Eurostat: Italia paese con più poveri, sono 7 milioni

Pubblicato il 14 aprile 2016 da redazione

 Ue, l'Italia è il Paese con più poveri. Quasi 7 milioni ... (Guido Montani Fargna)

Ue, l’Italia è il Paese con più poveri. Quasi 7 milioni … (Guido Montani Fargna)

ROMA. – L’Italia conta quasi sette milioni di poveri, tanti quanti nessun altro paese europeo, il doppio rispetto alla Germania e il triplo della Francia. La fotografia di Eurostat, l’ufficio di statistica Ue, parla chiaro e tutti gli altri Stati membri seguono a distanza. E ciò nonostante, guardando all’andamento dei tassi, il fenomeno della “grave deprivazione materiale”, questa l’etichetta tecnica, da noi sia in diminuzione, passando dall’11,6% del 2014 all’11,5% del 2015.

Per chi ha i portafogli leggeri la conferma della deflazione arrivata dall’Istat, potrebbe suonare come una buona notizia: più i prezzi sono bassi meglio va per il potere d’acquisto. Ma il calo dello 0,2% dell’indice nel mese di marzo, il secondo ribasso consecutivo, fa storcere la bocca perfino alle associazione dei consumatori, come il Codacons e l’Adusbef, tradizionalmente favorevoli agli ‘sconti’.

Tutti infatti temono una spirale negativa per l’intera economia. Tanto più ora che la deflazione sembra espandersi a macchia d’olio sul territorio, toccando ben 22 grandi città, dal Nord al Sud, tra cui anche Roma, Milano, Napoli e Firenze.

Il rialzo congiunturale della benzina e i rincari dovuti alla Pasqua (i biglietti aerei hanno segnato un +11,6%) non hanno quindi sortito effetti, se non quello di portare l’indice dei prezzi in positivo marzo su febbraio (+0,2%). Di sicuro sul dato continuano a pesare come un macigno i listini dei beni energetici, tanto che senza di loro il tasso non sarebbe di deflazione ma di inflazione.

L’andamento dei prezzi e quello della domanda sono legati a doppio filo, ma con tutta probabilità per i 6,982 milioni di persone che vivono in conclamate condizioni di povertà i consumi sono un tabù. Eurostat ha infatti individuato la fetta di popolazione in difficoltà economiche a partire da nove indicatori: vive in cattive condizioni chi risulta ‘positivo’ a quattro. Si va dalle vacanze al pasto proteico, dalla possibilità di accendere i riscaldamenti a quella di pagare il mutuo, l’affitto o le bollette.

Ed ecco che emerge come in Italia quasi uno su due non possa permettersi una settimana di ferie da passare lontano da casa, il 40% invece non riesce a fare fronte a una spesa imprevista, mentre circa il 12% non ha i soldi per mangiare carne, pesce o un equivalente vegetariano ogni due giorni.

Ora, in fatto di percentuali, ci sono diversi Paesi che stanno peggio di noi: la Grecia, la Romania, la Lettonia, la Lituania, la Bulgaria, la Croazia ma si tratta di tutte nazioni meno popolose dell’Italia, che per questo conquista un non lusinghiero primato se si guarda non ai tassi ma alle teste (sette milioni di poveri su un totale Ue di 41).

In Italia se la cava meglio chi rientra tra i pensionati, come gli over65, mentre soffrono di più i giovanissimi, gli under18. Se si analizza la tipologia familiare i picchi di disagio si registrano nei nuclei numerosi, le coppie con tre o più bambini a carico (il 18,6% si trova in condizione di grave deprivazione), mentre tutto è più facile per gli anziani senza figli.

Numeri positivi arrivano invece dall’Inps, che per febbraio ha ricevuto 105.654 domande di disoccupazione (tra Naspi, Aspi, MiniAspi, disoccupazione e mobilità) con un calo del 22,7% su base annua. Cifre che avvalorano l’andamento al ribasso già visibile a inizio 2016 e vengono per questo salutate con favore anche dal premier Matteo Renzi: “Nei primi due mesi del 2016 (quelli in cui si sarebbe registrata la crisi del Jobs Act per i nostri amici gufi) le domande di disoccupazione sono scese del 28,6%” rimarca, nella sua enws, il presidente del Consiglio.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

16:06Catalogna: Madrid prenderà controllo Mossos e Radio-Tv

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid prevede di prendere il controllo fra l'altro dei Mossos d'Esquadra, la polizia regionale catalana, della Radio-Tv pubblica (Tv3 e Radio Catalunya), grazie all'art. 155. Lo precisa il documento con le misure previste dall'esecutivo spagnolo inviato al Senato, che lo approverà probabilmente il 27 ottobre. Il governo spagnolo, attraverso i delegati che nominerà in Catalogna, potrà destituire e sostituire i dirigenti di polizia e radio-tv catalane.

15:58Maltempo: in Toscana codice giallo per temporali e vento

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - La Sala operativa della protezione civile della Toscana ha emesso un codice giallo per temporali e vento valida da stasera fino alla mezzanotte di domani, domenica 22 ottobre. Il codice giallo per vento (valido dalle 6 di domani mattina fino alla mezzanotte sempre di domani) interessa tutta la regione; quello per temporali forti e rischio idrogeologico del reticolo minore (valido dalla mezzanotte fino alle ore 13 di domani) riguarda invece la zona nord occidentale (Versilia, Lunigiana e bacino del Serchio). Codice giallo poi per mareggiate (dalle 14 fino alla mezzanotte di domani) per la parte centro-settentrionale della costa e per l'Arcipelago. (ANSA).

15:52Migranti:accoglienza diffusa,Minniti a sigla intesa Calabria

(ANSA) - TAVERNA (CATANZARO), 21 OTT - Migliorare il sistema di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale attraverso l'adesione dei Comuni alla rete Sprar (Sistema di protezione per i richiedenti asilo rifugiati): è l'obiettivo di un protocollo d'intesa sottoscritto a Villaggio Mancuso di Taverna, alla presenza del ministro dell'Interno Marco Minniti, da Anci, dalle cinque Prefetture e dalla Regione Calabria. L'atto, che è stato siglato dal prefetto di Catanzaro Luisa Latella, nella qualità di coordinatrice delle Prefetture regionali, dal presidente regionale dell'Associazione dei Comuni italiani Gianluca Callipo e dal presidente della Regione Mario Oliverio, rappresenta il passaggio finale di un'attività di sensibilizzazione sulla tematica dell'accoglienza diffusa che ha portato all'adesione di un numero notevole di enti locali, circa 120. "Oggi - ha detto Minniti - facciamo un passo straordinariamente importante nella direzione della cooperazione tra lo Stato nazionale e i poteri locali". (ANSA).

15:51Calcio: Lopez ‘con la Lazio velocità e fiducia’

(ANSA) - CAGLIARI, 21 OTT - "La Lazio è forte ma anche il Cagliari ha un tasso tecnico alto e può far male. Inutile chiudersi in difesa: prima o poi il gol lo prendi. Credo molto in questa squadra, non appena ritroverà fiducia dimostrerà sul campo tutte le sue qualità". Così il neoallenatore del Cagliari, Diego Lopez, alla vigilia del posticipo contro i biancocelesti all'Olimpico. "La formazione ce l'ho in testa, ma preferisco darla ai ragazzi. Non è importante il modulo ma l'atteggiamento: voglio vedere una squadra coraggiosa, compatta, aggressiva non solo quando hanno palla gli altri". Lopez, subentrato in settimana all'esonerato Rastelli, dovrà probabilmente schierare il terzo portiere Crosta perché Cragno è infortunato e Rafael ha ancora dolore al polso. Il brasiliano è comunque convocato: sarà un test domani mattina a stabilire se potrà stare tra i pali.

15:50Calcio: controlli per Belotti, si tenta recupero per l’Inter

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - Nuovi controlli per Andrea Belotti, attaccante del Torino e della Nazionale alle prese con un infortunio al ginocchio. Il giocatore si sta recando a Perugia, per un controllo dal professor Giuliano Cerulli, celebre chirurgo ortopedico. Il controllo, spiega il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic, in conferenza stampa, "per capire se l'infortunio si è cicatrizzato". Il ginocchio, aggiunge, "gli fa ancora un po' male al tatto. Per questo gli ho detto di non toccarlo. Vedremo oggi quello che ci diranno, speriamo di recuperarlo per l'Inter", cosa che consentirebbe all'attaccante anche di essere convocato in Nazionale per gli spareggi Mondiali.

15:48Calcio: Mihajlovic, smog? Ci siamo allenati con maschera…

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - "Lo smog? Ci siamo allenati con la maschera...". Sinisa Mihajlovic risponde con una battuta ai giornalisti che, alla vigilia di Torino-Roma, gli chiedono se l'emergenza smog abbia influenzato gli allenamenti dei granata. "E' strano che non abbiano bloccato il traffico, visto che giochiamo in casa", aggiunge ricordando la polemica sul fatto che le recenti domeniche ecologiche sono coincise sempre con le gare casalinghe dei granata. "Col Milan andai a fare un torneo in Cina - ricorda l'allenatore - e bloccarono il pullman perché c'era lo smog. Abbiamo dovuto fare un chilometro a piedi, in mezzo ai tifosi, con tutta la roba. A proposito - conclude con un'altra battuta -: il nostro pullman è diesel?".

15:47Calcio: Mihajlovic “Roma fa paura, dobbiamo giocare da Toro”

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - "La Roma vista col Chelsea fa paura. Noi dobbiamo giocare da Toro e speriamo che basti". Ha voglia d'impresa Sinisa Mihajlovic, che aspetta i giallorossi dopo i due pareggi contro Verona e Crotone. "Con una vittoria in più saremmo quinti, ma non siamo in crisi", sottolinea il tecnico granata che nonostante i numerosi infortuni si dice intenzionato ad andare avanti con il 4-2-3-1. "Dovrei mettere un centrocampo a tre avendone tre fuori? O giocare con il falso nove perché non c'è Belotti? Al momento non mi sembra giusto - sostiene in conferenza stampa -. Durante una partita fare dei cambi di sistema ci sta, ma al momento le soluzioni sono poche. Abbiamo fuori Lyanco, Obi, Acquah, Barreca e Belotti, tutti giocatori che considero titolari". Domani dovrebbe essere confermata la formazione che ha pareggiato a Crotone, con Sadiq - giallorosso in prestito - al posto di Belotti. Sembra escluso l'impiego di Ansaldi, l'altra possibile novità: "Negli ultimi due giorni non si è allenato per un problema muscolare".

Archivio Ultima ora