Una transizione negoziata per riscattare il Venezuela

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

DrogaJibaroBarrioCaracas

Ridotto all’osso. Se non proprio a capolinea, pericolosamente vicini. Quando un capo dello Stato, tra le tante raccomandazioni per evitare gli sprechi dell’energia elettrica, chiede alle donne di evitare l’uso dell’asciugacapelli vuol dire che non ci sono più margini di manovra. Insomma, che, a meno che non avvenga un miracolo, il “black-out” è ormai alle porte.

E’ quanto ha fatto il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, nei giorni scorsi, davanti alle cineprese dei “mass-media” pubblici e privati. Il “video” è diventato subito “virale” su internet. Tanti i commenti, un misto di preoccupazione, ironia e “umor nero”, dai quali emerge una profonda sensazione di frustrazione e rabbia.

La capitale, come al solito, è la “niña mimada”. Nelle sfere del potere si ha la convinzione, e forse è anche vero, che è proprio qui, nel centro delle attività politiche ed economiche, dove potrebbe iniziare la protesta; la scintilla destinata ad infiammare la prateria. Da qui, l’impegno ad evitare interruzioni dell’energia elettrica eccessivamente lunghe e la prolungata mancanza d’acqua corrente, fenomeni entrambi assai comuni in provincia.

“Virali” nella rete sono anche le denunce di ricatti dei distributori di alimenti nei quartieri popolari. Solo chi firma la petizione di abrogazione della Legge di Amnistia, stando ai “video” che circolano nella rete, avrebbe accesso all’acquisto di farina, pasta, zucchero, pollo, latte e burro a prezzi sussidiati. Vero o falso? Comunque sia, la rabbia cresce. Per il momento cova repressa assieme ai sentimenti di frustrazione e indignazione. E c’è chi si chiede quanto tempo ancora tarderà a esplodere.

Mentre i prezzi dei prodotti si moltiplicano con la stessa velocità con cui gli alimenti scompaiono dagli scaffali dei supermarket per riapparire, come per magia, in quelli del mercato nero, a prezzi impossibili nell’ambito politico continua lo scontro tra un Governo, trincerato dietro le istituzioni “fedeli” dello Stato e l’Opposizione, barricata nell’Assemblea nazionale.

Il governo del presidente Maduro ha posto sotto assedio il Parlamento, privandolo apparentemente d’ogni potere. I funzionari dello Stato, anche se non tutti a dir la verità, disertano le interpellanze parlamentari mentre la Corte Suprema rende effimera la creazione di nuove leggi da parte di quella che è, o dovrebbe essere, l’autentica espressione della volontà popolare: il Congresso.

Il capo dello Stato, come già fatto con altre Leggi approvate dal Parlamento, ha posto il quesito di costituzionalità alla Corte sulla Legge di Amnistia, approvata pochi giorni fa. In passato, fu la figura dell’Amnistia che permise la “politica di pacificazione” del presidente Rafael Caldera e diede la possibilità alla guerriglia di re-integrarsi alla vita del paese. Inoltre, fu proprio grazie ad una amnistia che l’estinto presidente Chávez riacquistò la libertà nel 1994, due anni dopo il fallito tentativo di “golpe” del 1992.

Il verdetto della Corte non è stato diverso da quelli precedenti. E cioè, ha dichiarato l’incostituzionalità della Legge di Amnistia e annullato tutti gli sforzi fatti dalle forze politiche dell’Opposizione per permettere ai prigionieri politici, o politici in prigione –eufemismo impiegato dal “chavismo”-, di tornare in libertà.

L’assedio al Parlamento, e l’intervento della Corte Costituzionale che evidentemente trasforma l’Assemblea Nazionale in un’“anatra zoppa”, arricchisce le ragioni che avallano la tesi del Tavolo dell’Unità secondo cui l’unica alternativa possibile per “ricostruire” il Paese politicamente ed economicamente sarebbero le dimissioni, volontarie o indotte dal referendum abrogativo, del presidente Maduro.

Il tempo stringe. La Costituzione impone scadenze improrogabili. Da qui la premura con cui l’Opposizione chiede da settimane al Consiglio Nazionale Elettorale di porre i paletti che permettano di procedere alla raccolta delle firme.

Il referendum abrogativo, comunque, non è la panacea. E di questo sono convinte le forze politiche. E’ sempre più numeroso il “partito” della transizione. E cioè, la corrente politica bipartisan che considera inevitabile, per risparmiare traumi al paese e impedire mali peggiori, una “salida negociada”, ossia un accordo che faciliti l’uscita di scena del Capo dello Stato.

Interessanti, a questo proposito, le argomentazioni illustrate dal connazionale Bruno Gallo, che non può certo essere accusato di conservatore o reazionario. Invitato al “Foro Venezuela 2016, ¿salida, golpe o acuerdo?”, Gallo ha esposto la necessità di una soluzione condivisa. Ovvero, una “soluzione” che soddisfi in ugual misura, i settori meno radicali dell’Opposizione, che sono la stragrande maggioranza, e quelli moderati del “chavismo”.

La distruzione del “chavismo” non può, né deve essere, l’obiettivo. Il rischio è di rendere ancora più profonde le divisioni politiche del Paese. Inoltre, la sua esistenza è garanzia di alternabilità futura nella conduzione del Paese e, quindi, espressione di democrazia e tolleranza.

Gallo, nel suo articolato intervento, sostiene che la “salida negociada” è ostacolata da settori militari, imprenditoriali, politici e della società che preferiscono l’imposizione alla dialettica. E spiega che il processo di negoziazione impone sacrifici e richiede il sostegno della maggioranza.

La “salida negociada”, stando a Gallo, rende necessario gettar ponti alle frange “chavistas” moderate, che cominciano a manifestarsi apertamente e sempre con più forza, e un Tavolo dell’Unità che sappia sottrarsi dall’influenza dell’ala radicale, minoritaria ma comunque assai attiva.

Intanto, sono sempre più numerosi i fatti di cronaca dai quali emergono la rabbia e le frustrazioni di una popolazione che si fa giustizia da sola, sostituendosi alle istituzioni “ad hoc” inefficienti, corrotte e deboli. Le forze dell’Ordine osservano inermi.

Oltre ai linciaggi, sempre più comuni, si sommano ora le vittime dei “justicieros”, sorta di “bande vendicatrici” che si dedicano ad eliminare fisicamente i presunti delinquenti. Agiscono in quei quartieri popolari in cui la malavita non è organizzata e le bande criminali ancora non hanno messo radici.

Se è vero quanto invece denunciato nei mass media, il Paese assiste oggi al fenomeno della formazione di “mega-bande” che dominano intere regioni. Ad esempio, l’asse “Cementerio-Coche”, Aragua-Carabobo e Guarico fino a Ocumare del Tuy. Bande queste, nate e cresciute fino ad essere vere e proprie organizzazioni criminali all’ombra delle “zonas de Paz”, decretate dal governo per permettere il reinserimento dei delinquenti nella vita della società e trasformate, grazie alla proibizione di agire della Polizia, in aree in cui i crimini vengono studiati a tavolino e realizzati in assoluta impunità.

Per concludere, i “Panama Papers”. Lo scandalo delle aziende offshore e dei paradisi fiscali ha coinvolto anche il Venezuela. Oltre 300 mila documenti, degli 11 milioni trafugati dal noto studio legale “Mossack Fonseca”, rivelano l’esistenza nel Paese di una fitta rete di corruzione che coinvolge personaggi di varia indole, tra loro anche alcuni vicini all’entourage dell’estinto presidente Chávez, prima; del presidente Maduro, poi.

Un numero imprecisato di industriali anonimi dei quali improvvisamente sono venute alle scoperto le immense ricchezze; militari che fino a ieri vivevano con un misero stipendio e sono diventati proprietari di aziende e grosse proprietà all’estero e aziende “offshore”; prestanomi che operano per conto di personaggi ancora senza nome. Ricchezze, tutte queste, facilitate dalla corruzione figlia della speculazione cambiaria e dagli eccessi del potere.

Nei prossimi giorni e settimane, sicuramente emergeranno nuove rivelazioni che potrebbero scuotere profondamente il mondo politico ed economico nazionale. E, speriamo che ciò non avvenga, anche la nostra comunità.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora