Inter Napoli 2-0: azzurri, si fa dura la corsa al primo posto

Pubblicato il 16 aprile 2016 da redazione

Inter's Marcelo Brozovic (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Inter FC vs SSC Napoli at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 16 April 2016. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Inter’s Marcelo Brozovic (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Inter FC vs SSC Napoli at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 16 April 2016.
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

ROMA. – Il Napoli dice addio al sogno scudetto: le ultime speranze di continuare a lottare per il titolo si spengono sul terreno di San Siro dove per 2-0 trionfa l’Inter, tornata improvvisamente quella cattiva e vincente del girone di andata.

Si infuria De Laurentiis per il gol di Icardi in fuorigioco di pochi centimetri. Pesa l’assenza di Higuain, condottiero e leader della squadra di Sarri, confusa e disordinata. Fallisce Insigne sotto lo sguardo severo di Antonio Conte.

Ringrazia la Juventus che puo’ continuare la propria cavalcata solitaria verso lo scudetto: se dovesse vincere contro il Palermo allungherebbe di ben nove punti sul Napoli che rischia anche di farsi incalzare dalla Roma.

L’Inter conferma di avere una buona dose di follia nel proprio codice genetico: distratta e fiacca con le ‘piccole’, si esalta con le squadre blasonate. Mancini dovrebbe mangiarsi le mani: avrebbe potuto facilmente centrare il terzo posto, ora l’Inter – a tre punti dalla Roma – dovrà soffrire fino alla fine coltivando le ultime chance per guadagnarsi la Champions.

In tribuna siede Thohir, i cui piani restano imperscrutabili e oscuri: in tanti sembrano convinti della sua volontà di cedere il club anche se la società continua ad assicurare tutti del contrario. Non c’è Moratti, l’uomo che potrebbe vivere due volte almeno come presidente dell’Inter. Soltanto voci alle quali la squadra risponde con una grande prestazione.

Mancini stringe la mano a Sarri e vive una serata magica in cui non sbaglia niente, esclude Palacio e sceglie Jovetic. Soprattutto punta su Icardi, bomber di razza che salva la sua squadra: 15 gol per lui, capace di sacrificarsi, segnare e pennellare assist per i compagni. E a Icardi bastano solo quattro minuti per sbloccare la partita: dalla trequarti nerazzurra lancio lungo di Medel, raccoglie l’argentino che, in fuorigioco di un soffio, batte Reina con un pallonetto perfettamente calibrato. Sulla posizione dell’attaccante nerazzurro, Rocchi viene tradito dall’assistente.

Il Napoli è sotto chock ma reagisce con prontezza e all’8′ ci prova con Strinic che crossa per Gabbiadini ma è bravo Miranda ad anticipare. L’Inter controlla con freddezza, argina le folate partenopee grazie alla difesa che sembra aver ritrovato lo smalto del girone d’andata.

Il Napoli è arrembante ma impreciso. Al 23′ Hamsik tira da fuori area, Handanovic para senza trattenere. Ci riprova Allan alla mezz’ora, anche questa volta il portiere nerazzurro è attento e devia sopra la traversa.

L’Inter è ordinata, fa densità a centrocampo e punta tutto sulle ripartenze. Va vicina al raddoppio con Jovetic, servito da Icardi da fondo campo, ma il suo tiro debole è facile preda di Reina. Un minuto più tardi è Perisic a sciupare una grande occasione mandando di poco a lato di testa il cross di Brozovic. San Siro si dispera ma il 2-0 è nell’aria e arriva al 44′: lancio di Jovetic per Icardi, palla a Brozovic che batte Reina.

Nella ripresa Sarri prova a cambiare: sostituisce un inconcludente Insigne – che non la prende bene – per Mertens, e Strinic per Ghoulam. Ma il Napoli non riesce a ribaltare la partita. All’8′ Callejon prova la conclusione al volo ma non inquadra la porta. L’Inter è vivace e spavalda, da calcio d’angolo Murillo cerca il gol di testa ma non è fortunato.

Al 13′ Hamsik tenta il tiro, alto sopra la traversa. La squadra di Sarri è in affanno, lo si intuisce anche dalla sorprendente leggerezza del suo capitano Reina: al 15′ anticipa in uscita Icardi poi calcia inspiegabilmente ad un passo dall’attaccante nerazzurro che serve Jovetic. Il montenegrino calcia in porta e Albiol salva di testa.

Al 20′ Handanovic anticipa in tuffo Callejon ed è l’ultimo spavento per San Siro. Mancini sostituisce un applauditissimo Jovetic con Melo e la partita scivola via senza sussulti. Allo scadere il tecnico concede la passerella a Icardi che viene salutato dai 60 mila del Meazza con una standing ovation. Unico neo della serata gli ululati razzisti contro Koulibaly e i soliti cori contro i napoletani.

Roberto Mancini non si esalta: “Champions? Il rimpianto se ce l’avremo sarà alla fine. Abbiamo poche possibilità ma manca un mese e faremo il massimo. Non so se è stata la migliore Inter della stagione ma sicuramente è stata un’ottima partita”.

Ultima ora

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

23:04I campioni dell’ Nba non andranno alla Casa Bianca, ‘delusi’

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - L'intera squadra dei Golden State Warriors, campione in carica della Nba, la principale lega professionistica del basket americano, non andrà alla Casa Bianca. In una nota il team si dice "deluso" e difende la sua star Stephen Curry, attaccata dal presidente americano. "Non c'è niente di più americano della possibilità che ogni cittadino possa esprimere liberamente le sue opinioni", si legge. I Warriors annunciano comunque che saranno ugualmente a Washington in febbraio e, invece della programmata visita alla Casa Bianca, troveranno il modo per "celebrare l'uguaglianza, la diversità e l'inclusione. Tutti valori che la nostra organizzazione - si legge ancora - sostiene da sempre".

21:32Minniti a Atreju,applausi e fischi,’ma non sono Crozza’

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Il timore lo confessa subito: "mentre venivo qui pensavo: se mi applaudono troppo, significa che mi hanno scambiato per Crozza". Il ministro dell'Interno Marco Minniti esordisce così al dibattito ad Atreju, la festa di Fratelli d'Italia. Alla fine di un vivace confronto durato oltre un'ora, avrà incassato molti applausi ma anche qualche fischio - soprattutto quando liquida il fascismo - da parte di una platea con diversi nostalgici del Ventennio. Minniti strizza l'occhio al pubblico di Atreju quando ricorda che da sottosegretario alla presidenza del Consiglio gli fu assegnata la stanza con la scrivania di Mussolini e, da sottosegretario alla Difesa, quella di Balbo. Rivendica i risultati ottenuti sul fronte dell'immigrazione illegale, la direttiva sugli sgomberi che "concilia il principio di legalità con quello di umanità" e l'eliminazione del grado di appello nei ricorsi contro il diniego dello status di rifugiato: "sono ministro da 9 mesi, perché queste cose non le hanno fatte i governi di centrodestra?".

21:26Calcio: Sarri “Non ci sentiamo l’antagonista della Juventus”

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La Spal ha fatto un'ottima partita e abbiamo giocato su un terreno indegno per questa categoria. E per una squadra come la nostra essere costretti a fare sempre un tocco in più il problema si accentua". E' l'unico neo che Maurizio Sarri vede nella vittoria del Napoli a Ferrara. Parlando a Premium, il tecnico azzurro innanzitutto "la grande partita degli avversari. Abbiamo dovuto fare un secondo tempo di buon livello per vincere. Se la Spal è giocherà così per tutto l'anno, questo sarà un campo difficile". Nessuna novità sulle condizioni di Milik: "Domani farà un controllo e avremo le idee più chiare. Non è comunque il ginocchio che si è infortunato l'anno scorso", chiarisce Sarri che non si sente l'antagonista principale della Juventus: "Non ci sentiamo l'anti-Juve, siamo una squadra che sta facendo tanti punti e siamo migliorati rispetto agli scorsi anni: siamo più capaci di sopportare gli eventi negativi delle gare. Abbiamo fatto un buon inizio, questo ci dà fiducia per continuare a lavorare".

21:12Premier: Liverpool corsaro a Leicester, vetta a -5

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Vittoria sofferta e 'pesante' del Liverpool al Leicester Stadium. E' finita 3-2 per la squadra di Jurgen Klopp che deve ringraziare Jamie Vardy che ha sbagliato il rigore del possibile pari a 17' minuti dal termine. Reds avanti 2-0 grazie alle reti di Salah (15') e Coutinho (23') prima del risveglio della squadra di casa con Okazaki (48' pt). Nella ripresa Herserson (68') porta a tre le reti degli ospiti ma Vardy un minuto dopo (69') riporta sotto le Foxes. Decisivo, come detto, l'errore dal dischetto dell'attaccante che al 73' spara sui guantoni di Mignolet la palla del possibile pareggio. In classifica il Liverpool sale a 11 punti, cinque in meno delle capoliste City e United (16) e due in meno del Chelsea (13).

Archivio Ultima ora