Una transizione negoziata per riscattare il Venezuela

Pubblicato il 11 aprile 2016 da redazione

DrogaJibaroBarrioCaracas

Ridotto all’osso. Se non proprio a capolinea, pericolosamente vicini. Quando un capo dello Stato, tra le tante raccomandazioni per evitare gli sprechi dell’energia elettrica, chiede alle donne di evitare l’uso dell’asciugacapelli vuol dire che non ci sono più margini di manovra. Insomma, che, a meno che non avvenga un miracolo, il “black-out” è ormai alle porte.

E’ quanto ha fatto il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, nei giorni scorsi, davanti alle cineprese dei “mass-media” pubblici e privati. Il “video” è diventato subito “virale” su internet. Tanti i commenti, un misto di preoccupazione, ironia e “umor nero”, dai quali emerge una profonda sensazione di frustrazione e rabbia.

La capitale, come al solito, è la “niña mimada”. Nelle sfere del potere si ha la convinzione, e forse è anche vero, che è proprio qui, nel centro delle attività politiche ed economiche, dove potrebbe iniziare la protesta; la scintilla destinata ad infiammare la prateria. Da qui, l’impegno ad evitare interruzioni dell’energia elettrica eccessivamente lunghe e la prolungata mancanza d’acqua corrente, fenomeni entrambi assai comuni in provincia.

“Virali” nella rete sono anche le denunce di ricatti dei distributori di alimenti nei quartieri popolari. Solo chi firma la petizione di abrogazione della Legge di Amnistia, stando ai “video” che circolano nella rete, avrebbe accesso all’acquisto di farina, pasta, zucchero, pollo, latte e burro a prezzi sussidiati. Vero o falso? Comunque sia, la rabbia cresce. Per il momento cova repressa assieme ai sentimenti di frustrazione e indignazione. E c’è chi si chiede quanto tempo ancora tarderà a esplodere.

Mentre i prezzi dei prodotti si moltiplicano con la stessa velocità con cui gli alimenti scompaiono dagli scaffali dei supermarket per riapparire, come per magia, in quelli del mercato nero, a prezzi impossibili nell’ambito politico continua lo scontro tra un Governo, trincerato dietro le istituzioni “fedeli” dello Stato e l’Opposizione, barricata nell’Assemblea nazionale.

Il governo del presidente Maduro ha posto sotto assedio il Parlamento, privandolo apparentemente d’ogni potere. I funzionari dello Stato, anche se non tutti a dir la verità, disertano le interpellanze parlamentari mentre la Corte Suprema rende effimera la creazione di nuove leggi da parte di quella che è, o dovrebbe essere, l’autentica espressione della volontà popolare: il Congresso.

Il capo dello Stato, come già fatto con altre Leggi approvate dal Parlamento, ha posto il quesito di costituzionalità alla Corte sulla Legge di Amnistia, approvata pochi giorni fa. In passato, fu la figura dell’Amnistia che permise la “politica di pacificazione” del presidente Rafael Caldera e diede la possibilità alla guerriglia di re-integrarsi alla vita del paese. Inoltre, fu proprio grazie ad una amnistia che l’estinto presidente Chávez riacquistò la libertà nel 1994, due anni dopo il fallito tentativo di “golpe” del 1992.

Il verdetto della Corte non è stato diverso da quelli precedenti. E cioè, ha dichiarato l’incostituzionalità della Legge di Amnistia e annullato tutti gli sforzi fatti dalle forze politiche dell’Opposizione per permettere ai prigionieri politici, o politici in prigione –eufemismo impiegato dal “chavismo”-, di tornare in libertà.

L’assedio al Parlamento, e l’intervento della Corte Costituzionale che evidentemente trasforma l’Assemblea Nazionale in un’“anatra zoppa”, arricchisce le ragioni che avallano la tesi del Tavolo dell’Unità secondo cui l’unica alternativa possibile per “ricostruire” il Paese politicamente ed economicamente sarebbero le dimissioni, volontarie o indotte dal referendum abrogativo, del presidente Maduro.

Il tempo stringe. La Costituzione impone scadenze improrogabili. Da qui la premura con cui l’Opposizione chiede da settimane al Consiglio Nazionale Elettorale di porre i paletti che permettano di procedere alla raccolta delle firme.

Il referendum abrogativo, comunque, non è la panacea. E di questo sono convinte le forze politiche. E’ sempre più numeroso il “partito” della transizione. E cioè, la corrente politica bipartisan che considera inevitabile, per risparmiare traumi al paese e impedire mali peggiori, una “salida negociada”, ossia un accordo che faciliti l’uscita di scena del Capo dello Stato.

