Lettera aperta all’Inps per richiedere l’adeguamento delle pensioni al costo della vita in Venezuela

Pubblicato il 13 aprile 2016 da redazione

Lettera Ministeri (1)

CARACAS. – A dicembre dell’anno scorso circa un migliaio di pensionati si assieparono nel salone di conferenze di un noto hotel della capitale per ascoltare direttamente dalla bocca dell’Ambasciatore e dei rappresentanti Patronati quali fossero le possibilità di recuperare il valore reale delle pensioni INPS erogate in base alla convenzione italo-venezuelana.

In un paese come il Venezuela, dove tra il tasso di cambio ufficiale preso in considerazione dall’ INPS per determinare la quota di pensione di sua competenza, e il tasso di cambio reale con il quale si muove l’economia e al cui valore vengono importati i prodotti poi venduti nei negozi, c’è una differenza di oltre 100 volte e l’inflazione ha ormai superato il 300% annuale.

Con queste cifre, come si può pensare che i nostri pensionati possano vivere se da parte dell’INPS ricevono una pensione da fame che per la maggior parte dei pensionati arriva a 10 euro mensili?

Purtroppo si sono verificate le peggiori previsioni.

Nonostante gli interventi e le suppliche dei Patronati, dell’ufficio pensioni del Consolato, e le lettere dell’Ambasciatore che inoltre ha personalmente sostenuto incontri con le Commissioni Bilancio della Camera e del Senato; con il senatore Claudio Micheloni, presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero; con l’on. Fabio Porta, presidente del Comitato permanente sugli italiani nel mondo; e con i direttori dei ministeri delle Finanze e del Lavoro che dovrebbero prendere, in ultima istanza, la decisione di come valorizzare il cambio da applicare alla quota pensione in convenzione pagata dall’Italia, la situazione è rimasta invariata.

E allora, il coordinatore nazionale del Patronato Inca in Venezuela, Giovanni Di Vaira, ci fa sapere che a nome del CEPA (il comitato che riunisce i patronati presenti in Venezuela, Acli, Inas, Inca, Ital) è stata approntata una lettera diretta ai vari Ministeri interessati alla questione e all’Inps, personalizzata e firmata individualmente da ogni pensionato, in cui vengono spiegati i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni nel 2016 e si chiede espressamente al Ministero dell’Economia e Finanza di autorizzare l’INPS ad utilizzare il tasso di cambio DICOM (che sostituisce il SIMADI) in quanto è quello che più si avvicina alla realtà che vive il paese.

– Il punto su cui abbiamo tutti lavorato durante gli ultimi mesi è di far modificare questo tipo di cambio per uno più favorevole ai nostri pensionati, considerando che adesso in Venezuela esistono due tipi di tasso di cambio ufficiale, ci conferma il dott. Di Vaira.

– Noi Patronati siamo impegnati in questa lotta dall’inizio del 2014 e abbiamo continuato a segnalare a chi di competenza e a fare pressione presso le nostre autorità per far cambiare la loro posizione, per fare adottare dall’INPS e dal Ministero del Lavoro una misura, se vogliano fuori dalla normalità, per far fronte ad un problema particolare ed unico, un problema che ha stravolto la vita dei nostri pensionati in Venezuela.

– Noi siamo fiduciosi e crediamo che l’ Italia debba venire incontro ai pensionati italo-venezuelani che patiscono e soffrono più di chiunque ed hanno già pagato un caro prezzo ricevendo per 4 anni di seguito briciole di pensioni -, conclude il coordinatore del Patronato Inca in Venezuela, invitando i pensionati che si recano in questi giorni negli uffici del proprio patronato per la dichiarazione dei redditi o l’esistenza in vita, a firmare questa lettera di sostegno che qui di seguito riproduciamo.

Ministero dell’Economia e Finanza
Ministero del Lavoro e Politiche Sociali
Ministero degli Affari Esteri
INPS Direzione Generale
Ambasciata d’Italia a Caracas
Consolato Generale d’ Italia a Caracas

Io sottoscritto/a nato/a il , residente a con la presente chiedo a codesti Enti, in primo luogo al Ministero dell’Economia e Finanza, di autorizzare l’ INPS all’applicazione di un cambio diverso dall’attuale, ancorché ufficiale, tra il bolívar e l’ euro, per il calcolo dell’ importo della quota della mia pensione italiana.
Questa mia richiesta è motivata dal fatto che il tasso di cambio utilizzato dall’INPS negli ultimi 4 anni è quello più basso previsto dalla legislazione venezuelana e non tiene affatto in conto il potere d’acquisto reale del bolívar né dell’ elevatissimo tasso di inflazione che sta causando un aumento dei prezzi insostenibili per le mie scarse risorse. Il costo della vita ha raggiunto livelli inimmaginabili e i vari aumenti annuali della pensione venezuelana erogata dal locale Ente previdenziale, sono insufficienti a coprire le spese minime stabilite nel paniere basico il cui valore, stando a varie fonti non ufficiali, a dicembre del 2015 era di 139.273,68 bolivares, vale a dire 14 volte e mezzo più elevato della pensione mensile dell’IVSS e dello stipendio minimo il cui importo nello stesso mese era di 9.648,18 bolívares.
L’ Italia non può continuare ad ignorare la difficilissima situazione in cui viviamo noi pensionati, rimasti ormai in pochi, quasi tutti ottantenni, superstiti di una grande comunità produttiva, lavoratrice ed onesta, che diede vanto ed orgoglio al Paese.

(Firma)

Ultima ora

13:43Terrorismo: espulso un marocchino

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stata eseguita l'espulsione di un cittadino marocchino, per motivi di sicurezza dello Stato, con un volo diretto in Marocco. Con questo rimpatrio, il 26/mo del 2017, salgono a 158 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso, espulsi con accompagnamento alla frontiera dal gennaio 2015 ad oggi. Si tratta di un 44nne, residente a Santhià (Vercelli) e coniugato con una cittadina italiana convertita all'islam. L'uomo era stato segnalato a seguito di approfondimenti investigativi nell'ambito di indagini condotte dalla Digos di Vercelli per aver manifestato un percorso di radicalizzazione che lo aveva portato a considerare l'Italia un paese di miscredenti, non idoneo alla permanenza della sua famiglia. Inoltre, nel 2012 aveva rifiutato di prestare giuramento per ottenere la cittadinanza italiana, confidando ad alcuni connazionali che l'accettazione dello status avrebbe offeso la sua religione.

13:37Schulz, ‘mi batto per parità, a casa stiro e lavo i panni’

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - A casa è in grado di lavare i panni, stirare e rifare - bene - i letti. E in Germania, se diventasse cancelliere, si impegnerebbe subito per le pari opportunità. Martin Schulz, candidato dell'SDP alla guida della Germania contro Angela Merkel, ne ha parlato con la Bild am Sonntag, che gli ha chiesto delle priorità dei suoi primi 100 giorni, se vincesse, e di qualche abitudine domestica. "Affronterei subito due cose, un riconoscimento per un'Ue più forte e l'eliminazione di una delle più grandi ingiustizie: il fatto che le donne guadagnano meno degli uomini", ha detto. Schulz risponde anche sulle sue attitudini casalinghe: "So lavare i panni, con tutte le fasi del lavaggio, e so stirare. E mi viene davvero bene fare i letti. Ovviamente spalo la neve, e porto la spazzatura" mentre la cucina non è il suo forte. "Quando si dice 'cucina papà' viene consultata la lista di tutti i ristoranti della città". Come vede la candidatura sua moglie Inge? "E' molto sobria, mi dice di restare coi piedi a terra".

13:37F1:Australia, Sticchi ‘orgogliosi per Ferrari e Giovinazzi’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "Il successo della Ferrari e di Vettel e la grande prestazione di Antonio Giovinazzi al debutto in Formula 1, tingono la Formula 1 con i colori del tricolore''. Il presidente dell'Aci, Angelo Sticchi Damiani, saluta così la grande giornata per i motori del Bel Paese con la vittoria della Ferrari e il ritorno di un pilota italiano in Formula 1. ''Siamo felici per la vittoria della Ferrari tutta italiana fortemente voluta da Sergio Marchionne e orgogliosi per la prestazione di Giovinazzi e per il lavoro svolto dall'Automobile Club d'Italia a favore non solamente del pilota pugliese ma anche di tanti altri talenti dell'automobilismo tricolore. In questo momento - aggiunge il numero uno dell'Aci - credo vada sottolineato l'enorme sforzo che, ormai da anni, Automobile Club d'Italia sta facendo per riportare il nostro paese ad essere protagonista assoluto del Campionato del Mondo di Formula 1''.

13:32Iran: sanzioni a 15 aziende Usa, sostengono terrorismo

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - L'Iran ha deciso sanzioni nei confronti di 15 aziende statunitensi accusandole di "sostegno al terrorismo" e a Israele. Lo riferisce al Arabiya.

13:16Pronta la Dallara di Cetilar Villorba Corse per Le Mans

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La location di "Piazza dei "Miracoli" a Pisa è stata l'ineguagliabile cornice della presentazione del team Cetilar Villorba Corse e della Dallara P217 che affronteranno la prossima 24 Ore di Le Mans. Una squadra tutta italiana che sotto una benaugurante pioggia ha svelato i programmi sportivi 2017 e il prototipo di classe LMP2 con la quale sarà impegnata nella più celebre e leggendaria gara di durata e nell'intero campionato internazionale European Le Mans Series. Il team principal Raimondo Amadio e i piloti Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi hanno tolto il velo alla nuova sportscar al fianco dello stesso costruttore Giampaolo Dallara e alla presenza del primo cittadino di Pisa Marco Filippeschi. Proprio Dallara ha sottolineato durante la presentazione: "Senza dubbio è una magnifica squadra, con dei bravi piloti e un team di alto livello. Guardiamo con fiducia a Le Mans e credo che torneremo sorridenti".

13:08Incidenti stradali: fugge alt e travolge passanti, 5 feriti

(ANSA) - PISA, 26 MAR - Un auto con a bordo tre persone è fuggita, la scorsa notte intorno alle 4, all'alt intimato dalla polizia, in Lungarno Mediceo a Pisa. Nella sua corsa la vettura si è ribaltata finendo contro un palo della luce e ha travolto due passanti, secondo quanto riferito dalla polizia stradale, un italiano e un peruviano, che sono stati soccorsi e ricoverati. Feriti lievemente i tre occupanti dell'auto, alla guida un cittadino marocchino e i due passeggeri, un connazionale e una donna italiana. L'investitore, ha spiegato la polstrada, è stato denunciato per lesioni causate da incidente stradale ed è stato sottoposto ad alcoltest. I due passanti, per i quali in un primo momento si sono temuti danni gravi, hanno riportato ferite guaribili in 35 e 40 giorni. Non sono in pericolo di vita. L'auto con a bordo i tre è stata intercettata da una volante della polizia stradale e da una della questura. Sul posto anche i vigili del fuoco per rimuovere l'auto e soccorrere i feriti.

13:06Carceri: arrestato detenuto evaso da carcere Frosinone

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - I Carabinieri di Caserta hanno arrestato il detenuto evaso il 18 marzo dal carcere di Frosinone. Il suo compagno di cella, che aveva tentato anche lui la fuga, era rimasto ferito nel tentativo di scavalcare il muro di cinta del carcere. Sono tutt'ora in corso le indagini per accertare eventuali complici dell'evasione. L'uomo è stato rintracciato ed arrestato dai carabinieri a Recale (Caserta) suo paese d'origine. Qui era tornato dopo la fuga rocambolesca dall'istituto penitenziario del Lazio.

Archivio Ultima ora