L’iperinflazione distrugge l’economia venezuelana

Pubblicato il 18 aprile 2016 da redazione

¿Venezuela se acerca a la hiperinflación?

¿Venezuela se acerca a la hiperinflación?

Fino a ieri solo un timore. Semmai, un sospetto. Oggi, invece, una certezza. D’altronde, qualora ci fossero dubbi, lo certifica il Fondo Monetario Internazionale. Il Venezuela, dopo aver aperto l’uscio, ora ha varcato la soglia. Ed è precipitato nella voragine dell’iperinflazione.

Stando all’organismo con sede a Washington, l’inflazione nel Paese, alla fine dell’anno, non sarà più del 720 per cento, come pronosticato inizialmente. Le proiezioni sono state corrette, attualizzate, adeguate alla nuova realtà ed evoluzione della crisi.

Risultato? Per il Fondo Monetario Internazionale l’inflazione nel 2016 sarà del 2.200 per cento. Alla fine del 2017, potrebbe addirittura duplicarsi e raggiungere il triste primato del 4.600 per cento.

L’economia del paese è devastata dall’incremento dei prezzi che ormai non ha più freno. Comunque vada, quindi, per il venezuelano il futuro solo potrà offrire “sangue, sudore e lagrime” – Churchill dixit -.

Se il governo del presidente Maduro dovesse decidere di proseguire imperterrito per il cammino intrapreso, e fino ad oggi non vi sono indizi che permettano di pensare il contrario, la crisi economica si aggraverà ulteriormente rendendo il consumatore più povero di quello che è già e distruggendo il poco tessuto industriale che ancora resiste alla crisi.

Se, invece, dovesse decidere per un colpo di timone, i provvedimenti sul tavolino sono assai severi e, quindi, i riflessi sull’economia delle famiglie sconvolgenti. La ripresa per l’industria sarà tutta in salita.

Tra l’incudine e il martello. Senza importare quali possano essere le mosse del governo in un futuro prossimo, la popolarità del presidente Maduro e dei suoi ministri, senza eccezione, è ai minimi storici. E la tendenza è a peggiorare.

La stragrande maggioranza dei venezuelani, fatta eccezione per l’ala radicale del “chavismo” che continua ad addossare ogni colpa all’imperialismo internazionale e alla “destra fascista” autoctona, attribuisce le penurie degli ultimi anni – leggasi mancanza di alimenti, medicine e assistenza ospedaliera – all’attuale classe dirigente: quella che da quasi 20 anni governa ininterrottamente il paese tra scandali di corruzione e decadenza morale.

Oggi, la propaganda politica attraverso i mass-media dello Stato e i messaggi reiterati del presidente Maduro e dei suoi ministri, trasmessi a reti unificate, hanno perso credibilità. La principale conseguenza è che non riescono più a distrarre il consumatore né a infiammare i sentimenti di un nazionalismo anacronistico.

Ad aggravare la situazione economica del paese, e la posizione del governo del presidente Maduro, è l’esito negativo del Summit di Doha. I paesi produttori di petrolio non hanno raggiunto un accordo. Come già scritto su queste colonne, lo scontro tra Iran e Arabia Saudita non ha permesso di stabilire un tetto alla produzione per spingere i prezzi del barile di greggio verso l’alto.

L’Iran, che dopo il lungo embargo lotta per recuperare il mercato degli idrocarburi, non ha accettato limiti nè imposizioni. E l’Arabia Saudita non ha voluto che, nell’accordo, ci fossero eccezioni. Lo scontro tra Iran e Arabia Saudita, d’altronde, non è solo sul fronte energetico, ma lo è anche su quello politico e religioso. Così i pronostici alla vigilia dell’incontro di Doha sono stati rispettati e ogni decisione è stata rimandata a giugno, quando i paesi produttori torneranno a vedersi per un summit ufficiale.

Nel frattempo, però, i mercati hanno reagito provocando un’ulteriore caduta dei prezzi del barile di greggio. Il WTI è arrivato a perdere fino al 7 per cento, per poi collocarsi a 39 dollari al barile. Dal canto suo, il Brent è affondato per poi riconquistare terreno e stabilizzarsi attorno ai 42 dollari.

L’altalena dei prezzi del greggio, e la tendenza a un’ulteriore perdita di valore, non solo ha riflessi negativi sulle economie che vivono dell’esportazione degli idrocarburi ma anche sui paesi industrializzati che osservano con timore giustificato il consolidamento della deflazione. Infatti, i prezzi del greggio eccessivamente bassi frenano gli effetti della timida ripresa nei consumi e mettono in difficoltà la crescita.

