Omicidio Ancona: difensore Antonio rinuncia a incarico

(ANSA) – ANCONA, 15 APR – L’avv. Luca Bartolini, difensore di Antonio Tagliata, ha rinunciato all’incarico di difendere il ragazzo che il 7 novembre scorso ad Ancona uccise i genitori della fidanzata sedicenne. ”Sono venute meno le condizioni sufficienti per un rapporto di fiducia”, scrive Bartolini. Dopo l’invio ”da parte di ignoti di una lettera minatoria al prof. Renato Ariatti (psichiatra consulente del Gip ndr), ho avviato una riflessione critica sul’opportunità di mantenere la difesa. Appare evidente – continua – che vi sono persone e ambienti che hanno interesse a inquinare il processo e a danneggiare Antonio e i suoi genitori”. ”Non vi sono al momento le possibilità di operare con l’opportuna serenità e serietà professionale” Tagliata ha nominato ieri un difensore di ”fuori regione”. Il 21 marzo Ariatti aveva ricevuto una lettera anonima con un proiettile e minacce ai familiari. Il padre di Antonio, Carlo Tagliata, è indagato all’Aquila per minacce indirette al pm Andrea Laurino, il primo a occuparsi dell’inchiesta.

Condividi: