Il Pd si spacca sul referendum, la minoranza lancia il sì

Pubblicato il 06 aprile 2016 da redazione

maxresdefault

ROMA. – A due giorni dalla direzione Pd in cui Matteo Renzi definiva “sacrosanta e legittima” la scelta dell’astensione, il Pd sul referendum sulle trivelle si ritrova spaccato. Ed è la minoranza, più o meno in blocco e con qualche distinguo (come quello di Massimo D’Alema che voterà no) che decide di sferrare la sua offensiva al premier-segretario sia sul principio dell’astensione sia nel merito stesso del quesito: il voto, per gran parte della sinistra Pd, infatti ci sarà e sarà Sì”.

Ma la frattura interna al Pd sul referendum del 17 aprile non segue solo il ‘tradizionale’ confine tra maggioranza e minoranza del partito. “Andrò a votare al referendum del 17 aprile”, annuncia il candidato sindaco a Roma Roberto Giachetti senza dire, tuttavia, quale sarà il suo voto. E la sua decisione segue la scia di altri, come Dario Ginefra, che pur non essendo certo della minoranza più agguerrita, già da giorni hanno annunciato il proprio voto e, spesso e volentieri, il proprio sì.

E nel giorno in cui il premier Matteo Renzi da Napoli ribadisce come “non andare a votare sia una posizione legittima. e scandisce che il “referendum si deve fare, anche se la stragrande maggioranza avrebbe preferito evitarlo”, tocca a Roberto Speranza, leader della minoranza Dem, annunciare il suo sì. “E’ un’occasione per aprire all’energia verde: abbiamo bisogno di meno fossile e più rinnovabili”, spiega l’ex capogruppo Pd, definendo “eccessive per un presidente del Consiglio” le parole usate da Matteo Renzi.

Parole, quelle invece di Speranza, alle quali segue una lunga scia di endorsement, tutti della minoranza (più, o meno dialogante) del partito: da Nico Stumpo a Davide Zoggia – che annuncia un’iniziativa per il sì con il governatore pugliese Michele Emiliano – fino a Enzo Lattuca. Silente Pierluigi Bersani ma probabilmente solo per il suo forfait – dovuto al caso dell’intervista a Salvo Riina – a Porta a Porta dove sarebbe stato ospite.

L’impressione, insomma, è che nell’attesa del cruciale referendum sulle riforme costituzionali, la minoranza Pd abbia scelto di tenersi le mani libere su quello delle trivelle, unendosi, di fatto alle posizioni degli ambientalisti ma anche del M5S e di altri senatori bipartisan, da alcuni membri di Ala a quelli della Lega fino a qualche azzurro.

Fronte, quello del sì, piuttosto eterogeneo ma che sembra escludere, quasi totalmente, la maggioranza dem e che invece include, a livello parlamentare, gran parte dell’opposizione al governo. “Il Pd non teme che il referendum sulle trivelle si trasformi in un attacco politico al governo”, spiega Matteo Orfini ma il rischio di un innalzamento del dato dei votanti a seguito dell’inchiesta su Tempa Rossa di fatto esiste.

Tanto che, uscendo da Palazzo Chigi dopo un incontro con il premier, il leader di Fare! Flavio Tosi annuncia contestualmente il “no” dei suoi senatori ad una mozione di sfiducia definita “strumentale” e il “no, o il non voto a un referendum contro l’autosufficienza energetica del Paese”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

16:54Calcio: Juventus, rientrano primi sei nazionali

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Parte domani a Vinovo l''operazione Napoli' della Juventus che andrà al San Paolo per due sfide infuocate in campionato e Coppa Italia. Domani Massimiliano Allegri riavrà i primi sei dei 16 giocatori convocati nelle varie nazionali: Barzagli, che aveva lasciato il raduno azzurro sabato "per motivi personali", Pjanic, non chiamato per l'amichevole della Bosnia in Albania, Higuain, squalificato con l'Argentina, oltre a Dani Alves, Lichtsteiner e Mandzukic.

16:41Attacco Londra: il suv lanciato a 120 km all’ora sui pedoni

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - Lanciato a 76 miglia, circa 122 km all'ora, sui passanti: è la velocità raggiunta dal suv guidato mercoledì scorso da Khalid Masood nel suo attacco terroristico sul Westminster Bridge di Londra. Lo riporta la Bbc, sulla base dei rilevamenti della polizia britannica.

16:41Spari P.Chigi: Giangrande e Fedeli incontrano studenti

(ANSA) - PRATO, 27 MAR - Un incontro sul tema della legalità nella scuola, sull'amore e sui valori che spingono le persone a compiere gesti eroici. Come quello del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, che ha raccontato la sua storia a circa 140 studenti del liceo pratese "Cicognini-Rodari". Accanto a lui il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il militare circa 4 anni fa rimase vittima di un attentato di uno squilibrato nel giorno dell'insediamento del governo guidato da Enrico Letta. Nel suo discorso il maresciallo ha ripercorso le tappe fondamentali della sua carriera, che sono raccolte nel libro di Roberto Riccardi "Il prezzo della fedeltà" (Mondadori), il cui ricavato delle vendite andrà in beneficenza. All'appuntamento hanno partecipato anche il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e la figlia di Giangrande, Martina, a cui il padre ha tributato una lunga e struggente lettera di ringraziamento nel suo libro.

16:38Russia: Navalni, nella sentenza nulla di vero

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexey Navalni si è detto innocente: "Tutto ciò che è scritto" sul dispositivo della sentenza "non è vero", ha affermato, sottolineando che "l'errore principale è che sulla via Tverskaya c'erano solo 4.000 persone" e ribadendo di non aver opposto resistenza alla polizia. Il suo avvocato, Olga Mikhailova, ha dichiarato che la versione dei fatti fornita dalla polizia è completamente inventata. Secondo il giudice che ha letto la sentenza, Navalni viene condannato per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata con 4.000 persone, per aver spronato i dimostranti a violare l'ordine pubblico e per essersi rifiutato di andare in un ufficio di polizia spintonando gli agenti.

16:30Berlusconi, prestito a Lele Mora un atto di generosità

(ANSA) - MILANO, 27 MAR - Silvio Berlusconi si è presentato in aula a Palazzo di Giustizia a Milano per il processo per bancarotta a carico dell'ex direttore del Tg4 Emilio Fede. Berlusconi, accompagnato dai suoi legali Nicolò Ghedini e Federico Cecconi e dal suo medico personale, Alberto Zangrillo, è stato ascoltato come teste circa un prestito da circa 2,8 milioni di euro a Lele Mora nel 2010. "E' stato un mio atto di generosità" ha detto il Cavaliere. Secondo l'accusa, Emilio Fede avrebbe trattenuto oltre un milione di euro dei soldi che dovevano servire a salvare la società di Mora. Berlusconi ha risposto a tutte le domande del pm. Ha chiesto di non essere nè ripreso né fotografato durante la sua breve deposizione. Inoltre prima e dopo l'esame non ha rilasciato dichiarazioni ai cronisti. (ANSA).

16:25Sessione Cio 2019, Milano candidata unica

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Milano sarà candidata unica ad ospitare la 132ma Sessione del Cio nel settembre 2019. Lo rende noto il Cio. L'assegnazione ufficiale dell'evento è in programma a Lima il 17 settembre di quest'anno. Il Comitato olimpico internazionale ora nominerà una commissione di valutazione che sarà nel capoluogo lombardo il 23 e 24 maggio prossimi.

16:24Calcio: Montella “closing? Ho un contratto, nessun problema

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - "Non ho seguito molto, non ho speso molte energie in questo discorso. Quello che sarà lo vedremo, è una cosa più grande di noi e aspettiamo gli eventi per poter giudicare". Così l'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, in merito alla questione del closing della cessione della società rossonera. "Vediamo cosa pensano ma ho un contratto, e da parte mia non ci sono problemi", ha detto poi riguardo al suo rinnovo. Montella, a Coverciano per la Panchina d'oro, vinta da Maurizio Sarri, ha ammesso di aver dato il suo voto a Eusebio Di Francesco "non perché sia un mio amico ma perché ha fatto una stagione straordinaria. Anche Sarri ha avuto i suoi meriti quindi è giusto così. Al netto dei valori secondo me Di Francesco l'anno scorso ha fatto un'ottima stagione, è arrivato sesto, portando il Sassuolo in Europa League".

Archivio Ultima ora