Referendum trivelle, urne chiuse per i connazionali all’estero

Pubblicato il 16 aprile 2016 da redazione

votocorr

CARACAS – Il dado è tratto. Per i residenti all’estero, il referendum abrogativo sulla durata delle trivellazioni in mare si è concluso giovedì scorso. Quindi, anche per i connazionali residenti in Venezuela le urne sono ormai chiuse. I residenti nella Madrepatria, invece, voteranno domani.

All’estero, i connazionali che avrebbero dovuto ricevere il loro plico per esprimersi in questo referendum abrogativo, sono stati 3 milioni 898 mila 778 di cui 2 milioni 29 mila 303 uomini e un milione 869 mila 475 donne. In questa occasione, hanno potuto votare con la stessa modalità anche i connazionali temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, di studio o di cure mediche e i loro accompagnanti e familiari, sempre se a suo tempo hanno presentato l’opzione di voto.
In Italia, domani, voteranno 46 milioni 887 mila 562 elettori, ripartiti in 8 mila Comuni e nelle 65 mila sezioni elettorali distribuite sul territorio nazionale.

Il quesito del referendum, com’è noto, riguarda la durata delle trivellazioni in mare. E l’elettore deve esprimere il suo parere positivo o negativo sull’abrogazione parziale di una norma contenuta nella legge di stabilità 2016. Votando “sì” si richiede l’abrogazione della norma limitando di fatto l’estrazione di gas e petrolio, entro le 12 miglia dalla costa italiana, al temine di scadenza delle attuali concessioni e non fino all’esaurimento dei giacimenti come previsto dalla Legge.

In Venezuela, com’è già accaduto in occasione di altri referendum ed elezioni politiche, sono stati tanti, tantissimi i connazionali che non hanno ricevuto il plico. A tale proposito, e per avere maggiori informazioni abbiamo chiesto al nostro Consolato Generale di Caracas quanti sono in Venezuela gli elettori con diritto al voto, quanti plichi sono stati inviati, quanti sono stati effettivamente consegnati e quali courier sono stati contrattati a tale scopo.

La Console Carmen Taschini ha risposto che “sulla base delle disposizioni ministeriali in materia, non possiamo purtroppo ancora facilitare i dettagli relativi alle operazioni elettorali, in quanto passibili di influenzare il voto che è ancora in corso. Solo dopo il 17 aprile, quando lo spoglio delle schede elettorali sarà già avvenuto”, si potranno dare maggiori informazioni. Ha comunque sottolineato che “sono state seguite tutte le norme di legge e le istruzioni ministeriali, nonché adottate tutte le misure di sicurezza compatibili con la realtà locale”.

Ha quindi proseguito informando che non era possibile “indicare il numero complessivo degli elettori con diritto al voto, così come non è possibile fornire dati relativi ai plichi inviati (in quanto chiaramente coincidente con il numero degli elettori) né a quelli consegnati effettivamente o al numero di connazionali che hanno richiesto il duplicato”.

Non siamo in grado di fornire, e probabilmente neanche il Consolato oggi lo è, il numero dei plichi consegnati effettivamente ai nostri connazionali né di quelli effettivamente votati. Siamo invece in grado di fornire il numero dei connazionali aventi diritto al voto.

Stando all’Annuario Statistico 2015 del Ministero degli Esteri, e i numeri specialmente nel caso del Venezuela non avrebbero dovuto soffrire grosse variazioni, nelle Americhe i votanti sono 2 milioni 136 mila 590. Di questi, 1 milione 708mila 608 in America Latina (Uruguay, 110.017; Perù, 34.426; Ecuador, 19282; Colombia, 20.020; Cile, 63.293; Brasile, 431.847; Bolivia, 3.653; Argentina, 868.265; Paraguay, 11.169).

In Venezuela, i cittadini residenti iscritti all’aire, e quindi con diritto al voto, sono 142 mila 636, stando sempre all’Annuario 2015 del Mae. Di questi, 61 mila 270 sono donne e 61 mila 741 uomini. Inoltre, i residenti nella Circoscrizione Consolare di Maracaibo sono 19 mila625 mentre quelli residente nella Circoscrizione Consolare di Caracas, 123 mila 11.

Il Consolato ha precisato che per la consegna dei plichi elettorali è stato “stipulato un apposito atto di cottimo con MRW (per gli stati di Bolivar e Aragua) e DHL/ZOOM (per tutto il resto del territorio nazionale).

Alla domanda su quali azioni ha promosso il Consolato per invitare gli elettori a votare e per spiegare il significato del referendum, il nostro Consolato ha risposto che, nei Programmi “Italia canta” e “L’ora internazionale” di “Radio Tropical”, è stata “fatta trasmettere una comunicazione dal 28 marzo fino al 14 aprile tutti i giorni (eccetto il martedì), comunicazione che recitava quanto esposto nel comunicato informativo qui pervenuto da Roma”.

Con riferimento alla stampa nazionale, ci è stato riferito, che “è stato pubblicato il comunicato informativo sul referendum sull’ ‘Universal’ e sul ‘Nacional’ (scelti per la loro ampia copertura) tutti i fine settimana dal 20 marzo al 10 aprile compreso. Inoltre, il referendum è stato promosso “sulla pagina web di ‘Abruzzo 24 ore’, giornale online” alla quale è stata anche rilasciata un’intervista “per spiegare le modalità di voto, nonché sulla edizione mensile della rivista ‘Incontri’”. Anche il nostro Giornale ha contribuito a divulgare le modalità del voto e l’importanza del referendum attraverso un avviso pubblicitario pubblicato tutti i giorni a titolo completamente gratuito.

Il Consolato ha anche informato che “ogni novità è stata regolarmente comunicata” attraverso il suo sito web e quello dei Consolati Onorari, “nonché tramite periodiche e-mail (recanti le novità) indirizzate ai rappresentanti dei Comites, all’Ambasciata, all’Istituto di Cultura, agli Istituti italiani (quale l’ICE), ai Consolati Onorari e alla Stampa”.

La Console Carmen Taschini ha anche riferito che sono state tenute “diverse riunioni nel corso di marzo ed aprile, durante le quali sono state spiegate non solo le modalità di voto, ma anche il significato del referendum: negli incontri del 9 marzo con i rappresentanti del Comites e del 16 marzo con i Consoli Onorari, il Console Generale ha avuto l’occasione di ricordare a tutti la data del referendum e le tempistiche di invio dei plichi elettorali, ribadendo la normativa ministeriale al riguardo”.

Ha quindi sottolineato che Il 12 marzo lei stessa ha partecipato “all’ ‘Incontro Nazionale Giovanile Italo-Venezuelano’, dove – in apertura – ho sollevato l’importanza dell’appuntamento elettorale in questione”. Infine, “nella sua recente visita alla collettività a Maracay e Valencia (settimana del 28 marzo-1° aprile), il Console Generale ha avuto l’opportunità di spiegare ulteriormente ai connazionali (che avevano già ricevuto le schede elettorali) le specifiche operazioni di voto e per cosa si vota”.

Alle consultazioni referendarie del 2011 votarono 761 connazionali residenti all’estero pari al 23 per cento dell’allora corpo elettorale che si stimava in 3 milioni 300 mila 496 cittadini. Alle politiche del 2013, invece, la percentuale dei votanti all’estero fu del 30 per cento.

Ultima ora

14:15Calcio: offende Guardiola su Twitter, denunciato

(ANSA) - MADRID, 24 MAG - "Che delusione, fra i 20 morti di Manchester non c'è Guardiola!": per questo commento pubblicato sul suo profilo Twitter un cittadino spagnolo, Jorge Larios, è stato denunciato alla procura per "incitazione all'odio e alla violenza" dall'associazione dei giuristi catalani Drets. Oltre al commento violento contro l'allenatore catalano del Manchester City Pep Guardiola ed ex del Barcellona e del Bayern, Larios aveva anche scritto, riferisce La Vanguardia: "e il peggio è che non ci sia nemmeno un catalano morto". Dopo l'annuncio della denuncia di Drets, l'account @ArmyLDH di Larios su Twitter è stato cancellato. La denuncia è ora nelle mani della procura spagnola.

14:08Calcio: ecco il Filadelfia, la casa del Grande Torino

(ANSA) - TORINO 24 MAG - Crescono la febbre e l'emozione per l'inaugurazione del nuovo stadio Filadelfia, ricostruito lasciando alcune parti, monumentali, dello storico impianto dove giocó il Grande Torino perito nella tragedia del 4 maggio 1949 a Superga. Oggi in programma un'anteprima, con la presenza prevista di vecchi giocatori granata, familiari delle vittime di Superga e piccoli finanziatori della ricostruzione, domani il taglio del nastro con l'autorità e l'apertura al pubblico. Via Filadelfia, chiusa al traffico da stamattina nel tratto dello stadio e le vie limitrofe sono pavesate di bandiere, (compresa una dell'anno dell'ultimo scudetto, il 1976), bandieroni e palloncini granata. Decine di persone si fermano, molte commosse, a fotografare l'ingresso dello stadio, il totem della data storica, la gigantografia su un telo del Grande Torino. Sulla gradinata più bassa è pronto un enorme striscione con la scritta "Torino è stata e resterà granata".

14:06Berlino, sarà G7 importante

(ANSA) - BERLINO, 24 MAG - "Questo sarà un G7 importante, che capita in un momento importante". Lo ha detto una fonte del governo tedesco in vista del summit di Taormina. La fonte ha sottolineato che "al tavolo siederanno stavolta quattro volti nuovi: Emmanuel Macron, Theresa May, Donald Trump e lo stesso padrone di casa Gentiloni".

14:04Calcio: Valverde, molti club mi cercano ma nessun accordo

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Non ho preso alcun impegno con nessuno ma ci sono club che sono interessate a me": Ernesto Valverde dribbla le domande dei cronisti che lo vedono a un passo dalla panchina del Barcellona. In una conferenza stampa organizzata all'indomani dell'ufficializzazione del divorzio tra l'allenatore spagnolo e l'Athletic Bilbao, Valverde ha ricordato che "non è la prima volta che ho un'offerta da una squadra importante ma, ripeto, non ho nessun impegno a qualsiasi squadra". Valverde ha spiegato che la decisione di lasciare l'Athletic "viene da lontano. Quando un anno fa ho prolungato il contratto di un anno ho scoperto quanto sia difficile poter continuare e ho espresso le mie perplessità al presidente, dicendo di non voler continuare dopo il 30 giugno. Potrei anche prendermi un anno sabbatico". Secondo Mundo Deportivo, Valverde firmerà dopo la finale di Coppa del Re (tra Barcellona e Alaves, in programma sabato 27) un triennale con il club blaugrana.

14:03Manchester: dislocati mille soldati a Londra

(ANSA) - LONDRA, 24 MAG - Per ora sono poco meno di mille, esattamente 984, i soldati britannici dislocati, inizialmente solo a Londra, dopo l'allerta massima antiterrorismo seguita alla strage di Manchester. Lo ha detto il ministro degli Interni Amber Rudd al termine della riunione del comitato di crisi Cobra. Al momento, stando a Sky News, non è stato avviato un dispiegamento di militari anche a Manchester.

14:00Veterinario ucciso: Andreucci aveva assunto 4 grammi cocaina

(ANSA) - ANCONA, 24 MAG - Aveva assunto 4 grammi di cocaina nella notte tra sabato e domenica, durante una serata tra amici, Valerio Andreucci, il fantino di 23 anni fermato per l'omicidio del veterinario Olindo Pinciaroli, di 54 anni, ucciso a coltellate nei pressi della sua ambulanza veterinaria domenica mattina lungo la strada Chiaravallese a Osimo. Lo ha detto lo stesso Andreucci, rispondendo oggi alle domande del gip Carlo Cimini durante l'interrogatorio di garanzia nel carcere di Montacuto alla presenza del suo legale Alessandro Angelozzi. Andreucci - che secondo l'avvocato aveva "gli occhi spiritati" - ha raccontato di avere notato un'auto bianca con le frecce accese in una piazzola vicino al luogo del delitto, poi "buio totale". La prima versione fornita dal giovane era invece di un tentativo di rapina da parte di quattro uomini armati di coltelli, ritenuta non credibile dai carabinieri che stanno conducendo le indagini e che lo hanno arrestato. Nel pomeriggio l'autopsia sul corpo di Pinciaroli nell'ospedale di Torrette.

13:57Calcio: Mondiali Under 20, Italia-Sudafrica 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - L'Italia Under 20 batte il Sudafrica 2-0 nel secondo incontro dei Mondiali di categoria che si stanno svolgendo in Corea del Sud e torna in corsa per gli ottavi di finale. Dopo la sconfitta all'esordio contro l'Uruguay, gli azzurrini di Alberigo Evani vincono la seconda partita del girone D, disputata a Suwon: a decidere le reti di Orsolini (su rigore) al 23' e di Favilli al 57'.

Archivio Ultima ora