Eurostat: Italia paese con più poveri, sono 7 milioni

Pubblicato il 14 aprile 2016 da redazione

 Ue, l'Italia è il Paese con più poveri. Quasi 7 milioni ... (Guido Montani Fargna)

Ue, l’Italia è il Paese con più poveri. Quasi 7 milioni … (Guido Montani Fargna)

ROMA. – L’Italia conta quasi sette milioni di poveri, tanti quanti nessun altro paese europeo, il doppio rispetto alla Germania e il triplo della Francia. La fotografia di Eurostat, l’ufficio di statistica Ue, parla chiaro e tutti gli altri Stati membri seguono a distanza. E ciò nonostante, guardando all’andamento dei tassi, il fenomeno della “grave deprivazione materiale”, questa l’etichetta tecnica, da noi sia in diminuzione, passando dall’11,6% del 2014 all’11,5% del 2015.

Per chi ha i portafogli leggeri la conferma della deflazione arrivata dall’Istat, potrebbe suonare come una buona notizia: più i prezzi sono bassi meglio va per il potere d’acquisto. Ma il calo dello 0,2% dell’indice nel mese di marzo, il secondo ribasso consecutivo, fa storcere la bocca perfino alle associazione dei consumatori, come il Codacons e l’Adusbef, tradizionalmente favorevoli agli ‘sconti’.

Tutti infatti temono una spirale negativa per l’intera economia. Tanto più ora che la deflazione sembra espandersi a macchia d’olio sul territorio, toccando ben 22 grandi città, dal Nord al Sud, tra cui anche Roma, Milano, Napoli e Firenze.

Il rialzo congiunturale della benzina e i rincari dovuti alla Pasqua (i biglietti aerei hanno segnato un +11,6%) non hanno quindi sortito effetti, se non quello di portare l’indice dei prezzi in positivo marzo su febbraio (+0,2%). Di sicuro sul dato continuano a pesare come un macigno i listini dei beni energetici, tanto che senza di loro il tasso non sarebbe di deflazione ma di inflazione.

L’andamento dei prezzi e quello della domanda sono legati a doppio filo, ma con tutta probabilità per i 6,982 milioni di persone che vivono in conclamate condizioni di povertà i consumi sono un tabù. Eurostat ha infatti individuato la fetta di popolazione in difficoltà economiche a partire da nove indicatori: vive in cattive condizioni chi risulta ‘positivo’ a quattro. Si va dalle vacanze al pasto proteico, dalla possibilità di accendere i riscaldamenti a quella di pagare il mutuo, l’affitto o le bollette.

Ed ecco che emerge come in Italia quasi uno su due non possa permettersi una settimana di ferie da passare lontano da casa, il 40% invece non riesce a fare fronte a una spesa imprevista, mentre circa il 12% non ha i soldi per mangiare carne, pesce o un equivalente vegetariano ogni due giorni.

Ora, in fatto di percentuali, ci sono diversi Paesi che stanno peggio di noi: la Grecia, la Romania, la Lettonia, la Lituania, la Bulgaria, la Croazia ma si tratta di tutte nazioni meno popolose dell’Italia, che per questo conquista un non lusinghiero primato se si guarda non ai tassi ma alle teste (sette milioni di poveri su un totale Ue di 41).

In Italia se la cava meglio chi rientra tra i pensionati, come gli over65, mentre soffrono di più i giovanissimi, gli under18. Se si analizza la tipologia familiare i picchi di disagio si registrano nei nuclei numerosi, le coppie con tre o più bambini a carico (il 18,6% si trova in condizione di grave deprivazione), mentre tutto è più facile per gli anziani senza figli.

Numeri positivi arrivano invece dall’Inps, che per febbraio ha ricevuto 105.654 domande di disoccupazione (tra Naspi, Aspi, MiniAspi, disoccupazione e mobilità) con un calo del 22,7% su base annua. Cifre che avvalorano l’andamento al ribasso già visibile a inizio 2016 e vengono per questo salutate con favore anche dal premier Matteo Renzi: “Nei primi due mesi del 2016 (quelli in cui si sarebbe registrata la crisi del Jobs Act per i nostri amici gufi) le domande di disoccupazione sono scese del 28,6%” rimarca, nella sua enws, il presidente del Consiglio.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

15:22Calcio: Boateng rescinde contratto col Las Palmas

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Kevin Prince Boateng e il Las Palmas si separano. Lo ha reso noto il club spagnolo sul sito, spiegando di "aver raggiunto un accordo per la rescissione del contratto che legava il giocatore al club per le prossime tre stagioni. Motivi personali di carattere irreversibile sono alla base di questa partenza", aggiunge la nota.

15:21Gb: nuova portaerei Queen Elizabeth arriva a base Portsmouth

(ANSA) - LONDRA, 16 AGO - E' entrata per la prima volta nella base navale della Royal Navy a Portsmouth la nuova ammiraglia della flotta di sua maestà, la portaerei 'Hms Queen Elizabeth'. In una cerimonia, la premier Theresa May dal ponte della nave ha parlato di "orgoglio della marina britannica" di fronte alle grandi sfide per la sicurezza internazionale. Il varo della Queen Elizabeth era avvenuto lo scorso giugno nel fiordo scozzese di Rosyth, a cui erano seguiti i primi test in mare aperto. Costata 6 miliardi di sterline, la nuova ammiraglia della Royal Navy, la cui flotta è parsa negli ultimi anni segnare il passo, è la più grande unità mai realizzata per la marina militare. Il suo ponte di decollo è grande come tre campi di calcio e a regime la nave - 65.000 tonnellate di stazza - potrà ospitare un equipaggio di 1000 persone e 40 velivoli. Si tratta inoltre della prima portaerei prodotta dal Regno Unito per la Royal Navy dal 2010. La nave sarà pienamente operativa nel 2023.

15:19Calcio: Inter, Kondogbia e Murillo verso Valencia

(ANSA) - MILANO, 16 AGO - Prende sempre più corpo il possibile scambio tra Inter e Valencia di Geoffrey Kondogbia e Joao Cancelo. Il centrocampista francese, che venerdì ha disertato senza permesso l'allenamento, continua a lavorare a parte aspettando che i due club trovino un accordo. Il Valencia aspetta anche il sì definitivo per Jeison Murillo ma Spalletti vuole prima trovare il sostituto visto che, a suo dire, ''la coperta in difesa è cortissima''. Possibile dunque l'arrivo di Eliaquim Mangala, in prestito dal Manchester City.

15:19Sierra Leone: Alfano,aiuti da Italia per emergenza alluvioni

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Per contribuire ad alleviare almeno in parte il terribile disagio e il dolore del popolo nepalese e del popolo della Sierra Leone, a causa degli alluvioni dei giorni scorsi, l'Italia ha voluto mandare subito un segnale di solidarietà". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, annunciando che "la Cooperazione Italiana ha disposto un finanziamento di emergenza rispettivamente di 200.000 euro e di 250.000 euro a favore della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezza Luna Rossa (FICROSS) destinati ad attività di prima assistenza per le popolazioni colpite". "L'Italia è vicina a tutte le famiglie delle vittime colpite negli scorsi giorni e ai feriti", ha concluso Alfano.

15:17Brexit: May conferma, non tornerà frontiera con Irlanda

(ANSA) - LONDRA, 16 AGO - Theresa May rassicura Dublino sul fatto che non ci sarà un ritorno al temuto "hard border", la frontiera del Regno Unito con l'Irlanda, dopo la Brexit. La linea della premier britannica è espressa nero su bianco sul documento che esprime in dettaglio la posizione di Londra nei negoziati con Bruxelles per l'uscita dall'Unione. Si spiega con precisione che il governo britannico non vuole vedere alcuna struttura al confine tra i due Stati per evitare un ritorno alle tensioni del passato e in particolare agli anni del conflitto nord-irlandese, minando così gli accordi di pace.

15:16Ungheria: Jobbik fa mea culpa per passata politica razzista

(ANSA) - BUDAPEST, 16 AUG - Il leader del partito ungherese di estrema destra nazionalista Jobbik, Gabor Vona, si è dichiarato pronto a chiedere perdono a ebrei e Rom per la linea politica razzista seguita in passato dal suo partito. "Sono disposto a chiedere scusa per le frasi sbagliate, per una politica deviata su ebrei e Rom", ha detto Vona, nel segno del cambiamento netto di linea che Jobbik, il partito di estrema destra più votato d'Europa, sta seguendo da qualche tempo. Vona ha portato verso il centro la barra del timone di Jobbik, cambiando la denominazione in "partito popolare", nella speranza di poter sconfiggere il Fidesz di Viktor Orban nelle elezioni nel 2018. "Gli elettori difficilmente dimenticheranno che Jobbik ha conquistato consenso proprio con il razzismo, istituendo milizie paramilitari per seminare la paura fra Rom ed ebrei", è stato il commento del giornale Nepszava.

15:12Charlottesville, tweet Obama è record storico di ‘I like’

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 16 AGO - Il tweet di Barack Obama dopo le violenze razziste di Charlottesville, in Virginia, ha ottenuto il maggior numero di 'like' nella storia di Twitter: oltre 3,1 milioni. Obama ha postato una foto di lui con dei bambini di razze diverse e una citazione di Nelson Mandela: "Nessuno è nato odiando un'altra persona per il colore della sua pelle, delle sue origini o della sua religione". Il tweet ha superato il precedente record di Ariana Grande all'indomani dell'attentato a Manchester a maggio.

Archivio Ultima ora