Mea culpa di Obama, sulla Libia il mio peggior errore

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

obama

WASHINGTON. – “Il mio errore peggiore? Probabilmente sbagliare nel pianificare il giorno dopo di quella che credevo fosse la cosa giusta da fare intervenendo in Libia”: Barack Obama sceglie la ‘nemica’ Fox News per fare un bilancio sommario dei suoi otto anni di presidenza, concedendo alla emittente conservatrice la prima intervista dopo due anni.

L’ammissione dell’errore non è nuova, ma non era stata così netta prima d’ora. Tanto che il Cremlino coglie la palla al balzo, vedendo confermate le proprie critiche: il presidente Vladimir Putin, ha sottolineato il suo portavoce Dmitri Peskov, “ha più volte espresso rammarico per le conseguenze dei passi fatti in Libia, sia per quanto riguarda le operazioni militari sia per l’eliminazione di Gheddafi”.

“Come possiamo vedere ora, la Libia è uno stato fallito e questa è la conseguenza diretta delle azioni di alcuni Paesi”, ha aggiunto Peskov.

Soffermandosi con l’anchorman Bill O’Really del seguitissimo Fox News Sunday sullo sbaglio che più ha pesato, Obama ha ricordato di non essere riuscito a programmare un percorso di transizione in Libia dopo l’intervento che portò alla caduta di Gheddafi.

Una responsabilità che però qualche settimana fa lo stesso Obama – in una intervista a The Atlantic – aveva addossato agli alleati europei, accusandoli di ‘opportunismo’, in particolare Regno Unito e Francia.

“Quando guardo indietro e mi chiedo cosa è andato storto, c’è spazio per le critiche, perché avevo più fiducia che gli europei, data la vicinanza alla Libia, investissero nel follow-up”, aveva accusato, puntando il dito in particolare contro il premier britannico David Cameron e l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy: il primo lasciatosi distrarre poi da altre questioni, mentre Sarkozy “voleva strombazzare la sua partecipazione alla campagna aerea nonostante il fatto che avevamo spazzato via tutte le difese aeree”.

Invece gli Usa, secondo il presidente Obama, fecero bene la loro parte, ottenendo un mandato Onu, costruendo una coalizione, evitando vittime civili su larga scala e prevenendo “quello che quasi sicuramente sarebbe stato un conflitto civile prolungato e sanguinario”.

Ma, nonostante tutto ciò, “la Libia è un caos”, aveva riconosciuto. Ora sono passate alcune settimane e, nell’ambito del sostegno della comunità internazionale alla Libia e al governo di unità nazionale libico, proprio domani Tunisi ospiterà una conferenza di “alti funzionari” alla quale parteciperanno rappresentanti di circa 40 Paesi (occidentali e arabi), 15 istituzioni finanziarie, organizzazioni regionali e internazionali.

La conferenza organizzata sotto l’egida della missione Onu in Libia (Unsmil) e dell’ambasciata britannica in Libia, con sede a Tunisi, servirà in particolare a identificare le priorità per l’assistenza internazionale alla Libia e coordinare gli aiuti (principalmente umanitari ed economici) che verranno richiesti dal governo di unità nazionale guidato da Fayez Al Sarraj.

E come ha affermato la Tunisia, sarà anche l’occasione per riaffermare la volontà di rispondere alle aspirazioni del popolo libico in materia di sicurezza, stabilità e dignità del Paese.

E in questo quadro, mentre si parla di un possibile nuovo intervento in Libia, Obama ha d’altro canto rassicurato nella sua intervista alla Fox che la sua “priorità assoluta” è quella di arrivare alla sconfitta dell’Isis, e che il suo “dovere numero uno” resta quello di proteggere i cittadini americani.

Ultima ora

21:07Governo: Renzi, sosteniamo Gentiloni fino alle elezioni

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Tutti noi sosteniamo il presidente Gentiloni fino alle elezioni del 2018". Lo ha detto Matteo Renzi presentando il suo libro ai 'Granai'. Tornando poi alle questioni del Pd il segretario Dem ha spiegato che "noi possiamo stare due ore a discutere di coalizione, ma io la coalizione la voglio fare con i cittadini che hanno a cuore l'Italia".

21:06Vaccini: Camera, venerdì 28/7 il voto finale sul dl

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Venerdì 28 luglio, alle 12, si terrà nell'Aula della Camera il voto finale della Camera sul decreto legge sui vaccini. Il testo è stato oggi approvato dall'Aula del Senato. Lo ha deciso la Conferenza dei capigruppo di Montecitorio. L'esame del testo, su cui è scontata l'apposizione della questione di fiducia, avrà inizio da mercoledì.

