Mea culpa di Obama, sulla Libia il mio peggior errore

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

obama

WASHINGTON. – “Il mio errore peggiore? Probabilmente sbagliare nel pianificare il giorno dopo di quella che credevo fosse la cosa giusta da fare intervenendo in Libia”: Barack Obama sceglie la ‘nemica’ Fox News per fare un bilancio sommario dei suoi otto anni di presidenza, concedendo alla emittente conservatrice la prima intervista dopo due anni.

L’ammissione dell’errore non è nuova, ma non era stata così netta prima d’ora. Tanto che il Cremlino coglie la palla al balzo, vedendo confermate le proprie critiche: il presidente Vladimir Putin, ha sottolineato il suo portavoce Dmitri Peskov, “ha più volte espresso rammarico per le conseguenze dei passi fatti in Libia, sia per quanto riguarda le operazioni militari sia per l’eliminazione di Gheddafi”.

“Come possiamo vedere ora, la Libia è uno stato fallito e questa è la conseguenza diretta delle azioni di alcuni Paesi”, ha aggiunto Peskov.

Soffermandosi con l’anchorman Bill O’Really del seguitissimo Fox News Sunday sullo sbaglio che più ha pesato, Obama ha ricordato di non essere riuscito a programmare un percorso di transizione in Libia dopo l’intervento che portò alla caduta di Gheddafi.

Una responsabilità che però qualche settimana fa lo stesso Obama – in una intervista a The Atlantic – aveva addossato agli alleati europei, accusandoli di ‘opportunismo’, in particolare Regno Unito e Francia.

“Quando guardo indietro e mi chiedo cosa è andato storto, c’è spazio per le critiche, perché avevo più fiducia che gli europei, data la vicinanza alla Libia, investissero nel follow-up”, aveva accusato, puntando il dito in particolare contro il premier britannico David Cameron e l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy: il primo lasciatosi distrarre poi da altre questioni, mentre Sarkozy “voleva strombazzare la sua partecipazione alla campagna aerea nonostante il fatto che avevamo spazzato via tutte le difese aeree”.

Invece gli Usa, secondo il presidente Obama, fecero bene la loro parte, ottenendo un mandato Onu, costruendo una coalizione, evitando vittime civili su larga scala e prevenendo “quello che quasi sicuramente sarebbe stato un conflitto civile prolungato e sanguinario”.

Ma, nonostante tutto ciò, “la Libia è un caos”, aveva riconosciuto. Ora sono passate alcune settimane e, nell’ambito del sostegno della comunità internazionale alla Libia e al governo di unità nazionale libico, proprio domani Tunisi ospiterà una conferenza di “alti funzionari” alla quale parteciperanno rappresentanti di circa 40 Paesi (occidentali e arabi), 15 istituzioni finanziarie, organizzazioni regionali e internazionali.

La conferenza organizzata sotto l’egida della missione Onu in Libia (Unsmil) e dell’ambasciata britannica in Libia, con sede a Tunisi, servirà in particolare a identificare le priorità per l’assistenza internazionale alla Libia e coordinare gli aiuti (principalmente umanitari ed economici) che verranno richiesti dal governo di unità nazionale guidato da Fayez Al Sarraj.

E come ha affermato la Tunisia, sarà anche l’occasione per riaffermare la volontà di rispondere alle aspirazioni del popolo libico in materia di sicurezza, stabilità e dignità del Paese.

E in questo quadro, mentre si parla di un possibile nuovo intervento in Libia, Obama ha d’altro canto rassicurato nella sua intervista alla Fox che la sua “priorità assoluta” è quella di arrivare alla sconfitta dell’Isis, e che il suo “dovere numero uno” resta quello di proteggere i cittadini americani.

Ultima ora

10:19Esplosione bombola gas: muore paziente ricoverato

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - E' morto il più grave dei tre pazienti ricoverati nel Cardarelli di Napoli in seguito all'esplosione lunedì scorso di una bombola di gas in una piscina. L'uomo, colpito da ustioni profonde su più del 90% del corpo, è deceduto nelle prime ore di questa mattina. Le sue condizioni era apparse subito gravissime. Lo si apprende da fonti della Direzione sanitaria.

10:18Meningite: Napoli, muore in Pronto soccorso Cardarelli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Un uomo di 36 anni è morto a causa della meningite la notte scorsa nel pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli di Napoli. Lo si apprende dal direttore generale Ciro Verdoliva il quale fa sapere che l'uomo è giunto in pronto soccorso ''in stato di coma e in imminente pericolo di vita'. Verdoliva sottolinea che sono state attivate, come da protocollo, tutte le profilassi necessarie. ''Non esiste nel Cardarelli alcuna emergenza a seguito di questo caso'' ribadisce per non alimentare ''una psicosi ingiustificata''.

10:16Parigi: identificato kamikaze 13 novembre, era iracheno

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Gli inquirenti francesi hanno identificato formalmente uno dei due kamikaze che il 13 novembre 2015 si fecero esplodere allo Stade de France di Saint-Denis. Si trattava, si apprende questa mattina, di un iracheno con falso passaporto siriano, proveniente da Mosul. L'Isis, aggiungono gli inquirenti, indennizzò la famiglia del ventenne Ammar Ramadan Mansour Mohamad al Sabaawi con un risarcimento di 5.000 dollari americani e con un gregge di pecore.

08:22Contrabbando carburante in Sicilia, 14 arresti

(ANSA) - CATANIA, 18 GEN - Oltre 150 finanzieri del Comando provinciale di Catania, a conclusione di un'indagine coordinata dalla locale Procura distrettuale, stanno eseguendo 29 misure cautelari personali, di cui 14 arresti domiciliari e 15 provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il sequestro preventivo di 25 impianti di distribuzione stradale di carburante nelle province di Catania, Ragusa, Siracusa ed Enna. Agli indagati è contestata l'associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d'imposta (accise e iva), utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, falso ideologico, frode in commercio e turbata libertà del commercio. I particolari dell'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania. (ANSA).

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

Archivio Ultima ora