Mentre si complica il panorama economico, con riflessi assai gravi sul sociale, il discorso politico contribuisce a creare un clima di instabilità nel Paese. Prosegue il muro contro muro tra il Parlamento e il governo del presidente Maduro. Non ha meravigliato più di tanto la decisione della Corte Costituzionale di decretare l’incostituzionalità della Legge di Amnistia. Avrebbe invece sorpreso se il “Tsj”, contravvenendo alla richiesta del capo dello Stato, avesse deciso il contrario.

Il presidente della Repubblica prosegue nella sua crociata contro l’Assemblea Nazionale, dominata dall’opposizione. E, stando alle voci di corridoio, pare stia prendendo seriamente in considerazione la possibilità di un Emendamento Costituzionale transitorio per ridurre a due o tre mesi – quelli necessari per indire nuove elezioni – il periodo costituzionale dell’attuale Parlamento. E sull’argomento i costituzionalisti sono divisi, come lo è d’altronde la politica.

Intanto, il Parlamento continua a lavorare imperterrito a prescindere dalla reazione del governo e osserva come in seno al “chavismo” cresce e si fa spazio una corrente “alternativa” e critica che potrebbe provocare un’implosione in seno al partito di governo.

Ma è questo lo stesso pericolo che corre il Tavolo dell’Unità che non riesce a liberarsi dalla zavorra rappresentata dall’ala radicale che, senza se e senza ma, vorrebbe accelerare i tempi per obbligare il Presidente Maduro a lasciare la sua carica a prescindere dalle conseguenze.

Il Tavolo dell’Unità, quindi, è diviso tra chi vuole bruciare le tappe e chi, invece, ha capito che la democrazia si costruisce a piccoli passi. Piccoli, ma costanti. E conquistando con il voto gli spazi che oggi danno potere al governo. Ad esempio, le amministrazioni regionali. Quest’ultime sono particolarmente importanti, poiché mettono la politica a contatto con la società e i problemi del cittadino.

Il presidente della Repubblica ha nuovamente denunciato l’esistenza di un complotto per ucciderlo. Ma sono state tante le denunce fatte negli ultimi mesi, senza che siano mai state presentate prove tangibili, che oramai non sorprendono più di tanto.

E se l’intenzione del capo dello Stato era quella di distrarre l’attenzione del venezuelano dai problemi quotidiani, il risultato è stato povero. Ha sorpreso e ha provocato ironie, invece, la decisione di ripristinare il fuso orario esistente prima che fosse modificato dal presidente Chávez. L’estinto capo di Stato giustificò la decisione sostenendo che così i giovani, e i loro genitori, potevano dormire un po’ di più al mattino. Oggi, il presidente Maduro giustifica la risoluzione sostenendo che così si risparmia energia approfittando maggiormente la luce del giorno.

Ha anche sorpreso l’insolita decisione di decretare giorno festivo il lunedì 18 aprile e sancire, di fatto, un lungo ponte. La siccità e il caldo afoso, provocato dal fenomeno del “Niño”, hanno ridotto drammaticamente la capacità di generazione di energia del Venezuela, che in un passato neanche tanto remoto esportava elettricità alla vicina Colombia.

Il viavai costante di elettricità, i continui alti e bassi che danneggiano le apparecchiature elettriche, il pericolo di collasso e quindi del black out definitivo sono purtroppo il risultato della mancanza di previsione, di manutenzione e di nuovi investimenti. E oggi tutti ne soffriamo le conseguenze.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

11:13Omicidio nel Salernitano, ucciso infermiere 53enne

(ANSA) - SALERNO, 21 LUG - Un uomo di 53 anni, Maurizio Fortino, è stato accoltellato, ieri sera, in un'abitazione di Nocera Inferiore nel Salernitano per motivi passionali. Nella nottata i carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore hanno arrestato un pregiudicato 42enne nocerino, sorpreso per le vie del centro cittadino dopo aver accoltellato l'uomo, un infermiere dell'ospedale Umberto I. Alla base dell'aggressione motivi personali, riconducibili alla sfera sentimentale. La vittima, raggiunta da un fendente alla schiena, colpo che ha perforato il polmone sinistro, ha cercato di raggiungere l'ospedale, aiutato anche da alcuni passanti, ma è deceduta in seguito alla forte perdita di sangue causata dalla ferita.

11:12Scherma:Mondiali,sciabola, avanti Samele, Curatoli e Montano

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Si alza il sipario sui Campionati del Mondo di scherma a Lipsia. Dopo le due giornate dedicate alle fasi di qualificazioni, le pedane tedesche assegnano oggi le prime medaglie e dunque i primi titoli iridati. Ad essere protagoniste di giornata sono fiorettiste e sciabolatori. Nella sciabola maschile Luca Curatoli, Luigi Samele ed Aldo Montano avanzano al tabellone dei 32. I tre azzurri hanno infatti vinto i rispettivi match d'esordio. Curatoli ha avuto ragione per 15-1 del thailandese Soravit Kitsibriboon, Samele ha superato 15-10 il portacolori di Hong Kong Ho Tin Low, mentre Montano ha sconfitto 15-12 il turco Enver Yildirim. Si è conclusa nel primo turno di giornata invece l'avventura iridata di Enrico Berrè, uscito sconfitto per 15-13 dall'assalto contro l'iraniano Ali Pakdaman. Nella gara individuale di fioretto femminile, l'Italia in gara con Arianna Errigo, Martina Batini, Alice Volpi e Camilla Mancini.

11:10‘Usa vieteranno agli americani viaggi in Corea del Nord’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Gli Stati Uniti intendono proibire agli americani di viaggiare in Corea del Nord. Lo sostengono i tour operator Koryo Tours e Young Pioneer Tours, secondo quanto riportato dalla Bbc. Le due agenzie di viaggio sostengono che il divieto sarà annunciato il 27 luglio e comincerà a valere un mese dopo. Dalla Casa Bianca non è arrivata alcuna conferma della notizia. Young Pioneer Tours è il tour operator con il quale viaggiò lo studente americano Otto Warmbier morto a giugno dopo aver trascorso 15 anni in un carcere nordcoreano.

11:09Calcio: Dzeko assicura ‘sarà una Roma ancora più forte’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Siamo ancora all'inizio della preparazione. Qualche giocatore importante è andato via, ma ne sono arrivati altri forti. E magari ne arriveranno ancora. Sono sicuro che la Roma sarà forte anche più dello scorso anno". Parola di Edin Dzeko. Il capocannoniere del passato campionato rassicura i tifosi e manda un messaggio alle rivali. Da Boston, seconda tappa del tour estivo che sta affrontando la formazione allenata da Di Francesco, l'attaccante bosniaco ricorda come l'obiettivo della Roma sia quello di "fare bene in tutte le competizioni, dalla Champions al campionato passando per la Coppa Italia". "Quella scorsa - dice a RomaTv - è stata una stagione molto bella per me, con tanti gol, e voglio ripartire da lì. Voglio continuare così, segnare ancora tanto anche se so che è difficile. Mi voglio preparare bene per farmi trovare pronto". E a dargli una mano ci sarà l'ultimo acquisto del ds Monchi, Defrel: "È forte, mi piace. Deciderà il tecnico, ma penso che possiamo anche giocare insieme, non è un problema''

10:53Strangolato Valencia: omicidio aggravato a presunto omicida

(ANSA) - FERRARA, 21 LUG - Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio aggravato è stata notificata dai carabinieri di Ferrara a Eder Guidarelli, il 32enne accusato di avere strangolato con una corda l'amico Marcello Cenci il 2 luglio a Valencia. Guidarelli, arrestato a Ventimiglia mentre rientrava in Italia dalla Spagna, è stato poi trasferito nel carcere di Imperia. La misura cautelare - spiegano i militari del Reparto Operativo-Nucleo investigativo estense - segue "mirati accertamenti tecnici, specifici riscontri e attività investigative", condivisi dall'autorità giudiziaria di Ferrara, che lo indicano come unico autore della morte di Cenci. Secondo l'accusa, Guidarelli avrebbe covato una forte gelosia nei confronti di Cenci per via di una donna. Gelosia sfociata in tre aggressioni a Ferrara e Valencia. Per questi episodi pendeva un processo per stalking, fissato per ottobre: erano in corso trattative per il patteggiamento e il risarcimento danni, possibile causa scatenante dell'omicidio. (ANSA).

10:50Terremoto: Kos, Farnesina verifica presenza italiani

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "In relazione al terremoto che ha colpito l'isola di Kos, l'Unità di crisi della Farnesina e l'ambasciata d'Italia ad Atene sono al lavoro da questa notte per escludere la presenza di connazionali tra le vittime del sisma". Lo ha riferito la Farnesina.

10:47Turchia: ‘legami Gulen’, altri 188 mandati di cattura

(ANSA) - ISTANBUL, 21 LUG - Nuova ondata di arresti stamani in Turchia per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Istanbul ha emesso 168 mandati di cattura nei confronti di persone accusate di aver utilizzato ByLock, l'app di messaggistica che, secondo gli inquirenti, veniva utilizzata dai 'gulenisti' per scambiarsi informazioni criptate. Almeno 115 sono già state arrestate in operazioni condotte nei quartieri di Uskudar e Umraniye, sulla sponda asiatica di Istanbul. I blitz sono ancora in corso. Altri 20 mandati di cattura sono stati emessi dalla procura di Ankara nei confronti di dipendenti del ministero delle Risorse Forestali.

Archivio Ultima ora