21:06C.sinistra: Cuperlo, costruirlo ognuno a casa sua ma uniti

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Per vincere serve un nuovo centrosinistra. Per costruirlo lavoriamo assieme a un vero movimento che quel traguardo sia in grado di rilanciare. Ciascuno dalla sua casa e con le sue convinzioni ma uniti nella volontà di fermare i valori e le ricette della destra". Lo scrive in una nota l'esponente della minoranza Dem Gianni Cuperlo spiegando di leggere così "l'appello di Pisapia a far dialogare ciò che oggi appare diviso". "Non è di altre fratture o scissioni che abbiamo bisogno ma della spinta di tanti - partiti, associazioni, mondo del lavoro e della cultura - per un fronte largo, civico, inclusivo che ci faccia vincere, dalla Lombardia al Lazio e domani nelle elezioni politiche che decideranno il futuro del Paese", conclude.

20:57Migranti: sindaco Lampedusa, parole Kurz da naziskin

(ANSA) - LAMPEDUSA (AGRIGENTO), 20 LUG - "Una dichiarazione del genere me la sarei aspettata da un naziskin, non certo da un rappresentante delle istituzioni di un Paese della Comunità Europea. Evidentemente Kurz non sa neppure quanto è grande Lampedusa, e dimentica che nella nostra isola vivono seimila persone che si sentono europee". Così il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, commenta le parole del ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz sui migranti. "Dalle parole che ho letto - aggiunge il sindaco di Lampedusa - capisco che il ministro Kurz non sa come avvengono gli sbarchi, in quali condizioni vengono soccorsi i migranti che arrivano a Lampedusa, e non sa quanti sforzi compiono quest'isola e i suoi abitanti per l'accoglienza umanitaria".

20:54Calcio: Inter-Schalke, botta e risposta ironico su Twitter

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Botta e risposta su Twitter tra Inter e Schalke 04 che domani in Cina si sfideranno in amichevole. Il club nerazzurro dà appuntamento ai tedeschi: "Siete pronti come lo siamo noi per la Dragon city cup? Ci vediamo domani sera!". Pronta la risposta dello Schalke che, con ironia, ricorda le vittorie sulla squadra nerazzurra: "Certo! Non vediamo l'ora. Ci ricordiamo ancora bene di voi". E infatti i tedeschi sono stati un avversario ostico per l'Inter. Nel 1997 lo Schalke battè ai rigori in finale di Coppa Uefa la squadra allora allenata da Roy Hodgson. Poi, nel 2011, nell'andata dei quarti di Champions, fu un vero tracollo nerazzurro: ko per 5-2 a San Siro.

20:53Calcio: Spagna, convalidato l’arresto del presidente Villar

(ANSA) - MADRID, 20 LUG - Il giudice della Audiencia nacional di Madrid, Santiago Pedraz, ha convalidato l'arresto del presidente della Federcalcio spagnola (Rfef), Angel Maria Villar, e del figlio Gorka, accusati di corruzione e malversazione, disponendo il loro ingresso in carcere. I due Villar erano stati arrestati martedì, in un blitz ordinato dalla Procura anti-corruzione. Con loro erano finiti in manette il presidente e il segretario della federazione di Tenerife, Juan Padron, vicepresidente della Rfef, e Ramon Hernandez Baussou. I quattro arrestati sono stati interrogati oggi dal giudice, che poi ne ha convalidato l'arresto. Sono imputati per appropriazione indebita, truffa, falso, corruzione. Dopo l'arresto del suo presidente, la Rfef aveva rinviato sine die le riunioni previste questa settimana per fissare il calendario della Liga 2017/18. Il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, ha detto che la riunione si svolgerà domani e che il Governo spagnolo impedirà che i guai giudiziari di Villar influiscano sul campionato.

20:51Usa: O. J. Simpson, ‘ho scontato la mia condanna’

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - "Nulla di tutto questo sarebbe successo se avessi avuto miglior buon senso". Lo afferma O. J. Simpson, l'ex star del football, nel corso dell'udienza davanti alla commissione che deve decidere se concedergli la libertà condizionale. "Sono a un punto della mia vita in cui vorrei trascorrere la maggior parte del tempo con i miei figli e i miei amici. Non mi sono mai lamentato per nove anni, ho scontato la mia condanna". Simpson sta scontando una condanna a a 33 anni di carcere per rapina a mano armata e sequestro di persona. In passato e' stato prosciolto dall'accusa di omicidio della sua ex moglie Nicole e dell'amico Ronald Goldman nel 1994 a Los Angeles, in un processo che ha spaccato l'America tenendo milioni di telespettatori incollati alla tv. E l'udienza per la sua liberta' condizionale segue lo stesso copione: e' trasmessa in diretta da tutte le principali emittenti televisive.

Archivio Ultima ora