Interessanti, a questo proposito, le argomentazioni illustrate dal connazionale Bruno Gallo, che non può certo essere accusato di conservatore o reazionario. Invitato al “Foro Venezuela 2016, ¿salida, golpe o acuerdo?”, Gallo ha esposto la necessità di una soluzione condivisa. Ovvero, una “soluzione” che soddisfi in ugual misura, i settori meno radicali dell’Opposizione, che sono la stragrande maggioranza, e quelli moderati del “chavismo”.

La distruzione del “chavismo” non può, né deve essere, l’obiettivo. Il rischio è di rendere ancora più profonde le divisioni politiche del Paese. Inoltre, la sua esistenza è garanzia di alternabilità futura nella conduzione del Paese e, quindi, espressione di democrazia e tolleranza.

Gallo, nel suo articolato intervento, sostiene che la “salida negociada” è ostacolata da settori militari, imprenditoriali, politici e della società che preferiscono l’imposizione alla dialettica. E spiega che il processo di negoziazione impone sacrifici e richiede il sostegno della maggioranza.

La “salida negociada”, stando a Gallo, rende necessario gettar ponti alle frange “chavistas” moderate, che cominciano a manifestarsi apertamente e sempre con più forza, e un Tavolo dell’Unità che sappia sottrarsi dall’influenza dell’ala radicale, minoritaria ma comunque assai attiva.

Intanto, sono sempre più numerosi i fatti di cronaca dai quali emergono la rabbia e le frustrazioni di una popolazione che si fa giustizia da sola, sostituendosi alle istituzioni “ad hoc” inefficienti, corrotte e deboli. Le forze dell’Ordine osservano inermi.

Oltre ai linciaggi, sempre più comuni, si sommano ora le vittime dei “justicieros”, sorta di “bande vendicatrici” che si dedicano ad eliminare fisicamente i presunti delinquenti. Agiscono in quei quartieri popolari in cui la malavita non è organizzata e le bande criminali ancora non hanno messo radici.

Se è vero quanto invece denunciato nei mass media, il Paese assiste oggi al fenomeno della formazione di “mega-bande” che dominano intere regioni. Ad esempio, l’asse “Cementerio-Coche”, Aragua-Carabobo e Guarico fino a Ocumare del Tuy. Bande queste, nate e cresciute fino ad essere vere e proprie organizzazioni criminali all’ombra delle “zonas de Paz”, decretate dal governo per permettere il reinserimento dei delinquenti nella vita della società e trasformate, grazie alla proibizione di agire della Polizia, in aree in cui i crimini vengono studiati a tavolino e realizzati in assoluta impunità.

Per concludere, i “Panama Papers”. Lo scandalo delle aziende offshore e dei paradisi fiscali ha coinvolto anche il Venezuela. Oltre 300 mila documenti, degli 11 milioni trafugati dal noto studio legale “Mossack Fonseca”, rivelano l’esistenza nel Paese di una fitta rete di corruzione che coinvolge personaggi di varia indole, tra loro anche alcuni vicini all’entourage dell’estinto presidente Chávez, prima; del presidente Maduro, poi.

Un numero imprecisato di industriali anonimi dei quali improvvisamente sono venute alle scoperto le immense ricchezze; militari che fino a ieri vivevano con un misero stipendio e sono diventati proprietari di aziende e grosse proprietà all’estero e aziende “offshore”; prestanomi che operano per conto di personaggi ancora senza nome. Ricchezze, tutte queste, facilitate dalla corruzione figlia della speculazione cambiaria e dagli eccessi del potere.

Nei prossimi giorni e settimane, sicuramente emergeranno nuove rivelazioni che potrebbero scuotere profondamente il mondo politico ed economico nazionale. E, speriamo che ciò non avvenga, anche la nostra comunità.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

13:34Mattarella a Atene,incontri politici e visita campo profughi

(ANSA) - ATENE, 17 GEN - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è arrivato ad Atene per una visita ufficiale in Grecia di due giorni. Tra i tanti temi in agenda centrali saranno sicuramente un'analisi congiunta della crisi migratoria e la situazione politica dell'unione europea soprattutto in materia di crescita e sviluppo. Il capo dello Stato incontrerà oggi il presidente della repubblica ellenica, Prokopis Pavlopoulos. Nel pomeriggio il programma di questa prima giornata prevede una visita di Mattarella al campo profughi di Eleonas. Concluderà la giornata una visita al parlamento greco.

