Aborto: Strasburgo bacchetta l’Italia, viola i diritti delle donne

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

"L'aborto in Italia è troppo difficile": il richiamo di Strasburgo

“L’aborto in Italia è troppo difficile”: il richiamo di Strasburgo

STRASBURGO. – Dopo quasi 40 anni dalla sua entrata in vigore, la legge 194 che regola in Italia l’interruzione di gravidanza non riesce a garantire a tutte le donne che lo desiderino o vi siano costrette di poter abortire in una struttura pubblica senza dover viaggiare per l’Italia o all’estero per farlo.

A puntare il dito sulla cattiva applicazione della legge 194 e sulla conseguente violazione del diritto alla salute delle donne – ma anche sulla penalizzazione e discriminazione del personale medico che non ha optato per l’obiezione di coscienza – è il comitato europeo dei diritti sociali del Consiglio d’Europa con una decisione sul reclamo presentato dalla Cgil.

Una decisione che ha stupito il ministro della salute Beatrice Lorenzin. “Mi riservo di approfondire con i miei uffici, ma sono molto stupita perché dalle prime cose che ho letto mi sembra si rifacciano a dati vecchi che risalgono al 2013. Il dato di oggi è diverso”, ha detto il ministro. “Non c’è alcuna violazione del diritto alla salute”.

La decisione è stata invece definita una “vittoria per le donne e per i medici, ma anche per l’Italia” da Susanna Camusso, segretario generale della Cgil. Il sindacato e il ministero della salute si sono confrontati per tre anni sulla questione dell’applicazione della legge 194 con l’invio di documenti e dati al comitato europeo dei diritti sociali del Consiglio d’Europa, davanti al quale si sono affrontati per l’ultima volta il 7 settembre scorso in un faccia a faccia durante un’udienza pubblica a Strasburgo.

Ed è valutando tutte le ‘prove’ che la Cgil e il ministero hanno presentato che il comitato è arrivato a concludere che l’Italia sta violando il diritto delle donne alla salute e discriminando il personale medico che ha scelto di non fare obiezione di coscienza e garantire così gli interventi di interruzione di gravidanza.

Per quanto riguarda l’accesso all’aborto il comitato, nelle sue conclusioni, osserva che questo non è garantito a tutte le donne, lo stesso giudizio che aveva già espresso nel 2014 nella decisione sul ricorso dell’ong Ippf-en.

Tra gli elementi che rendono “notevolmente difficile” alle donne ricorrere all’interruzione di gravidanza c’è la diminuzione sul territorio nazionale del numero di strutture dove si può abortire, ma anche la mancata sostituzione del personale medico che garantisce il servizio quando un’operatore è malato, in vacanza o va in pensione.

Per il comitato, il governo “non ha fornito sufficienti informazioni” per confutare le affermazioni fatte dalla Cgil. L’organismo del Consiglio d’Europa sottolinea inoltre che le misure adottate sinora dal governo, dalle regioni e dalle strutture sanitarie per far fronte alla situazione sono inadeguate a risolvere il problema.

Ed anche che la Cgil ha fornito un ampio numero di prove che dimostrano come il personale medico non obiettore sia discriminato e vittima di svantaggi diretti e indiretti in termini di carico di lavoro, distribuzione degli incarichi e opportunità di carriera.

(di Samantha Agrò/ANSA)

Ultima ora

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

21:25Questore Napoli, nessun giudizio negativo sul Comune

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - "Non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune consapevole delle difficoltà di amministrare una città complessa, anche dal punto di vista degli aspetti di criminalità ancora persistenti, e per la circostanza che per dieci anni sono stato assente dal territorio". Così il questore Antonio De Iesu. "In merito al colloquio tra il presidente della Regione On. De Luca e l'On. Impegno in un fuori onda desidero evidenziare che il contesto che ha caratterizzato l'incontro con il Governatore nel mio ufficio riguardava il sostegno espresso nei confronti delle forze di Polizia per i fatti dell'11 marzo a Fuorigrotta. A tal riguardo ho espresso il mio rammarico per la mancata solidarietà offerta dall'amministrazione comunale in favore dei 27 agenti delle forze dell'ordine coinvolti negli incidenti. Nel corso dell'incontro non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune".

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

Archivio Ultima ora