Insegnante uccisa: Defilippi e Obert, confronto in procura

(ANSA) – IVREA (TORINO), 13 APR – Faccia a faccia, in procura a Ivrea, tra Roberto Obert e Gabriele Defilippi, i complici-amanti accusati dell’omicidio dell’insegnante di Castellamonte Gloria Rosboch. Il confronto, davanti al pm Giuseppe Ferrando, si preannuncia duro e aspro: le versioni dei due divergono infatti sull’omicidio e sull’occultamento del cadavere della donna, che lo scorso 13 gennaio è stata strangolata e poi gettata in una ex discarica. Un delitto feroce, per mettere a tacere l’insegnante, da cui Defilippi si era fatto consegnare 187 mila euro in cambio della promessa mai mantenuta di una vita insieme in Costa Azzurra. “L’ha uccisa lui”, sostiene Obert. “No, è stato lui”, ribatte Defilippi, che della vittima era stato allievo. Il faccia a faccia, alla presenza dei propri legali, è videoregistrato. Per il delitto è in carcere anche Caterina Abbattista, la madre di Defilippi. Una seconda donna è indagata per essersi finta dipendente di banca per convincere la vittima a consegnare il denaro a Defilippi.(ANSA).

Condividi: