Inter Napoli 2-0: azzurri, si fa dura la corsa al primo posto

Pubblicato il 16 aprile 2016 da redazione

Inter's Marcelo Brozovic (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Inter FC vs SSC Napoli at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 16 April 2016. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Inter’s Marcelo Brozovic (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Inter FC vs SSC Napoli at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 16 April 2016.
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

ROMA. – Il Napoli dice addio al sogno scudetto: le ultime speranze di continuare a lottare per il titolo si spengono sul terreno di San Siro dove per 2-0 trionfa l’Inter, tornata improvvisamente quella cattiva e vincente del girone di andata.

Si infuria De Laurentiis per il gol di Icardi in fuorigioco di pochi centimetri. Pesa l’assenza di Higuain, condottiero e leader della squadra di Sarri, confusa e disordinata. Fallisce Insigne sotto lo sguardo severo di Antonio Conte.

Ringrazia la Juventus che puo’ continuare la propria cavalcata solitaria verso lo scudetto: se dovesse vincere contro il Palermo allungherebbe di ben nove punti sul Napoli che rischia anche di farsi incalzare dalla Roma.

L’Inter conferma di avere una buona dose di follia nel proprio codice genetico: distratta e fiacca con le ‘piccole’, si esalta con le squadre blasonate. Mancini dovrebbe mangiarsi le mani: avrebbe potuto facilmente centrare il terzo posto, ora l’Inter – a tre punti dalla Roma – dovrà soffrire fino alla fine coltivando le ultime chance per guadagnarsi la Champions.

In tribuna siede Thohir, i cui piani restano imperscrutabili e oscuri: in tanti sembrano convinti della sua volontà di cedere il club anche se la società continua ad assicurare tutti del contrario. Non c’è Moratti, l’uomo che potrebbe vivere due volte almeno come presidente dell’Inter. Soltanto voci alle quali la squadra risponde con una grande prestazione.

Mancini stringe la mano a Sarri e vive una serata magica in cui non sbaglia niente, esclude Palacio e sceglie Jovetic. Soprattutto punta su Icardi, bomber di razza che salva la sua squadra: 15 gol per lui, capace di sacrificarsi, segnare e pennellare assist per i compagni. E a Icardi bastano solo quattro minuti per sbloccare la partita: dalla trequarti nerazzurra lancio lungo di Medel, raccoglie l’argentino che, in fuorigioco di un soffio, batte Reina con un pallonetto perfettamente calibrato. Sulla posizione dell’attaccante nerazzurro, Rocchi viene tradito dall’assistente.

Il Napoli è sotto chock ma reagisce con prontezza e all’8′ ci prova con Strinic che crossa per Gabbiadini ma è bravo Miranda ad anticipare. L’Inter controlla con freddezza, argina le folate partenopee grazie alla difesa che sembra aver ritrovato lo smalto del girone d’andata.

Il Napoli è arrembante ma impreciso. Al 23′ Hamsik tira da fuori area, Handanovic para senza trattenere. Ci riprova Allan alla mezz’ora, anche questa volta il portiere nerazzurro è attento e devia sopra la traversa.

L’Inter è ordinata, fa densità a centrocampo e punta tutto sulle ripartenze. Va vicina al raddoppio con Jovetic, servito da Icardi da fondo campo, ma il suo tiro debole è facile preda di Reina. Un minuto più tardi è Perisic a sciupare una grande occasione mandando di poco a lato di testa il cross di Brozovic. San Siro si dispera ma il 2-0 è nell’aria e arriva al 44′: lancio di Jovetic per Icardi, palla a Brozovic che batte Reina.

Nella ripresa Sarri prova a cambiare: sostituisce un inconcludente Insigne – che non la prende bene – per Mertens, e Strinic per Ghoulam. Ma il Napoli non riesce a ribaltare la partita. All’8′ Callejon prova la conclusione al volo ma non inquadra la porta. L’Inter è vivace e spavalda, da calcio d’angolo Murillo cerca il gol di testa ma non è fortunato.

Al 13′ Hamsik tenta il tiro, alto sopra la traversa. La squadra di Sarri è in affanno, lo si intuisce anche dalla sorprendente leggerezza del suo capitano Reina: al 15′ anticipa in uscita Icardi poi calcia inspiegabilmente ad un passo dall’attaccante nerazzurro che serve Jovetic. Il montenegrino calcia in porta e Albiol salva di testa.

Al 20′ Handanovic anticipa in tuffo Callejon ed è l’ultimo spavento per San Siro. Mancini sostituisce un applauditissimo Jovetic con Melo e la partita scivola via senza sussulti. Allo scadere il tecnico concede la passerella a Icardi che viene salutato dai 60 mila del Meazza con una standing ovation. Unico neo della serata gli ululati razzisti contro Koulibaly e i soliti cori contro i napoletani.

Roberto Mancini non si esalta: “Champions? Il rimpianto se ce l’avremo sarà alla fine. Abbiamo poche possibilità ma manca un mese e faremo il massimo. Non so se è stata la migliore Inter della stagione ma sicuramente è stata un’ottima partita”.

