Omicidio stradale: ha provocato morte moglie, resta in cella

(ANSA) – SALUZZO (CUNEO), 12 APR – Resta in carcere Ruslan Stirbu, l’operaio di 42 anni di Barge, nel Cuneese, accusato di omicidio stradale in seguito all’incidente in cui, sabato scorso, è morta sua moglie, Natalia Stirbu. Alla guida ubriaco, la sua auto si è schiantata contro un muro in via Moschetti, a Barge. La famiglia (con i coniugi, a bordo del veicolo c’erano i due figli di 9 e 10 anni), stava rientrando a casa dopo una festa con gli amici. Nell’urto la donna ha subito un violento trauma cranico, che le è costato la vita. L’uomo guidava con un tasso alcolemico tre volte superiore al consentito. Nelle prossime ore verrà ascoltato dal magistrato. La notizia dell’incidente mortale e dell’arresto dell’operaio, di origini moldave ma da anni residente in provincia di Cuneo, ha scosso la comunità bargese. Gli amici della coppia hanno aperto una sottoscrizione per raccogliere denaro a sostegno della difficile situazione famigliare venutasi a creare. Al momento non è ancora stata fissata la data del funerale della donna. (ANSA).

Condividi: