Il Pd si spacca sul referendum, la minoranza lancia il sì

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

maxresdefault

ROMA. – A due giorni dalla direzione Pd in cui Matteo Renzi definiva “sacrosanta e legittima” la scelta dell’astensione, il Pd sul referendum sulle trivelle si ritrova spaccato. Ed è la minoranza, più o meno in blocco e con qualche distinguo (come quello di Massimo D’Alema che voterà no) che decide di sferrare la sua offensiva al premier-segretario sia sul principio dell’astensione sia nel merito stesso del quesito: il voto, per gran parte della sinistra Pd, infatti ci sarà e sarà Sì”.

Ma la frattura interna al Pd sul referendum del 17 aprile non segue solo il ‘tradizionale’ confine tra maggioranza e minoranza del partito. “Andrò a votare al referendum del 17 aprile”, annuncia il candidato sindaco a Roma Roberto Giachetti senza dire, tuttavia, quale sarà il suo voto. E la sua decisione segue la scia di altri, come Dario Ginefra, che pur non essendo certo della minoranza più agguerrita, già da giorni hanno annunciato il proprio voto e, spesso e volentieri, il proprio sì.

E nel giorno in cui il premier Matteo Renzi da Napoli ribadisce come “non andare a votare sia una posizione legittima. e scandisce che il “referendum si deve fare, anche se la stragrande maggioranza avrebbe preferito evitarlo”, tocca a Roberto Speranza, leader della minoranza Dem, annunciare il suo sì. “E’ un’occasione per aprire all’energia verde: abbiamo bisogno di meno fossile e più rinnovabili”, spiega l’ex capogruppo Pd, definendo “eccessive per un presidente del Consiglio” le parole usate da Matteo Renzi.

Parole, quelle invece di Speranza, alle quali segue una lunga scia di endorsement, tutti della minoranza (più, o meno dialogante) del partito: da Nico Stumpo a Davide Zoggia – che annuncia un’iniziativa per il sì con il governatore pugliese Michele Emiliano – fino a Enzo Lattuca. Silente Pierluigi Bersani ma probabilmente solo per il suo forfait – dovuto al caso dell’intervista a Salvo Riina – a Porta a Porta dove sarebbe stato ospite.

L’impressione, insomma, è che nell’attesa del cruciale referendum sulle riforme costituzionali, la minoranza Pd abbia scelto di tenersi le mani libere su quello delle trivelle, unendosi, di fatto alle posizioni degli ambientalisti ma anche del M5S e di altri senatori bipartisan, da alcuni membri di Ala a quelli della Lega fino a qualche azzurro.

Fronte, quello del sì, piuttosto eterogeneo ma che sembra escludere, quasi totalmente, la maggioranza dem e che invece include, a livello parlamentare, gran parte dell’opposizione al governo. “Il Pd non teme che il referendum sulle trivelle si trasformi in un attacco politico al governo”, spiega Matteo Orfini ma il rischio di un innalzamento del dato dei votanti a seguito dell’inchiesta su Tempa Rossa di fatto esiste.

Tanto che, uscendo da Palazzo Chigi dopo un incontro con il premier, il leader di Fare! Flavio Tosi annuncia contestualmente il “no” dei suoi senatori ad una mozione di sfiducia definita “strumentale” e il “no, o il non voto a un referendum contro l’autosufficienza energetica del Paese”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

Archivio Ultima ora