Mattarella: no a muri e barriere, sono una zavorra per l’Ue

Pubblicato il 13 aprile 2016 da redazione

A migrant man trying to remove barbed wire along the fence clashes with Macedonian police at the northern Greek border point of Idomeni, Greece, Wednesday, April 13, 2016. New clashes have broken out between Macedonian police and stranded refugees and other migrants trying to scale a fence on Greece's border with the country. (ANSA/AP Photo/Amel Emric)

A migrant man trying to remove barbed wire along the fence clashes with Macedonian police at the northern Greek border point of Idomeni, Greece, Wednesday, April 13, 2016. New clashes have broken out between Macedonian police and stranded refugees and other migrants trying to scale a fence on Greece’s border with the country. (ANSA/AP Photo/Amel Emric)

TORINO. – “I muri non basteranno a proteggerci. Le barriere che dividono l’Europa sono una zavorra che ne appesantisce il cammino”. Dal Teatro Regio di Torino, dove conclude la seconda edizione del forum per il dialogo italo-tedesco, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dice un chiaro no alla decisione delle autorità austriache di costruire una barriera anti-migranti al Brennero.

“Tornare indietro da Schengen sarebbe un atto di autolesionismo, per tutti. Bisogna trovare soluzioni per le migliaia di donne e uomini che fuggono da guerre, violenze, devastazioni e bussano alle porte della Ue”, avverte il capo dello Stato.

“La gestione di migliaia di profughi rimane la maggiore sfida che l’Europa deve affrontare”, sottolinea il presidente della Repubblica Federale Tedesca, Joachim Gauck. “Non è erigendo muri e rinchiudendosi nei confini nazionali che l’Europa sarà al riparo dall’ininterrotto flusso di migranti”, concorda il sindaco di Torino, Piero Fassino.

Contro il capo dello Stato torna a scagliarsi il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini: “Mentre in Italia raddoppiano gli sbarchi e l’Austria si protegge… Mattarella: ‘No a muri e barriere, sono zavorre’. Caro presidente, la zavorra sei tu”.

Tra le priorità dell’Europa c’è anche il governo dell’economia, che per Mattarella “rimane, per molti versi, un nodo irrisolto nell’ambito dell’Eurozona”. “Non possiamo certo affermare – spiega – che dal 2014 si sia riusciti a individuare una soluzione stabile, anche se sono state compiute alcune scelte positive, e tra queste va collocato l’indirizzo seguito dalla Bce. Ora la credibilità della risposta dell’Unione si misurerà sulla concreta operatività del Piano Juncker per gli investimenti e della Comunicazione della Commissione sulla flessibilità”.

L’obiettivo è l’unità dell’Europa, avere un progetto comune, non esiste “un piano B fondato su una presunta via nazionale alla soluzione dei problemi che interpellano il Continente”, sottolinea il capo dello Stato davanti a una platea composta anche da 500 studenti.

“La pressione migratoria, le crisi aperte alle porte dell’Europa, le instabilità in alcune regioni dell’Africa e del medio Oriente, il flagello del terrorismo” indicano chiaramente “che occorre fare di più, e che occorre farlo attraverso uno sforzo realmente corale”.

Sul fronte della sicurezza bisogna “rafforzare la collaborazione tra gli Stati dell’Unione, superando resistenze alla necessità di mettere in comune capacità e conoscenze”. Identico lo spirito che deve animare la lotta al terrorismo. Per Mattarella c’è nella “voce dei cittadini europei, che si è levata alta per chiedere di combattere la barbarie del terrorismo, la più viva testimonianza di una pressante domanda di unità dell’Europa che non può rimanere inascoltata e che anzi deve ricevere coerente e rapida risposta”.

Secondo Mattarella “l’Unione ha bisogno di intervenire sulle cause profonde dell’instabilità. Ha bisogno di esprimersi con una sola voce autorevolmente, sviluppando una politica estera coerente con i propri valori fondanti. Vivere sicuri significa avere alle proprie frontiere popoli che in pace possano vivere e progredire”.