Ultima ora

13:21Roma: Emerson “inizio 2017 perfetto, tosti e maturi”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Non potevamo cominciare l'anno meglio di così: due partite, sei punti, zero gol subiti". Emerson Palmieri si gode l'ottimo momento della Roma che coincide anche con la sua crescita dopo un avvio di stagione tutt'altro che positivo. "All'indomani del Porto mi sono messo tutto alle spalle, l'ho dovuto fare perché per giocare nella Roma devi saper soffrire - spiega il terzino alla radio ufficiale di Trigoria -. Mi sono allenato con umiltà, volevo migliorare, per questo oggi sono qua. Devo solo ringraziare il mister, mi ha sempre difeso" confessa Emerson, soddisfatto anche per il rendimento della Roma: "Così va benissimo. Ora siamo più tosti, più maturi, sappiamo soffrire e lo abbiamo dimostrato sia col Genoa sia ieri a Udine. La Roma deve giocare per vincere in tutte le competizioni. Abbiamo la Coppa Italia e l'Europa League oltre al campionato, e dentro lo spogliatoio ci ripetiamo che dobbiamo giocare per essere campioni".

13:20Berlino, Nato non è obsoleta, ma di grande significato

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - La Nato "non è obsoleta", ma "è di grande significato per l'Europa e per tutti". Lo hanno detto a Berlino i portavoce del ministero della Difesa e degli Esteri in conferenza stampa, replicando alle affermazioni rilasciate da Donald Trump alla Bild e ad altri tabloid.

13:15Kirghizistan: aereo caduto, ‘probabile errore pilota’

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Stando alle informazioni preliminari, la teoria dell'attacco terroristico è esclusa, probabilmente lo schianto è stato causato da un errore del pilota": lo ha dichiarato il vice premier kirghiso Muhammetkaly Abulgaziev a proposito del disastro aereo avvenuto stamane nei pressi dell'aeroporto Manas di Biskek. Secondo una fonte dello scalo sentita dall'agenzia Interfax, c'era una nebbia molto fitta al momento dell'incidente e la visibilità era scarsa. Sempre stando a Interfax, il Boeing si è schiantato a 1,5-2 chilometri dalla pista finendo tra le case del villaggio Dacha-Suu.

13:11Air India inaugura posti per sole donne nei voli interni

(ANSA) - NEW DELHI, 16 GEN - Di fronte al moltiplicarsi delle lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile nei voli in India, a partire da mercoledì la compagnia Air India inaugurerà nei suoi collegamenti interni la disponibilità di sei posti in economica unicamente riservati alle donne. Lo riferisce Ndtv. Inoltre i membri dell'equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri "totalmente fuori controllo". La decisione ha ottenuto consenso, ma anche qualche critica. Tre giorni fa, sull'ultimo numero di Cosmopolitan, Hannah Smothers è stata perentoria sostenendo nella sua colonna che "prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi".

13:04Scuola: Fedeli, inaccettabile studenti al freddo

(ANSA) - SALERNO, 16 GEN - "E' inaccettabile che nelle scuole vi siano le caldaie rotte e i ragazzi e le ragazze debbano seguire le lezioni al freddo". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, oggi a Salerno. "Le risorse in tale senso non competono al ministero della Pubblica Istruzione, però nonostante questo abbiamo subito diramato una circolare ai nostri direttori regionali perché facessero immediatamente una verifica anche delle tipologie ordinarie, in realtà straordinarie, di funzionamento delle scuole". "Con questa ricognizione - ha detto il ministro - intendiamo parlare e dialogare con gli enti locali e quindi dentro il nostro rapporto con la Conferenza Stato-Regioni. Noi abbiamo messo molte risorse esattamente su tutte le tipologie di intervento sull'edilizia, ma anche questo è un ambito fondamentale da non trascurare". "Gli studenti devono stare al caldo - ha aggiunto - e stare bene a scuola".

13:02Tennis: Open Australia, Lorenzi e Seppi al 2/o turno

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Azzurri avanti agli Australian Open. Dopo l'uscita all'esordio di Roberta Vinci e Francesca Schiavone, accedono al secondo turno dello slam in corso a Melbourne Paolo Lorenzi e Andreas Seppi: il senese, numero 43 del ranking mondiale, si è imposto 6-4 7-6(4) 6-7(4) 6-4, dopo una battaglia di tre ore e 15 minuti, sull'australiano James Duckworth. Al prossimo turno Lorenzi troverà il serbo Viktor Troicki, numero 29 del seeding. Seppi ha battuto 6-4 7-6(4) 6-7(3) 7-5, in tre ore e cinque minuti di gioco, il francese Paul-Henri Mathieu, numero 75 del ranking mondiale e ora dovrà sfidare il campione di casa Nick Kyrgios, numero 14 Atp. Esordio sfortunato, invece, per Luca Vanni: il 31enne toscano, numero 157, è stato costretto al ritiro dopo 40 minuti nella sfida con Tomas Berdych per un problema all'inguine della coscia destra. Domani tocca a Fabio Fognini e Thomas Fabbiano.

13:00Trump: ‘assicurazione per tutti’ al posto di Obamacare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il presidente eletto Donald Trump intende sostituire la legge sulla sanità voluta dal presidente Barack Obama, la cosiddetta Obamacare, con un piano che prevede una "assicurazione per tutti" e allo stesso tempo costringe le case farmaceutiche a negoziare direttamente con il governo i prezzi applicati dai servizi pubblici Medicare e Medicaid. Lo ha detto lo stesso Trump senza entrare nei dettagli durante un'intervista telefonica al Washington Post.

Archivio Ultima ora