Trivelle: Cuperlo, votare è partecipare, io per il si

(ANSA) – ROMA, 14 APR -“Io domenica vado a votare. Vado a votare perché referendum vuole dire partecipazione. E’ vero, in passato l’astensione è stata la strada scelta da alcuni per far fallire un referendum abrogativo. Fu così con la legge 40 sulla fecondazione. Dopo quella ferita ci sono voluti dieci anni perché la Corte Costituzionale demolisse pezzo a pezzo quella legge sbagliata. “La realtà è che quando 500mila cittadini o, come in questo caso, 5 consigli regionali indicono un referendum è giusto che a confrontarsi siano le ragioni del sì e quelle del no”. Lo scrive, in un post su Facebook, il leader di Sinistradem Gianni Cuperlo in cui si sofferma sul referendum del 17 aprile.

Condividi: