L’Italia immortalata dall’Istat: vecchia, tante auto e poco web

Pubblicato il 07 aprile 2016 da redazione

anziani

ROMA. – Andiamo tanto in auto, siamo poco connessi, ci sposiamo sempre meno però non divorziamo neppure; il divario tra il Nord e il Sud resta sempre lì e i giovani che non studiano e non lavorano sono ancora tanti, come profondo è il gap tra uomini e donne sul lavoro. Eccola qua l’Italia immortalata dall’Istat nel rapporto annuale che si chiama appunto ‘Noi Italia’ e che raccoglie una parte della messe di dati dell’istituto di statistica relativi a 2015 e 2014.

Un Belpaese invecchiato e con un po’ di acciacchi ma anche con qualche sorpresa: si scopre che la spesa sanitaria è più bassa che in Francia e Germania come è inferiore alla media Ue la spesa procapite della P.A. Inoltre siamo più sani che in passato, migliorano i nostri stili di vita nei confronti di alimentazione, alcol e sport e stiamo crescendo sotto il profilo culturale: leggiamo di più sia libri, sia giornali.

Ecco una sintesi delle principali voci del rapporto.

ITALIA VECCHIA – A gennaio 2015 si contavano 157,7 anziani ogni 100 giovani e 55,1 persone in età non lavorativa ogni 100 in età lavorativa. Con 3,2 matrimoni ogni mille abitanti, l’Italia rimane uno dei paesi dell’Ue28 in cui ci si sposa meno, ma i divorzi sono 8,6 ogni 10mila abitanti, livello molto basso in Ue. Continua a diminuire la media di figli per donna: nel 2014 si attesta a 1,37, mentre ne occorrerebbero circa 2,1 per garantire il ricambio generazionale. In Italia risiedono oltre 5 milioni di cittadini stranieri (1,9% in più in un anno), l’8,2% del totale dei residenti.

REDDITI – Nel 2014 il Pil pro capite nel Mezzogiorno (16.761 euro) è quasi la metà di quello del Nord Ovest (30.821). La media nazionale era di 25.256 euro. L’incidenza della povertà, relativa e assoluta, tra 2013 e 2014 è risultata sostanzialmente stabile. Nel 2014 l’indicatore di grave deprivazione materiale, spia delle difficoltà economiche, segna una riduzione ma il problema riguarda ancora 4 milioni di persone solo al Sud.

STUDIO – Sono oltre 2,3 milioni (il 25,7% del totale) i giovani 15-29enni che nel 2015 non studiano e non lavorano ma la quota è in calo rispetto al 2014. Sale in compenso nel 2015 la quota di chi, tra i 30-34enni ha conseguito un titolo di studio universitario, il 25,3%, lontano dal 40% fissato per la media europea”.

LAVORO – Nel 2015 sono occupate oltre 6 persone in età 20-64 anni su 10, ma è forte lo squilibrio di genere a sfavore delle donne (70,6% gli uomini occupati, 50,6% le donne) come il divario territoriale tra Centro-Nord e Mezzogiorno”. Sale inoltre al 14% l’incidenza del lavoro a termine

INDIETRO SUL WEB – Gli utenti di Internet nel nostro paese sono il 60,2% (circa 34 milioni 500mila persone), contro una media Ue a 28 del 75% ma solo il 40,3% si connette quotidianamente. La totalità delle regioni del Centro-Nord ha livelli di uso di Internet superiori al valore nazionale, nel Mezzogiorno la quota è più bassa. L’uso della rete è fortemente collegato all’età e ad eccezione dei più giovani, l’uso della rete è ancora caratterizzato da forti differenze di genere.

P.A & SANITA’ – La Pubblica amministrazione italiana nel 2014 spende 13.500 euro per abitante, un po’ più della media Ue a 28 ma meno di Francia, Germania e Regno Unito. Nel 2013 la spesa sanitaria pubblica si attesta intorno ai 2.400 dollari pro capite a fronte degli oltre 3.000 spesi in Francia e Germania.

CULTURA – Nel 2015 si stabilizza la quota di persone che leggono quotidiani (47,1%), aumenta quella di chi legge libri, anche se ancora sotto il 50%. Crescono anche i visitatori di musei, mostre,monumenti, le persone che vanno al cinema e la propensione a fare sport.

MOTORI – 610 autovetture per mille abitanti, l’Italia è di gran lunga uno dei paesi più motorizzati della Ue, siamo terzi dopo Lussemburgo e Lituania.

(di Monica Paternesi/ANSA)

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora