Lettera aperta all’Inps per richiedere l’adeguamento delle pensioni al costo della vita in Venezuela

Pubblicato il 13 aprile 2016 da redazione

Lettera Ministeri (1)

CARACAS. – A dicembre dell’anno scorso circa un migliaio di pensionati si assieparono nel salone di conferenze di un noto hotel della capitale per ascoltare direttamente dalla bocca dell’Ambasciatore e dei rappresentanti Patronati quali fossero le possibilità di recuperare il valore reale delle pensioni INPS erogate in base alla convenzione italo-venezuelana.

In un paese come il Venezuela, dove tra il tasso di cambio ufficiale preso in considerazione dall’ INPS per determinare la quota di pensione di sua competenza, e il tasso di cambio reale con il quale si muove l’economia e al cui valore vengono importati i prodotti poi venduti nei negozi, c’è una differenza di oltre 100 volte e l’inflazione ha ormai superato il 300% annuale.

Con queste cifre, come si può pensare che i nostri pensionati possano vivere se da parte dell’INPS ricevono una pensione da fame che per la maggior parte dei pensionati arriva a 10 euro mensili?

Purtroppo si sono verificate le peggiori previsioni.

Nonostante gli interventi e le suppliche dei Patronati, dell’ufficio pensioni del Consolato, e le lettere dell’Ambasciatore che inoltre ha personalmente sostenuto incontri con le Commissioni Bilancio della Camera e del Senato; con il senatore Claudio Micheloni, presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero; con l’on. Fabio Porta, presidente del Comitato permanente sugli italiani nel mondo; e con i direttori dei ministeri delle Finanze e del Lavoro che dovrebbero prendere, in ultima istanza, la decisione di come valorizzare il cambio da applicare alla quota pensione in convenzione pagata dall’Italia, la situazione è rimasta invariata.

E allora, il coordinatore nazionale del Patronato Inca in Venezuela, Giovanni Di Vaira, ci fa sapere che a nome del CEPA (il comitato che riunisce i patronati presenti in Venezuela, Acli, Inas, Inca, Ital) è stata approntata una lettera diretta ai vari Ministeri interessati alla questione e all’Inps, personalizzata e firmata individualmente da ogni pensionato, in cui vengono spiegati i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni nel 2016 e si chiede espressamente al Ministero dell’Economia e Finanza di autorizzare l’INPS ad utilizzare il tasso di cambio DICOM (che sostituisce il SIMADI) in quanto è quello che più si avvicina alla realtà che vive il paese.

– Il punto su cui abbiamo tutti lavorato durante gli ultimi mesi è di far modificare questo tipo di cambio per uno più favorevole ai nostri pensionati, considerando che adesso in Venezuela esistono due tipi di tasso di cambio ufficiale, ci conferma il dott. Di Vaira.

– Noi Patronati siamo impegnati in questa lotta dall’inizio del 2014 e abbiamo continuato a segnalare a chi di competenza e a fare pressione presso le nostre autorità per far cambiare la loro posizione, per fare adottare dall’INPS e dal Ministero del Lavoro una misura, se vogliano fuori dalla normalità, per far fronte ad un problema particolare ed unico, un problema che ha stravolto la vita dei nostri pensionati in Venezuela.

– Noi siamo fiduciosi e crediamo che l’ Italia debba venire incontro ai pensionati italo-venezuelani che patiscono e soffrono più di chiunque ed hanno già pagato un caro prezzo ricevendo per 4 anni di seguito briciole di pensioni -, conclude il coordinatore del Patronato Inca in Venezuela, invitando i pensionati che si recano in questi giorni negli uffici del proprio patronato per la dichiarazione dei redditi o l’esistenza in vita, a firmare questa lettera di sostegno che qui di seguito riproduciamo.

