Legge Veneto: lingua italiana obbligatoria nei luoghi di culto, anche moschee

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

moschea

VENEZIA. – L’opposizione parla di un “mostro giuridico, con profili di incostituzionalità come per gli accordi previsti tra associazioni religiose e comuni sull’uso della lingua italiana nelle attività non di culto nelle nuove strutture religiose”, ma la maggioranza ha tirato dritto e il Veneto ha varato una legge che disciplina, nelle ‘norme per il governo del territorio e del paesaggio’, la realizzazione ed attivazione di nuovi luoghi di culto.

Quella che nel dibattito politico è stata giudicata da alcuni come la legge ‘anti moschee’ – etichetta che il consigliere Alessandro Montagnoli (Ln), relatore del progetto, respinge al mittente parlando del rispetto della libertà religiosa di tutti -, che aveva visto il patriarca di Venezia sollevare delle perplessità, è passata con i voti di Lega Nord, Lista Zaia, Forza Italia, FdI-An, Lista Tosi e Veneto del Fare, e il no di Pd, M5s, Veneto Civico, Lista Moretti. Assente al voto Area Popolare.

Montagnoli sgombera il campo su quello che, sulla base di una prima lettura, era suonato come un ‘obbligo’ riguardo all’uso dell’italiano nelle attività legate alle nuove realtà di culto. “E’ un errore – spiega il consigliere leghista – perché sarebbe incostituzionale obbligare qualcuno a usare la lingua italiana per professare la propria fede religiosa. Per essere chiari, se un imam usa per il suo sermone l’arabo può continuare a farlo. La libertà di culto non viene toccata”.

A riprova, ricorda che il testo indica di “utilizzare la lingua italiana per tutte le attività svolte nelle attrezzature d’interesse comune per servizi religiosi, che non siano strettamente connesse alle pratiche rituali di culto”. “Il nostro, in sostanza – rileva -, è un invito alle associazioni e realtà religiose a sottoscrivere con le amministrazioni locali, che devono applicare le nuove norme per i nuovi luoghi di culto, qualsiasi sia la fede religiosa, sul piano urbanistico, una sorta di convenzione affinché nelle altre attività interne alle strutture si usi l’italiano. Credo sia un concetto di integrazione non di discriminazione”.

“La questione della lingua – controbatte Stefano Fracasso (Pd), controrelatore – presenta un profilo di incostituzionalità perché tocca la questione della libertà di espressione. Il nostro no, su un piano più generale, è legato al fatto che la legge soffoca tutte le variegate espressioni del mondo religioso presenti in Veneto”.

I vincoli urbanistici, infatti, rileva il consigliere, si applicano a tutte le nuove diverse realtà che sono legate alla religione, anche alle abitazioni del personale di servizio, stile ‘sacrestano’, o sedi di associazioni o di preghiera.

“Ma perché regolare una questione così nel quadro della legge urbanistica? – si domanda -. Faccio un esempio: adesso se la Caritas vuole aprire una mensa nel centro di Vicenza dovrà sottostare a una serie di requisiti legati alla struttura da utilizzare (strade, parcheggi e altro), compresa l’impegno per una fidejussione, che se va bene avrà il nullaosta per l’apertura in una area periferica. Anche una messa in un campo sportivo dovrà avere il sì dell’amministrazione locale”.

Per Fracasso la legge richiama una precedente di 500 anni fa, l’istituzione del Ghetto per gli ebrei a Venezia.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora