Inter Napoli 2-0: azzurri, si fa dura la corsa al primo posto

Pubblicato il 16 aprile 2016 da redazione

Inter's Marcelo Brozovic (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Inter FC vs SSC Napoli at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 16 April 2016. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Inter’s Marcelo Brozovic (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Inter FC vs SSC Napoli at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 16 April 2016.
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

ROMA. – Il Napoli dice addio al sogno scudetto: le ultime speranze di continuare a lottare per il titolo si spengono sul terreno di San Siro dove per 2-0 trionfa l’Inter, tornata improvvisamente quella cattiva e vincente del girone di andata.

Si infuria De Laurentiis per il gol di Icardi in fuorigioco di pochi centimetri. Pesa l’assenza di Higuain, condottiero e leader della squadra di Sarri, confusa e disordinata. Fallisce Insigne sotto lo sguardo severo di Antonio Conte.

Ringrazia la Juventus che puo’ continuare la propria cavalcata solitaria verso lo scudetto: se dovesse vincere contro il Palermo allungherebbe di ben nove punti sul Napoli che rischia anche di farsi incalzare dalla Roma.

L’Inter conferma di avere una buona dose di follia nel proprio codice genetico: distratta e fiacca con le ‘piccole’, si esalta con le squadre blasonate. Mancini dovrebbe mangiarsi le mani: avrebbe potuto facilmente centrare il terzo posto, ora l’Inter – a tre punti dalla Roma – dovrà soffrire fino alla fine coltivando le ultime chance per guadagnarsi la Champions.

In tribuna siede Thohir, i cui piani restano imperscrutabili e oscuri: in tanti sembrano convinti della sua volontà di cedere il club anche se la società continua ad assicurare tutti del contrario. Non c’è Moratti, l’uomo che potrebbe vivere due volte almeno come presidente dell’Inter. Soltanto voci alle quali la squadra risponde con una grande prestazione.

Mancini stringe la mano a Sarri e vive una serata magica in cui non sbaglia niente, esclude Palacio e sceglie Jovetic. Soprattutto punta su Icardi, bomber di razza che salva la sua squadra: 15 gol per lui, capace di sacrificarsi, segnare e pennellare assist per i compagni. E a Icardi bastano solo quattro minuti per sbloccare la partita: dalla trequarti nerazzurra lancio lungo di Medel, raccoglie l’argentino che, in fuorigioco di un soffio, batte Reina con un pallonetto perfettamente calibrato. Sulla posizione dell’attaccante nerazzurro, Rocchi viene tradito dall’assistente.

Il Napoli è sotto chock ma reagisce con prontezza e all’8′ ci prova con Strinic che crossa per Gabbiadini ma è bravo Miranda ad anticipare. L’Inter controlla con freddezza, argina le folate partenopee grazie alla difesa che sembra aver ritrovato lo smalto del girone d’andata.

Il Napoli è arrembante ma impreciso. Al 23′ Hamsik tira da fuori area, Handanovic para senza trattenere. Ci riprova Allan alla mezz’ora, anche questa volta il portiere nerazzurro è attento e devia sopra la traversa.

L’Inter è ordinata, fa densità a centrocampo e punta tutto sulle ripartenze. Va vicina al raddoppio con Jovetic, servito da Icardi da fondo campo, ma il suo tiro debole è facile preda di Reina. Un minuto più tardi è Perisic a sciupare una grande occasione mandando di poco a lato di testa il cross di Brozovic. San Siro si dispera ma il 2-0 è nell’aria e arriva al 44′: lancio di Jovetic per Icardi, palla a Brozovic che batte Reina.

Nella ripresa Sarri prova a cambiare: sostituisce un inconcludente Insigne – che non la prende bene – per Mertens, e Strinic per Ghoulam. Ma il Napoli non riesce a ribaltare la partita. All’8′ Callejon prova la conclusione al volo ma non inquadra la porta. L’Inter è vivace e spavalda, da calcio d’angolo Murillo cerca il gol di testa ma non è fortunato.

Al 13′ Hamsik tenta il tiro, alto sopra la traversa. La squadra di Sarri è in affanno, lo si intuisce anche dalla sorprendente leggerezza del suo capitano Reina: al 15′ anticipa in uscita Icardi poi calcia inspiegabilmente ad un passo dall’attaccante nerazzurro che serve Jovetic. Il montenegrino calcia in porta e Albiol salva di testa.

Al 20′ Handanovic anticipa in tuffo Callejon ed è l’ultimo spavento per San Siro. Mancini sostituisce un applauditissimo Jovetic con Melo e la partita scivola via senza sussulti. Allo scadere il tecnico concede la passerella a Icardi che viene salutato dai 60 mila del Meazza con una standing ovation. Unico neo della serata gli ululati razzisti contro Koulibaly e i soliti cori contro i napoletani.

Roberto Mancini non si esalta: “Champions? Il rimpianto se ce l’avremo sarà alla fine. Abbiamo poche possibilità ma manca un mese e faremo il massimo. Non so se è stata la migliore Inter della stagione ma sicuramente è stata un’ottima partita”.

Ultima ora

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

07:15Pakistan: treno merci contro autocisterna, due morti

ISLAMABAD - Almeno due persone sono morte ed altre 10 sono rimaste ferite ieri sera in Pakistan quando un'autocisterna per il trasporto di carburante si e' bloccata sui binari di un passaggio a livello incustodito nella provincia di Punjab poco prima che sopraggiungesse un treno merci. La tv DawnNews ha indicato che l'incidente e' avvenuto nel distretto di Sheikhupura ed ha coinvolto un convoglio partito da Lahore e diretto a Karachi.

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

Archivio Ultima ora