Produzione industriale non decolla, frenata a febbraio

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

produzione-industria-lavoro

ROMA. – La ripresa nelle fabbriche italiane compie un anno, ma ancora oscilla tra segni più e segni meno. Lo sanciscono gli ultimi dati Istat sulla produzione industriale a febbraio 2016. Esattamente un anno prima, infatti, è iniziata una serie di aumenti tendenziali interrotta da due sole eccezioni, a giugno e a dicembre 2015.

La festa, per il momento, appare però rimandata, visto che a fianco di un nuovo aumento della produzione rispetto all’anno precedente dell’1,2% e di un ulteriore balzo della fabbricazione degli autoveicoli (+15,3%), c’è un calo dello 0,6% rispetto al mese precedente.

Pesano sull’indice congiunturale l’energia (in flessione del 2,9% sul mese) e i beni di consumo (-0,5%). La contrazione resta comunque inferiore alle attese e segue il risultato da record di gennaio (+1,7%), che aveva visto la crescita maggiore dal 2011.

Il bilancio del primo trimestre potrebbe così rivelarsi in espansione, secondo le stime del Centro studi di Confindustria, con un aumento della produzione industriale dello 0,8% rispetto ai tre mesi precedenti, il più ampio dalla fine del 2010, oltre cinque anni fa.

Il Csc si attende per marzo un incremento della produzione dello 0,2% su febbraio e segnala per i prossimi mesi una “tendenza positiva” che emergerebbe dagli indicatori qualitativi anticipatori. Sulla stessa linea, l’ufficio studi di Confcommercio osserva che “la ripresa prosegue da oltre un anno e autorizza un cauto ottimismo”.

Tra le associazioni dei consumatori, invece, prevale il pessimismo: l’Unc sottolinea che, rispetto a prima della crisi, nel 2008, abbiamo perso un quarto della produzione industriale (il 23,4%) e Federconsumatori e Adusbef chiedono interventi per “avviare una vera ripresa” visto che “finora non è mai partita”.

Tra i macrosettori, guidano gli aumenti della produzione i beni strumentali (+6,9% sull’anno, +0,2% su mese), un segnale che sembra indicare una ripresa degli investimenti delle aziende. La crescita è diffusa a dieci comparti dell’industria in senso stretto su tredici.

Risultano in calo solo la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-5,5%), le industrie tessili, di abbigliamento, pelli e accessori (-2,4%) e la produzione di prodotti farmaceutici (-0,2%).

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

07:29Ucraina:ancora scontri polizia-dimostranti vicino Parlamento

MOSCA - Ancora scontri tra la polizia e i manifestanti accampati con le loro tende davanti al Parlamento ucraino. Ieri sera - stando a quanto riporta il Kyiv Post - si sono verificati nuovi scontri e la polizia ha bloccato momentaneamente l'accesso alla zona dove sorgono le tende. In una seconda ondata di tafferugli, gli agenti hanno fermato 11 persone per essersi rifiutate di restituire alla polizia una trentina di scudi antisommossa di cui si erano impossessate durante gli scontri del 17 ottobre.

07:04Filippine:ancora scontri a Marawi, leader Isis tra 13 uccisi

MARAWI (FILIPPINE) - Un leader malese dell'Isis e' probabilmente tra i 13 combattenti dello Stato islamico uccisi durante la notte in scontri a Marawi, citta' nel sud delle Filippine che solo due giorni fa e' stata liberata dai militanti islamici legati all'Isis che vi erano asserragliati da quasi cinque mesi, secondo quanto annunciato dal presidente filippino Rodrigo Duterte. Il generale Restituto Padilla ha detto che si attende il recupero del corpo per la conferma. Ha aggiunto che due ostaggi, una madre e la sua giovane figlia sono state liberate dopo il blitz.

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

Archivio Ultima ora