Renzi in Iran con le imprese italiane al seguito

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

Renzi e Rouhani durante la visita a Roma

Renzi e Rouhani durante la visita a Roma

TEHERAN. – Fate presto, con la fine delle sanzioni “ci sono tantissimi paesi in fila” per fare business in Iran. Con questo invito alle imprese italiane, il presidente Rohani aveva chiuso a gennaio la storica visita in Italia, la prima in Europa all’indomani del rientro a pieno titolo di Teheran nella comunità internazionale grazie all’accordo sul nucleare.

E dopo la missione di febbraio con 197 imprese, guidate dai ministri Delrio e Martina, Matteo Renzi vola a Teheran per una visita ai massimi livelli visto che, oltre al presidente iraniano, incontrerà sempre martedì anche la Guida Suprema del Paese sciita, l’ayatollah Ali Khamenei.

“Sono il primo ad andare in Iran” sottolinea Renzi con orgoglio, mettendo in evidenza il suo interesse per il Paese oggi guidato da Rohani. D’altra parte la politica dell’attenzione verso la repubblica islamica ha un illustre precedente, quello di Romano Prodi, che Renzi richiama dicendo di muoversi “in continuità” con l’ex leader dell’Ulivo.

Nonostante la polemica mondiale sui nudi coperti in Campidoglio, la missione di Rohani a Roma era stata considerata un successo per il governo italiano: contratti miliardari, una ventina di accordi bilaterali, in particolare nei settori minerario, energetico e infrastrutturale ma anche il comune impegno nella lotta al terrorismo dell’Isis.

Un rafforzamento di relazioni, già buone, tra i due Paesi che mette l’Italia in prima fila nella progressiva apertura al mercato annunciato dall’Iran che mira, secondo fonte Sace, ad attrarre tra i 30 e 50 miliardi di dollari di investimenti esteri annui. E con il ritiro delle sanzioni il nostro export potrebbe aumentare di quasi 3 miliardi di euro nei prossimi 4 anni.

Oltre all’oil&gas, i settori sui quali le imprese italiane puntano a ramificarsi nel Paese è quello dei trasporti (treni, aerei e auto, vista la necessità di rinnovare un parco circolante di 14 milioni di unità molto vecchio).

La decisa crescita demografica – attualmente sono 77 milioni gli iraniani ma si prevede che raggiungeranno i 100 milioni entro il 2050 – necessiterà di un’offerta abitativa adeguata e per questo significativi spazi di sviluppo sono attesi nel settore dei materiali da costruzione e dei macchinari per la lavorazione di marmo e granito, materie prime di cui il Paese è molto ricco.

Ma anche nel nuovo clima politico ed economico maturato a seguito dell’intesa con la comunità internazionale sulla questione nucleare, nella teocrazia iraniana, relazioni diplomatiche e investimenti viaggiano di pari passo. Per questo l’attenzione politica verso l’Iran è coltivata con cura dal governo Renzi con ben tre missioni di sistema, condotte da vari ministri.

Per favorire gli investimenti reciproci, il Consiglio dei ministri ha da poco approvato anche un ddl che ratifica l’accordo tra i due paesi per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni fiscali.

Renzi incontrerà martedì in mattinata, nel complesso di Sadabad, Rohani con il quale dopo il bilaterale pranzerà. Nel pomeriggio avrà un incontro con il presidente del Consiglio del discernimento Hashemi Rafsanjani e più tardi avrà un colloquio con la Guida Suprema Khamenei, massimo riconoscimento per un leader occidentale.

Mercoledì sarà la giornata della firma di memorandum e accordi delle imprese al termine del business forum alla Camera di Commercio di Teheran, al quale parteciperà anche il ministro degli Esteri Zarif.

(dell’inviata Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

08:46Mafia: Gabrielli, reato da cambiare

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Dobbiamo convincerci tutti che la corruzione è l'incubatrice delle mafie. E invece vedo un atteggiamento da scampato pericolo nei confronti della sentenza sul Mondo di Mezzo". Il capo della polizia Franco Gabrielli interviene a sostegno della tesi della procura di Roma sull'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. "Il procuratore capo Giuseppe Pignatone - dice - ha fornito un'interpretazione avanzata del reato. Non credo che in questo processo sia stato sconfitto". Probabilmente, osserva "bisogna rimodellare la formulazione del reato 416 bis".

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

Archivio Ultima ora