Fare impresa in Venezuela si può

Pubblicato il 10 aprile 2016 da redazione

SILVIO BESSONE III

Silvio Bessone, maître chocolatier noto nel mondo, importa il prodotto cacao dal Venezuela, ove tiene anche corsi di formazione, culturalizzazione e consulenza per diverse aziende locali e non. “Sono un maestro cioccolatiere e svolgo la mia attività partendo dai semi di cacao; il Venezuela è un partner privilegiato vista l’alta qualità del prodotto” dichiara e spiega: “non avrei mai conosciuto questa opportunità senza l’iniziativa della Camara de Comercio Venezolano-Italiana; un giorno mi è infatti arrivata una e-mail di invito a partecipare alla prima edizione di Chocco Venezuela, un evento che promuoveva e dava visibilità ad un mercato particolarmente in fermento nel paese e, da subito, si è instaurata una splendida collaborazione tra me e tutto lo staff che si è dimostrato disponibile e molto competente, oltre a dimostrare una coesione e una vitalità davvero uniche”.

Silvio Bessone prosegue nella narrazione di questa sua avventura imprenditoriale… “Da quel giorno sono state davvero tante le opportunità scaturite. Attualmente ho in corso un’importante collaborazione con la società KKO Real (socia della Camera nonchè Partner di Cavenit nel progetto finanziato dall’Ûnione Europea: “Fortalecimiento de iniciativas para el desarrollo Económico, Social y Ambiental de los Actores que participan en el proceso productivo desde el CACAO hasta el CHOCOLATE del Estado Miranda”, realizzato dal 2012 al 2014) con cui sto sviluppando, come consulente, una nuova linea di produzione di tavolette di cioccolato per il grande pubblico.

Molto interessante sotto il profilo tecnico è anche la collaborazione con la famiglia Franceschi in merito alla possibile applicazione del mio personale metodo per la fermentazione scientifica del cacao. L’ultima attività che vorrei citare e a cui tengo particolarmente è il progetto di solidarietà che sto sviluppando a Chuao per aiutare i ragazzi del luogo a migliorare la loro formazione scolastica attraverso anche una donazione che proviene da ogni tavoletta prodotta con il cacao di Chuao.E’ importante sottolineare come le due imprese precedentemente menzionate, sono tra le più importanti nel settore cacao e cioccolato del Venezuela”.

Bessone si sofferma ancora sulla sua esperienza all’estero, sottolineando che “frequentando spesso paesi di lingua spagnola, non ho avuto difficoltà nella comunicazione. Ho invece incontrato problemi a trattare con le aziende venezuelane, soprattutto per l’instabilità dei Bolivares, che non consente a nessuno di fissare un prezzo senza rischiare la svalutazione.

Il cacao che si produce in Venezuela è in ogni caso di elevata qualità e pregio e avere fornitori affidabili e diretti è sicuramente vantaggioso. Oggigiorno faccio mediamente uno o due viaggi all’anno nel paese sudamericano perchè il lavoro di consulente mi permette di poter servire i clienti anche attraverso la rete e a volte sono loro stessi a venire in Italia per svolgere il percorso formativo”.

E conclude: “per un imprenditore avere successo all’estero è molto gratificante perché non è attribuibile ad alleanze o fattori esterni ma soltanto alle proprie capacità. Non è facile fare bene gli imprenditori in Italia, dato lo stato di crisi economica, ma il mondo, per fortuna, ha ampi spazi per consentire di fare imprese di successo. Ritengo che le doti che hanno caratterizzato questa mia attività in Venezuela rappresentino contemporaneamente i miei pregi e i miei difetti… Bisogna infatti possedere caparbietà e determinazione, oltre all’entusiasmo che va sempre messo in ciò in cui si crede e la disponibilità a mettersi in gioco totalmente: la propria competenza, ovviamente, deve essere di alto livello, altrimenti le altre doti, pur necessarie, da sole non possono certamente garantire il successo”.

Jean Pietro Cattabriga, Segretario Generale della Camara de Comercio Venezolano-Italiana, spiega che “dopo un primissimo incontro con il maestro all’evento Chocco Andino svoltosi nel 2010 a Bogotà, abbiamo invitato Bessone come ospite speciale alle edizioni di Chocco Venezuela del 2010, 2011 e 2014; l’evento era organizzato dalla nostra Camera e rappresenta la manifestazione più importante del paese nel settore del cacao e del cioccolato, in cui si fondono l’eccellenza della materia prima locale e l’esperienza tecnologica italiana.

Da queste partecipazioni, attraverso la realizzazione di workshop e degustazioni, si sono intrecciati importanti rapporti con grandi aziende locali e, dalle varie visite realizzate alle piantagioni di cacao di Chuao, Barlovento e Río Caribe, anche contatti istituzionali. La presenza di Silvio Bessone in Venezuela ha contribuito ad arricchire l’interesse verso la cioccolateria di alta qualità e allo sviluppo di questo settore, anche attraverso l’esperienza presso il laboratorio delle Delizie di Bessone a Vicoforte (Cuneo) da parte di alcuni stagisti venezuelani”.

“Fare impresa all’estero si può” è un progetto di comunicazione digitale di Assocamerestero in collaborazione con la Camara de Comercio Venezolano-Italiana.

Ultima ora

14:37Totti: Zanetti, grazie ultimo imperatore Roma

(ANSA) - MILANO, 28 MAG - Da una bandiera ad un'altra bandiera, Javier Zanetti omaggia Francesco Totti, con un messaggio su Twitter, a poche ore dalla sua ultima partita con la maglia della Roma. "Caro Francesco - scrive il vicepresidente dell'Inter, ritratto con un paio di scarpini dorati 'griffati' dal capitano giallorosso - mancherai a tutti gli amanti di questo sport! Complimenti per quello che hai dato, ultimo imperatore di Roma!".

14:36Totti: Rudi Garcia, ‘non c’è fine, tu sei eterno’

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Oggi vestirai per l'ultima volta la tua seconda pelle Ma non c'é fine perché sei eterno.@Totti". Questo il tweet con cui l'ex allenatore della Roma Rudi Garcia, ora tecnico del Marsiglia, celebra il capitano oggi contro il Genoa all'ultima apparizione con la maglia giallorossa. Ai tempi della comune militanza a Trigoria i rapporti tra Garcia e Totti erano eccellenti.

14:10Tennis: Vinci subito eliminata a Parigi

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Roberta Vinci è stata subito eliminata dal torneo parigino del Roland Garros, cominciato questa mattina. La 34enne tarantina ha ceduto in tre set (6-3, 3-6, 6-2) alla portoricana Monica Puig, oro olimpico ai Giochi di Rio 2016. La sfida tra l'italiana n.33 Wta e la n.41 del ranking mondiale è durata dopo due ore e 50 minuti, con una breve interruzione per la pioggia. Al Roland Garros, secondo slam della stagione, la Vinci non è mai andata oltre gli ottavi e negli ultimi tre anni era uscita sempre al primo turno.

13:58L. elettorale: Salvini, ok qualsiasi legge purché si voti

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Da dicembre diciamo a Renzi di portare in Parlamento qualsiasi legge e la votiamo, portano il tedesco? Va bene il tedesco. Per noi va bene qualsiasi legge perchè confidiamo nella capacità degli elettori di saper scegliere. Ma bisogna andare al voto al più presto, già abbiamo perso troppo tempo e nel frattempo la disoccupazione è cresciuta e l'immigrazione è diventata una calamità naturale una invasione che deve essere bloccata". Così il leader leghista Matteo Salvini all'Intervista di Maria Latella su SkyTg24.

13:57Voucher: Orlando, tema non aprirà crisi ma spero riflessione

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 MAG - "Mi auguro di no". Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha risposto ha chi ha chiesto se il voto di Forza Italia con il Pd in commissione sui voucher potesse rappresentare un segnale per un patto tra Renzi e Berlusconi, il cosiddetto Renzusconi. Orlando ha escluso che sui voucher si possa aprire una crisi di Governo dopo che i deputati vicini al guardasigilli non hanno partecipato al voto. Alla domanda se sui voucher gli orlandiani potrebbero spaccare il Pd, il ministro ha risposto: "Mi porrò sulla questione come mi sono sempre posto. Io espongo le mie posizioni e poi mi attengo alle decisioni del partito. In un partito si deve stare così. Ma senza rinunciare a esprimere il proprio punto di vista".

13:56L. elettorale: Cicchitto, Renzi vuole liberarsi di Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Non è esatto quello che nell'intervista al Messaggero afferma il presidente Renzi e cioè che vuole attuare direttive del presidente della Repubblica. Anche i sampietrini sanno a Roma che il suo obiettivo principale è quello di liberarsi del governo Gentiloni senza lasciare impronte digitali troppo marcate e per ottenere questo risultato è disponibile a qualunque legge elettorale: tedesca, francese, spagnola o russa che sia". Così Fabrizio Cicchitto (Ap), presidente della Commissione Esteri della Camera.

13:56Gerusalemme avrà una funivia per la Città vecchia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 MAG - Gerusalemme avrà presto una funivia in grado di scaricare migliaia di escursionisti all' ingresso meridionale della Città Vecchia: la cosiddetta porta dell'Immondizia, che è la più vicina al Muro del Pianto. Lo ha annunciato oggi il premier Benyamin Netanyahu nel corso di una seduta di governo tenuta in via eccezionale in un'aula sotterranea vicino al Muro del Pianto, nel 50.mo anniversario della guerra dei sei giorni. Nel corso della seduta Netanyahu ha promesso che il suo governo farà investimenti ingenti a Gerusalemme e fra i vari progetti realizzerà anche quello di una funivia che partirà dall'edificio della antica stazione ferroviaria, sulla Hebron Road. I vagoni - secondo il sito del municipio di Gerusalemme - saranno in grado di trasportare quattromila persone all'ora. Il tragitto di 2,3 chilometri - che passerà sopra la vallata Ben Hinom e oltrepasserà il Monte Sion - durerà 5 minuti. ''Il primo viaggiatore sarò io stesso'' ha promesso Netanyahu.

Archivio Ultima ora