13:33Calcio: Ranieri, tornare in Italia? Ora sto bene in Premier

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - "Quando tornerò in Italia? Io mi auguro di restare in Inghilterra, ci sto bene, anche se nel calcio un giorno sei alle stelle e quello dopo nella polvere, quindi mai dire mai". Così Claudio Ranieri, tecnico del Leicester, oggi a Firenze per la Hall of Fame del calcio italiano, cerimonia a Palazzo Vecchio dove l'allenatore campione della Premier League riceve il riconoscimento, nel gruppo dei tecnici italiani che hanno fatto la storia. Nel campionato italiano "la Juve resta la squadra da battere - ha proseguito Ranieri - anche se dietro ci sono club che incalzano e piano piano potrebbero riprenderla, questa è la legge del calcio". Intanto in Premier è in testa il Chelsea allenato da un altro italiano, Antonio Conte: "E' arrivato senza clamore ma sta dimostrando che la scuola italiana degli allenatori è quanto mai valida - ha sottolineato il tecnico romano - da ex allenatore del Chelsea e da tifoso italiano, spero che Conte possa centrare l'obiettivo".

13:33Ue-Italia: Brunetta, manovra bis eredità avvelenata Renzi

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La manovra correttiva che ci chiede l'Ue è eredità avvelenata che lascia Matteo Renzi. I suoi 1000 giorni sono stati negativi per Italia". Lo scrive su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. "Il governo - prosegue in un altro tweet - chiarisca al più presto la sua posizione e le sue contromisure. Padoan venga in Parlamento e dica come stanno le cose". " A Paolo Gentiloni - conclude - chiediamo discontinuità rispetto alla politica economica di Renzi. Servono chiarezza e trasparenza".

13:23Alpinismo: morto Abram, fu sul K2 nel 1954

(ANSA) - BOLZANO, 17 GEN - E' morto Erich Abram alpinista altoatesino: era l'ultimo componente della spedizione italiana sul K2 del 1954 ancora in vita. Ne ha dato notizia il Club alpinistico italiano Cai. Abram era nato a Vipiteno nel 1922. Il sodalizio che lo ebbe come socio onorario lo ricorda come un uomo "di carattere schivo e lontano dalle scene mediatiche". Abram (a destra nella foto) è deceduto in serenità la notte scorsa.

13:18Maltempo: sindaca Monsampietro Morico guida spazzaneve

(ANSA) - FERMO, 17 GEN - "Abbiamo alcune zone senza elettricità, quasi un metro di neve e le strade bloccate". Lo dice Romina Gualtieri, sindaca di Monsampietro Morico, 700 abitanti, uno dei Comuni terremotati delle Marche ora stretti nella morsa del maltempo. "Un'emergenza - racconta telefonicamente - che si aggiunge all'emergenza", tanto che la prima cittadina si è dovuta alternare alla guida del mezzo spazzaneve del Comune ("il trattoretto" lo chiama), con "il nostro unico dipendente", mentre il gruppo comunale della Protezione civile "sta rimuovendo dalla strada piante e alberi schiantanti dal peso della neve". Con gli sfollati "tutti in B&B nei pressi", è la viabilità notturna il problema principale, "con varie strade provinciali invase dalla neve e molti automezzi, anche attrezzati con catene e tutto il resto, bloccati o finiti di traverso. "Stiamo lavorando da 24 ore ininterrottamente - aggiunge Gualtieri - per soccorrere i conducenti e tirarli fuori".

13:15Saluto nazista a corteo pakistani, Daspo a 4 ultras

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Il questore di Brescia ha disposto il provvedimento di D.a.spo con divieto di accesso in tutti gli stadi e gli impianti sportivi nel territorio nazionale in occasione di tutti gli incontri di calcio, oltre ai luoghi di transito e trasporto di partecipanti a manifestazioni sportive, per quattro ultras appartenenti alla "Curva nord Brescia". Il provvedimento - spiega la Questura - è scaturito da un comportamento tenuto dai quattro in occasione di una manifestazione religiosa, l'11 dicembre per le vie della città. Al passaggio di un corteo che aveva visto la partecipazione di 5000 appartenenti alla comunità pakistana, i quattro erano usciti da un pub, inveendo con cori razzisti e gesta offensive. In particolare, era stato fatto il saluto nazista in direzione degli stranieri, oltre al gesto del dito medio e frasi come "botte, botte, botte".

13:13Incendi Genova: 300 sfollati e tre scuole chiuse

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Oltre ai quasi 300 sfollati dal quartiere Orizzonte di Pegli ci sono tre scuole chiuse in Val Varenna perché minacciate dalle fiamme. La decisione di non far svolgere le lezioni è stata presa autonomamente dai dirigenti scolastici. Lo rende noto l'assessore comunale alla Scuola Pino Boero. Le scuole sono la scuola dell'infanzia Val Varenna, la scuola media Alessi e il liceo Mazzini in piazza Bonavino. Sempre in Val Varenna due persone sono state sfollate dalla loro abitazione e ricoverate in ospedale. Tra Pegli e la Val Varenna operano 4 Canadair, un elicottero, 40 volontari e squadre di vigili del fuoco di Genova e provenienti in rinforzo da Milano, Emilia Romagna, Torino e Alessandria.

Archivio Ultima ora