Giustizia: in Italia poca fiducia nei magistrati

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

giustizia-toghe

BRUXELLES. – Gli italiani non si fidano dei magistrati. E la giustizia italiana resta tra le più lente in Europa, anche se ci sono miglioramenti e Bruxelles apprezza gli sforzi che sta mettendo in campo il governo per voltare pagina.

E’ l’ultima conferma arrivata dallo ‘scoreboard’ Ue della giustizia, la tabella-indicatore messa a punto dalla Commissione europea per valutare la performance dei sistemi giudiziari dei 28 e utilizzata anche per il semestre europeo su riforme e squilibri.

Quest’anno, per la prima volte, vi è stata inserita la percezione dell’indipendenza dei giudici da parte dei cittadini, valutata in base a un’indagine dell’Eurobarometro.

A essere più scettici in Europa degli italiani sull’operato della magistratura, solo bulgari e slovacchi: la percezione da parte dei cittadini dell’indipendenza delle toghe per il 61% è abbastanza o molto negativa, e sale addirittura al 70% per le imprese. Tra le ragioni addotte, pressioni da parte del governo o di politici (69%), pressioni provenienti da interessi economici o di parte (65%), uno status dei giudici che non ne tutela l’indipendenza (48%).

Una situazione che la stessa commissaria Ue alla giustizia Vera Jourova ha riconosciuto posizionare l’Italia come “una tra le più basse in Europa”, ma allo stesso tempo considerandola come un retaggio degli anni scorsi.

Segnati dai conflitti tra l’ex premier Silvio Berlusconi e le toghe e non solo. “Sono consapevole del fatto che la persistenza di una percezione negativa dell’indipendenza della magistratura è eredità dei tempi e dei governi passati”, ha detto Jourova, mentre “apprezzo molto gli sforzi dell’attuale governo”, ha sottolineato.

E il Guardasigilli Andrea Orlando, con un tweet, ha sottolineato che lo ‘scoreboard’ Ue “certifica la bontà del primo anno di governo in materia di giustizia, 2014, miglioramenti ulteriori e più evidenti a fine 2015”.

Secondo l’analisi che emerge dal rapporto Ue illustrata dalla commissaria, “ci sono alcuni segni di miglioramento” nella giustizia italiana, in particolare “nell’efficienza del sistema giudiziario” dove “il numero di cause pendenti civili sta diminuendo in maniera costante”.

Sebbene queste restino nel loro complesso le terze più numerose tra i Paesi Ue per cui le cifre sono disponibili, queste sono comunque in calo passando dalle 8,1 in primo grado per 100 abitanti del 2010 alle 7,4 del 2014. Stesso discorso per i tempi.

“Il tempo necessario a risolvere le cause civili è diminuito dal 2014” ma, sottolinea la commissaria, “rimane uno dei più lunghi tra gli Stati membri”. Penultimi dietro Malta, il trend si è però invertito con 532 giorni in meda in prima istanza del 2014 contro i 590 del 2012.

In ogni caso, anche se molto resta ancora da fare, l’intesa sulla giustizia Roma-Bruxelles sembra buona. “Ho contatti molto intensi con il ministro della giustizia Orlando”, ha assicurato la commissaria Jourova, “e so quanto sia determinato nel realizzare le riforme nonché nel conseguire buoni risultati nel funzionamento del sistema giudiziario, oltre che a migliorarne la percezione da parte dei cittadini e delle imprese”.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

16:08Mose: Cantone, più problemi di quanto si potesse immaginare

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Per il Mose ci sono a dire il vero molti più problemi di quanto potessi immaginare. Ci sono anche un po' di incertezze e scarse chiarezze su una serie di cose che stanno avvenendo ma per un fatto di riservatezza non posso dire altro". L'ha detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. "Il commissariamento nella prima fase ha dato un segnale di discontinuità che c'è ancora - ha continuato - ma le difficoltà che stiamo incontrando adesso non sono tutte spiegabili e dobbiamo capire bene cosa sta avvenendo".

16:04Soffocò figlia tre mesi nel sonno, iniziato processo a Bari

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Con la costituzione delle parti e l'ammissione di liste testi e mezzi di prova è iniziato dinanzi alla Corte di Assise di Bari il processo nei confronti del 30enne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di tre mesi soffocandola nel sonno. L'uomo, presente oggi nella cella dell'aula, è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato. Già in udienza preliminare si era costituita parte civile l'ex compagna dell'imputato, Angela Acquaviva, madre della bimba deceduta. Stando alle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Simona Filoni, il 30enne avrebbe soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. La piccola era nata nell'ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo la Procura, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne.

15:45Fontana, dovrebbe cambiare Costituzione che parla di razze

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato": così Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia, è tornato a parlare delle polemiche per l'espressione 'razza bianca' che ha usato parlando della questione migrazione. A "Fatti e misfatti" su Tgcom24 ha comunque ricordato che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze".

15:16Migranti: Macron a Calais, ‘giungla non si ripeterà’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "In nessun caso lasceremo che una 'Giungla' possa riformarsi": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, rivolgendosi alle forze di sicurezza a Calais, città simbolo della crisi migratoria nel nord della Francia, dove, dopo 15 mesi dallo sgombero del campo irregolare di migranti, i problemi restano con la presenza di oltre 600 esiliati ancora sul posto e la speranza di raggiungere la Gran Bretagna. La missione di Macron punta anche a sedare le crescenti polemiche rispetto alla futura legge su asilo e immigrazione allo studio del governo di Parigi. Intanto, il Premio Nobel per la letteratura, Jean-Marie Gustave Le Clézio, denuncia la distinzione tra migranti economici e rifugiati in fuga dalla guerra tuonando contro una "insopportabile negazione di umanità".

15:16Moto: Iannone, io e Belen una coppia normale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una vita poco 'social' ma lo stesso piena d'amore e di passione, tanto che "succede che la sera mi ritrovo con Belen, mangiamo un brodino insieme e alle dieci a nanna. Mentre fuori il mondo parla". A parlare della sua nuova vita è Andrea Iannone, pilota della Suzuki e compagno da due anni della popolare showgirl che per la prima volta racconta la sua storia d'amore al settimanale 'Chi' nel numero in edicola domani. Parlando del tanto chiacchierato rapporto con la modella argentina, il 29enne abruzzese chiarisce "di preferire la realtà vera a quella social. Belen e io non amiamo farci foto insieme, adoriamo goderci il tempo insieme e questo, per chi vive sui social o sui giornali, è un grandissimo male. Noi veniamo anche giudicati per questo. Io e Belen ci siamo conquistati con il tempo e oggi so che è la donna della mia vita". "Questa storia può durare in eterno o finire - aggiunge il pilota Suzuki - ma io ringrazierò sempre di averla vissuta perché in ogni caso sono diventato un uomo migliore".

15:11Autonomia: Bonaccini, accordo con Governo prima di elezioni

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Sarà sottoscritta, salvo imprevisti, entro febbraio, e quindi prima delle elezioni politiche, l'intesa preliminare fra Governo, Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto per l'ottenimento di maggiore autonomia. Lo ha annunciato, nell'aula del consiglio regionale, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. La firma, ha detto Bonaccini, porrebbe "un punto fermo alla vigilia delle imminenti elezioni politiche, dal quale il nuovo esecutivo, di qualsiasi colore sia, non potrà più tirarsi indietro. Se si concluderà con esito positivo sarà un percorso di portata storica. Per la prima volta si riapre il dibattito sul regionalismo, in vista di una valorizzazione delle autonomie nella cornice sacra dell'unità del nostro Paese. Proveremo a superare il disagio che il centralismo statale ha creato nelle regioni più virtuose per innescare una competizione positiva che porti a comportamenti più efficienti". (ANSA).

15:05Calcio: Bari, una maglia speciale per 110 anni del club

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Una maglia speciale, firmata Peroni, per celebrare i 110 anni del Bari. In occasione dell'anniversario della fondazione della società biancorossa, i dirigenti del Football club Bari 1908 hanno incontrato stampa e tifosi per presentare la nuova divisa che i calciatori indosseranno nei prossimi incontri di campionato contro Cesena ed Empoli, una maglia bianca con strisce laterali rosse. Il 15 gennaio 1908 a Bari fu fondata la prima società calcistica cittadina. Una squadra che in 110 anni di storia ha mantenuto immutati i colori sociali: il bianco e il rosso. Gli stessi di Birra Peroni, presente a Bari fin dal 1924 "Siamo davvero orgogliosi di celebrare da protagonisti questo anniversario - ha detto Pierluigi Quattrini, sponsorship & events manager di Birra Peroni - Birra Peroni è parte della storia e dell'identità della città di Bari. Quest'anno con Peroni sulla maglia del FC Bari 1908 il sogno di molti è diventato realtà".

Archivio Ultima ora