Trivelle: Obama le ha fermate. Anche Hillary contro

Pubblicato il 14 aprile 2016 da redazione

Non si placano le polemiche dopo il disastro ambientale causato dall’esplosione della ‘Deepwater Horizon’, la piattaforma petrolifera andata in fiamme nel Golfo del Messico più di quattro anni fa

Non si placano le polemiche dopo il disastro ambientale causato dall’esplosione della ‘Deepwater Horizon’, la piattaforma petrolifera andata in fiamme nel Golfo del Messico più di quattro anni fa

WASHINGTON. – Le trivelle offshore? Obama ci ha ripensato e le ha fermate. E a breve, secondo alcuni media, potrebbe imporre nuove regole più stringenti per le perforazioni al largo delle coste. Anche la frontrunner democratica alla Casa Bianca, Hillary Clinton, e’ contro.

L’onda lunga delle loro posizioni si continua a infrangere sul dibattito italiano legato al referendum del 17 aprile. Lo stesso premier Matteo Renzi ha dovuto fare i conti con chi ha tentato di metterlo in imbarazzo rinfacciandogli l’esempio del presidente americano, da lui molto stimato: “ho letto ‘dobbiamo fare come Obama’, lui sì che è smart, lui sì che investe sulle energie diverse”, ha replicato qualche settimana fa, osservando però che la sua decisione di affrancarsi dalla dipendenza energetica estera con lo ‘shale gas’ e lo ‘shale oil’ si è basata sul fracking, “una tecnica che noi in Italia, comprensibilmente, abbiamo bloccato”.

Ma i suoi avversari, anche dentro il partito, non desistono e continuano ad invocare il capo della Casa Bianca, come il presidente della Regione Puglia e segretario uscente del Pd Michele Emiliano: “Io e Barack Obama siamo contro le trivellazioni petrolifere marine”. Ed è contraria anche l’ex segretario di Stato Hillary Clinton, alla quale Renzi ha già dato il suo endorsement.

L’ex first lady aveva addirittura rotto il ‘fronte’ con Obama quando lo scorso maggio il presidente aveva dato il via libera alle trivellazioni nella regione artica: “quella regione è un tesoro unico. Le trivellazioni non sono un rischio che vale la pena correre”, aveva accusato.

Ma in ottobre Obama ha cambiato rotta, bloccando per i prossimi due anni i piani per la concessione di licenze nell’ area e rifiutando di estendere quelle vendute in precedenza a Shell e Statoil. Gli ambientalisti l’hanno celebrata come una vittoria, ma sul dietro front ha pesato anche la precedente decisione della Shell di cancellare alcuni progetti locali a causa dei deludenti risultati preliminari e dei bassi prezzi del petrolio, che rendono costosissime le trivellazioni in una regione ostile come quella dell’Artico.

Dopo aver bloccato il mese successivo anche la costruzione dell’oleodotto Keystone, che avrebbe dovuto importare petrolio dal Canada, Obama ha proseguito la sua “svolta verde” facendo retromarcia il mese scorso anche sulle trivellazioni di gas e petrolio al largo della costa sud orientale dell’Atlantico.

Il nuovo piano “protegge l’Atlantico per le generazioni future”, ha spiegato il ministro degli Interni americano, Sally Jewell. Virginia, North Carolina, South Carolina, Georgia e Florida rimarranno zone off limits per la ricerca e l’estrazione di idrocarburi offshore fino al 2022.

Il piano precedente era stato approvato dal presidente nel 2015 dopo che governatori e legislatori degli Stati interessati avevano espresso il loro sostegno per le trivellazioni, confidando in nuovi posti di lavoro e nell’aumento delle entrate statali.

La popolazione locale e gli ambientalisti invece si erano opposti esprimendo preoccupazione per la possibilità di incidenti come quello nel Golfo del Messico, che nel 2010 causò la dispersione di milioni di barili di petrolio anche sulle coste degli Stati vicini, con danni liquidati recentemente in 20 miliardi di dollari a carico della Bp. A pesare sulla decisione finale anche il Pentagono, preoccupato per possibili interferenze con le attività militari nell’area.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

14:47F1: la nuova McLaren sarà presentata il 23 febbraio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il giorno dopo Ferrari e Mercedes gli appassionati di Formula 1 potranno ammirare la nuova McLaren. La scuderia inglese ha infatti annunciato che la nuova monoposto delle Frecce d'Argento, denominata in codice MCL33, sarà svelata il prossimo 23 febbraio. La nuova vettura sarà equipaggiata con motori Renault mettendosi alle spalle il fallimentare accordo di fornitura con la giapponese Honda. ''Be Brave'', ovvero siate coraggiosi, lo slogan utilizzato sui social dalla scuderia inglese per annunciare la data in cui saranno tolti i veli alla monoposto che parteciperà al prossimo campionato del mondo di F1 con alla guida Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne.

14:44Calcio: Barcellona, Piqué rinnova sino al 2022

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Gerard Piqué ha rinnovato il contratto con il Barcellona fino al 2022. Lo rende noto il club blaugrana sul proprio sito ufficiale. Il difensore trentenne cresciuto nel vivaio del club catalano potrebbe così concludere la propria carriera con la squadra blaugrana, lasciata nel 2004 e ritrovato nell'estate del 2008 dopo una parentesi con Manchester United e Real Saragozza. Il contratto prevede una clausola rescissoria da 500 milioni di euro. Piqué è uno dei giocatori più titolati della storia del club, con cui ha disputato finora 421 partite e vinto tre Champions League, tre Supercoppe europee e altrettanti Mondiali per club, sei titoli in Liga, cinque Coppe del Re e cinque Supercoppe di Spagna.

14:43Picchia bimbi durante catechismo, denunciato sacerdote

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Avrebbe schiaffeggiato alcuni bambini durante l'ora di catechismo perché, a suo dire, "facevano chiasso". E' accaduto ieri pomeriggio nella parrocchia Santa Maria Regina dei Martiri a Dragona, nel quadrante sud di Roma. Il sacerdote, vicario parrocchiale, è stato denunciato per lesioni dalla polizia. Gli agenti del commissariato di Ostia sono intervenuti in seguito alla segnalazione dei genitori dei bambini, che hanno tra i 10 e gli 11 anni. Alcuni bimbi si sarebbero fatti refertare in ospedale. "Mi dispiace enormemente per quanto accaduto ieri con don Angelo. Il fatto non potrà ripetersi. Don Angelo è rammaricato e si è ritirato, conscio di doversi probabilmente curare". Lo scrive sul suo profilo Facebook don Leonardo Bartolomucci, parroco di Santa Maria Regina di Martiri. "Chiede perdono ai bambini delle comunioni e al loro catechista verso i quali ha alzato le mani" prosegue don Leonardo, spiegando che "ha accettato di essere immediatamente rimosso dall'incarico e sospeso dalla pastorale".

14:42Damasco, abbatteremo ogni aereo turco in spazio Siria

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La difesa aerea siriana "abbatterà qualsiasi velivolo turco che violerà lo spazio aereo per attaccare in territorio siriano". Lo ha affermato il viceministro degli Esteri di Damasco, citato dai media arabi, riferendosi al preannunciato attacco delle forze turche a Afrin.

14:41Norvegia:tutti i voli a corto raggio elettrici entro il 2040

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Tutti i voli a corto raggio delle compagnie aeree norvegesi dovranno essere offerti con aerei completamente elettrici entro il 2040: è la richiesta del gestore aeroportuale del Paese, la società statale Avinor, che in questo modo "punta ad essere il primo al mondo" a passare al trasporto aereo elettrico, ha spiegato il suo amministratore delegato Dag Falk-Petersen. "Riteniamo che tutti i voli di una durata fino a un'ora e mezza possono essere offerti con aerei interamente elettrici", ha detto Falk-Petersen, secondo quanto riporta il quotidiano britannico The Guardian, aggiungendo che la misura riguarda tutti i voli interni e quelli verso le vicine capitali scandinave. A breve la Avinor prevede di lanciare una gara d'appalto per la sperimentazione di una rotta commerciale con un aereo elettrico da 19 posti che dovrebbe partire dal 2025.

14:37Catalogna: Santamaria, Madrid impedirà rielezione Puigdemont

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Il governo spagnolo prenderà "le misure necessarie" per impedire una rielezione a distanza a fine mese del presidente uscente catalano Carles Puigdemont, in esilio a Bruxelles inseguito da mandato di arresto spagnolo, ha avvertito la vicepremier Soraya Saenz de Santamaria. Per la numero 2 dell'esecutivo del premier Mariano Rajoy, Puigdemont "è giunto alla fine del suo percorso" e "non sarà presidente della Generalità". Secondo Santamaria è "impossibile" che sia investito da Bruxelles.

14:34Berlusconi,se io a P.Chigi Salvini a ministero Interno

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se io andassi a palazzo Chigi penso che Salvini possa scegliere e lui essendo un centravanti di sfondamento potrebbe andare al ministero dell'Interno". Lo afferma Silvio Berlusconi a L'aria che tira su La7.

Archivio Ultima ora