Donna uccisa nel Bolognese, Pm non credono a versione marito

(ANSA) – BOLOGNA, 15 APR – Il Pm Antonella Scandellari non ritiene verosimile la versione data da Andrea Balboni, tassista di 52 anni arrestato il 13 aprile per l’omicidio della moglie Liliana Bartolini, uccisa nel soggiorno della loro casa a Miravalle di Molinella con un taglio alla gola. Lo si desume dalla richiesta di convalida formulata dalla Procura, in vista dell’udienza di domani davanti al Gip Gianluca Petragnani Gelosi. Balboni nell’interrogatorio ha raccontato che la moglie lo ha aggredito appena entrato in casa di notte rinfacciandogli una relazione extraconiugale, che lei aveva il coltello in mano e che l’accoltellamento sarebbe stato fortuito, durante la colluttazione. Il Pm ritiene che Balboni debba stare in carcere: il suo comportamento rivela una spiccata pericolosità sociale sia per la violenza con cui ha colpito al collo la moglie, sia per la freddezza con cui ha nascosto i vestiti e le scarpe sporchi di sangue, oltre al coltello, poi ritrovato, sia per la freddezza con cui ha negato l’omicidio.(ANSA).

Condividi: