Mea culpa di Obama, sulla Libia il mio peggior errore

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

obama

WASHINGTON. – “Il mio errore peggiore? Probabilmente sbagliare nel pianificare il giorno dopo di quella che credevo fosse la cosa giusta da fare intervenendo in Libia”: Barack Obama sceglie la ‘nemica’ Fox News per fare un bilancio sommario dei suoi otto anni di presidenza, concedendo alla emittente conservatrice la prima intervista dopo due anni.

L’ammissione dell’errore non è nuova, ma non era stata così netta prima d’ora. Tanto che il Cremlino coglie la palla al balzo, vedendo confermate le proprie critiche: il presidente Vladimir Putin, ha sottolineato il suo portavoce Dmitri Peskov, “ha più volte espresso rammarico per le conseguenze dei passi fatti in Libia, sia per quanto riguarda le operazioni militari sia per l’eliminazione di Gheddafi”.

“Come possiamo vedere ora, la Libia è uno stato fallito e questa è la conseguenza diretta delle azioni di alcuni Paesi”, ha aggiunto Peskov.

Soffermandosi con l’anchorman Bill O’Really del seguitissimo Fox News Sunday sullo sbaglio che più ha pesato, Obama ha ricordato di non essere riuscito a programmare un percorso di transizione in Libia dopo l’intervento che portò alla caduta di Gheddafi.

Una responsabilità che però qualche settimana fa lo stesso Obama – in una intervista a The Atlantic – aveva addossato agli alleati europei, accusandoli di ‘opportunismo’, in particolare Regno Unito e Francia.

“Quando guardo indietro e mi chiedo cosa è andato storto, c’è spazio per le critiche, perché avevo più fiducia che gli europei, data la vicinanza alla Libia, investissero nel follow-up”, aveva accusato, puntando il dito in particolare contro il premier britannico David Cameron e l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy: il primo lasciatosi distrarre poi da altre questioni, mentre Sarkozy “voleva strombazzare la sua partecipazione alla campagna aerea nonostante il fatto che avevamo spazzato via tutte le difese aeree”.

Invece gli Usa, secondo il presidente Obama, fecero bene la loro parte, ottenendo un mandato Onu, costruendo una coalizione, evitando vittime civili su larga scala e prevenendo “quello che quasi sicuramente sarebbe stato un conflitto civile prolungato e sanguinario”.

Ma, nonostante tutto ciò, “la Libia è un caos”, aveva riconosciuto. Ora sono passate alcune settimane e, nell’ambito del sostegno della comunità internazionale alla Libia e al governo di unità nazionale libico, proprio domani Tunisi ospiterà una conferenza di “alti funzionari” alla quale parteciperanno rappresentanti di circa 40 Paesi (occidentali e arabi), 15 istituzioni finanziarie, organizzazioni regionali e internazionali.

La conferenza organizzata sotto l’egida della missione Onu in Libia (Unsmil) e dell’ambasciata britannica in Libia, con sede a Tunisi, servirà in particolare a identificare le priorità per l’assistenza internazionale alla Libia e coordinare gli aiuti (principalmente umanitari ed economici) che verranno richiesti dal governo di unità nazionale guidato da Fayez Al Sarraj.

E come ha affermato la Tunisia, sarà anche l’occasione per riaffermare la volontà di rispondere alle aspirazioni del popolo libico in materia di sicurezza, stabilità e dignità del Paese.

E in questo quadro, mentre si parla di un possibile nuovo intervento in Libia, Obama ha d’altro canto rassicurato nella sua intervista alla Fox che la sua “priorità assoluta” è quella di arrivare alla sconfitta dell’Isis, e che il suo “dovere numero uno” resta quello di proteggere i cittadini americani.

Ultima ora

13:01Migranti: “dateci cibo migliore”,200 protestano nel padovano

(ANSA) - PADOVA, 25 MAG - Nuova protesta, che è durata poco più di un'ora, dei profughi ospiti al centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova). Intorno alle 8 di oggi circa 200 migranti di origine africana ospitati nel centro di accoglienza allestito nell'ex caserma di San Siro sono scesi nella piazza principale del paese, davanti al Municipio per chiedere una qualità maggiore del cibo e un incremento delle attività del centro di accoglienza. La protesta si è conclusa intorno alle 9,30. L'ultima manifestazione a Bagnoli risale alla fine dello scorso gennaio quanto un cinquantina di richiedenti asilo bengalesi aveva manifestato stamane, davanti al centro di accoglienza bloccando l'ingresso e l'uscita dal campo per una trentina di minuti.

13:00Manchester: May, livello allerta resta critico

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Il livello dell'allerta anti-terrorismo resta "critico". Lo ha detto la premier britannica Theresa May parlando a Downing Street. Il primo ministro ha invitato i britannici a rimanere "vigili" contro la minaccia di nuovi attacchi.

12:56Nave Usa in mar Cinese meridionale, Pechino protesta

(ANSA) - PECHINO, 25 MAG - Il cacciatorpediniere Uss Dewey ha navigato entro le 12 miglia di una delle isole artificiali realizzate dalla Cina nelle Spratly, nelle acque contese del mar Cinese meridionale, nella prima operazione sulla "libertà di navigazione" della presidenza Trump. La Cina ha inviato due fregate che hanno "messo in guardia e allontanato" la Dewey dopo l'ingresso nelle acque territoriali "senza permesso", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa. "Abbiamo presentato un grave reclamo alla parte americana", ha aggiunto.

12:55Renzi, noi fatto bene su musei, sbagliato non cambiare i Tar

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il fatto che il Tar del Lazio annulli la nostra decisione merita il rispetto istituzionale che si deve alla giustizia amministrativa ma conferma - una volta di più - che non possiamo più essere una repubblica fondata sul cavillo e sul ricorso". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi. "Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i TAR". Lo dice Matteo Renzi su facebook.

12:54Manchester: minuto silenzio in Gb

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Un minuto di silenzio per le vittime della strage di Manchester è stato rispettato in tutto il Regno Unito alle 11 locali (le 12 in Italia). Nel centro della città inglese colpita dall'attacco terroristico centinaia di persone si sono riunite ad Albert Square, diventato uno dei luoghi simbolo della risposta della comunità alla tragedia.

12:52Calcio: al via assemblea Lega Serie A su diritti tv

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - E' cominciata l'assemblea della Lega Serie A, che affronterà fra l'altro il bando di vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sono presenti tutti i venti club, oltre alla Spal, invitata come uditrice assieme all'altra società neopromossa dalla Serie B, il Verona. All'ordine del giorno ci sono anche le 'attività promozionali della Lega Serie A in Italia e all'estero', fra cui c'è la proposta al regista premio Oscar Paolo Sorrentino di realizzare delle produzioni video che esaltino la bellezza del nostro calcio, da utilizzare per commercializzare i diritti tv internazionali. Alle 13, sempre nel palazzo milanese di via Rosellini, è in programma l'assemblea della Lega B, chiamata a eleggere il nuovo presidente, con il dubbio che per la terza volta di fila manchi il numero legale, in questa occasione per una mossa del fronte legato a Claudio Lotito.

12:49Calcio: Zeman, pulizia fatta con Calciopoli non basta

(ANSA) - CHIETI, 25 MAG - "Con Calciopoli si è fatta della pulizia, ma non basta. Il sistema lo fanno quelli che stanno dentro, e sarebbe importante per questo cambiare chi rovina il sistema. Diversi anni fa feci delle denunce e non mi fu vicino nessuno". Così Zdenek Zeman al seminario "I giovani per la legalità nello sport", organizzato presso l'Università 'D'Annunzio' di Chieti. Il tecnico del Pescara ha spiegato agli studenti il motivo per cui decise di denunciare le cose che secondo lui nel mondo del calcio non andavano: "Mi fu chiesto in una conferenza stampa cosa non andasse e dissi che se comandavano le farmacie non andava bene. Dissi, e ripeto oggi, che bisogna difendere i valori sani del calcio. Siamo noi però che dobbiamo dare l'esempio per primi in campo".

Archivio Ultima ora