Mattarella: no a muri e barriere, sono una zavorra per l’Ue

Pubblicato il 13 aprile 2016 da redazione

A migrant man trying to remove barbed wire along the fence clashes with Macedonian police at the northern Greek border point of Idomeni, Greece, Wednesday, April 13, 2016. New clashes have broken out between Macedonian police and stranded refugees and other migrants trying to scale a fence on Greece's border with the country. (ANSA/AP Photo/Amel Emric)

A migrant man trying to remove barbed wire along the fence clashes with Macedonian police at the northern Greek border point of Idomeni, Greece, Wednesday, April 13, 2016. New clashes have broken out between Macedonian police and stranded refugees and other migrants trying to scale a fence on Greece’s border with the country. (ANSA/AP Photo/Amel Emric)

TORINO. – “I muri non basteranno a proteggerci. Le barriere che dividono l’Europa sono una zavorra che ne appesantisce il cammino”. Dal Teatro Regio di Torino, dove conclude la seconda edizione del forum per il dialogo italo-tedesco, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dice un chiaro no alla decisione delle autorità austriache di costruire una barriera anti-migranti al Brennero.

“Tornare indietro da Schengen sarebbe un atto di autolesionismo, per tutti. Bisogna trovare soluzioni per le migliaia di donne e uomini che fuggono da guerre, violenze, devastazioni e bussano alle porte della Ue”, avverte il capo dello Stato.

“La gestione di migliaia di profughi rimane la maggiore sfida che l’Europa deve affrontare”, sottolinea il presidente della Repubblica Federale Tedesca, Joachim Gauck. “Non è erigendo muri e rinchiudendosi nei confini nazionali che l’Europa sarà al riparo dall’ininterrotto flusso di migranti”, concorda il sindaco di Torino, Piero Fassino.

Contro il capo dello Stato torna a scagliarsi il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini: “Mentre in Italia raddoppiano gli sbarchi e l’Austria si protegge… Mattarella: ‘No a muri e barriere, sono zavorre’. Caro presidente, la zavorra sei tu”.

Tra le priorità dell’Europa c’è anche il governo dell’economia, che per Mattarella “rimane, per molti versi, un nodo irrisolto nell’ambito dell’Eurozona”. “Non possiamo certo affermare – spiega – che dal 2014 si sia riusciti a individuare una soluzione stabile, anche se sono state compiute alcune scelte positive, e tra queste va collocato l’indirizzo seguito dalla Bce. Ora la credibilità della risposta dell’Unione si misurerà sulla concreta operatività del Piano Juncker per gli investimenti e della Comunicazione della Commissione sulla flessibilità”.

L’obiettivo è l’unità dell’Europa, avere un progetto comune, non esiste “un piano B fondato su una presunta via nazionale alla soluzione dei problemi che interpellano il Continente”, sottolinea il capo dello Stato davanti a una platea composta anche da 500 studenti.

“La pressione migratoria, le crisi aperte alle porte dell’Europa, le instabilità in alcune regioni dell’Africa e del medio Oriente, il flagello del terrorismo” indicano chiaramente “che occorre fare di più, e che occorre farlo attraverso uno sforzo realmente corale”.

Sul fronte della sicurezza bisogna “rafforzare la collaborazione tra gli Stati dell’Unione, superando resistenze alla necessità di mettere in comune capacità e conoscenze”. Identico lo spirito che deve animare la lotta al terrorismo. Per Mattarella c’è nella “voce dei cittadini europei, che si è levata alta per chiedere di combattere la barbarie del terrorismo, la più viva testimonianza di una pressante domanda di unità dell’Europa che non può rimanere inascoltata e che anzi deve ricevere coerente e rapida risposta”.

Secondo Mattarella “l’Unione ha bisogno di intervenire sulle cause profonde dell’instabilità. Ha bisogno di esprimersi con una sola voce autorevolmente, sviluppando una politica estera coerente con i propri valori fondanti. Vivere sicuri significa avere alle proprie frontiere popoli che in pace possano vivere e progredire”.

Nella giornata torinese Mattarella incontra anche Maria Sole Agnelli e John Elkann, presidente e vicepresidente della Fondazione Agnelli, che gli illustrano le iniziative in programma per festeggiare i 50 anni dell’ente di ricerca. Altra tappa a Palazzo Madama per la mostra dell’Ermitage e la cena di gala.

(di Amalia Angotti/ANSA)

Ultima ora

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

15:10Germania: parenti vittime Amri da Merkel, assenti Di Lorenzo

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I parenti delle vittime dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino incontrano stamattina la cancelliera Angela Merkel, a un anno dalla tragedia che li ha colpiti. Non ci saranno, però, i parenti di Fabrizia Di Lorenzo, che non verranno nella capitale tedesca neppure domani per la commemorazione ufficiale, nella data del primo anniversario. I Di Lorenzo, come i familiari delle altre 11 vittime di Anis Amri, il tunisino che travolse la folla nella Breitscheidplatz con un camion, hanno firmato una lettera aperta alla Merkel, criticando la gestione complessiva dell'accaduto e rimproverandole, fra l'altro, di non aver porto loro le condoglianze personalmente, in un anno. La settimana scorsa, il delegato per i familiari delle vittime Kurt Beck ha reso pubblico un rapporto in cui con le denunce dei parenti delle vittime sulle tante mancanze del sistema, si faceva autocritica.

15:05Di Maio, se si farà referendum sull’Euro voto per l’uscita

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se si dovesse arrivare al referendum, che però io considero una 'extrema ratio', è chiaro che io voterei per l'uscita, perché significherebbe che l'Europa non ci ha ascoltato. Ma io vedo oggi una opportunità dall'Europa". Lo ha detto a L'aria che tira, su La7, il candidato premier di M5s Luigi Di Maio, rispondendo alla domanda su come voterebbe in caso di referendum per l'uscita dell'Italia dall'Euro.

Archivio Ultima ora