dalle casse del San Raffaele sarebbero usciti altri 9 milioni in contanti verso Daccò, “vere e proprie mazzette nelle buste”.

E per nascondere questi presunti fondi neri, con cui Formigoni sarebbe stato corrotto con un flusso “calcolato al minimo in 8 milioni di euro”, tra vacanze, l’uso di yacht, lo sconto sull’acquisto di una villa in Sardegna e finanziamenti per la campagna elettorale del 2010, Daccò e Simone, attraverso fiduciari, avrebbero messo in piedi una struttura “sofisticata”.

Una struttura, secondo i pm, fatta di “oltre 50 veicoli societari, tutte scatole vuote create” in molti Paesi off shore, da Panama alla Nuova Zelanda, da Dubai alle Antille olandesi. Riguardo ai benefit di lusso per l’ex Governatore, a detta del pm Pedio, “è ridicolo pensare che si sia trattato di regalie tra amici. E solo Formigoni nel suo flusso di coscienza dibattimentale ha potuto dire questo e che lui ricambiava con qualche cena, è quasi offensivo”.

Il magistrato, poi, dopo aver ricostruito i tre flussi di denaro “abnormi” (dalla Maugeri e dal San Raffaele verso Daccò e Simone; dagli ultimi due verso Formigoni; dalla Regione verso la Maugeri attraverso delibere favorevoli), ha alzato la voce: “Sono stanca di sentire quella frase che riecheggia come un disco rotto ‘Daccò è amico del presidente’. Diamo un contenuto a questa amicizia: Daccò era il collettore della tangenti per Formigoni”.

E quel “patto corruttivo” tra Formigoni e altri imputati, tra cui Simone e l’ex segretario generale del Pirellone, Nicola Maria Sanese, è nato “su rapporti già profondi e caratterizzati dalla militanza comune nel movimento popolare e dalla affiliazione a Comunione e Liberazione e alcuni anche ai ‘Memores Domini'”.

Formigoni e gli altri, secondo i pm, hanno dato vita ad un “gruppo” attorno al quale “si è creato anche un clima di omertà e alcuni testimoni hanno fatto fatica a parlare e ricordare”. Nel frattempo, sempre secondo l’accusa, “denaro pubblico è stato dato ad enti amici senza la rilevazione dei costi, ecco qua l’eccellente sanità lombarda”.

(di Igor Greganti/ANSA)

Ultima ora

19:48Voto scambio: Fi, indagati deputato e 2 consiglieri Campania

(ANSA) - ROMA, 20 GEN Il deputato di Forza Italia Luigi Cesaro e due consiglieri regionali azzurri - Armando Cesaro, capogruppo e figlio di Luigi, e Flora Beneduce - hanno ricevuto avvisi di conclusione indagini da parte della procura di Napoli, per un'ipotesi di voto di scambio in relazione a fatti che, secondo la tesi accusatoria, sarebbero avvenuti tra il maggio ed il giugno del 2015, in occasione cioè delle ultime elezioni regionali. Commenta il capogruppo Fi alla Camera, Renato Brunetta: "La solita giustizia ad orologeria. Gli italiani il 4 marzo giudicheranno anche questo". E replica Armando Cesaro: "Non ho nulla da temere. Quando si ha la coscienza pulita si affronta tutto con serenità. Io ho fiducia nella verità, che presto o tardi arriva. Per tutti".

19:42Giorno Memoria: Bruno Segre, Shoah non è finita

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 20 GEN - "Il Giorno della Memoria è particolarmente difficile da celebrare perché o vale per i giovani che devono rendersi conto di una pagina fondamentale della storia d'Europa del secolo scorso, oppure non vale nulla. Per questo io non credo alle celebrazioni che si limitino a dire che queste cose non devono accadere mai più, perché è un discorso che non porta da nessuna parte". Lo ha detto lo studioso di storia e cultura ebraica Bruno Segre, 87 anni, che oggi ad Ascoli Piceno ha incontrato gli studenti del liceo classico 'Stabili', lo stesso da lui frequentato nel 1943, quando si rifugiò nella città marchigiana, con la madre e la sorella, e dove riprese gli studi dopo la guerra. Segre, che fu ospitato da un ciabattino anarchico ascolano, non considera finita la Shoah: "E' un genocidio che è ancora in corso oggi, purtroppo. Ci sono situazioni in cui intere popolazioni vengono sacrificate, mandate in tutti i continenti".

19:14Egitto: Pence al Cairo, prima tappa visita in Medio Oriente

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - Il vicepresidente americano Mike Pence è arrivato al Cairo, la prima tappa del suo viaggio che fino a martedì lo porterà poi in Giordania e Israele. Lo riferiscono fonti aeroportuali al Cairo. Il viaggio era previsto per metà dicembre ma era stato rinviato dopo la svolta del presidente americano Donald Trump che solo pochi giorni prima aveva annunciato di voler riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele, facendo infuriare palestinesi e mondo arabo. Pence è il primo esponente di spicco statunitense ad affacciarsi nell'area dopo l'annuncio di Trump su Gerusalemme. Nel pomeriggio è previsto un suo incontro con il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi.

19:10Siria: offensiva turca anti-curdi battezzata ‘Ramo d’Ulivo’

(ANSA) - ANKARA, 20 GEN - Un comunicato dei militari turchi ha reso noto che l'operazione militare lanciata la notte scorsa dalla Turchia contro l'enclave curda nel nordovest della Siria è stata denominata 'Ramo d'Ulivo'. Nel comunicato si dice anche che l'operazione militare intende proteggere i confini della Turchia, "neutralizzare" i combattenti curdi siriani nell'enclave di Afrin e salvare la popolazione locale da "pressioni e oppressione". Il testo dei militari turchi afferma pure che l'offensiva rientra nel diritto internazionale della Turchia di attuate una legittima autodifesa del suo territorio e che la Turchia intende rispettare l'integrità territoriale della Siria. Ankara infatti - aggiunge il comunicato - intende colpire "i terroristi", i loro rifugi e i loro arsenali. Sarà inoltre usata "estrema attenzione" affinché i civili non siano colpiti.

19:04Festa tesseramento CasaPound Genova,antifascisti in presidio

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - Situazione tranquilla in piazza Alimonda dove circa 300 manifestanti antifascisti hanno dato vita a un presidio dietro allo striscione 'Genova antifascista', manifestazione che avviene in contemporanea alla 'festa del tesseramento' che si tiene nella sede di CasaPound. Gli antifascisti, cantando 'Bella ciao', distribuiscono volantini con lo slogan 'se toccano uno di noi toccano tutti' facendo riferimento all'accoltellamento avvenuto venerdì scorso ai danni di un antifascista nella zona di piazza Tommaseo. "Rovineremo la festa a CasaPound perché non c'è nessuno spazio per questa feccia" hanno spiegato gli antifascisti. Intanto, mentre dentro la sede di CasaPound si trovano una cinquantina di attivisti, un cordone di polizia tiene divisi i manifestanti da via Montevideo dove si trova la sede dei neofascisti.

18:59Biathlon: Cdm, norvegese B› domina pursuit ad Anterselva

(ANSA) - BOLZANO, 20 GEN - Con un'altra prestazione straordinaria il norvegese Johannes Thingnes B› ha bissato ad Anterselva il successo ottenuto solo 24 ore prima nella sprint, aggiudicandosi anche la 12,5 km di inseguimento, davanti al francese Martin Fourcade ed al russo Anton Shipulin. Miglior azzurro in gara, il beniamino locale Dominik Windisch, 17/o. B› sta dominando la Coppa del mondo di biathlon. Dopo aver vinto nettamente la sprint, oggi nella pursuit non ha lasciato scampo ai suoi avversari. Perfetto al poligono, dove non ha sbagliato un colpo, nonostante abbia tirato molto velocemente, e fortissimo anche sugli sci, ha staccato Martin Fourcade di oltre un minuto. Per il 24enne norvegese è l'ottava vittoria stagionale, la terza in carriera ad Anterselva. Fourcade anche oggi è salito sul podio. Cosa che gli è riuscita in questa stagione in tutte le 14 gare disputate. Con il secondo posto difende anche la leadership in Coppa del mondo, proprio davanti a B›.

18:58Calcio: Serie B, Frosinone momentaneamente primo

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Classifica di Serie B dopo la 22/a giornata (Spezia-Palermo alle 18, Cesena-Bari alle 20.30, Brescia-Avellino domani alle 15): Frosinone 40; Palermo 39; Empoli 37; Cremonese e Cittadella 35; Bari 34; Parma 33; Pescara 31; Spezia 30; Venezia, Salernitana e Carpi 29; Perugia e Novara 27; Avellino 25; V.Entella 24; Cesena e Brescia 23; Foggia 22; Ternana 21; Ascoli 20; Pro Vercelli 18.

Archivio Ultima ora