Nella giornata torinese Mattarella incontra anche Maria Sole Agnelli e John Elkann, presidente e vicepresidente della Fondazione Agnelli, che gli illustrano le iniziative in programma per festeggiare i 50 anni dell’ente di ricerca. Altra tappa a Palazzo Madama per la mostra dell’Ermitage e la cena di gala.

(di Amalia Angotti/ANSA)

Ultima ora

14:35Calcio: Montella punge Sarri, Napoli ha budget da Champions

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 20 GEN - "Bisogna alzare l'asticella anche per arrivare in Europa League". Vincenzo Montella sogna la Champions ma avverte il suo Milan che anche per il traguardo minimo serve di più, a partire dalla sfida di domani con il Napoli. "E' una partita di alta classifica, e questo è motivo di orgoglio e responsabilità ma non dobbiamo accontentarci: vale molto in termini di risultato -ha detto il rossonero. Affrontiamo una squadra fortissima che gioca a alti livelli da anni, che ha iniziato un percorso internazionale con Benitez ed è costruita con un budget da Champions, per giocare tre competizioni. E lo dico al mio amico Sarri che ci tiene ai fatturati...". "E' uno stimolo in più affrontare il Napoli nel suo miglior momento" ha notato Montella, augurandosi che la visita di Maradona a Napoli "abbia distratto allenatore e giocatori: lui è uno che muove cuori e coscienze dei napoletani, mi auguro che la sua presenza abbia disturbato".

14:34Rigopiano: Cc, 8 i vivi, 2 bambini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sono arrivati a otto i sopravvissuti della tragedia dell'hotel Rigopiano. Tra loro - si apprende dai carabinieri - due bambini. Due al momento le persone estratte dalle macerie.

14:33Maltempo: Sardegna, si spala ancora, ora rischio esondazioni

(ANSA) - NUORO, 20 GEN - Piove a Nuoro città, ma nei paesi di montagna ha ripreso a nevicare. All'indomani delle polemiche tra i sindaci e la Protezione civile, con i primi che accusano di essere stati lasciati soli nel pieno dell'emergenza e la Regione che parla di evento eccezionale e di una palese impreparazione da parte dei Comuni, si continua a lavorare per ripristinare la viabilità e togliere così dall'isolamento interi paesi, da Fonni a Desulo a Talana ma anche vaste zone dell'Ogliastra. Si teme ora per le esondazioni: a Torpè sono ancora evacuate le famiglie della parte bassa del paese per paura che la diga straripi. Le scuole rimangono chiuse nei centri più alti, a Nuoro invece sono state riaperte. Sul fronte delle strade, si lavora incessantemente sulla statale 389 da Jenna Erru e Lanusei per liberare la carreggiata dalla neve: per farlo è arrivato un potente spazzaneve a turbina dell'Anas. Già sgombra invece la bretella che dalla 389 collega l'abitato di Fonni, mentre i mezzi dell'Anas sono all'opera sulla provinciale 7 Fonni-Desulo e sulla 71 Tonara-Tascusì. "Sulle cime nevica - conferma all'ANSA l'assessore ai Lavori Pubblici di Fonni Mario Piras - speriamo non arrivi anche in paese. Stiamo lavorando per raggiungere alcuni ovili isolati con ruspe di privati e per liberare le strade dalla montagna di neve e ghiaccio. Ci preoccupano gli allevamenti, la nostra principale attività - sottolinea - sono molti i capannoni crollati sotto il peso della neve e tantissimi gli animali morti per assideramento. Il danno ancora non si può quantificare, lo faremo nelle prossime ore. Piuttosto non siamo pronti per il turismo del fine settimana: l'invito è di non venire a Fonni - avverte Piras - non siamo in grado di assicurare la transitabilità delle strade e non abbiamo gli spazi per i parcheggi". L'unità di crisi della Prefettura di Nuoro è sempre attiva. Il vice prefetto Vincenzo D'Angelo fa sapere che un elicottero sta sorvolando la zona di Montes, a Orgosolo, dove ci sono tanti ovili isolati e animali senza sostentamento. Elicottero che più tardi si sposterà nell'agro di Urzulei. (ANSA).

