Bruxelles: Abrini riconosciuto grazie a software dell’Fbi

(ANSA) – BRUXELLES, 15 APR – Il terzo uomo del commando di Zaventem, Mohamed Abrini, è stato riconosciuto grazie all’aiuto dell’Fbi. Lo riporta oggi L’Echo. Il suo volto è stato riconosciuto grazie ad un software di riconoscimento facciale fornito dall’Fbi, che da qualche settimana partecipa all’inchiesta dopo che il Belgio ha accettato l’aiuto degli americani. La procura aveva difficoltà ad accertarne l’identità attraverso il dna, perché le tracce trovate a Zaventem e nel taxi non erano certe. Così l’Fbi ha proposto di utilizzare il Next Gen Identification System, che non ha lasciato dubbi sull’identità dell’ ‘uomo col cappello’, che è Abrini.

Condividi: