Lettera aperta all’Inps per richiedere l’adeguamento delle pensioni al costo della vita in Venezuela

Pubblicato il 13 aprile 2016 da redazione

Lettera Ministeri (1)

CARACAS. – A dicembre dell’anno scorso circa un migliaio di pensionati si assieparono nel salone di conferenze di un noto hotel della capitale per ascoltare direttamente dalla bocca dell’Ambasciatore e dei rappresentanti Patronati quali fossero le possibilità di recuperare il valore reale delle pensioni INPS erogate in base alla convenzione italo-venezuelana.

In un paese come il Venezuela, dove tra il tasso di cambio ufficiale preso in considerazione dall’ INPS per determinare la quota di pensione di sua competenza, e il tasso di cambio reale con il quale si muove l’economia e al cui valore vengono importati i prodotti poi venduti nei negozi, c’è una differenza di oltre 100 volte e l’inflazione ha ormai superato il 300% annuale.

Con queste cifre, come si può pensare che i nostri pensionati possano vivere se da parte dell’INPS ricevono una pensione da fame che per la maggior parte dei pensionati arriva a 10 euro mensili?

Purtroppo si sono verificate le peggiori previsioni.

Nonostante gli interventi e le suppliche dei Patronati, dell’ufficio pensioni del Consolato, e le lettere dell’Ambasciatore che inoltre ha personalmente sostenuto incontri con le Commissioni Bilancio della Camera e del Senato; con il senatore Claudio Micheloni, presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero; con l’on. Fabio Porta, presidente del Comitato permanente sugli italiani nel mondo; e con i direttori dei ministeri delle Finanze e del Lavoro che dovrebbero prendere, in ultima istanza, la decisione di come valorizzare il cambio da applicare alla quota pensione in convenzione pagata dall’Italia, la situazione è rimasta invariata.

E allora, il coordinatore nazionale del Patronato Inca in Venezuela, Giovanni Di Vaira, ci fa sapere che a nome del CEPA (il comitato che riunisce i patronati presenti in Venezuela, Acli, Inas, Inca, Ital) è stata approntata una lettera diretta ai vari Ministeri interessati alla questione e all’Inps, personalizzata e firmata individualmente da ogni pensionato, in cui vengono spiegati i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni nel 2016 e si chiede espressamente al Ministero dell’Economia e Finanza di autorizzare l’INPS ad utilizzare il tasso di cambio DICOM (che sostituisce il SIMADI) in quanto è quello che più si avvicina alla realtà che vive il paese.

– Il punto su cui abbiamo tutti lavorato durante gli ultimi mesi è di far modificare questo tipo di cambio per uno più favorevole ai nostri pensionati, considerando che adesso in Venezuela esistono due tipi di tasso di cambio ufficiale, ci conferma il dott. Di Vaira.

– Noi Patronati siamo impegnati in questa lotta dall’inizio del 2014 e abbiamo continuato a segnalare a chi di competenza e a fare pressione presso le nostre autorità per far cambiare la loro posizione, per fare adottare dall’INPS e dal Ministero del Lavoro una misura, se vogliano fuori dalla normalità, per far fronte ad un problema particolare ed unico, un problema che ha stravolto la vita dei nostri pensionati in Venezuela.

– Noi siamo fiduciosi e crediamo che l’ Italia debba venire incontro ai pensionati italo-venezuelani che patiscono e soffrono più di chiunque ed hanno già pagato un caro prezzo ricevendo per 4 anni di seguito briciole di pensioni -, conclude il coordinatore del Patronato Inca in Venezuela, invitando i pensionati che si recano in questi giorni negli uffici del proprio patronato per la dichiarazione dei redditi o l’esistenza in vita, a firmare questa lettera di sostegno che qui di seguito riproduciamo.

Ministero dell’Economia e Finanza
Ministero del Lavoro e Politiche Sociali
Ministero degli Affari Esteri
INPS Direzione Generale
Ambasciata d’Italia a Caracas
Consolato Generale d’ Italia a Caracas

Io sottoscritto/a nato/a il , residente a con la presente chiedo a codesti Enti, in primo luogo al Ministero dell’Economia e Finanza, di autorizzare l’ INPS all’applicazione di un cambio diverso dall’attuale, ancorché ufficiale, tra il bolívar e l’ euro, per il calcolo dell’ importo della quota della mia pensione italiana.
Questa mia richiesta è motivata dal fatto che il tasso di cambio utilizzato dall’INPS negli ultimi 4 anni è quello più basso previsto dalla legislazione venezuelana e non tiene affatto in conto il potere d’acquisto reale del bolívar né dell’ elevatissimo tasso di inflazione che sta causando un aumento dei prezzi insostenibili per le mie scarse risorse. Il costo della vita ha raggiunto livelli inimmaginabili e i vari aumenti annuali della pensione venezuelana erogata dal locale Ente previdenziale, sono insufficienti a coprire le spese minime stabilite nel paniere basico il cui valore, stando a varie fonti non ufficiali, a dicembre del 2015 era di 139.273,68 bolivares, vale a dire 14 volte e mezzo più elevato della pensione mensile dell’IVSS e dello stipendio minimo il cui importo nello stesso mese era di 9.648,18 bolívares.
L’ Italia non può continuare ad ignorare la difficilissima situazione in cui viviamo noi pensionati, rimasti ormai in pochi, quasi tutti ottantenni, superstiti di una grande comunità produttiva, lavoratrice ed onesta, che diede vanto ed orgoglio al Paese.

(Firma)

Ultima ora

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

21:49Comuni:Cosenza,installata antenna ponte Calatrava,alta 104 m

(ANSA) - CATANZARO, 23 LUG - Conclusa la prima parte della realizzazione del ponte progettato dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava, a Cosenza. È stata innalzata infatti l'antenna del ponte, alta 104 metri per 800 tonnellate di peso, che fa dell'infrastruttura il più alto ponte d'Europa del genere strallato in cui l'impalcato è retto da una serie di cavi - gli stralli - ancorati a piloni di sostegno. L'antenna è stata montata tra via Reggio Calabria e via Popilia. "Un'opera importante - ha detto il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto - che unisce la città antica a quella nuova. Oltre tutto collegherà e unirà questa parte che diventerà pedonale con il parco Mancini. L'obiettivo è aumentare la fruibilità, il benessere dei nostri cittadini e la qualità di vita. La città è fonte di ricchezza e deve produrre lavoro per i nostri giovani. Questi sono gli obiettivi che muovono i nostri progetti. Ho ripreso idee importanti del sindaco Mancini e oggi le completiamo". All'inaugurazione, in autunno, è prevista la presenza di Calatrava.

Archivio Ultima ora