14:31Ferisce alla gola uomo, arrestato giornalista a Forlì

(ANSA) - FORLÌ, 20 GEN - E' stato arrestato dai carabinieri con l'ipotesi di tentato omicidio Antonio De Carolis, 45 anni, giornalista noto in Romagna per la sua attività in una emittente televisiva e per essere il figlio di Stelio De Carolis, per oltre un ventennio politico di spicco del Pri, senatore per alcune legislature e con incarichi governativi in qualità di sottosegretario al ministero della difesa. De Carolis al culmine di una lite scoppiata, ieri pomeriggio, all'interno della sua abitazione a Meldola, sulle prime colline forlivesi, avrebbe colpito alla gola con un fendente scagliato con un paio di forbici un 31enne, già noto alle forze dell'ordine, ospite nella casa assieme ad una donna. Sarebbe stato lo stesso De Carolis a chiamare i soccorsi. Il 31enne è stato trasportato d'urgenza al trauma center dell'ospedale Bufalini di Cesena, e sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Non è in pericolo di vita, ma, sarebbe bastata una diversa traiettoria del fendente di pochi millimetri per danni potenzialmente mortali.(ANSA).

14:31Sci: Italia sul podio, Innerhofer 2/o SuperG Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 20 GEN - Italia ancora sul podio nella coppa del mondo di sci. L'azzurro Christof Innerhofer e' arrivato 2/o nel superG di Kitzbuehel in 1.11.34. E' il 14/o podio in carriera per il campione altoatesino di 32 anni ed il 19/o per l'Italia in questa stagione. Vince l'austriaco Matthias Mayer in 1.11.25. Terzo lo svizzero Beate Feuz in 1.11.69. Per l'Italia ci sono poi Dominik Paris 6/o in 1.12.04 e Peter Fill 7/o in 1.12.09.

14:30Trump: proteste in Cisgiordania

(ANSAmed) - GERUSALEMME, 20 GEN - Centinaia di palestinesi hanno manifestato a Ramallah, Hebron e Nablus, in Cisgiordania, contro l'intenzione del presidente eletto Donald Trump, che oggi si insedia alla Casa Bianca, di trasferire l'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Le manifestazioni, organizzate in gran parte da Fatah, il partito del presidente Abu Mazen, hanno confermato la contrarietà della leadership palestinese alla mossa. A Nablus, il governatore Akram Rujoub - citato dai media di Ramallah - ha detto che la protesta "è il messaggio nazionale palestinese al mondo in cui si esprime chiaramente che qualsiasi cambio di questa fatta della politica Usa" ha il significato che "non ci sarà uno Stato palestinese o diritti nazionali per il popolo". "Questo - ha spiegato - è il più pericoloso messaggio che Trump potesse mandare".

14:24Papa: cristiani superino la mentalità che condanna sempre

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 GEN - Vincere la mentalità egoista dei dottori della legge che sempre condanna. E' stato il monito di papa Francesco nella messa mattutina di oggi a Casa Santa Marta. Prendendo spunto dalla Prima Lettura, il Papa ha sottolineato che la nuova alleanza che fa Dio con noi in Gesù Cristo ci rinnova il cuore e ci cambia la mentalità. Francesco - riferisce Radio Vaticana - ha fatto l'esempio di un'opera alla quale un architetto può guardare in modo freddo, con invidia oppure con un atteggiamento di gioia e "benevolenza": "La nuova alleanza ci cambia il cuore e ci fa vedere la legge del Signore con questo nuovo cuore, con questa nuova mente", ha detto. "Pensiamo ai dottori della legge che perseguitavano Gesù. Questi facevano tutto, tutto quello che era prescritto dalla legge, avevano il diritto in mano, tutto, tutto, tutto. Ma la loro mentalità era una mentalità lontana da Dio. Era una mentalità egoista, centrata su loro stessi: il loro cuore era un cuore che condannava, sempre condannando".

Archivio Ultima ora