Cina: JD.com, la numero due in e-commerce punta sul made in Italy

Pubblicato il 14 aprile 2016 da redazione

ecommerce

PECHINO. – JD.com corre veloce nel mercato sconfinato dell’e-commerce cinese e guarda con grande attenzione al “made in Italy”, a partire dal Salone del Mobile di Milano. Nel 2015, in termini di volumi, il valore totale di beni e servizi venduti online sono cresciuti del 78%, contro il 30% delle operazioni business-to-consumer di Alibaba, il più grande retailer al mondo.

La piattaforma JD.com, leader nelle vendite dirette online e su cui si trova dallo spillo all’auto, è salita al 23,3% del mercato cinese grazie al pacchetto di 155 milioni di clienti registrati e alla capacità di evadere gli ordini all’80% nella stessa giornata, piazzandosi al secondo posto dopo Alibaba (con Tmall) al 57,8, secondo i dati raccolti da iResearch nel periodo gennaio-settembre 2015.

Tra i settori di maggior successo dello scorso anno ci sono la telefonia, l’abbigliamento e, anche se con minori volumi, di “mobili e accessori”, aumentati del 100% con la rete di 15.000 operatori che vendono sulla piattaforma.

Xin Lijun, vicepresidente di JD.com e a capo della divisione Apparel and Home Furnishing, non ha dubbi: l’offerta giusta per la clientela cinese è nel “made in Italy”. Per questo motivo, con una delegazione di 20 persone è per la prima volta al Salone del Mobile di Milano, dopo aver preso parte, per la prima volta e per le stesse ragioni, alla Fashion Week di Milano a settembre.

“E’ un settore in fortissima crescita – dice Xin parlando con l’Ansa prima della partenza per Milano (“sono stato già quattro volte in Italia, puoi chiedere in ambasciata”, scherza) nel mega quartier generale della compagnia nel distretto di Daxing, a sudest della capitale, parte di campus destinato a moltiplicarsi nei prossimi anni – e la richiesta è di alta qualità: per noi è importante adesso approfondire la conoscenza con i produttori in Italia in modo da soddisfare ancora meglio la domanda in Cina”.

Il concetto di Xin è semplice: il benessere è aumentato, la clientela è più matura e cerca qualcosa di diverso. “Non c’è solo da offrire un “prodotto di qualità, ma tutta la filosofia che c’è alle spalle”. Insomma, “una vera esperienza culturale. Non dimentichiamoci che l’Italia è il Paese del Rinascimento e della Bellezza”. In Cina, osserva, si produce il 50% dei mobili a livello mondiale, “ma questo non basta. Ci vogliono sensazioni e uno stile di vita, una funzionalità e un’idea culturale”.

I rapporti col Belpaese ci sono da tempo: ad esempio, sulla piattaforma “si può trovare il vino italiano” o, da maggio 2015, gli occhiali Luxottica, grazie a un’apposita intesa. Xin ammette un certo ritardo con i legami di brand premium, di fascia medio alta, ma “stiamo recuperando” soprattutto a livello europeo.

Durante i giorni del Salone del Mobile JD.com presenta anche una speciale iniziativa dedicata al mobilio e agli interni con 10 designer italiani e altrettanti cinesi, suddivisi in 10 “box”, stanze miste di lavoro, per “creare e trovare nuove soluzioni, un vero brainstorming” sull’asse Italia-Cina.

Fondata nel 1998 da Richard Liu, la piattaforma B2C è attiva online nel 2004: da elettronica e ottica si espande a computer, abbigliamento e accessori, fino a sbarcare al Nasdaq e diventare JD.com nel 2013. A 2015 i ricavi netti sono saliti del 58% a 28 miliardi di dollari e quest’anno potrebbe raggiungere l’utile. Kin è ottimista sule prospettive e sui piani del governo: “E’ vero che l’economia cinese sta rallentando, soprattutto nel manifatturiero e nel settore agricolo, ma si sta trasformando e l’e-commerce – conclude – è una spinta verso i servizi”.

(di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

15:18Legali Carminati, certificato mafia capitale non c’è

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "E' stato certificato che mafia capitale non esiste, sono riconosciute due associazioni una del 'benzinaro' (ovvero la stazione la stazione di servizio a Corso Francia dove gravitavano i personaggi della malavita legati all'associazione, ndr) e un'altra legata al mondo delle cooperative". Così gli avvocati di Massimo Carminati, Ippolita e Giosuè Naso. "Oltre all'associazione è caduto anche il metodo mafioso", hanno aggiunto. I giudici hanno detto che "la mafia a Roma non esiste, come andiamo dicendo da 30 mesi" ha aggiunto Naso. "La presa d'atto della inesistenza dell'associazione mafiosa - ha aggiunto - ha provocato una severità assurda e insolita. Mai visto che a nessuno di 46 imputati non venissero date attenuanti. Sono pene date per compensare lo schiaffo morale dato alla procura". Per Naso "certamente lo sconfitto è Pignatone", il procuratore capo di Roma, "non so se ci sono dei vincitori".

15:08L.elettorale: Grasso, a settembre riprenda dialogo

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Auspico che da settembre riprenda, alla Camera o in Senato, il dialogo tra i Gruppi per dare al Paese una legge chiara e funzionale, che tenga nel giusto equilibrio il principio costituzionale della rappresentanza e l'esigenza politica della governabilità". Così il presidente del Senato Pietro Grasso nel corso della cerimonia del Ventaglio.

15:08Comuni: ddl per ballottaggio al 40%, il sì del Pd

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Arriva in Commissione Affari costituzionali il testo base della legge che abbassa dal 50% al 40% la soglia necessaria per vincere le elezioni comunali senza ballottaggio. Lo ha depositato il relatore Massimo Parisi (Sc-Ala) il giorno dopo in cui il Pd, con il responsabile Enti Locali Matteo Ricci, in una audizione in qualità di vicepresidente dell'Anci, ha dato il via libera all'abbassamento. Durante la discussione generale il Pd non si era pronunciato mentre M5s, con Andrea Cecconi, ha detto No.

15:02Sisma L’Aquila: inchiesta appalti, sequestrati contanti

(ANSA) - L'AQUILA, 20 LUG - Soldi in contanti nel cassetto del comodino per oltre 15 mila euro: a trovarli ed a sequestrarli in casa di due indagati, due funzionari infedeli dei beni culturali dell'aquila, sono stati i carabinieri del capoluogo nel corso degli perquisizioni di ieri mattina nell'ambito della nuova inchiesta della procura della Repubblica su tangenti nella ricostruzione pubblica post-terremoto 2009. L'indagine ha portato a 10 arresti ai domiciliari, 5 interdizioni dal lavoro e 20 indagati a piede libero con le accuse, tra le altre, di corruzione e turbativa d'asta. Ad un funzionario Mibact sono stati trovati circa 5.500 euro, all'altro circa 8.800 euro. Per gli investigatori, il materiale e' interessante in relazione all'indagine: ora spetterà agli indagati l'onere di dimostrare la provenienza di quelle somme.

15:00Migranti: in programma M5s gestione flussi in loco

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Ammissibilità delle domande di protezione internazionale nelle ambasciate e nei consolati nei Paesi di origine o di transito o nelle delegazioni dell'Unione europea presso i Paesi terzi, con il supporto delle Agenzie europee. E' la proposta che il M5s, dal blog di Beppe Grillo, sottopone al vaglio degli iscritti per inserirla del programma immigrazione del Movimento. "Con questa proposta si otterrebbero - viene spiegato - il coinvolgimento dell'Europa nella gestione dei flussi e la riduzione dei centri di accoglienza dove troppo spesso si nascondono oscuri interessi. Inoltre, ne beneficerebbero anche i profughi stessi che, una volta riconosciuto il diritto alla protezione, avrebbero un modo sicuro e legale per scappare da guerre e persecuzioni". Per il M5s, "per arrivare allo storico obiettivo di scardinare il business degli scafisti e azzerare sbarchi e morti nel Mar Mediterraneo, bisogna rafforzare lo strumento delle vie legali e sicure di accesso per raggiungere l'Europa".

14:57Mafia Roma: pm Ielo, sentenze si rispettano

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Questa sentenza riconosce un'associazione a delinquere semplice, non di tipo mafioso. Sono state date anche condanne alte. Rispettiamo la decisione dei giudici anche se ci danno torto in alcuni punti mentre in altri riconoscono il lavoro svolto in questi anni. Attenderemo le motivazioni". Lo afferma il procuratore aggiunto Paolo Ielo dopo la sentenza della X sezione penale del Tribunale di Roma.

14:52Falsi certificati per gite in barca: scarcerato comandante

(ANSA) - OLBIA, 20 LUG - Scarcerato ma con l'obbligo di dimora. Questa la decisione della gip del tribunale di Tempio Pausania, Elisabetta Carta, assunta nei confronti di Franco Gargiulo, il comandante di una delle imbarcazioni destinate al trasporti dei turisti nell'arcipelago di La Maddalena arrestato nell'inchiesta sulle false attestazioni che sarebbero state fornite al personale marittimo. L'uomo, 51 anni, con oltre 30 di servizio alle spalle, è stato sentito stamattina nel carcere di Nuchis, dove era stato rinchiuso con l'accusa di detenzione di tesserini falsi. Secondo le indagini, condotte dal comandante della capitaneria di porto di La Maddalena Leonardo Deri, Gragiulo è stato trovato in possesso, nella sua abitazione, di quattro tesserini che, con la sua fotografia e il suo nome, lo identificavano a volte come ufficiale altre come sottufficiale della Guardia costiera . Non è ben chiaro, al momento, che uso facesse dei tesserini. Sarà l'inchiesta a stabilirlo. "Sono tutti documenti che riportano la data del 2002 o del 2003 - spiega il difensore del comandante, avvocato Gianluca Cataldi - E occorre precisare che, fino al 2005, la detenzione di documenti come questi non era considerata reato". Il legale ha riferito che il suo assistito ha risposto a tutte le domande della Gip, spiegando di essere un appassionato di cimeli militari, motivando il possesso dei tesserini falsi per l'uso in occasione di un travestimento di carnevale. Il ritrovamento dei documenti è avvenuto durante le perquisizioni disposte dalla Procura nel quadro dell'inchiesta sulle false certificazioni relativi ai corsi di sicurezza che ha portato al sequestro di una grossa mole di materiale, fra schede telefoniche e carte prepagate. Le indagini del comandante Leonardo Deri potrebbero presto estendersi a tutte le capitanerie d'Italia nell'ipotesi dell'esistenza di una vera e propria associazione per delinquere. Finora è stata scoperta una organizzazione basata a Torre del Greco, in Campania: dietro il pagamento di 2.000 euro ciascuno, forniva gli attestati necessari ai marittimi per imbarcarsi sulle navi destinate a tour turistici. (ANSA).

Archivio Ultima ora