Ministero dell’Economia e Finanza
Ministero del Lavoro e Politiche Sociali
Ministero degli Affari Esteri
INPS Direzione Generale
Ambasciata d’Italia a Caracas
Consolato Generale d’ Italia a Caracas

Io sottoscritto/a nato/a il , residente a con la presente chiedo a codesti Enti, in primo luogo al Ministero dell’Economia e Finanza, di autorizzare l’ INPS all’applicazione di un cambio diverso dall’attuale, ancorché ufficiale, tra il bolívar e l’ euro, per il calcolo dell’ importo della quota della mia pensione italiana.
Questa mia richiesta è motivata dal fatto che il tasso di cambio utilizzato dall’INPS negli ultimi 4 anni è quello più basso previsto dalla legislazione venezuelana e non tiene affatto in conto il potere d’acquisto reale del bolívar né dell’ elevatissimo tasso di inflazione che sta causando un aumento dei prezzi insostenibili per le mie scarse risorse. Il costo della vita ha raggiunto livelli inimmaginabili e i vari aumenti annuali della pensione venezuelana erogata dal locale Ente previdenziale, sono insufficienti a coprire le spese minime stabilite nel paniere basico il cui valore, stando a varie fonti non ufficiali, a dicembre del 2015 era di 139.273,68 bolivares, vale a dire 14 volte e mezzo più elevato della pensione mensile dell’IVSS e dello stipendio minimo il cui importo nello stesso mese era di 9.648,18 bolívares.
L’ Italia non può continuare ad ignorare la difficilissima situazione in cui viviamo noi pensionati, rimasti ormai in pochi, quasi tutti ottantenni, superstiti di una grande comunità produttiva, lavoratrice ed onesta, che diede vanto ed orgoglio al Paese.

(Firma)

Ultima ora

19:56Tunisia: un morto tra i manifestanti a Tataouine

(ANSAmed) - TUNISI, 22 MAG - Un giovane manifestante è deceduto in ospedale a Tataouine, in Tunisia, per le ferite riportate nei disordini di oggi con le forze dell'ordine tunisine che intendevano sgomberare i manifestanti del sit-in di El Kamour. Il giovane potrebbe essere stato investito accidentalmente da un'autovettura della polizia in manovra. I media locali parlano anche di altri feriti e dell'apertura di un'inchiesta sull'accaduto. A Tataouine la polizia stamattina ha fatto ancora ricorso all'uso di gas lacrimogeni per disperdere la folla di giovani radunati da settimane in sit-in a El Kamour per chiedere misure concrete per l'occupazione e maggiori fondi per lo sviluppo regionale. Una parte dei manifestanti ha accettato nei giorni scorsi le misure proposte dal governo, un'altra parte ha invece deciso di proseguire nelle rivendicazioni.

19:47Compra anello per 10 sterline, ne vale 350mila

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Un anello con diamante acquistato negli anni Ottanta in un mercatino delle pulci per 10 sterline verrà battuto all'asta da Sotheby's a luglio e, secondo le stime della nota casa londinese, dovrebbe raggiungere la ragguardevole cifra di 350mila sterline (poco più di 400mila euro). La proprietaria ha sempre pensato che il diamante fosse un articolo di bigiotteria e in questi anni ha indossato l'anello tutti i giorni. In realtà si tratta di un raro diamante da 26 carati del 19mo secolo tagliato a cuscino. Secondo la casa d'aste proprio il vecchio stile del taglio, che lo "rende leggermente più opaco" rispetto ai tagli moderni, ha indotto la proprietaria a pensare che si trattasse di un pezzo da bigiotteria.

19:42Moto: morto Nick Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morto all'ospedale Bufalini di Cesena il motociclista Nicky Hayden, rimasto coinvolto in un incidente mentre si stava allenando in bicicletta nel Riminese. Da mercoledì era ricoverato in rianimazione per un gravissimo politrauma e una vasta lesione cerebrale causata dallo scontro con un'auto. Lo ha annunciato una nota dell'ospedale Bufalini. Le sue condizioni erano apparse fin da subito gravissime: aveva infatti riportato numerose ferite dopo essere stato sbalzato sul cofano della vettura e avere sfondato il parabrezza mentre la sua bici, spezzata, era finita in un fosso ai lati della carreggiata.

19:36Trump: Sarah e Melania si dicono fan l’una dell’altra

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 MAG - Sarah Netanyahu e Melania Trump si sono fatte reciprocamente i complimenti esprimendo ammirazione l'una per altra e sottolineando di avere in comune molte cose tra cui - ha detto la prima - l'antipatia verso i media. Lo scambio di battute informale - captato dai microfoni, secondo quanto segnalato dai media - è avvenuto all'incontro delle coppie una volta che i Trump sono scesi dall'Air Force One. Il presidente ha detto a Netanyahu che la moglie è "una grande fan della sua consorte". "Io l'amo - ha subito risposto Sarah - ed anche io sono una sua fan". "Posso testimoniarlo", ha spiegato Netanyahu mentre la moglie ha aggiunto: "La maggioranza del popolo, a differenza dei media, ci vuole bene... Abbiamo molto in comune".

19:28Consip: mercoledì riunione vertici procura Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Le vicende legate al caso Consip - le polemiche sulla conduzione dell'inchiesta, le presunte irregolarità attribuite a un investigatore dei carabinieri, e l'avvio di un procedimento disciplinare nei confronti del pm Henry John Woodcock che svolse la prima fase delle indagini - saranno al centro di una riunione fissata per mercoledì prossimo, 24 maggio, alla quale prenderanno parte il procuratore facente funzione Nunzio Fragliasso e gli otto procuratori aggiunti che coordinano le varie sezioni dell'ufficio. E' la prima volta che viene affrontata, sia pure informalmente, la questione da parte dei magistrati della procura di Napoli da quando nelle scorse settimane gli inquirenti della procura di Roma indagarono per falso il comandante dei Noe di Napoli capitano Gianpaolo Scafarto per presunti falsi inseriti nell' informativa sia in relazione al coinvolgimento dei servizi segreti sia a proposito di una intercettazione che chiamava in causa Tiziano Renzi.

19:25Usa: Trump cerca mano Melania, First Lady si sfila via

(ANSA) - NEW YORK, 22 MAG - Trump cerca la mano di Melania e lei si sfila via non curante. Almeno e' ciò che appare dalla sequenza delle immagini di un video che ha fatto il giro della rete suscitando diversi commenti. L'episodio si riferisce all'arrivo della coppia presidenziale in Israele. I due sono stati accolti in pompa magna e alla loro discesa dall'Air Force One e' stato steso un lungo tappeto rosso. Dopo le foto con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sara, il gruppo si è avviato sul tappeto rosso. Il leader israeliano e la moglie si tenevano per mano e ad un certo punto e' sembrato che anche Trump cercasse la mano della moglie che invece di porgerla a sua volta sembra addirittura dare segno di volerla respingere. "Melania si e' appena rifiutata di dare la mano a Trump?" - si legge su Twitter. "Siamo tutti Melania", oppure, "Melania non vuole avere niente a che fare con lui. Nove giorni con Trump e non vede l'ora di tornare nel suo santuario a New York". Così alcuni alcuni dei commenti sul web

19:21Radicali, protesta a Milano contro Regione e Comune

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - Protesta dei Radicali a Milano contro "la violazione dei diritti di iniziativa popolare da parte del Comune e della Regione Lombardia". Marco Cappato, tesoriere della associazione Luca Coscioni, si è presentato davanti a Palazzo Marino esibendo due grandi matite di cartone per protestare contro il Comune "che dopo 21 mesi dal deposito delle firme sui quattro referendum del comitato 'Milano sì muove' non ha ancora rinnovato il Collegio dei garanti che devono dare il parere di fattibilità". La stessa protesta i Radicali metteranno in scena domani davanti al Pirellone, dove si tiene la seduta del Consiglio regionale. "Sono passati 15 mesi dal deposito delle leggi di iniziativa popolare per la regolamentazione della Cannabis terapeutica e per istituire il Registro dei testamenti biologici - ha detto Cappato -. La legge prevede che il Consiglio regionale abbia tre mesi di tempo per discutere le proposte depositate, scaduti i quali avviene l'inscrizione automatica. Ma non sono mai state calendarizzate".

Archivio Ultima ora