La riforma del Senato diventa legge tra le polemiche

Pubblicato il 12 aprile 2016 da redazione

Tabellone elettronico della Camera dei Deputati con il risultato del voto finale del disegno di legge sulle Riforme Costituzionali, Roma, 12 Aprile 2016.  ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Tabellone elettronico della Camera dei Deputati con il risultato del voto finale del disegno di legge sulle Riforme Costituzionali, Roma, 12 Aprile 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Dopo due anni e quattro giorni e 173 sedute complessive il Parlamento ha approvato definitivamente, con il sì della Camera (361 sì, 7 no e 2 astenuti), la riforma costituzionale che modifica il federalismo e trasforma il Senato in una Camera delle Autonomie Locali, composta da Consiglieri regionali e sindaci.

“Una giornata storica, la politica dimostra di essere credibile e seria”, ha commentato il premier Matteo Renzi. Una riforma “sbagliata e pericolosa” ha ribattuto Silvio Berlusconi annunciando battaglia con il referendum “per difendere la Repubblica Italiana dalla voglia di potere di un premier mai eletto” e “arrogante”. Una riforma teoricamente sollecitata da molti sin dalla Costituente, ma che a Montecitorio è stata votata dalla sola maggioranza, con le opposizioni che hanno abbandonato l’Aula per delegittimare questo voto.

La parola passerà agli elettori, chiamati a pronunciarsi in un referendum confermativo che dovrebbe svolgersi a ottobre e per il quale la stessa maggioranza ha annunciato di voler raccogliere le firme. Il clima di fortissima contrapposizione del voto contrasta con quello dell’8 aprile di due anni fa, quando il governo presentò in Senato il ddl Renzi-Boschi, che aveva l’ombrello del Patto del Nazareno con Fi.

Anzi il testo originale del governo è stato profondamente modificato a Palazzo Madama in prima lettura per accogliere le richieste di Fi (composizione del Senato) e Lega (limitazione della clausola di supremazia e competenze delle Regioni).

Un clima andatosi via via smarrendo per arrivare prima allo scontro frontale con il Carroccio, che si è unito a M5s e Sel, e poi alla rottura con Fi dopo l’elezione del presidente Mattarella nel gennaio 2015. Prima di abbandonare l’aula al momento del voto finale, le opposizioni sono state durissime, a partire dall’ex partner nelle riforme, cioè Fi, il cui capogruppo Renato Brunetta ha parlato del voto come di un “atto eversivo”.

Altrettanto duri sono stati Danilo Toninelli di M5s, Alfredo D’Attorre di SI, Cristian Invernizzi della Lega e Rocco Palese dei Conservatori. Uno scontro che ha riguardato solo in parte i contenuti della riforma bensì piuttosto l’atteggiamento assertivo del premier Matteo Renzi, confermato nel suo intervento in Aula quando ha affermato che si “giocherà tutto” con il referendum.

Ma proprio questo è un altro motivo di scontro visto che le opposizioni hanno sottolineato che esso è uno strumento di garanzia per chi in Parlamento si è opposto alle riforme e non una clava in mano alla maggioranza. Anche la minoranza del Pd, in un documento firmato da Gianni Cuperlo, Roberto Speranza e Sergio Del Giudice, ha chiesto al premier di non trasformare questo appuntamento in un “plebiscito” sulla sua persona o sul governo.

La minoranza Dem ha auspicato di riaprire il dialogo istituzionale con le opposizioni, soprattutto con Si, mettendo mano ad una modifica dell’Italicum, con l’attribuzione del premio di maggioranza alla coalizione e non al partito vincente. Per altro questo appello era stato fatto in aula da Barbara Pollastrini ma era stato sprezzantemente liquidato (“sono solo sospiri”) da Alfredo D’Attorre, il quale ha annunciato l’impegno per il “no” al referendum in chiave anti Renzi, così come gli atri esponenti dell’opposizione: “i cittadini manderanno a casa Renzi”, ha detto Brunetta.

Quindi il plebiscito sul premier che si vorrebbe allontanare in teoria viene invece evocato. “Le ragioni del ‘no’ – ha detto Renzi – non sono spiegabili. Il no si spiega solo con l’odio nei miei confronti”. Insomma è facile prevedere una campagna referendaria in cui i contenuti della riforma rischiano di scomparire.

(di Giovanni Innamorati/Ansa)

Ultima ora

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

21:54Calcio: Inter-Bologna, Gabigol esordio da titolare

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Gabigol per la prima volta titolare contro il Bologna in Coppa Italia. Il giovane attaccante brasiliano partirà dal primo minuto, al fianco di Joao Mario e Eder, con Palacio unica punta. Una chance importante per Barbosa che finora e' stato utilizzato solo nei minuti finali di tre partite di campionato. Una gestione che ha sollevato molte polemiche, soprattutto da parte dell'agente che aveva anche ipotizzato il trasferimento in prestito del giocatore. Gabigol, costato quasi 30 milioni di euro, questa sera negli ottavi di Coppa Italia avrà quindi la possibilità di dimostrare il suo valore. Torna anche Medel, che formera' la coppia di centrali con Murillo. Terzini D'Ambrosio e Ansaldi, mentre a centrocampo confermati Gagliardini e Kondogbia. In porta c'e' Carrizo al posto di Handanovic.

21:50Raggi: difficile governare Roma, ma città sta cambiando

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Governare Roma "non lo definirei un peso ma un onore, certo è una città difficile, ci sono responsabilità, le conoscevamo prima di candidarci e siamo pronti a farcene carico come stiamo già facendo". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi intervistata a 'di Martedì' su La7. "La città sta cambiando ma quando si costruisce si deve fare la buca, scavare, costruire le fondamenta. Gli operai sono a lavoro a costruire solide fondamenta", ha aggiunto. "La macchina amministrativa è uscita fuori da Mafia Capitale a pezzi, quindi noi tutti insieme ci stiamo facendo carico di ricostruire la macchina - ha sottolineato -. Quando è ricostruita possiamo iniziare a guidare". La Raggi ha parlato anche del caso Marra ("è stato un errore ma ora è un capitolo chiuso") e della collega di Torino, Chiara Appendino, in testa ai gradimenti. "Ognuno deve fare il sindaco della propria città, è brava", ha detto. E sul possibile avviso di garanzia: "si leggono e si valuta cosa fare".

Archivio Ultima ora